Sporcarla indelebilmente

Scritto da , il 2021-03-23, genere trio

Tempo fa stavo meditando su quale prosciutto farmi affettare al banco gastronomia quando si avvicinò un mio coetaneo di bell’aspetto ma abbastanza impacciato. Un uomo curato, fine, quarantenne, che però non sprigionava particolare energia. Con poca convinzione, mi chiese se poteva parlarmi per una proposta; io acconsentii incuriosito e mi spiegò che lui e sua moglie avevano da tempo la fantasia di provare a far entrare uno sconosciuto nel loro rapporto, di avventurarsi in questa nuova esperienza per ravvivare la coppia aggiungendo le solite storie che si raccontano quelli che si vogliono convincere che ciò sia una soluzione a una passione finita.

“Ti avevamo già notato qui tempo fa qui al supermercato, a sensazione potresti essere la persona adatta.” A quel punto ti avvicinasti, molto più disinvolta del tuo partner, accennando un impercettibile e calibrato sorriso, che immediatamente ricambiai, ti rivolgesti a me “premetto che è stata una sua idea, io all’inizio ero contraria ma, poiché insiste, mi son guardata attorno per capire se qualcuno poteva incuriosirmi, ed eccomi qui; è una situazione nuova per noi, nel caso accettassi,vorrei non ti aspettassi nulla, solo vivere spensieratamente questo percorso per vedere cosa può accadere”

Davanti a me una donna alta e formosa, lunghi capelli castani lisci, con un portamento sicuro di sé che ti donava molto fascino, diretta nel dialogo ma con il tono della voce confortante, non particolarmente bella, obiettivamente graziosa, ma il tuo modo di essere ti rendeva molto intrigante e desiderabile. Avevo la sensazione di averti già vista ma non avrei saputo dire con certezza dove. Eri sicuramente il carattere dominante della coppia. Avvicinandoti, avevi immediatamente accentrato su te il pallino della “trattativa” e tuo marito era passato in secondo piano, non più coinvolto, nemmeno con lo sguardo.

Presi la parola dicendovi che ritenevo la situazione uno scherzo e non stavo perciò dando importanza alla cosa, in effetti sembrava surreale. Nonostante ciò mi avevi colpito in pochi secondi, per assurdo già non potevo permettermi di perderti per la mia diffidenza ma nemmeno rischiare di cadere in qualche tranello. Perciò presi tempo, vi invitai a cenare insieme il giorno seguente in un ristorante della zona. Avrei avuto tutto il tempo per studiarvi con calma; accettaste entusiasti l’idea, a vostro dire, deliziosa, perché non aveva intenti frettolosi. Prima di congedarci mi lasciaste un numero di cellulare, senza specificare di chi fosse, per accordarci, con calma, su come raggiungere insieme il locale.

