Tra amici

Scritto da , il 2021-01-09, genere masturbazione

Erano le due di notte, stavano vedendo un film. Lui era il suo migliore amico, era triste perché la sua ragazza lo aveva lasciato. Lei lo aveva invitato a casa sua per una serata pizza, chiacchiere, gelato, chiacchiere, film chiacchiere, e poi un’altro film perché era la sua migliore amica e voleva consolarlo. Stavano parlando della ragazza che lo aveva lasciato.
- In definitiva a letto com’era?
- Dai non mi va… Comunque lo sai.
- Ok, lo capisco. Ti fa male parlarne.
- Si.
- Si, ma intendo, il sesso, com’era?
- Com’era? Normale…
- Normale?
- Si, normale. Mi passi l’acqua?
- Vuoi un tisana?
- No grazie, ma come sei gentile stasera, devo farmi mollare più spesso…
- Scemo, sono sempre gentile.
Il film proiettava luci variopinte sui loro volti sazi di parole e di gelato. Erano rilassati e a loro agio ma non solo, si sentivano al sicuro.
Non stavano seguendo il film, non con particolare attenzione, era la storia di tre giovani due ragazzi e una ragazza che si ritrovano per qualche motivo a condividere un appartamento in una città americana, New York forse.
- Ma era disinibita o era proprio come sembrava? Guardando il tizio con cui si è messa propendo per la seconda ipotesi. Una povera bigotta.
- Non è che sei gelosa?
- Scommetto che te la faceva vedere con il binocolo
- Ma sai che sei proprio scema.
I tre ragazzi sullo schermo si rincorrono per le strade di quella che sembra proprio essere New york. Strano perchè è un film francese.
- Comunque hai ragione.
- Ho ragione?
- Diciamo che il sesso non era il suo forte
Lei si volta verso di lui in attesa, si avvicina. Sorride.
- Non lo facevamo spesso. E non era un granche. Diciamo che lei…
- Lei?
- Lei non era particolarmente…
- Particolarmente?
- Beh, hai capito, non era particolarmente espansiva in quel senso. Lo facevamo ma lei non partecipava...
Pausa, lui si stringe le braccia al petto e la guarda, sorride e scuote la testa divertito dalla sua curiosità. Morbosetta ficcanaso pettegola e gelosa che non sei altro.
Dai e racconta, lasciati andare, noioso e corretto che non sei altro!
- Mi guardi con quegli occhi…
- Dai scemo, piantala!
- Vuoi i particolari eh?
- Si! Voglio i particolari.
- Va bene…
Lui sorrideva, ma si in fondo che male c’era a fare qualche pettegolezzo piccante, poi la curiosità di lei gli piaceva.
- Non voleva che…
- Che?
- Che gliela leccassi. Dai mi sento uno stronzo a raccontartelo.
- E perchè non voleva? Non le piaceva?
- No, diceva che, sì in fondo le piaceva ma si sentiva a disagio. E poi, le volte che l’abbiamo fatto ha voluto che mi lavassi la faccia prima di baciarla.
- Cosa?
- Si diceva che le faceva schifo.
- Ma dai… E, scusa quando te lo faceva lei
- Mi faceva cosa? Ti faceva un pompino, te lo prendeva in bocca!
- No, no, “mi faceva cosa?”, nel senso che non l’ha mai fatto. O quasi.
Lei lo guardava attonita ma incredibilmente curiosa.
- Cioè, una volta sola me lo ha preso in bocca ma poi stava ferma così, con il mio pisello in bocca.
- E tu?
- Io… Io le ho detto che forse si doveva muovere e lei mi ha detto: “così?” solo che lo ha detto mentre ce l’aveva in bocca e a me ha fatto tenerezza. Ero molto eccitato perché erano mesi che glielo proponevo, sempre con genetilezza, lo sai…
- Lo so che sei un ragazzo gentile. Ma anche ai ragazzi gentili piace farselo succhiare!
- Sì, in effetti… solo che si vedeva che a lei non piaceva, o che lo faceva solo per accontentarmi. Insomma mi si è ammosciato e abbiamo smesso. Il sesso con lei non era il massimo diciamo. Non credo che proprio le piacesse. Ma a te piace farli? Pompini iontendo.
- Hei! Come ti permetti. Alla faccia del ragazzo gentile. Si che mi piace. Dovresti provare.
- Scema, mi manca solo quello.
- Ma scusa e allora come facevi?
Questo lo chiese con un tono di voce un po’ più basso. I ragazzi del film erano seduti su una panchina la ragazza, seduta in mezzo, aveva le gambe una su quelle di un ragazzo e l’altra su quelle dell’altro.
- Chissà quanto ti… trastullavi.
La ragazza sulla panchina bacia un ragazzo e poi l’altro.
- Sei curiosa.
- Sì, sono curiosa.
- Beh, anche io sono curioso.
I ragazzi del film continuano a baciarsi, ridono sembra che abbiano cominciato per gioco ma si percepisce che il loro coinvolgimento sta cambiando.
