Scuola inglese 5

Scritto da , il 2021-02-06, genere prime esperienze

“Allora caro non hai ancora capito???non sono la svuota coglioni solita io sono una donna e voglio godere,tieni leccami le tette e accarezzami la figa,il tuo cazzo lo prendo quando voglio dai lecca”
Il dottore si butta sulle tette e si mena il cazzo,penso che la sua idea è sborrare addosso e basta,così gli piglio in mano i coglioni e li strizzo
“Cazzoooo mi fai male smettila”
“Ti ho già detto che mi devi scaldare a desso basta con le tette e lavami la figa leccala tutta e passa anche il culo lo voglio ben lubrificato allora sbrigati lecca!!!!”
Per aiutarlo mi slaccio la gonna e gli presento la mia figa che ha una voglia di leccate terribile,infatti appena mi infila la lingua ho un orgasmo e mentre lui lecca io mi piglio una tetta e mi mordicchio il capezzolo
“Bravo così hai capito??lo vedi come sono calda così devi ridurre le donne devono avere voglia del tuo cazzo sono loro che ti chiedono di sfondarle,così mi piaci adesso sono pronta dai pigliati il cazzo in mano e piantalo nel culo”
“Ma cosa dici nel culo??? Ma la figa non ti piace non ho mai inculato nessuna”
“La figa è ancora vergine per le idee del cazzo di mio padre e così per godere mi sono allargata il culo dai infilalo vedrai che forse è meglio della figa”
Sono io che gli piglio il cazzo in mano e lo appoggio sul culo
“Dai cosa aspetti spingi lo voglio dentro fino ai coglioni e poi se vuoi sborra pure siiiiii ecco pravo ahhhh dai pigliami le tette mungile fammi sbrodolare,ahhhh vengo ho la figa allagata sei bravissimo dai fammi sentire i coglioni che sbattono nella figa ahhhhhh sei splendido”
“Maiala che porca mi fai scoppiare i coglioni ti faccio un clistere di sborra sento che frà un po esplodo sei pronta troia??!!!”
“Siiiii hai visto che quando la donna è in calore è più bello sparami tutto nel culo ahhhhh siiiiii arriva cazzo ma quanta ne hai????dai sputa bello sputa”
“Mi hai svuotato è stato una favola”
“Cazzo con tutto quello che mi hai scaricato se tiri via il cazzo inondo il pavimento,c’è un posto per svuotarsi sfilalo che io mi stringo il culo dai dimmi dove devo andare”
Per fortuna c’è uno sgabuzzino con un cesso alla turca e così praticamente nuda mi accovaccio e mollo tutto,il dottore mi guarda e vedendo lo svuotamento del culo si eccita si piglia il cazzo in mano e inizia a pisciarmi addosso
“Cretino cosa faiiiiii mi pisci addosso,sei scemo pisciami nel culo così mi lavo culo e chiappe aspetta che mi giro”
Il dottore mi inonda culo e chiappe di piscia bollente dicendomi che sono porca e mi vorrebbe pisciare in bocca e dritto nel culo,comunque finisco di lavarmi a pisciate e così un po’ puzzolente mi rivesto e corro a casa sperando di non trovare mio padre.
Arrivo e per fortuna c’è solo mia madre
“Jan puzzi come una carogna ma cosa hai fatto?dai vatti a lavare e mentre ti pulisci raccontami cosa è successo con il dottore”
Mi spoglio e mi infilo nella doccia e mentre mi lavo racconto tutto alla mamma che sentendo cosa è successo inizia a massaggiarsi la figa
“Figlia ma davvero ti ha pisciato addosso?? E tu hai goduto?? Non mi sembra vero e adesso cosa faremo?”
Incomincio a dire che non so a oggi come potremo fare e così passano un paio di giorni senza trovare un sistema per far crollare mio padre e permette a mia madre di godere con lui o con altri senza essere solo un rifugio di sborra.
La fortuna arriva quando incontro Margaret la mia compagna di scuola
“Margyyyyy come sono felice di rivederti vieni abbracciamoci ma cosa vedo sei incinta??? Ecco perché non sei venuta al college ma come mai dai vieni sediamoci e raccontami tutto”
“Jannet sono felice di vederti come vedi aspetto un figlio ecco perché non sono venuta al college”
“Certo capisco ma cosa è successo ti sei concessa a uno e poi ti sei dovuta sposare???”
“La cosa cara è molto diversa ti ricordi che già allora ero sviluppata e specialmente avevo le tette esagerate??”
“Certo eravamo tutte invidiose e quando vedevamo se erano sviluppate anche le nostre vi facevi vergognare da come erano minuscole rispetto alle tue come vedo ti sono rimaste!!!”
