Pagamento in natura

Scritto da , il 2021-02-03, genere tradimenti

“beep,beep,beep……” cazzo la sveglia, sono già le 5:00, che palle , prima o poi cambio lavoro.
Come tutte le mattine sveglia presto , piccolo passaggio al bagno, e via in laboratorio. Sono veramente pieno, di questa routine, questo lavoro mi logora, per fortuna ho ancora la passione che mi mantiene vivo, intendo per questo lavoro, mi gratifica far felice i miei clienti, quando gli consegno le mie creazioni dolci, quando i complimenti che ti fanno ti riempiono il cuore di gioia.
Mi metto a lavorare , prepara crema ,pan di spagnia ecc.ecc. . alle 11:00 dovevo consegnare una torta, quindi accelero il passo, per essere pronto per la consegna.
Sono le 10: 45, bene ho tempo per una sigaretta, e una passata al bagno.
Ero seduto sul water quando suona il campanello.” e che cazzo , chi sarà adesso?”, non poteva essere la cliente, era ancora presto, di solito non sono mai puntuali, “arrivo” grido a squarcia gola , mi sistemo in fretta, mi lavo le mani, e mi accingo ad andare ad aprire la porta.
“ salve sono , la mamma di elisa, sono venuta a prendere la torta che aveva ordinato”, si presenta a mio cospetto una donna di circa 50 anni, alta formosa, capelli lunghi, vestita con un pantacollant nero, talmente stretto che si vedeva la forma della fica, una magliettina a V, che si intravedeva il seno bello pieno.” che pezzo di troia” nel mio cervello risuonavano le mie parole, a quella vista , non vi nascondo, che era attraente e scopabile.” prego signora entri pure, non vi aspettavo cosi presto, la torta l’ho finita proprio adesso, se mi da un minuto la vado a prendere in cella”, gli dissi con voce molto profonda , volevo far colpo su di lei, mi attizzava quella donna.
Vado nella cella mi inginocchio leggermente, per prendere la torta , l’afferro saldamente, anche perché pesava un 15 kg, serviva per i 18 anni della figlia, avrà invitato , forse , tutto il paese, poi io ho calcato la mano per non far brutta figura, cosi me la pago normalmente per i kg che mi ordinano, e il di più glielo offro io, faccio marketing in questo modo, alla gente piace, e poi non fanno brutta figura coi commensali. Presa la torta ,esco dalla cella, e sento sul mio cazzo un leggero freschetto, ma che sarà?, pensai, abbasso lo sguardo , e mi accorgo che nella fretta non mi ero chiuso la cerniera dei pantaloni, preso dalla paura di fare una figura di merda con la signora, poggiai sul banco di lavoro la torta ,proprio dal lato opposto a lei, in modo da non far vedere niente . A quanto pare tutto filò liscio, “ o dio che bella, bellissima, complimenti”, disse lei, io preso da tutti questi complimenti, rincarai i commenti, facendo capire che ci tenevo a far bella figura con loro, perchè erano dei clienti particolari, insomma dissi un sacco di cazzate.
Bene, e arrivato il momento del pagamento, la signora mi chiese quanto venisse, e io”200 euro signora , ovviamente a riguardo”, la signora si azzitti per qualche secondo, e incominciò a mercantizzare, cosa che odio di più, “ signora mia , vi ho già fatto un bello sconto, e poi non siamo al mercato, avevo già pattuito con sua figlia il prezzo, non mi metta in difficoltà”, le dissi un pò scocciato, ma lei niente ,sembravamo io il mercante, dietro una bancarella, e lei la cliente con il portafogli in mano , che minaccia di lasciare la busta della frutta, come al solito ero solo, e non avevo testimoni, non ci avrebbe creduto nessuno a questa scena.
Lei prende dal portafogli tre banconote da 50 euro e me le stava dando, passai dall’altra parte del bancone, le presi le mani dolcemente, e gli dissi “signora non mi metta in difficoltà, come gli ho già detto, gli ho fatto già lo sconto, mi creda non posso fare altrimenti”, lei mi guarda con occhi da cerbiatto, giusto per farmi intenerire, ma io niente ero fermo nelle mie parole, allora vedo che rimette i soldi nel portafogli, credendo che fosse finita la commedia, quando lei nel abbassare lo sguardo al porta fogli si ferma, sposta le braccia ai lati ,e sempre con lo sguardo abbassato disse con voce molto sensuale e con tono da rimprovero, “ei… cosa abbiamo qui? Qualcuno vuole uscire dalla gabbia. No sai come si dice ?gabbia aperta uccello morto”, ecco qui io volevo morire dalla vergogna, una vampata di calore mi sali al cervello, volevo sprofondare, “ o scusi signora , non me ne ero accorto, mi scusi sono veramente mortificato, che figura” gli dissi portando le mani per chiudere la cerniera, ma lei con un movimento tipo karate kid, mi blocco le mie mani con i suoi polsi, sembrava una mossa da auto difesa,” fermo…… , non ti vergognare, sai anche io ho dei figli maschi, non mi imbarazza tutto ciò, stai tranquillo, ci penso io.” lei si accinge a chiudere la cerniera, con la mano sinistra mi teneva il bottone e con la destra prese l’asola della cerniera , e fece il gesto per chiuderla, ma non riusciva,” ma che c’è, non si chiude, ci sarà un intoppo, fammi vedere cosa è che la blocca?”, la sua mano sinistra apri la patta, e la mano destra si insinuò dentro i pantaloni,” a…. ecco che c’è, c’è qualcosa che blocca la cerniera, ma qui abbiamo qualcosa di grande!!!!!”, eccolo qui il mio cazzo si rizza in un solo colpo, lo sentivo pulsare, e lei che lo stringe e mi sventola il cazzo da sopra le mutande come una bandiera, ero eccitatissimo, non credevo ai miei occhi, avevo una cinquantenne che mi toccava il cazzo. Io non dissi niente solo un respiro affannoso,” che ai , non ti starà per caso piacendo?, vedo che si sta ingrossando, ummmm…… vediamo un po come è?”