- E cosa vuoi sapere?
- Tu...? Lo fai? Quello intendo… Trastullarti...
- Certo che mi masturbo non sono mica fatta di legno. Guarda che tutte le donne lo fanno, ecco… Tutte forse tolto una.
Il gioco dei ragazzi si sta trasformando in qualcosa di diverso, le mani dei due maschi risalgono le cosce della ragazza e si incontrano sul cavallo dei suoi jeans.
- Ehi, che film, non lo sapevo che…
- Ma che film è? Lo hai scelto tu, brava, non è male.
Uno dei due ragazzi mette la mano sul seno della ragazza mentre l'altro la tocca in mezzo alle gambe. Stacco. Entrano in un loft da film ambientato a New York.
- Ma che ne so, è un film francese…
- Interessante
- In effetti...
La scena è sempre più esplicita e i protagonisti si stanno spogliando su un divano, lo fanno molto lentamente e la ragazza ridendo tira giù i pantaloni di uno dei due ragazzi mentre l'altro guarda.
Loro due sono in silenzio, guardano lo schermo, spettatori con gli occhi sgranati, lui deglutisce rumorosamente.
Il secondo ragazzo si spoglia e la ragazza, ancora vestita si trova sdraiata tra i due ragazzi nudi che la baciano. I loro corpi appaiono chiari e delicati vicino ai vestiti di lei.
- E lo fai spesso?
La voce di lui è una specie di sussurro.
- Quando ho voglia.
La voce di lei è sospesa, in attesa di qualcosa, con una sfumatura di curiosità divertita.
- E adesso hai voglia? Se fossi da sola lo faresti?
I ragazzi stanno spogliando la ragazza, tutti e tre sono visibilmente eccitati. Hanno i visi rossi.
- Si.
La ragazza ormai nuda posa le mani sui sessi dei due ragazzi sdraiati di fianco a lei.
- Anche io ho voglia.
La voce di lui tradisce eccitazione e sollievo, voleva dirlo e l’ha detto.
Lei si volta verso di lui e sorride con uno sguardo da bambina divertita.
- E se…
Lui a questo punto non parla, sorride e il suo sorriso dice: “dai facciamolo!”
- Tu sei matto.
Ma, lei, mentre lo dice si passa la mano sul cavallo dei jeans mentre il suo voto dice: “Oddio, devo essere matta ma questa cosa mi intriga”.
Lui fa lo stesso e si passa una mano sul sesso che neo pantaloni adesso inizia a farsi notare.
- Tu sei matto
E lei si sbottona i jeans.
- Forse si, siamo matti.
E anche lui si sbottona i jeans. Poi guardandosi se li sfilano e rimangono in boxer lui e in mutandine lei. SI girano verso il film che a questo punto sta svoltando verso una scena quasi pornografica, pornografia intellettuale, ma la ragazza di fatto sta praticando sesso orale a uno dei ragazzi mentre l’altro la penetra da dietro.
Lei infila la mano nelle mutandine e si tocca come se fosse da sola, lui tira fuori il cazzo ormai durissimo e inizia a toccarsi come se fosse da solo. Ma non sono da soli, ogni tanto si guardano. Vedersi li eccita tantissimo ma hanno una sorta di pudore, non si fissano. Si guardano e poi distolgono lo sguardo. Non si sono messi d’accordo, è successo.
Vedere lui che si masturba le sembra strano e terribilmente eccitante. Non ha mai visto l suo cazzo e tanto meno in erezione e ancora meno con la sua mano che scorre in su e in giù coprendo e scoprendo il glande con una lentezza languida che la fa rabbrividire.
Vedere lei che si tocca ha un effetto stranissimo su di lui, eccitazione, curiosità, sfrenata libertà e una confidenza talmente profonda che ha a che fare con il sublime che glielo fa diventare durissimo e lo fa sorridere .
Lei aumenta il ritmo e si lascia andare, si sfila le mutandine e appoggia i talloni sul divano. Lui si sfila i boxer. Lei è molto bagnata. Lui lo ha molto duro. La situazione è sempre più eccitante, l’intimità che hanno raggiunto li travolge come un fiume caldo, la trasgressione che stanno percorrendo con quella naturalezza li fa arrossire e li porta al culmine eccitazione. E Lui viene, un fiotto caldo e bianco sulla mano e sulla pancia. Lei lo vede e non resiste, spasmi contraggono il suo sesso, la mano lo cinge, lo stringe, due dita dentro. Fremiti e respiri affannati, tempesta che si placa.
Poi si guardano e sorridono, non c’è l’imbarazzo che avrebbe dovuto esserci. Non c’è, anzi. Lui guarda la mano impiastricciata, lei le dita bagnate e ridono felici. Magari non succederà mai più ma è così bello che sia successo. Ah dimenticavo, il film tutto sommato non era un granché.

Questo racconto di è stato letto 4 9 7 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.