Stanotte qualcuno ha innestato nei miei sogni questo finale

Scritto da , il 2021-02-06, genere orge

Ho appena aperto gli occhi, una parte della mia mente vuole riaddormentarsi ma un’altra pulsa, devo agire o la prima trionferà per sfinimento, afferro il cel, abbasso la luminosità per essere imparziale e non influire sul conflitto fra i due emisferi; digito un testo che fra poco dimenticherò, lo invio per metterlo al sicuro e ritrovarlo con stupore all’indomani, quando, ingordo, ne scorrerò le parole per scoprire il finale del pezzo scritto da un nuovo “scrittore”di cui non ho mai letto da spettatore nulla prima: me stesso.
Eravamo in auto, notte, nessuno in autostrada, quando imboccammo l’uscita di Modena Nord, un luogo ci aspettava ma non avevamo idea chiara di dove fosse, pensavamo di esserci persi in quelle buie campagne, quando guidando piano in una inquietante stradina sconnessa, lo trovammo-lo trovarono, lo riconoscemmo-lo riconobbero. Era il villino della flanella. Prendeva il nome dal termine “far flanella” cioè detto di chi andava nei bordelli solo per guardare e per godersi un po' il caldo e la compagnia, senza fare altro; perder tempo senza arrivare al fine. Ebbene sì, quella villa era un ex casino dell’inizio del novecento, un luogo, museo, conservato perfettamente con mobilio dell’epoca e rimesso a hotel. Fuori dal centro abitato, vicino allo scorrere del fiume Secchia del quale si udiva nitidamente lo scorrere nel silenzio. Forse a causa del coprifuoco, la struttura era deserta ma un lume ne indicava l’apertura. Solo un’auto parcheggiata e una affascinante donna castana seduta su una panchina in pietra sembrava aspettarli. I due si avvicinarono e riconobbero la mediterranea coprotagonista della prima parte della storia. Complice il clima freddo, i tre si salutarono con un cenno di intesa, si avvicinarono al grosso portone d’ingresso e suonarono un campanello dal suono antico. Li accolse e li invitò ad entrare una coetanea garbata e dalla voce pacata: “benvenuti signori in questo luogo di un altro tempo, un luogo strano, meta di gente strana, con storie strane e con passioni strane.
Entrarono e fu un tuffo nel passato, una intatta elegantissima casa di tolleranza con arazzi, statue, specchi originali dell’epoca, un mobilio che deve aver vissuto e assorbito notti scandalose e oscene.. la receptionist si fermò al bancone del bar liberty all’ingresso e i tre salirono le stesse scale in legno che, cento anni prima, avevano condotto gli avventori a peccati e lussurie condannabili. Nel lungo corridoio eran ancora presenti i tariffari delle prestazioni. I tre non parlavano ma si immergevano in quel decadentismo d’annunziano. Ognuno entrò nella propria stanza, adiacenti, aprendo quelle serrature che avevano custodito notti scandalose. Si salutarono con un cenno ed ognuno si addentrò in camera.
La notte scorreva e l’addetta alla reception stava per addormentarsi sulla poltrona al pian terreno quando le sembrò udire grida di piacevole lamento, sembravano come echeggiare dal passato, come se quella casa stesse trasudando sesso e lasciando fuoriuscire racconti dalle mura. Cigolii si aggiunsero nel silenzio della dimora nella pianura. Non capacitandosi se provenissero dalla sua immaginazione o meno salì lenta le scale per origliare. Dalla stanza della mora, che l’aveva colpita perché entrata con auto reggenti nere, si poteva cogliere nitidamente lo scricchiolio dell’antica sedia in legno tappezzata, come se ella fosse seduta, con una gamba alzata a cavalcioni sul bracciolo, l’altra stesa verso il pavimento e con una mano si facesse vibrare il corpo, vivendo, con ancora le calze addosso, la postura più da troia di una vita di posizioni da troia. Nella seconda stanza, quella di lui, la porta era socchiusa, e la curiosa sbirciò richiamata da un fruscio, la luce calda di una candela illuminava il corpo spoglio di lui, steso tra enormi cuscini bianchi, che impugnava il suo pene masturbandolo, non soltanto per indursi piacere, ma per irradiare le due compagne di viaggio con l’essenza vagante nell’aria di quell’atto vizioso. Qualche giorno prima i tre si trovavano in un ambulatorio in un contesto diverso..ora quel pene sembrava disegnato un architetto degli inferi, non era più indifeso e titubante come quella mattina sul lettino, ma impetuoso e dalla forma statuaria, il tremolio della fiamma gli dava poi quella tonalità di calore invitante. Ma nella terza stanza.. quella della ricciolina, sembrava non esserci nessuno. Nessun rumore, nessun suono. La custode osservò bene e notò che la porta aveva la chiave sull’esterno. Che fosse uscita? cedendo all’inconfessabile richiamo di raggiungere lui ma senza apparire nello scorcio lasciato libero alla vista? O più probabilmente per congiungersi a Lei e forse si stavano finalmente baciando indecorosamente? Forse avrà raggiunto la riva del fiume per respirare quell’intrigante cupo luogo dopo essersi impossessata di entrambi?

Questo racconto di è stato letto 2 0 4 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.