La sera seguente passaste a prendermi in un luogo pubblico prestabilito, una lussuosa auto nera con vetri scuri si affiancò a me in piedi e il finestrino passeggero, scendendo, mi mostrò te. Compresi che dovevo salire sui sedili posteriori e mi accomodai. La cosa mi urtò lievemente perché mi sarei aspettato un’accoglienza più calorosa, più devozione per il vostro prescelto, ma mi guardai bene dal fare polemica. Non ero pratico di incontri a tre, non volevo apparire invadente e impormi con eccessiva estroversa dialettica, temevo di risultare irritante agli occhi di lui, che comunque aveva sicuramente voce in capitolo. Ed io non avevo intenzione di perdermi la possibilità di conoscere il tuo fuoco interiore. Arrivammo al locale parlando di cose futili, senza mai addentrarci in argomenti della sfera personale. Eri vestita total black, stile elegante, gambe non esili ma altamente erotiche, seducenti autoreggenti velate scure, décolleté con tacco a spillo. Trucco non volgare ma che dava un tocco di profonda ingordigia al tuo sguardo. Avevo prenotato un tavolo in una stanza appartata, rotondo per trovarci equidistanti, nessuno in posizione di inferiorità. Per evitare situazioni di stallo mi feci carico di interagire con la cameriera, instradare la scelta del vino e delle pietanze per evitare momenti di stallo. Volevo risultare brillante ai tuoi occhi, anche se non aveva teoricamente senso visto che mi avevate già scelto e dovevo solo aggiungermi al vostro rapporto sessuale, ma volevo arrivarci confrontandomi prima mentalmente con te. Più ti parlavo più mi incuriosivi, più insisteva lui a dire che era una sua decisione più mi convincevo che eri invece stata tu ad imboccare questa novità alla coppia. Mi raccontaste dei vostri viaggi, dei figli vi limitaste a dire che al momento erano dai nonni. Mi sforzavo di ascoltare anche lui, sempre per non correre il rischio di indispettirlo. Lasciò il tavolo qualche minuto per andare alla toilette e appena si assentò ti parlai schiettamente: ”Non sono esperto di rapporti a tre, non so nemmeno come reagirò nel momento cruciale, ma accetto la proposta, non perché mi ecciti il meccanismo alternativo, ma perché son disposto a qualsiasi cosa per avere te.” Mi rispondesti che eri ancor più convinta di proseguire e che avendo figli e una reputazione, volevi poter contare sul mio assoluto silenzio. La cena si concluse e prima di lasciare il locale lui mi illustrò le due regole che avevate concordato. Nessun bacio in bocca e sesso protetto. Accettai.

