Documentario

Scritto da , il 2021-01-13, genere etero

Sono sdraiati sul divano in un pomeriggio piovoso e pigro. Si sono fatti una canna, forse più di una. Lui è sdraiato dietro di lei, indossa boxer e maglietta. Lei dorme, ha gli occhi chiusi, indossa solo la canottiera e le mutandine. Lui, barba sfatta e muscoli rilassati, aderisce perfettamente alla sua schiena. Alla televisione c’è un documentario sul mare, raggi di sole che filtrano tra le onde. Con la mano le accarezza pigramente i capelli, vede la linea dolce della guancia e la curva della spalla profumata, la luce si riflette sulla pelle liscia. Le accarezza il braccio, respira il profumo dei capelli, con il naso sfiora il piccolo orecchio. Lei dorme o almeno così pare. Scende a trovare la dolce curva che dalla vita risale fino all’anca, si ferma all’elastico delle mutandine, lo esplora con il polpastrello, il ricamo in rilievo, lo sposta per sentire la pelle del fianco segnata dalla pressione, la immagina leggermente arrossata. Lo segue fino la punto in cui si apre una fessura, dove l’elastico prosegue dritto lasciando per pochi centimetri la pelle che invece diventa concava, poi il ventre, in leggero rilievo interrotto dall’ombelico. Le mano pigra e casuale risale e incontra le prime costole, sottili, elastiche che proteggono il cuore di quella ragazza e il suo respiro lento e profondo. Le conta, usa tutte le dita, si ferma e indugia nel punto esatto in cui il petto smette di essere tale e diventa seno, lo percorre come a segnarne il confine. Lo risale, lo prende con la mano, lo soppesa, uno, quello libero e poi l’altro, quello appoggiato al divano. Il capezzolo, vigile, in tanto sonno, si indurisce. La mano stringe con dolcezza come a saggiare la consistenza del seno e il capezzolo preme contro il palmo e lui lo prende con le dita, delicatamente. La ragazza che per altro parrebbe addormentata si muove e preme il culo contro di lui. Lui nonostante il suo cazzo sia abbastanza duro e trovi piacevolmente quanto naturalmente alloggio nella morbida fessura, non si lascia distrarre e continua a toccarle le tette. Prima una poi l’altra. Alla televisione pesci, fondali oceanici, barriera corallina, colori, velature di blu, luoghi mai visti ma stranamente familiari.
La mano seguendo il caso o un disegno preordinato, chi può dirlo, abbandona lentamente il seno, attratta da altri orizzonti. Scende seguendo la linea mediana che divide il corpo in due parti che sono solo teoricamente simmetriche ma che le vicende della vita hanno rese leggermente diverse. La ragazza rabbrividisce. La mano scende e incontra di nuovo l'ombelico. Saggia la pancia come ha fatto con il seno. Ma ad ogni carezza scende un po’. La ragazza muove sempre leggermente il bacino. Lui guarda il documentario, lei ha gli occhi chiusi. La mano incontra l’elastico delle mutandine, lo scavalca. Percorre la stoffa candida, le leggere gibbosità dei peli sotto alle dita e al cotone. Scende. Lei allarga le cosce con un movimento impercettibile quanto basta per permettere alle dita di infilarsi. Il medio va in avanscoperta, appena discosto dalle altre dita. Supera il culmine sfiorando il punto dove si trova il clitoride e scende oltre, preme leggermente e nel mezzo sente la stoffa cedere, sente il vuoto. Stringe le mutandine, preme delicatamente, sente la forma del sesso, le ossa, le parti morbide, Umido, i pieni e gli spazi. Ora distingue bene l’umidità filtrare nella trama nel punto più cedevole. La ragazza spinge ancora di più il culo contro il cazzo del ragazzo che inizia a diventare duro per davvero. Lo muove. La mano si infila con misurata lentezza sotto all'elastico, si fa strada tra i peli e sbuca sul clitoride, lo sfiora, lo aggira, allarga i peli, lo accerchia, delicatamente, lo tocca in un modo apparentemente casuale, cerca di capirne la