Eccitazione

Scritto da , il 2021-01-07, genere trio

Ricordi attualizzati, conditi di desideri e fantasie e serviti tiepidi.
La quarantena li aveva uniti. Tre esseri umani, due ragazzi e una ragazza, che si erano conosciuti poco prima di venire reclusi come gran parte della popolazione del mondo. Con una naturalezza che che li aveva stupiti, tra di loro era nata un’amicizia leggera come la primavera che stava arrivando, un sentimento naturale che li aiutava a tenere fuori dal loro appartamento la cappa di angoscia e sgomento che incombeva sul mondo in quei giorni. Erano quasi coetanei, studiavano in tre facoltà diverse così come era diversa le loro indole.
Edo: una testa di capelli crespi chiari, quasi biondi, alto allampanato, snob, esteta, studente di giurisprudenza, fuori corso come gli altri due, lettore accanito, dotato di un laconico senso dell’umorismo e di una buona famiglia. Marco: atletico, calciatore dilettante, studente di economia in attesa di iniziare una tesi che non iniziava mai, scuro di capelli, spalle larghe, petto piatto, insicuro, amante delle sfide, della Play e dei film di fantascienza. Nicole: una ragazza snella, curiosa, attenta, sorniona, studentessa di architettura, capelli castano chiaro, gambe lunghe, golosa di gelato e fiera portatrice di uno spirito polemico, anche lei di buona famiglia. Una serie di caratteristiche che intersecate tra loro che ne faceva un organismo temporaneo armoniosamente conflittuale ad alleanza variabile. Per fare qualche esempio: Edo e Marco sostenevano la necessità di destinare parte della cassa comune all’acquisto di alcolici, superalcolici e varie sostanze ricreazionali, Nicole e Edo sostenevano la necessità di aggiungere alla dieta buone letture con dibattito post-cena, Marco e Nicole sostenevano che non fosse necessario lavare per terra proprio ogni giorno o cambiare le lenzuole ogni settimana. Marco e Nicole votavano più o meno a sinistra, Edo sosteneva di non aver mai votato, Marco e Edo amavano il piccante, Marco e Nicole non sopportavano il jazz, Nicole e Edo erano ricchi e di buona famiglia, Edo e Marco erano single. Nicole aveva un fantomatico fidanzato che evocava ogni tanto ma Marco e Edo, che prima di leggere o addormentarsi nella camera che condividevano si scambiavano impressioni, convenivano che Nicole se lo fosse inventato come difesa quando ancora non li conosceva bene. La cosa aveva fatto tenerezza ad entrambi.
Dopo l’ennesima giornata pigra e sonnacchiosa di reclusione e di tentativi più o meno fruttuosi di studiare, dopo una cena preparata da Marco che era l’unico che avesse un’idea, neanche tanto vaga, della cucina, si erano trovati come sempre in salotto, chi a leggere il giornale chi a guardare il telefono e chi a fare yoga.
- Brava Nicole, che si dice lassù nel Nirvana tra voi illuminati?
Nicole si stava slegando da una posizione particolarmente elaborata.
- Edo, ma perchè devi essere sempre così stronzo?
- Stronzo? Non mi pare proprio di essere stronzo. Marco sono stronzo? Marco!
- Eh? Cosa?
- Figurati si sta aggiornando sulle ultime tendenze. Nella chat della sua squadra puoi trovare tutte le categorie di sconcezze pornografiche, con un particolare riguardo a quelle più rivoltanti. Chissà perchè poi?
- Ancora? Metti giù quel telefono dai. Perchè non leggi un bel libro? Guarda che non diventi gay se leggi un po’.
- Ma la finite di rompere? sto guardando...
Nicole girò dietro al divano alle spalle di Marco per vedere cosa stava guardando, che accorgendosene nascose il telefono.
- Allora? che vuoi?
Lo disse tenendosi il telefono stretto al petto, pronto a resistere al suo attacco.
- Sei davvero malato, non ti stanchi mai? Sei sempre chiuso in bagno e non ti basta?
Nicole lo guardava divertita dal suo imbarazzo, le piaceva stuzzicarlo.
- Ma cosa ne sai tu cosa faccio in bagno?
