Desiderio

Scritto da , il 2020-11-30, genere trio

Siamo qui, ci stiamo osservando, era un tuo desiderio, ci ho messo un po' prima di accettare, adesso la sto guardando è bella, molto bella ed io non mi sento all'altezza, sembra biancaneve con quei capelli neri e le sue labbra rosse, il suo corpo perfetto, mentre il mio invece è troppo morbido e forse troppo materno, sono insicura e gelosa, gelosa che tu ci confronti, che preferisca lei a me.
Adesso è lei che guarda me, sembra capire il mio imbarazzo e tutte le mie insicurezze, si avvicina e mi bacia, è la prima volta che vengo baciata da una donna, che sensazione strana, mi abbraccia sembra voglia rassicurarmi, mi sussurra che sono bella e sensuale. Ti avvicini, ti eccita quello che vedi, lei mi spinge in ginocchio davanti a te, inizio a leccare il tuo sesso, lei mi accarezza i capelli, poi si inginocchia accanto a me e iniziamo a leccarti  e succhiarti insieme, ma non dimentica neanche me e continua ad abbracciarmi e baciarmi, vuole rassicurarmi ancora.
Adesso ci spostiamo sul letto, mi ritrovo supina con lei accanto e tu in ginocchio sul materasso che ci sovrasti, inizi a baciarla e toccarla, che fitta di gelosia, sto male vorrei fuggire, ma lei... lei se ne accorge e mi tocca, sento la sua mano sul pube, penso oddio non vorrà toccarmi sono nervosa, tu intanto continui a masturbarla, sei eccitatissimo, il tuo sogno si sta realizzando, poi... poi sento le sue dita frugarmi dentro, titillarmi la clitoride, inizio anche io a godere, cazzo se è brava, chiudo gli occhi e mi lascio andare.
Sento cambiare il peso sul letto, all'improvviso non ho più la sua mano addosso di me, apro gli occhi e vedo che ti sei posizionato tra le mie gambe, pronto a fottermi e lo fai, dio com'è bello, come godo, la sento più che vedere che lei  ci osserva e si tocca, il mio piacere aumenta sto per venire, aumenti il ritmo e finalmente mi sciolgo nel mio orgasmo.
Ti togli da me, adesso vai da lei è il suo turno, ti Inserisci tra le sue gambe e inizi a muoverti, lei geme, vi guardo, ancora la gelosia che fa capolino in me, lei che mi osserva negli occhi e mi attira a se, mi bacia e sulla mia bocca sento il suo orgasmo.
Tu invece non sei ancora venuto, adesso è il tuo turno, vuoi venire addosso a noi, ma lei è di un'altra idea, vuole che il tuo orgasmo sia mio, sa che ne ho bisogno, mi guida a mettermi a novanta e poi per non lasciarti dubbi mi accarezza il fondoschiena, tu non ti tiri certo indietro, appoggi il tuo glande alla mia rosellina e inizi a spingere, lei si posiziona davanti a me e mi abbraccia, mi consola in attesa che il dolore diventi piacere, e accade, il piacere diventa sempre più intenso, il mio orgasmo monta insieme al tuo e godiamo insieme quando sento il tuo liquido inondarmi... E in quel momento la guardo e specchio Il mio morire nei suoi occhi......

Questo racconto di è stato letto 1 7 6 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.