E Margaret inizia a raccontarmi cosa le è successo dicendomi che aveva capito che le sue tette attiravano tutti e allora era lei la prima a accarezzarle e a massaggiarle per farle rimanere morbide e mentre le massaggiava godeva accarezzandosi anche la figa.
Come me era completamente ignorante di sesso e si era quasi spaventata vedendo un giorno suo fratello nudo con il cazzo a penzoloni,lo aveva raccontato a sua madre che le aveva spiegato poche cose che le avevano creato confusione e basta.
Un giorno un professore le chiede di rimanere perché era indietro con il ripasso e così lei e il prof rimangono a scuola soli,tieni presente che era giugno e faceva un caldo terribile e io avevo tutte le tette sudate e in bagno mi ero levata il reggiseno per farle respirare.
Arrivo nell’aula e cominciamo la ripetizione,il prof si avvicina si mette dietro a me che ero seduta e praticamente ha la visione delle mie tette e dopo poco la mano è dentro la camicetta e piglia una tetta in mano,non le aveva mai toccate un uomo e mi sento subito un calore alla figa ma lui prosegue e oltre la mano sulle tette inizia a leccarmi il collo,io mi giro e mi infila la lingua in bocca.
Per farla breve mi apre la camicetta e inizia a leccarmi tette e pancia,io stò colando e sento le mutandine fradice ma il massimo arriva quando si apre i pantaloni e mi presenta il cazzo già duro e scappellato e mi chiede di baciarlo e leccarlo.
Io ci provo e mi piace tantissimo e quasi senza accorgermi mi mette la mano nelle mutandine e inizia a sditalarmi,io non capisco più niente succhio il cazzo e ho una mano diversa dalla mia nella figa colo umori da tutte le parti.
“Ma insomma non vieni messa in cinta per queste cose cosa è successo dopo??”
Prosegue a raccontarmi che quel giorno finisce lì ma i giorni successivi con la scusa delle ripetizioni i professori la convocano in classe e senza nemmeno chiederle di spogliarsi le levano tutto e le fanno succhiare il cazzo e molti le leccano anche la figa e quei trattamenti la fanno godere come una cagna ma un giorno mentre è nuda con il cazzo in bocca entra un altro professore,subito ne ho due da soddisfare e mentre uno mi chiava in bocca l’altro dopo avermi lavato la figa a slinguate in un colpo mi svergina,a dire il vero non ho sentito dolore ma subito piacere ma cara lo sai chi era quello che mi ha sverginato e poi riempita?? Siiii cara era proprio tuo padre e dopo di lui mi hanno riempita almeno cinque prof.
Quando si è capito che qualcuno mi aveva messo incinta hanno trovato subito un cretino e lo hanno obbligato a sposarmi e così mi trovo troia e sposata hai capito??”
“Ma scusa dopo quella chiavata non è successo altro??”
“Vuoi scherzare!!!!quasi ogni giorno dovevo andare in aula e venivo riempita da due e qualche volta tre prof. certo cara anche da tuo padre e sai come mi voleva??nuda con le tette in mano,bocca aperta e dopo avermi fatto succhiare il suo cazzo lo menava e mi sborrava dritto in bocca e sulle tette”
“Margaret certo che ti hanno ridotta male ma di sicuro da oggi farò pagare questo di sicuro a mio padre,altro che casa e scuola,porco e basta vedrai come lo riduco e adesso cosa fai,rimani sposata o scappi”
“Ma no rinarrò con quel cretino di marito,pensa che se con una scusa mi vengono a trovare dei prof. lui rimane a guardare mentre mi sbattono da tutte le parti e quell’inutile si mena il cazzo e si sborra in mano a vedermi con cazzi da tutte la parti,ma tu cara dimmi come và in college??”
“Ohhhh divinamente a oggi ho il culo sderenato e mi ingoio tanta di quella sborra che spero di non ingrassare,pensa che per paura di mio padre mi sono fatta sfondare il culo per risparmiare la figa vergine!!!che scema che sono stata ma oggi vedrai che oltre al culo lo vorrò nella figa ma come voglio io”
Parliamo ancora delle nostre situazioni e alla fine con un bacio la saluto con la promessa di venirmi a trovare ma dopo che avrò sistemato mio padre.

Questo racconto di è stato letto 2 4 9 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.