- Poverino, si deve sfogare, con te che giri sempre in casa sfoggiando tutta la tua collezione di lingerie, o peggio ancora sprovvista di lingerie, soddisfando su noi poveri spettatori obbligati la tua vanità di donna reclusa.
- Collezione di lingerie… Ma lo vedi che sei proprio stronzo?
Edo sogghignava con il giornale aperto e le gambe appoggiate al calorifero.
Nicole si sedette sul divano di fianco a Marco, era in canotta e fuseaux, aveva i piedi nudi, goccioline di sudore sul labbro superiore e spargeva un lieve sentore di ginnastica e bagnoschiuma. Effettivamente non indossava il reggiseno.
- Allora? non guardi più questa cosa che stavi guardando?
- Poi lo stronzo sono io… - Bofonchiò Edo sorseggiando un bicchiere di Porto.
Marco fissava Nicole con un sorriso enigmatico.
- Scommetto che se ci fai vedere la tua cronologia ci troviamo solo pagine letterarie, film giapponesi e blog sull’ambientalismo del nord Europa ...
Marco si tirò un po’ più su e incrociò le gambe muscolose che sbucavano dai pantaloncini da calcio. Il sorriso enigmatico si trasformò in sorriso divertito.
- Vuoi dirmi che tu non ti masturbi Nicole? Scusa la schiettezza ma sei tu che continui a prendermi in giro sull’argomento...
Edo appoggiò il giornale e drizzò le orecchie.
- Ma che c’entra…
L’aveva presa in contropiede.
- Come che c’entra? Continui a fare battute come se fossi un malato di sesso.
- Beh dai, un po’ lo sei.
Marco aveva il piglio di chi ha finalmente deciso di ribellarsi, con il sorriso ma con fare incalzante.
- E tu che ne sai?
Edo si intromise.
- Si capisce, è classico del tuo psico-socio-tipo confermare la propria identità sessuale applicandosi in modo diligente al consumo di pornografia.
- Tu taci Edo. Scommetto che su Pornhub non ci vai, troppo volgare, ma ci sarà un bel sito per voi intellettuali che con qualche scusa molto intellettuale vi fornirà porno intellettuale per spararvi gran seghe. Che però siano intellettualmente giustificate!
- Beh su pornocomesichiama non vado di certo, la pornografia mi disgusta.
- Certo, lo sospettavo.
- Si, mi disgusta. Esteticamente. La trovo ripugnante. E anche avvilente.
Nicole annuì pensierosa all'affermazione di Edo.
- Anche a me disgusta. Non mi piace quel modello di donna, una specie di oggetto. Non lo trovo per niente eccitante, mi avvilisce, è triste.
Marco la guardava, curioso. Nicole esitava ma si capiva che non le dispiaceva proseguire il discorso.
- Insomma…
- Insomma?
- Preferisco altre cose.
- Altre cose?
- La fantasia.
L’ammissione di Nicole e quello che sottintendeva li lasciò in silenzio un attimo. Nicole proseguì.
- Mi piace immaginare. Se guardo un video o una foto non posso immaginare. Hai presente quando leggi un libro dopo aver visto il film? Te lo rovini, non puoi immaginare, rivedi gli attori e le scenografie del film. Ecco, a me piace immaginare.
- Beh ma è diverso.
- Nichi, gli stai parlando di un’esperienza che Marco non può conoscere, non hanno mai fatto il film del manuale di economia aziendale. Gli altri libri Il nostro coinquilino li evita come la peste, potrebbero corrompere la sua sacra ignoranza. Ergo non ha mai visto un film tratto da un libro.
Marco senza guardarlo gli tirò una ciabatta.
- Ci sono immagini che... ti assicuro… e video… ma forse per una donna è diverso.
- Non solo per una donna, anche Edo non ama il genere.
- Beh non ho detto che non mi piace guardare. Non mi piace la banalità del sesso stereotipato e siliconato. Non mi eccita.
- Che c’entra? Neanche a me… - Disse Marco.
Nicole si stava passando i capelli tra le dita, aveva tirato su le gambe anche lei sul divano.
- E allora… Cos’è che guardi?
- Mah non so, non certo donne con le tette finte e la passera depilata che si accoppiano con attori con cazzi spropositati.
- Piano, piano, c’è una signora. - Disse Edo, mentre si avvicinava con la sedia.
- No, no, vai avanti, la signora è interessata. Curiosa. Dai Edo offrici un po’ del tuo Porto, non fare il pidocchio.
