Tu sei la mia regina e io il tuo servo

Scritto da , il 2021-01-25, genere tradimenti

ciao sono sempre io giuseppe il cuoco.......
questa volta vi voglio parlare di un incontro che ho avuto con un amico del mio luogo, ma prima voglio raccontarvi di me....:
come ho gia detto faccio il cuoco ,sempre impegnato nel mio lavoro ho una mia azienda da tre anni ,ho 45 anni ex giocatore di pallacanestro, ma adesso l'uniche palle che tocco sono le mie.
sono alto 2 mt sono abbastanza robusto occhi castani capelli corti , e anche pochi a causa del cappello che devo tenere tutto il giorno. ero sposato, ho due filgli e sono sempre arrapato.
dopo questa breve auto biografia vi voglio raccontare di questa mia conoscenza che ho fatto su questo sito.
ho conosciuto marco( nome inventato),tramite dei messaggi che mi ha fatto su qualche racconto che avevo publicato.lui vive all'estero ma viene nei periodi caldi dalle mie parti al sud italia, ha una compagnia e sono una coppia molto affiatata.
veniamo al dunque:un giorno mi scrive che era prossimo ad arrivare in italia, e aveva il desiderio di conoscermi, da premettere non sapevo il nome ne come era fatto e tanto meno sapevo la sua donna se era la moglie o una compagnia di vita,insomma non sapevo niente di loro.visto che sono un tipo alla mano e molto affabile, e sono molto aperto alle conoscenze accettai l'invito. bene arrivati al giorno famelico, mi inventai una scusa al lavoro e mi accinsi a prepararmi per andare all'appuntamento.
l'incontro era in un bar molto noto della zona, e direi uno dei più affollati che cerano. io ero vestito molto leggero non davo allocchio ,per me era come incontrare degli amici di vecchia data,ero profumato sbarbato, e non vi nascondo che mi ero pure depilato nelle parti intime, ma no perche speravo in qualcosa ma perche mi piace essere pulito in quella zona. mentre stavo seduto ad aspettare, visto che agli appuntamenti arrivo sempre in largo anticipo, vizio maledetto che ho,mi squilla il telefono ,erano loro, mi dice"ciao giuseppe noi siamo qui, tu dove ti trovi?" risposi " sono gia seduto vi alzo la mano cosi mi vedete", alzo la mano , e in fondo al locale vedo loro che alzo di conseguenza la mono e ci vediamo , si avvicinano lentamente e la i miei occhi si spalancano e rimasi veramente di merda, e in me dicevo" mo vedi che figura di merda che faccio oggi", perchè erano elegantissimi ed io ero vestito come se fossi tornato dal mare, lui aveva una camicia bianca , che a dosso li calzava da dio ,visto che aveva un bel fisico, aveva un paio di pantaloni che sicuramante erano di lino leggeri ma elegantissimi, ma ancora piu sbalorditiva era lei , una dea scesa sulla terra capelli lunghi neri carnaggione scura e un fisico da paura accentuato da suo vestitino corto di color bianco, aveva un paio di scarpe aperte con un po di tacco, era veramente bella , a dir poco arrapante. io mi sono vergognato perche sicuramente ero impresentabile a differenza di loro, ma visto che ora mai ero in gioco ,,,,giochiamo.
mi alzo per accoglierli,"ciao giuseppe ,io sono marco e lei è regina" " piacere di conoscervi", ci sedemmo , due tipi molto allegri non mi sentivo a fatto a disagio , parlavamo del più e del meno,bevemmo qualcosa e contimuammo a parlare solo io e lui.io ho penzato sicuramente non avro fatto una buona impressione a lei, be sicuramente si aspettava un bel ragazzo ,alto magro muscoloso, be certo non ero io.
ad un certo punto lui si fa piu audace e mi fa delle domande sui racconti che scrivevo, pero aveva un tono strano come se mi volesse dire" ma sei sicuro che gli hai scritti tu quei racconti?", mi stavo complessando troppo, forse nel vedere lei che mi snobbava, non lo so ad un tratto mi sentivo di troppo, non so cosa mi aspettavo, non lo so ma finito di parlare, feci io il padrone di casa ,pagai ,ci salutammo, e gli dissi" ragazzi mi ha fatto piacere conoscervi,chi lo sa, magari ci vedremo ancora, se passate da xxxxxxxxx non esitate a venirmi a trovare", ci salutammo e ogniuno si incammino per strade diverse.
ma che figura di merda che ho fatto, penzavo a lei dicendomi "ma che speravi giuseppe che una donna di quel livelllo di bellezza ,potesse essere attratta da te, dal tuo fisico,avro un bel cazzo ma quello non si vede", dicendomi queste frasi mi misi a ridere di brutto, prendendomi per il culo da solo.
dopo due giorni mi arriva un messaggio sul telefono , era marco, mi diceva che nel pomeriggio sarebbe passato dal mio laboratorio a fregarmi un caffe, e se poteva portare anche regina.be che cazzo di domande, gli risposi subito che non cerano problemi, che stavo preparando i dolci per la sera ,cosi mi davano un parere loro dei miei prodotti. ero contento , quindi gli ero simpatico, mi faceva piacere questa visita.