Mi portaste in una graziosa location privata che avevate prenotato. Entrammo, lui prese dal frigorifero un’altra bottiglia, io mi resi conto di non saper proprio come ci si dovesse muovere in questo frangente. Dovevo avvicinarmi? Toccarti spudorato? Attendere le mosse di lui? Ero un neofita e iniziarono titubanze, paranoie; se lui si fosse rivelato un uomo virile e da prestazioni eccelse? Se non fossi riuscito ad avere in mano la situazione? Se la vista di un pene eretto mi avesse disturbato? Mi feci versare vino cercando di pensare ad altro. Mi proponeste una situazione scontata che accettai per evitare di pensare. Volevate spogliarmi e bendarmi per poi farmi sensuali carezze, senza che io potessi sapere con certezza di chi fossero le mani a scorrere sulla mia pelle. Un’ansia poco promettente saliva in me, avevo timori di videoriprese, di rischi. In cosa mi stavo imbattendo? Ripromisi a me stesso che sarebbe stata un’eccezione e avrei poi smesso di lasciarmi coinvolgere in tentazioni complesse. Io e lui iniziammo a spogliarci nella penombra, in piedi. Tu eri seduta sul divano e ti limitasti a sfilare le mutandine facendole scorrere lungo le gambe. Prima che ci togliessimo i boxer dedicasti una mano ciascuno, carezzando attraverso il cotone, per stuzzicare un’erezione. Mi sorpresi, il tuo tatto era più forte dell’ansia e il mio pene iniziava a prendere consistenza, ma quel blocco mentale non voleva abbandonarmi. Poi trascinasti verso il basso i nostri indumenti intimi e l’occhio mi cadde sul pene di lui, già completamente eretto, ma di piccole dimensioni. La posa delle sue spalle iniziò a incurvarsi assumendo una postura poco virile. Impressionante come la mia mente cambiò totalmente propensione in pochi secondi, il mio “antagonista” era palesemente irrisorio,cresceva a dismisura la mia sicurezza e con essa la mia erezione, tutto il mio sangue confluiva improvvisamente nel mio cazzo, e tutto per un innesco mentale così banale. Un minuto prima mi ritenevo sessualmente spacciato, ora tu guardavi bramosa solo il mio pene, quasi il doppio di quello di tuo marito. Lui non proferiva parola, entrambi con un fisico comune, ma era palese nell’aria che quella differenza era psicologicamente devastante, lui iniziò a perdere l’erezione. Sappiamo tutti che contano tantissime altre cose e che la dimensione è solo uno dei dettagli, ma mi trasformai. Proposi di bendarmi immediatamente per togliere dalla situazione lui. Mi mettesti quella scura stoffa agli occhi facendomi sedere sul divano, non riuscivo proprio a sbirciare quando le mani iniziarono ad accarezzarmi il collo ed il petto: erano due, poi altre due si aggiunsero, cazzo un uomo mi stava toccando, ma dovetti ignorare la cosa perché avrebbe potuto inibirmi, perciò fantasticai che tu avessi quattro mani, che quelle che iniziarono a segarmi fossero le tue anche se lucidamente temo sia stato il contrario, mi dicesti che mi avreste toccato ancora qualche minuto, che era un vostro sogno erotico da sempre e mi avreste concesso il premio se vi avessi lasciato proseguire. Continuai a rinunciare al capire chi stesse accarezzando i testicoli, chi smanettando così deliziosamente lento, sentivo il tuo respiro, mi bastava, mi donavi qualche graffio per permettermi di riconoscerti, poi mi arrivarono dita in bocca, riuscii a cogliere immediatamente le unghie lunghe e le lasciai entrare inclinando all’indietro il capo e succhiandole appena. Ad un certo punto lui si staccò, me ne accorsi perché due mani se ne andarono dal mio petto e la sua voce iniziò ad allontanarsi. Mi dicesti che ora avrei avuto il premio promesso e lui avrebbe assistito a debita distanza. Salisti sulle mie cosce, sedendoti su me senza infilarti, lasciando solo strusciare il tuo sesso sul mio e accarezzandomi i capelli, col tuo viso vicino al mio ancora bendato. Credo lui si stesse masturbando, non potevo baciarti in bocca perciò ti sfioravo ed accarezzavo il viso con le mani, respiravo vicino al tuo orecchio gemendo per l’eccitazione, ti sussurravo parole che lui non avrebbe potuto udire, ti confessavo l’indecente voglia di sprofondare nella tua carne, in te, ogni parola aumentava la tua esigenza di sentirti impalare da quel cazzo duro sul quale la tua fica stava quasi gocciolando. Portai le labbra vicino alle tue senza comprimerle, ma sfiorandole per indurti a baciarmi. non potevo muoverle, era proibito dalle regole, ma volevo baciarti, lo volevo più di qualsiasi altra cosa, non resistemmo, iniziando a baciarci pianissimo, ti spostasti appena di lato per cercare di approfittare della prospettiva e non far scorgere cosa stava accadendo fra le nostre bocche, le lingue lente complici giocavano piano per non farsi scoprire, le labbra si succhiavano, volevano divorarsi ma si appagavano di quel peccaminoso bacio contenuto ma devastante, crollammo di desiderio, ci baciammo spudorati