Edo si alzò, tornò con altri due bicchieri.
- Beh? cosa volete da me? - Marco si sentiva esaminato. - La pornografia volgare e… ”siliconata” non piace neanche a me.
- E cosa guardi quando ti masturbi?
Nicole si era avvicinata a Marco e lo guardava attenta e nel suo sguardo c’era un’attesa che andava oltre la semplice curiosità, aveva pronunciato la frase con un tono diverso, con la voce più bassa. Anche Edo si era sporto in avanti, con il bicchiere tra le mani i gomiti appoggiati alle ginocchia. Tutti e tre percepivano l’intimità che si era creata nello spazio delimitato dei loro corpi. Forse un limite che fino a quel giorno era rimasto invalicato stava per essere abbattuto. Forse. Nicole sentiva la presenza avvolgente e allo stesso tempo discreta di quei due uomini così diversi tra loro ma con i quali si trovava totalmente a suo agio, qualcosa le diceva che era a un passo dal lasciarsi andare e liberare i pensieri che si stavano agitando nell’angolo in cui li aveva confinati. Edo era curioso, goloso di esperienza, non lo avrebbe mai ammesso ma quei due gli erano simpatici, provava per loro qualcosa che assomigliava all’affetto, almeno come lo intendeva lui e in quel momento aveva fiutato l’odore di qualcosa di eccitante che avrebbe rotto la routine. Marco sapeva benissimo che il limite era già stato superato.
- Non so… Mi piacciono i video di persone normali.
- Amatoriali?
Marco sorrise, si era tradita. Nicole era chiaramente infastidita dal suo stesso imbarazzo.
- Si vabbè, ogni tanto è capitato. Ogni tanto.
- E a te cosa piace?
- Mah, anche a me piace vedere persone normali
Edo sembrava divertito
- Allora io sono l’unico all’oscuro… Anche se. Anche se devo confessare che ogni tanto cedo alla tentazione...
Nicole lo guardava sinceramente stupita.
- Edo, Tu? Non riesco a immaginarti chino sul cellulare. In bagno. Che ti...
Le veniva da ridere.
- Cara dici così solo perchè disponi di una camera tutta per te dove puoi dedicarti tranquillamente ai tuoi sollazzi solitari.
- Perché voi due…? Quando l’altro non c’è...
Marco e Edo si guardarono con il sopracciglio alzato.
- Edo non lo so, ma a me è capitato. Lo confesso.
- Non nel mio letto spero!
- Ma stai scherzando? Il tuo letto sembra un santuario con tutti quegli ammennicoli e quei libri impolverati.
- Il mio letto è un santuario! Guai a te!
Risero e si sentirono più vicini. Il porto e quell’atmosfera intima li facevano sentire vicini. Nicole abbassò la voce e si abbracciç le ginocchia.
- Ma a parte video e porcherie del genere, parliamo di qualcosa di più interessante: in quei momenti, quali sono le vostre fantasie?
I due si scambiarono uno sguardo che poteva essere complice come sperduto. Nicole non attese che rompessero da soli gli indugi.
- Avete mai fantasticato… su qualcuno dei presenti durante la masturbazione?
- Su Marco? No, ha un bel fisico devo ammetterlo ma no, non mi sono mai toccato pensando a lui vestito da donna. Oddio!
Risero tutti e tre di gusto. Ma la domanda di Nicole non poteva essere liquidata con una battuta.
- Marco?
Marco si guardava il dorso delle mani, il suo silenzio era già di per sé una risposta.
- Si. E non era Edo per quanto in effetti anche lui non sia così male.
- Grazie, non avrei mai supposto di rientrare nella categoria “Non così male”.
SIlenzio. Sorsi di porto, gambe che cambiano posizione. Edo:
- Nic, non crederai di nascondere la mano ora che hai lanciato il sasso.
- No, ci mancherebbe. Si anche io ho le mie fantasie....
- Interessante, ma manca qualcosa… Su chi dei due?
Edo e Marco la guardavano, Nicole sorrideva emozionata, divertita e vagamente sorniona.
- Su tutti e due.
Pausa, Sguardi, sorsi. Sorrisi.
- Insieme.
- Noi due insieme? Io e Marco?
- Noi tre insieme. Tu, Marco e io.