sono le tre mi telefona marco che erano arrivati ,gli diedi indicazioni e men che si dica erano li,erano vestiti questa volta in tenuta da mare,"ciao giuseppe siamo andati a fare una bagno xxxxxxx, e l'acqua era veramente stupende, anzi scusa labigliamento", gli dissi "ma stai scherzando non lo penzare nemmeno siete bellissimi",non ci credete ma a quelle parole regina reaggi con un movimento di braccio sfirandomi i bottoni della giacca da cuoco e dicendo" o grazie, sei veramente gentile, impazzisco per le persone a modo", ragazzi mi sciosi come il burro diventai rosso,e impacciato,"su giuseppe mica per un complimento mi svieni", rusata collettiva ,la quale servi a sciogliere il ghiaccio.
preparai i caffe , e nel frattempo preparai un vassoio di dolci per farli assaggiare,presi anche una tortina alla panna e li misi su un tavolino di servizio. ci sedemmo e mentre bevevamo il caffe mangiavamo i dolcetti, "ma un pezzo di torta si puo avere giuseppe?" disse regina, io capirai mi misi sull'attenti e sporzionai la torta, " o cazzo ci ho affondato il dito senza accoggermi", a quella frase che dissi, si alza di scatto lei mi afferra la mano con forza e si mette il mio dito in bocca ,pulendolo con la lingua , aveva una lingua umida e allo stesso tempo ruvida ,che ve lo dico a fare , ero al settimo celo, deglutivo in continuazione, un erezione colossale nei miei pantaloni, la guardavo, lei non mi guardava negli occhi gli aveva chiusi,ero imbambolato, lei"quanto mi piace la panna,ummmm",e continuava a leccarmi il dito. apre gli occhi mi guarda con uno sguardo malizioso,"a te non lice la panna giuseppe" mmi dice, mi lascia la mano ed io intingo il dito nella torta e lo metto inella mia bocca" certo che mi piace la panna" rimango con il dito in bocca, e la guardavo negli occhi,"vedo che c'e intesa fra di voi"disse marco, cazzo marco ne ne ero dimenticato, che figura di merda. "tranquillo giuseppe siamo una coppia molto aperta, e lei e piu aperta di tutti" risata generale per la battuta, e la incomincia la mia avventura con loro. regina si alza di nuovo e si siede sulle mie gambe dandomi le spalle ,dove potee sentire la mia erezione," caro sembra di stare seduta su un estintore. hahahahah" nel mentre si muoveva avanti e dietro istigandomi di piu ,allora io gli affianco le mie mani lungo le cosce e le vado a portare nellinterno,"oooo, si fa sempre piu intrprendente il nostro giuseppe,mmmmm", arrivo sulla sua patata,da sopra il costume si sentiva il gonfiore delle sua figa ,riuscivo a sentire il clitoride, il quale ho incominciato a massaggiare con uil dito medio in senso circolare, premevo sempre di piu, e lei si muoveva sempre di piu sul mio cazzo, spostai il costume e potei toccare la sua figa liscia senza nessun pelo umida e scivolosa,misi un dito e poi due ,gemeva tremava dall'eccitazione ed io stavo scoppiando. al che li feci leva sulle chiappe per alzarla le piegai le spalle sul tavolino, eccolo ul bel culo davanti alla mia faccia, era stupendo,dallle forme precise e tonde, gli abbassai il costume e la visione fu celestiale. ho incominciato a massaggiarlo, ad aprirgli le chiappe per vedere il suo buco del culo, quando lo vidi mi si annebbio la vista ,non capivo piu niente avevo davanti a me un creatura divina, un orifizio dove potevo affondare la mia lingua, mi tuffai fra le sue chiappe e cominciai a leccarlo a metterci la lingua dentro, era stupendo tutto cio, "dai giuseppe falla godere dai ,falla impazzire" disse marco, a quellq parole mi caricai sempre di piu, li leccavo la figa ,alternavo culo e figa ,la lingua era impazzita stavo impazzendo di desiderio di trombarla, mi alzai cacciai il mio cazzo e glie lo affondo in un colpo solo nella sua figa bagnata della mia saliva e dei suoi umori, nel momento dell'affondo lei urla "siiiiiiii, che cazzooooo", spingevo ,spingevo forte, tra tavolino che cigolava e il rumore dello sciaqquettio della sua passera marco si alza incitandomi sempre di piu, gli va di fronte a lei lo caccia e se lo fa succhiare," dai troia , un cazzo in bocca e uno in figa, dai giuseppe scopala falla godere, dai " la scena duro poco piu di 10 minuti dopo di che marco gli sborra in bocca ,io sta per venire "vengo anche io", " no aspetta" dice lei"sborrami nel culo ,ti prego, scopami anche il culo" non me lo feci dire due volte, bagnato come era il mio cazzo entro subito nel suo orefizio, era accogliente era stupendo era fantastico, non ricordo da quanto tempo non inculhttps://www.eroticiracconti.it/generiavo una donna.pero adesso non ce la facevo piu " devo venire non ce la faccio piu" e lei "sborrami nel culo che sto venendo anche iooooo" ad unisolo venimmo tutti e due io nel suo culo e lei con il mio cazzo nel culo.stremati lei resto a pecora sul tavolo, ed io mi misi seduto con il cazzo ancora in erezione,lei si giro e me lo prese in bocca per pulirmelo . marco mi guarda e mi dice " e bravo il nostro giuseppe, speravo che scopassi regina , non mi hai deluso bravo" io gli risposi gurdandolo"caro il mio marco per me e stata una vera sorpresa ,ma stai sicuro che questa scopata non me la scordero mai.", " ed io sono stata brava?" disse regina, io gli dissi guardandola negli occhi " tu non sei stata brava, tu sei la regina del sesso,sei la mia regina ed io saro il tuo servo."

Questo racconto di è stato letto 2 1 9 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.