forma senza vederlo, lo tocca per sentirne la consistenza. Lo prende tra due dita. La ragazza sospira. Le labbra del sesso sono asciutte ma il dito scendendo le separa liberando il fluido viscoso e caldo che lo avvolge rendendolo scivoloso. E percorre lo spazio delicatamente, lentamente. Le dita esplorano, si infilano, entrano in profondità, escono. Come infilarle nella marmellata più dolce che ci sia. Il movimento del bacino di lei diventa un ritmo in armonia con quello delle delle onde del mare sullo schermo. La stoffa dei boxer oppone resistenza, li abbassa e libera il sesso che ora è duro come la pietra e punta davanti a sé come se pretendesse di essere sguinzagliato dal quel corpo indolente e pigro. Lei si abbassa le mutandine quanto basta per sentirlo appoggiarsi nella fessura tra le natiche, è molto bagnata, sporge il bacino verso il sesso eretto di lui, gli umori lo rendono sempre più scivoloso, e più scivola più lei si bagna e lui lo sente grande e duro. Il loro movimenti sono minimi, indolenti, quasi impercettibili. Visti da fuori potrebbero sembrare una coppia di giovani ragazzi che sonnecchia in un pomeriggio pigro e annoiato se non fosse per la mano di lui nelle mutandine di lei. Il loro sessi sono terribilmente eccitati ma quello che succede laggiù in apparenza non ha questo garnde effetto su di loro, lei ha ancora gli occhi chiusi, lui guarda un banco di sardine che si muove in perfetta sincronia. Ma i loro cuori hanno aumentato il ritmo, il loro respiro si è fatto più corto. E in quel momento il ragazzo si scosta leggermente, la punta del sesso si trova a premere proprio sul buco del culo della ragazza. Entrambi se ne accorgono perché trattengono il respiro. Pensano entrambi alla stessa cosa. Non l’hanno mai fatto. Rimangono fermi in quella posizione. Il glande preme. Le dita del ragazzo sul clitoride si fermano. Lei rabbrividisce, deglutisce. Movimenti impercettibili, nessuno dei due sa cosa fare ma quel contatto li eccita. Il glande preme delicatamente, lei si oppone alla pressione sporgendo il bacino, lui si ritira, ha paura di farle male, lei lo prende con le dita, senza voltarsi, e se lo passa sul sesso, bagnandolo con i suoi umori, lui pensa che lo voglia dentro, invece lei lo rimette dov’era. Si ritrovano nella stessa posizione, solo che adesso sanno entrambi cosa vogliono. Non l’hanno mai fatto ma lo desiderano, sono eccitati, hanno le guance rosse, sono sudati. Lui preme leggermente, lei anche preme. Non succede niente. Rimangono così con quella tremenda e meravigliosa sensazione di stare per fare qualcosa di sporco. Il sesso di lui è durissimo, eccitato e bagnato, preme e lentamente trova un piccolo varco, lui sente cedere, lei geme. La sensazione di eccitazione è irresistibile, il gemito di lei assume una nota strana, lui si ritira ma è così eccitato che riprova, lei si scosta decisa. Lui l’abbraccia turbato dalla sua stessa eccitazione, no, no scusa, scusami, scusa, la bacia, l’abbraccia, la stringe, lei si gira si baciano, mi stavi facendo male, scusami, scusami, si baciano con foga, si toccano, mi stavi facendo male. Ma mi piaceva. Mi piaceva tantissimo. E mentre lo dice si siede su di lui, sul suo sesso, lo prende dentro di se, lo stringe, lo cavalca, si muove con vigore, lo sente scivolare dentro e fuori e quando le scappa, è bagnatissima, lo infila di nuovo senza fermare la sua foga. Sono sudati, eccitati e quando vengono si stringono come se volessero fondersi in un unico corpo, lui con le mani sui fianchi di lei, lei con le unghie nel petto di lui. Poi lei si accascia su di lui e rimangono così, uniti e disfatti dalla lussuria in un pigro pomeriggio mentre le tartarughe depongono le loro uova su una spiaggia delle Galapagos, di notte.

Questo racconto di è stato letto 9 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.