Pausa, respiro, sudore sui palmi.
La voce di Marco è roca.
- Noi tre? E cosa hai immaginato?
- Che eravamo qui, seduti sul divano a chiacchierare e…
- E …
- E ci veniva in mente di provare.
- Ed era bello?
- Era.. Strano.
- Si ma ti piaceva?
- Molto.
Edo e Marco si guardarono, entrambi guardarono Nicole. Sentivano una sorta di corrente elettrica percorrere i loro corpi, se avessero allungato le mani le avrebbero viste tremare. Le tenevano bene appoggiate sulle gambe perchè sapevano che sarebbe bastato un solo gesto per cambiare l’inerzia di quel momento. Non una parola, un gesto.
Lo fece Edo sedendosi sul divano, il suo movimento mise in moto il domino dei gesti rendendolo indipendente dai pensieri.
Nicole bacia Marco e poi bacia Edo come in un sogno o in una fantasia. Due baci stupiti e veloci. Esitazione, emozione, dubbio, pulsione. Altri due, più consapevoli. Altri ancora più profondi. Le mani di Marco sul viso e sul seno di Nicole quelle di Edo sulle gambe, sui fianchi. Riemersi dai baci si guardano meravigliati di quello che stanno facendo, respirano, tutti e tre si sentono trascinati dalla corrente, poi Nicole slaccia i bottoni della camicia di Edo, gli accarezza il petto, si gira verso Marco e gli sfila la maglietta. Non possono fermarsi, Si spogliano fino a rimanere nudi. Si guardano. Nicole appoggia le mani sui due sessi, le mani tremano. I respiri tremano. Quello di Edo è grande, lungo e chiaro come in lui è tutto chiaro e lungo. Il sesso di Marco è più scuro, più tozzo. Nicole li tocca, li prende in mano, si gira e si inginocchia tra di loro. Li soppesa li accarezza e li guarda in volto. Vedono lo sguardo che non conoscevano, non potevano conoscerlo. E’ lo sguardo privato, riservato al destinatario del desiderio, li eccita. Il loro sessi si tendono nelle mani di Nicole. Abbassa la bocca sul sesso di Marco, avvicina la lingua, lo lecca partendo dalla base. Mentre guarda Edo negli occhi. Poi lo prende in bocca, Marco geme, il sesso di Edo si contrae. Nicole si gira, lo prende in bocca e lo succhia. Marco si alza le va dietro e le carezza la schiena, le natiche, il sesso umido. Lo fa con molta delicatezza, con attenzione come se stesse compiendo un gesto rituale, pregno di significato. Nicole rabbrividisce quando le dita di Marco le sfiorano la figa. Sente Marco dietro di lei che la tocca e Edo nella sua bocca. Marco si abbassa e le bacia le natiche, le lecca ovunque mentre la tocca. Edo la fa alzare, Nicole si siede sul divano, i due la baciano, uno e l'altro senza spostare il viso. Marco scende tra le sua gambe, Edo le bacia il seno, le lecca i capezzoli, li succhia, li prende tra i denti, la sua bocca la sorprende: è delicata e morbida, Nicole sorride. Marco la lecca tra le gambe, con la lingua dura le titilla il clitoride e intanto le infila un dito. E’ metodico e regolare, quasi meccanico nei movimenti. Il sesso duro di Edo la attira. lo prende in mano, scopre il glande dalla pelle, è rosa, gonfio, lo prende tra le dita, è liscio, elastico, muove la mano, Edo alza la testa e la bacia. Prende Marco per una spalla e lo tira a se, Marco si alza, Nicole lo prende in bocca, si inginocchia, Edo è di fianco a Marco. Nicole ha i loro cazzi in mano, li succhia, li lecca le punte si toccano tra le sue labbra, li lecca, li tiene in mano. Sono bellissimi, duri, diversi, caldi e bagnati di saliva, percorsi dalle vene in rilievo, le piacciono, le piacciono i gemiti di piacere dei due uomini, le piace l’immagine di lei in quella posizione, la fa bagnare. Edo si svincola delicatamente e le si mette dietro, lei è in ginocchio con Marco in bocca quando sente il cazzo di Edo tra le natiche che scivola, sente le mani grandi che le afferrano i fianchi, si infila una mano tra le gambe e guida il cazzo di Edo tra le labbra del suo sesso. Lo sente entrare. Molto