La sorella maestra

Scritto da , il 2021-02-01, genere incesti

Mia sorella è maggiore di mè, di cinque anni, sin da ragazzino, le mie preferenze sessuali erano per i maschietti, e la cosa non sfuggì al mia madre e a mia sorella.
Così era normale che trovassi l'una o l'altra nuda per casa, che trà l'altro, era disseminata di slip e reggiseni, specialmente mia sorella, dormendo nella stessa stanza, era quasi sempre in intimo.
Ero attratto dai loro indumenti, e così, iniziai a indossarli di nascosto, o in compagnia di qualche amichetto, con qui iniziavo a fare sesso, e la cosa mi eccitava moltissimo, ma chiaramente fui scoperta.
Un giorno al mio rientro trovai mia sorella in camera ad attendermi, appena mi vide, mi disse, spogliati, rimasi di stucco, forza svelto, cercai di trovare scuse, sotto avevo il suo intimo, allora chiamò mamma, non riuscii a fermarla e così mi spogliai davanti a loro due.
Una volta spogliata indossavo reggiseno e slip di mia sorella, ero rossa come un peperone, ma bravo il mio bambino, è una femminuccia, e io non lo sapevo, si avvicinò, mi sfilò gli slip, e mi toccò il cazzo, che divenne duro, bè almeno gli tira disse a mia sorella, e poi aggiunse, e non è nemmeno male dai.
Poi mi fece mettere stesa sul letto, mi aprì le gambe, e infilò un dito nel culetto, poi due, si girò verso mia sorella e disse, hai ragione, non è più vergine, lo prende da un po', mia sorella si mise a ridere.
Mia madre continuò, non cercherò di dissuaderti, sei come tuo padre, dovevo immaginarlo, da un frocio non poteva nascere altro, per fortuna, rivoltasi a mia sorella, tu almeno non sei lesbica, visto che non avete lo stesso padre, e risero.
Mia sorella intervenne, non è un dramma mamma, saremo trè femmine no?, e così, iniziai a trasformarmi piano piano in Paola, con l'aiuto di mia sorella e di mamma iniziai a truccarmi, lascivo crescere i capelli, il mio corpo, era liscio senza peli, e con l'intervento laser mi eliminarono la poca barba che avevo, e in un anno circa, ero una stupenda ragazzina.
Ma il contatto con il naylon, l'indossare slip, vestitini, e tacchi, mi procuravano continue erezioni, spesso mentre scopavo con i maschietti, avevo il cazzo durissimo, e loro ci si divertivano, ma non era quello che io volevo.
E spesso a casa, ero in giro col cazzo duro e svettante, e così un bel giorno, mia sorella, mentre eravamo in sala, mi prese per mano e mi portò in camera di mamma, mi fece sedere, e mi fece un pompino da favola, le sue calde labbra sul mio cazzo mi fecero esplodere in un godimento pazzesco, le sborrai in bocca e lei bevve tutto, poi si staccò e rimase ad osservarmi, non si smollava, allora si tolse gli slip, e si sedette sul mio cazzo e iniziò a scoparsi, le piaceva, iniziò a godere, e il rumore richiamò mamma, che alla vista della scena, rimase sulla porta a d osservare, le venni dentro dopo una decina di minuti.
Mamma volle sapere tutto, e le raccontai tutto, mi accarezzò, e mi disse, sei checca ma anche un poco maschio allora, annuii, e continuai la mia vita da femmina.
Una settimana dopo, rientrai a casa, andai in camera mi spogliai e mi feci una doccia, e una volta fuori trovai mamma e mia sorella, mi accompagnarono in camera da mamma, e una volta aiutatami a mettermi reggicalze calze e tacchi, mamma si stese sul letto, sollevò le coscie, e mi disse, ora tocca a mè, alla vista della sua figa e delle sue meravigliose tette, il mio cazzo si fece di marmo, mia sorella era al mio fianco, prese un grosso cazzo dal comodino di mamma, era co delle cinghie, se lo legò in vita, e lo cosparse di gel.
Salìì su mamma, la sua figa era fracida di umori, le scivolai dentro senza difficoltà, e iniziai a baciarle i seni e succhiare i capezzoli, lei iniziò a gemere, poi ad un tratto, sentii mia sorella alle spalle, mi fermai un attimo, lei spinse e mi infilò trenta centimetri di cazzo di gomma nel culo, e così inizia a montarmi e a montare mamma, entravo e uscivo e così me lo sfilavo e me lo rinfilavo, era stupendo, ci scopammo per una mezz'ora, facendo urlare mamma dal godimento, e poi venni io, non potendo richiudere lo sfintere e così avere il getto di sperma, mi uscì all'improvviso, e allagai mamma, e iniziai poi a godere, lo sperma usciva senza schizzi, a fontana e godevo, tanto a iniziare a tremare, mia sorella mi pompava come una pazza.
Alla fine rimasi supina sul letto, mia sorella non me lo tolse, e mi lasciò lì pena, e così, dopo baci e coccole, mia sorella prese il posto di mamma e mamma quello di lei, entrai in mia sorella, ediedi il tempo a mamma di allacciarsi il cazzone, e ricominciammo.
La monta durò di più, mia sorella era più larga di mamma, aveva parecchi maschi, e mamma solo papà, che vedeva raramente, al rientro dai suoi viaggi, e spesso nemmeno la toccava, così, con rabbia mi sfondava il culetto, e mi faceva impazzire dal piacere, poi ad n tratto mia sorella iniziò a fare pipì, più godeva più faceva pipì, e io non resistetti, la innondai della mia pipì.
e poi le venni dentro, come con mamma fù un fiume senza schizzi.
Eravamo distrutte, ci addormentammo lì, trà i nostri umori, e il giorno dopo, ripetemmo l'esperienza.
Io frequentavo i miei amanti, dove ero solo passiva, ma a casa, divenivo lo stallone di famiglia, oramai dormivamo tutte e trè nel lettone, e così all'arrivo di papà, lui fù mandato in camera mia e di ma sorella.
La sera, mamma salutò papà, e ci prese per mano, andiamo bambine a giocare, e tutte e trè in reggicalze calze e tacchi tutte in nero, ci apprestammo a fare sesso, mamma si ise a pecora appoggiata al letto, divaricò le gambe e la infilai nel culo, mia sorella con legato alla vita il cazzo mi inculò e facemmo un trenino pazzesco, nn chiudemmo la porta, così papà potè sentire.
Una decina di minuti dopo ci raggiunse, tacchi reggicalze e calze, rossetto rosso fuoco, e il cazzo duro, si mise dietro mia sorella, e le infilò il culo, formando un quartetto da favola.
Per tutta la sera ci alternammo, e finalmente mi prese, e mi fece godere, cosa che ricambiai poco dopo.
Pochi giorni dopo iniziarono le ferie, e così, in casa ci furono quattro donne, di giorno io e mio padre ANDAVAMO DAI RISPETTIVI MACHI, E LE DONNE DAI RISPETTIVI UOMINI, la sera, quattro troie che si scopavano e inculavano.
Iniziò il periodo più bello della nostra famiglia.


Questo racconto di è stato letto 1 3 6 3 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.