e lui subito redarguì “niente baci!” . Aveva, per la prima volta da quando lo conobbi, emesso una voce quasi decisa, ci staccammo, continuasti a muoverti sul pene, eri in preda al demonio. Ed io volevo fregarmene di ogni regola, volevo sfidarlo, volevo prendere ogni goccia di sua moglie, prelevarle qualcosa che non avrebbe mai più potuto restituire a lui, perché sono un cattivo bastardo figlio di puttana stronzo. La realtà è che non sarei mai potuto stare con quella donna, volevo solo sporcarla di me indelebilmente, fotterle il cervello, rovinare la loro coppia, distruggere il loro matrimonio, perché sono un egoista infame, per mostrare che avevano scelto la persona più sbagliata per il loro gioco pericoloso. Non riuscisti più a contenerti, ti lasciasti cadere sul mio glande lasciando che ti penetrasse sprotetto fino al ventre. Spudorata non contenesti il piacere che fuoriuscì terribilmente dalla tua gola con un gemito liberatorio, osceno e irriguardoso nei confronti di lui. Non so perché tardò qualche secondo ad intervenire, forse sconvolto da ciò che vedeva, ti diede il tempo di scoparmi senza profilattico, ondeggiando come un’amazzone formosa e repressa, continuando a gemere sfacciata, strusciando il clitoride sul mio inguine mentre l’asta ti riempiva devastante; “il preservativo, cazzo!” irruppe lui. Scelse di interrompere la lussuria della moglie, credo che avrebbe mostrato più mascolinità lasciando correre, così aveva solo reso ulteriormente irreparabile il danno. Un rapido bacio ribelle in bocca e ti sfilasti. Si avvicinò, voleva partecipare, in effetti non doveva essere un rapporto cuckold ma sesso a tre. Mi togliesti la benda, accontentasti lui succhiandoglielo mentre io iniziai ad assaggiare il sapore del tuo sesso e successivamente quello del tuo ano, per qualche minuto avvenne un rapporto a tre, lui ti penetrò mentre tu mi segavi. Ma proseguivamo nel nostro complotto segreto, ci sfioravamo le mani, ci guardavamo negli occhi, facevamo tutto ciò che poteva vincolarci senza infrangere le regole. Poi lui si stese sul divano, pancia in su e tu a quattro zampe su lui, col tuo viso sul suo petto, infilai il profilattico davanti ai suoi occhi e mi misi alle tue spalle, nel lato corto del divano, dove il tuo fondoschiena sporgeva verso l’esterno per me, e ti penetrai la vagina. Mi eccitava il tuo caldo corpo giunonico, affondavo aumentando sempre più la forza e la velocità. L’inguine sbatteva sulle tue natiche allo stesso ritmo dei tuoi ansimi, e intuivo il suo segarsi eccitato nel guardare il tuo viso gaudente. La tua mano improvvisamente arrivò verso il mio pene, lo sfilasti, continuando a ondeggiare col corpo e a uggiolare, afferrasti il preservativo tirandolo, ti aiutai a sfilarlo, avevo capito il tuo deplorevole intento. Mi infilai nuovamente nelle tue viscere. Chiunque avrebbe intuito, dall’estasi che ti usciva dalla gola, che qualcosa era cambiato, anch’io non gestivo più il piacere e proseguivo nello sfondare quella imponente famelica vagina gonfia prendendoti per i capelli con una mano e tenendoti fermo il fianco con l’altra. Adoravo quella tua carne proibita di moglie oscena e irrispettosa, l’illegalità di quel sesso ti condusse all’orgasmo. Vederti e udirti portò a compimento la masturbazione del tuo uomo che venne sul suo petto cercando di raggiungere la tua bocca con la sua per baciarti. Mi sfilai, il cazzo duro, impregnato dei tuoi succhi che erano scesi anche lungo le tue cosce. Vi baciaste un po’ mentre simulavo di sfilarmi la protezione in gomma che già era sul pavimento. Mi ricomposi, lui andò in bagno, e tu mi dicesti di fermarmi per la notte, non ero venuto e questo ti disturbava troppo. Ero un po’ restio ma riuscisti a convincere sia me che lui. Ci mettemmo a letto, tu in mezzo. La tua mano e la mia intrecciate segretamente, aspettando che si addormentasse. Indescrivibile il brivido dovuto al timore che si accorgesse che ci stavamo baciando impercettibilmente e ininterrottamente mentre la tua mano lentissima mi masturbava, fu la sega più lieve e allo stesso tempo più eccitante, schizzai esageratamente, incuranti di inzuppare a dismisura il lenzuolo, sopprimendo ogni respiro, venni silenziosamente mentre le punte delle lingue giocavano come fiamme al vento fuori dalle bocche. Portammo poi con le dita più sperma possibile verso i nostri visi per ungerci di piacevole infamia. Ci comportammo schifosamente ma non c’era stato verso di inibirci, era un peccato troppo grande per concederselo a metà. Prima dell’alba ti diedi un bacio sulla fronte, lui dormiva ancora, mi vestii, ci guardammo per qualche interminabile secondo, tu stesa, io in piedi. E consapevole che non avrei mai dimenticato le parole che non ci siamo potuti dire in quel momento, me ne andai.

Questo racconto di è stato letto 3 9 8 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.