lo tira fuori , e il mio cazzo era duro e dritto , si alzò come una catapulta,”ummm…. Che bello… guarda come sta dritto, non ti stara per caso venendo in mente di abusare di me, sono una mamma io, e poi sono sposata, non ci pensare ne meno, che io ti faccia certe cose………”, disse lei guardandomi negli occhi con uno sguardo di insufficienza e un pizzico di malizia. nel frattempo lo impugna e incomincia un movimento lento e delicato, mi stava facendo impazzire.” guardalo come gli piace, ei ragazzo ma che fai ? Stai godendo? Ma come ti permetti? Sono una signora io, e per bene pure.” disse lei con voce più alta , come se fosse un rimprovero, ma notavo che si stava eccitando anche lei , mi guardava il cazzo come quando guardava la torta, gli piaceva , si capiva che cazzi cosi non gli aveva mai visti. Io mi poggio allo spigolo del bancone di lavoro , per stare più comodo, quando allungo la mano per toccarli un seno, si vedevano i capezzoli dalla magliettina, era eccitata anche lei, la mia mano stava per arrivare al seno quando lei,” come ti permetti, screanzato, ma cosa pensi che sia una troia? E guardati, ti stai bagnando tutto, ti sta piacendo come te lo tocco ? Sei proprio un porco maleducato” finito di dire queste parole si inginocchia “ ecco cosi non ti viene in mente di toccarmi, non ti do questa possibilità, mi hai bagnato la mano, ummmm, ti piace no?” a questo punto gli rispondo con voce affannosa “ si ,si mi piace, sei fantastica signora , sei brava, aaaaahhh….” portai in dietro la testa ,come per dire sto godendo. Si sentiva lo sciacquettio delle mie secrezioni, era fantastico, stavo godendo , una sega da sballo. Di botto senti un calore sulla mia cappella, e una forza tipo ventosa, “ aum, ummmm… che buonoooo”, la signora non ha resistito , lo ha imboccato, aveva la bocca calda , al sua lingua si sentiva, roteava ,leccava succiava, ogni tanto si staccava per pulirsi la bocca con la mano, era un continuo godimento.
Stavo per venire lo sentivo, sentivo il calore che saliva dalle palle,” goo,godo,sto per…..” non feci in tempo ad avvertire la signora che gli sborrai con getti fortissimi di sperma nella sua bocca, cosa che lei non gli dispiacque , continuava a pompare e a deglutire, mando tutto giù. Io avevo svuotato le palle e lei ancora che ciucciava, lo puliva, lo rimetteva in bocca,” che buon sapore, e dolce ,ummm. Che buono ,è dolce anche lo sperma, un attimo che lo pulisco bene, e te lo lascio”, cosi fece, era pulito e lindo, ma ancora in tiro, lo rimetto dentro con forza e mi ricompongo. Lei strappa un po di scottex e si pulisce la bocca dallo sperma che colava. Ero soddisfatto, lei si ricompone , e per farlo si abbassa i pantacollant , mi fermo e vedo un culo da paura, nonostante l’età aveva due chiappe belle sode, a quello spettacolo, una erezione colossale, mi avvicino per farglielo sentire, lei si blocca e mi offre il suo culo portandolo e premendo sul mio cazzo, “a vedo che non ti sei saziato, sei proprio un porco, ma mi dispiace, non c’è trippa per gatti qui”, si svincola si alza i pantacollant , e si gira.
“ allora , dove eravamo rimasti, a si ti stavo pagando” prese le tre banconote da 50 euro e me le diede, io rimasi zitto non dissi niente, presi i soldi e acconsenti il tutto.
“ bene me la porti tu in macchina?” disse lei avviandosi fuori , io presi la torta, e la portai in macchina, non dissi una parola, ero spiazzato, arrivato in macchina lei apri il cofano ,io poggiai la torta nella macchina, indietreggiai per far chiudere il cofano, lei nel movimento che fece nel chiudere disse, “ bene è stato un piacere, ti telefonerò per ordinarti un’altra torta, ma questa volta e per me, faccio 51 anni, mi raccomando falla bella e non bado a spese, a dimenticavo, ovviamente la devi portare te, festeggierò nella casa in campagna, ho invitato un po di amici, la casa e isolata , la non ci vede nessuno, per il pagamento poi vediamo” disse lei mentre si piega in avanti facendo finta di pulirsi le gambe, mostrandomi il culo che si intravedeva dalla trama del tessuto. Andò via , e io nel piccolo tragitto per rientrare nel laboratorio, pensavo, e mo chi glielo dice a mia moglie che questa mi ha dato solo 150 euro e non 200, mi inventerò qualcosa, pero ragazzi che pompino ,un po costoso ma soddisfacente……….
Grazie per aver letto. Ci sarà il seguito quanto prima.

Questo racconto di è stato letto 5 6 6 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.