Domenica mattina, sapone e acqua tiepida.

Scritto da , il 2021-01-06, genere etero

- Ma che ore sono?
- Non lo so, è tardi.
Domenica mattina o forse primo pomeriggio. Si sono appena svegliati. Lei sta facendo la pipì. Lui si lava i denti. La guarda dallo specchio, i capelli arruffati, i gomiti appoggiati alle ginocchia sottili, le mutandine viola alle caviglie.
Lei lo guarda tra i capelli che le ricadono scomposti sugli occhi. Le gambe magre ma forti, leggermente divaricate come se non volesse perdere l’equilibrio. Il sedere sodo nei boxer di cotone a righe come piacciono a lui. Curva in avanti la schiena e le spalle per sciacquarsi la bocca. I fianchi che poche ore prima aveva stretto tra le sue cosce. Lui chiude l’acqua e sputa, sente il piccolo rumore scrosciante della la pipì, sorride. Apre l’acqua e si lava a faccia con il sapone. Quando riemerge dall'asciugamano lei è seduta sul bidet con le gambe divaricate, la mano in mezzo, per sentire la temperatura. Toglie la mano e il getto la colpisce, della giusta temperatura, denso e vibrante. Le procura un brivido di piacere. Gliene ha procurati tanti. Lui lo sa, glielo ha raccontato. La guarda, si avvicina, appoggia un ginocchio a terra di fianco a lei. Abbassa Il getto dell'acqua, schiaccia una dose di sapone intimo sulla mano. Lei non capisce, o meglio, capisce ma non sa come reagire. Le appoggia delicatamente la mano sul sesso. Lei si sente avvampare il tocco è così piacevole, inatteso e quella situazione è così sorprendente e spudorata che non sente di fare resistenza. Lui muove la mano molto delicatamente ma non in modo sensuale, semplicemente, la sta lavando. Sente il sesso scivolare sulle sue dita. Sente le labbra aperte, il clitoride sporgente. Spinge la mano oltre, come se lavasse se stesso, solo un po’ più lento e un po’ più a lungo, arriva sul buco, lo lambisce, lo percorre con il medio, entra leggermente, esce, entra, prosegue, schiuma, sapone e umori più densi. Lei piega la testa leggermente indietro, lui la bacia delicatamente su una guancia. La mano cosparge di sapone la fessura divaricata tra le natiche, l’ano, con un dito lo esplora, in superficie, lo disegna, lo deterge. E ricomincia prendendo acqua tiepida e rendendo il sapone ancora più scivoloso. Lei geme. Lo guarda, il glande fa capolino dalla gamba dei boxer di cotone, sta diventando duro. Lui inizia a sciacquarla e le sue dita asportano il sapone sbattendo con piccoli colpetti sul sesso turgido, sul clitoride che ormai sporge gonfio dal suo riparo. Lui sente che un umore viscoso si mescola all’acqua, lei infila la mano nella gamba dei boxer e afferra il sesso che ormai è duro. SI appoggia alla spalla di lui. La mano forte è delicata quando con due dita disegna cerchi intorno al clitoride, passa tra le piccole le le grandi labbra. Sente l’altra mano che scende verso il basso dalla schiena e scivola tra le natiche, le dita che frugano, cercano si insinuano. Si alza con le gambe che le tremano per il piacere, tenendo il sesso di lui, lo trascina verso il letto, umori e acqua le scorrono sulle cosce. Lo fa stendere, gli sfila i boxer, il sesso scatta, duro, come una molla, prende la sua mano e la guida sulla base, lo vuole vedere dritto che punta verso l’alto. Sale sopra di lui perchè vuole sedersi su quel cazzo meravigliosamente eretto. Lui la vede appoggiata sui talloni che lo prende in mano e appoggia il glande tra le labbra. Vorrebbe sollevare i bacino per penetrarla ma resiste sa che lei vuole guidare, lo muove leggermente con la mano nel solco, fino al clitoride, sfrega il glande e il clitoride, uno contro l'altro, due versioni diverse e così simili del piacere, due organi sensibili ed eretti. Poi se lo passa sull’ano, bagnato di acqua e di umori, preme leggermente, ha voglia, è distesa e accogliente, preme ancora un po’ e sente cedere. Sta giocando con il piacere lo sta sfidando, lui lo sa, la conosce. E difatti si alza leggermente poi scende con una lentezza esasperante che le fa vibrare i muscoli delle cosce. Sente il sesso di lui nella mano pulsare, sente il sangue scorrere nelle vene congestionate. Adora sentirsi desiderata, desiderare. Scende, un centimetro separa il glande da un ciuffo di peli bagnati che si protende in avanscoperta. Pochi istanti dalle labbra aperte, un millimetro. Il glande avanza lento e inesorabile, si infila nella carne calda, lo sente entrare, riempirla. Lui sente un calore morbido e bagnato stringersi intorno al sesso e da li divampare nell’ano, nei testicoli, nel ventre, nelle cosce, un’onda che travolge ogni controllo. Lei geme, quando si siede con tutto il peso sentendosi penetrare fino in fondo. LUi respira profondamente con gli addominali contratti per entrare dentro di lei il più possibile. Le afferra le natiche con le mani e stringe. La solleva di forza e la lascia ricadere, sente l’umore caldo che sostituisce la sensazione fredda dell'acqua. Si sente esplodere. Lei inizia a muovere il bacino. Il clitoride si muove famelico sui peli di lui, si carica di piacere elettrico manda scosse, ogni volta che contrae la vagina sente la presenza imponente che la riempie. Lui le succhia i capezzoli le tiene le natiche e con un dito le massaggia l’ano. Sente il respiro di lui che accelera, lo sente che sta arrivando, sente che tutto accelera e allora accelera anche lei, lo bacia con foga, lo sente dentro che si irrigidisce nell’attimo che precede il piacere, si stringe a lui e nel momento in cui il seme caldo le esplode dentro viene travolta dall’orgasmo e dalle lacrime.

Questo racconto di è stato letto 2 1 8 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.