Prostituta due

Scritto da , il 2021-01-13, genere incesti

Franco e Angelo come vi dicevo, vennero spesso a trovarmi, anche non in coppia, anzi, col passare delle settimane, più spesso li incontravo singolarmente.
Angelo era il più assiduo, tanto che spesso non mi facevo pagare nemmeno, anche perché, il figlio, a scuola, mi faceva un filo pazzesco, e io spesso cedevo, e mi lasciavo scopare da lui.
Avevo il padre e il figlio, e avevo capito, che il figlio di Angelo, non mi frequentava solo per il sesso, ma perché attratto dalla mia natura, avevo capito che era omosessuale come mè, ma non ancora consapevole della sua natura.
Me ne accorsi un pomeriggio, eravamo da mè, io ero Paola, mamma ormai consapevole della mia natura, mi assecondava, lasciandomi i miei spazi e aiutandomi con l'abbigliamento, ero molto sexi, indossavo un paio di collant velate, tacchi, e un vestitino molto aderente, e Luca, il figlio di Angelo, mi chiese se poteva indossare anche lui qualcosa di femminile, lo accontentai, ma fui molto perversa, lo portai in camera di mamma, Luca non era minuto come mè, era già un ragazzo ben formato, e si avvicinava più alle misure di mamma che mie, e aprii l'armadio, e i cassetti, e alla vista della biancheria di mamma rimase esterefatto.
Mamma aveva tante cose sexi, dai reggicalze al body, ecc, Luca scelse reggicalze calze e intimo, senza reggiseno, e così lo aiutai a indossarlo, e una volta pronto, era veramente bello, poi lo aiutai col trucco, rossetto ecc, e dopo una mezz'ora, Luca, trav, mi stava scopando con forza.
Una volta venuto, lo accarezzavo, e gli dissi, Luca ma perché non proviamo a farti fare la femminuccia, mi guardò, davvero mi scoperesti?, si ti prego Paola, scopami, non hai idea di quanta voglia abbia di essere donna, e così, con delicatezza e tanto amore, sverginai Luca.
Così in breve le cose cambiarono, Luca prese coscienza della sua vera natura, e sempre più spesso, ero io che dovevo fare il maschio e lui la donna, cosa, non sostenibile, e lo dissi a Luca, amore io sono omosessuale, mi sento donna non attiva ma passiva, e fatico a invertire i ruoli, se ti và, posso pprtarti con mè, e presentarti dei clienti, poi deciderai tù, se proseguire eventuali rapporti con uno di loro, Luca accettò immediatamente.
Chiesi inizialmente in prestito a mamma della sua biancheria, e alcuni vestiti che non usava più, me li concesse, acquistammo solo delle scarpe per evidenti differenze di numero, e Luca in breve divenne Olga.
Era la prima settimana di settembre che Olga iniziò la sua prima giornata da prostituta, e con il mio aiuto, incontrò e soddisfò trè miei clienti.
Fù un successo, tanto che nelle settimane dopo, il giro si allargò, e chiaramente successe che Angelo e Franco, venendomi a trovare si accorsero di Olga, così, inizialmente convinsi Franco ad incontrare Olga, e nemmeno si accorse di scopare il figlio del suo migloiore amico, poi toccò ad Angelo.
Più volte mi chiese se potesse incontrare Olga, ma tergiversai, e un bel giorno, truccai Olga in maniera pesante, e la vestii da vera troia, poi la presi di petto, ricordati, che potresti un giorno trovare un parente o amico, non fare la scema soddisfalo e se ti riconosce, fregatene, annuì.
Era fine Settembre, chiamai Angelo, vieni domani tesoro, Olga è pronta, lo faremo in trè ok? accettò subito, e il pomeriggio dopo all'ora stabilita, Angelo ci caricò e portò in motel.
Una volta in camera, abbassai le luci, e io e Olga iniziammo a spogliarci, nessuno doveva proferire parola, solo io, altrimenti si sarebbero riconosciuti, e così, iniziammo a succhiare Angelo, lui godeva delle nostre lingue e bocche, poi, io scopai Olga, mentre continuava a spompinare Angelo, e quando fù su di giri, mi sostituì, infilò il suo cazzo in Olga e iniziò a pomparla, ad un certo punto, Olga, iniziò a godere, e incitò Angelo a pompare più forte, Angelo, non riconobbe la voce, e disse, sìì troia siii prendi il mio cazzo, sììì e un attimo dopo sborrò, Olga riconobbe la voce, papà disse, sei tù?, e iniziò a godere, Angelo, non capiva, rimase un attimo immobile, e io mi avvicinai e dissi, sì amore è Luca, tuo figlio, continua, falla godere la puttanella, e riprese.
Una volta ripresi, accese la luce, eravamo tutte e trè sul letto noi in reggicalze e tacchi e lui nudo, Luca ma che cazzo disse Angelo, Olga si avvicinò, lo baciò, grazie papà, mi hai resa felice e donna, grazie.
Poi io bacia Olga, mi girai, scopami amore, Olga mi infilò e mi scopò guardando Angelo negli occhi.
Per una settimana non vidi più Luca, verso la metà di ottobre, vidi l'auto di Angelo, ne fui felice, ma appena vicina, vidi scendere Olga, stupenda, vestita da vera troia, e ben truccata, ciao papy a dopo.
Le chiesi spiegazioni, Paola, mi disse Olga,devo ringraziarti, ora sono la donna di papà, mi scopa trèvolte al giorno, e lo amo, mi ha acquistato tutto l'occorrente, e mamma ne è al corrente.
Ora lui mi porta al lavoro, e mi viene a prendere, stà organizzando vari incontri con i clienti, sarà il mio pappa, papy pappa e rise.
A gennaio, Olga si trasferì in un bordello in svizzera, e poi in germania.
Avevo creato una vera troia.

Questo racconto di è stato letto 3 1 5 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.