lentamente e sente il cazzo di Marco diventare ancora più duro nella sua bocca. SI sente riempire dal desiderio dei due uomini, sopra e sotto. Quello che tutti e tre vedono li eccita, sentono di essere parte di un’energia sessuale che li avvolge, che si catalizza nei loro organi eccitati, nella loro pelle sensibile. Nicole si alza e si siede sul cazzo di Marco, scende lentamente, lo accoglie, lo sente scivolare dentro di sé. Edo si siede di fianco a loro e li guarda, la mano sul sesso, si tocca e li guarda, nei suoi occhi una luce allegra e eccitata. Le mani di Marco sul seno di Nicole. Le mani di Nicole sulle spalle di Marco. Continuano a guardarsi. La gioia di Edo li contagia, sono eccitati e felici. Nicole si sposta, la mano tra le gambe, si stanno toccando, ognuno per sé e si guardano. Sono gli stessi che poche ore prima parlavano del più del meno a cena. E’ la stessa ragazza che fa yoga in canottiera senza reggiseno, lo stesso ragazzo che si rade a torso nudo con la porta aperta e quello è quello che non mette i boxer sotto alla tuta, stuzzicandosi a vicenda in modo più o meno inconsapevole. Edo si sdraia e lo tiene dritto, Nicole gli sale sopra dandogli le spalle, lo sente entrare lentamente. Marco si mette davanti a Nicole e le tocca il clitoride, lo sfiora, gli gira intorno. Nicole sente Edo dentro e vede Marco che la tocca e sfiora il sesso di Edo. Poi lo prende in bocca. Si staccano sdraiati a terra, ansimanti, si accarezzano, si toccano, ridono eccitati. In quell’istante tutti e tre vorrebbero essere esattamente dove sono. Le mani degli uomini esplorano Nicole, le dita la sfiorano torturandola di piacere, entrano dentro di lei, la carezzano, lei sente quei due cazzi duri in mano, le piace tantissimo. Poi guarda i due uomini maliziosa, prende la mano di Edo e la appoggia molto lentamente sul cazzo di Marco. Sente di poterlo fare ma vuole dare tempo a Edo di opporre resistenza e a Marco di ritrarsi. Edo non oppone resistenza, Marco non si scosta. La mano di Edo afferra il cazzo di Marco e inizia a muoversi delicatamente, Marco sorride, Nicole è eccitatissima, prende in bocca Edo, lo bagna di saliva e lo tocca, guarda quello che sta facendo Edo. Poi prende la mano di Marco e la mette sul cazzo di Edo, Edo geme, Marco lo tocca come toccava se stesso poco prima. Nicole li prende entrambi e li lecca, poi Edo si sdraia e la tira a se, lei abbassa il bacino sul suo viso, si siede quasi sul suo viso, lui la lecca mentre lei lecca Marco. Si scambiano più volte, si alternano in un balletto scivoloso e caldo, la loro eccitazione sale, il bacino si muove da solo, il sesso sembra esplodere. Nicole è sopra Edo quando Marco si mette dietro di lei. Edo è dentro di lei quando sente il cazzo di Marco dietro, trattiene il respiro. Sente la punta che scivola tra le natiche, passa sull’ano, duro e bagnato. Lo sente, sente il bacino di Marco le sue cosce forti. Edo si muove dentro e fuori, Marco è dietro, le prende il seno, le tocca il clitoride e spinge con il sesso tra le sue natiche. Un pensiero le passa per la testa la fa eccitare tantissimo ma è troppo per quel giorno, Marco sembra leggerle nella mente, si alza le va di fianco, lei lo prende in bocca. E si lascia andare a un orgasmo violento, senza freni, che la scuote da dentro, Marco la abbraccia e la stringe, lei si sente sciogliere. Edo ansimando dice che sta per venire, Nicole si sposta e si sdraia, due sono davanti a lei, li prende in mano e li lecca, accelera il movimento delle mani e prima Edo e poi Marco vengono ridendo e schizzando il loro seme su di lei. Poi, nell’ultima inquadratura, sono tutti e tre nudi, sdraiati sul tappeto dell’Ikea, sudati, appiccicosi e felici che si tengono per mano sorridendo.

Questo racconto di è stato letto 2 6 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.