Le mani 1/3

Scritto da , il 2020-11-24, genere fisting

Privata della vista, giacevo distesa sul letto.
Una benda sugli occhi e spesse cinghie di seta legavano i miei polsi e le mie caviglie alle spalliere del letto.

Non si dovevano pronunciare parole. Non avevo il controllo, tutt'altro, ma ero lì volontariamente.

Mi ero consegnata all'entità invisibile conosciuta come "Le mani", qualcuno che sapeva come controllare, usare una donna, spingerla oltre.

Sarebbero durate ore, molte, molte ore di contagio.

Le mie grandi tette stavano sobbalzano, schiaffi casuali che rompevano il silenzio con forti colpi, ognuno seguito da un urlo involontario da parte mia.

Una serie di rapidi schiaffi sferrati su un capezzolo e poi sull'altro fu seguita da una pausa pensierosa prima che i lati del mio seno fossero percossi con forza.

Nessun centimetro di seno è stato risparmiato, le mie tette bruciavano per il tormento ed eravamo solo all’inizio.

Non sapevo quando o dove sarebbe atterrato il prossimo schiaffo, o quanto sarebbe stato difficile. "Le mani" stava lavorando sulle mie tette, ma avrei imparato molto rapidamente che la sculacciata era solo una piccola parte del repertorio.

Dopo una serie di schiaffi che si sono concentrati su entrambi i capezzoli contemporaneamente, il contatto si è fermato.

Gli unici suoni erano il nostro respiro, il mio era molto più profondo e veloce.

Il tempo sembrava fermarsi mentre aspettavo che succedesse qualcos'altro, ma ancora niente.
I secondi diventarono in minuti, poi delle dita decise si fecero sentire e afferrarono i miei capezzoli, stringendoli, stringendoli, togliendomi il respiro.

Più e più volte i miei capezzoli furono afferrati e rilasciati in una presa a tenaglia. Ogni volta che venivano afferrati, venivano attorcigliati sempre di più, fino a quando sembrava che stessero girando su se stessi.

Proprio dal momento che pensavo di non poter più sopportare, è stata data tregua, ma solo momentaneamente e solo così si poteva scatenare un nuovo tormento.

Questa volta invece di torcere, la presa simile a una morsa tirò i miei capezzoli verso l'alto, trascinando con loro tutta la mia tetta.

Le mie tette sono state allungate ripetutamente, le sentivo come se fossero state estese oltre ogni immaginazione - metodicamente.

Alla fine c’è stata una tregua e "Le mani" si sono date da fare altrove.

Ho sentito aprire la cerniera di una borsa da viaggio e poi un tintinnio.

Ho udito quello che sembrava una bottiglia che veniva stappapa, poi ho sentito un freddo gocciolare sui miei capezzoli, ma il fresco non è durato a lungo, sostituito da una netta sensazione di bruciore, non opprimente, ma comunque una sensazione di bruciore che si è diffusa ovunque, su tutta la mia tetta.

Sembrava olio di qualche tipo quello che mi massaggiava.

La mia mente vagò su ciò che mi era stato applicato per provocare una tale sensazione, ma poi sentii il suono rivelatore di un fiammifero acceso e poi quello di una candela che veniva accesa che mi riportò alla realtà.

Quasi istantaneamente ho sentito bruciante la cera bollente sulle mie tette già arroventate e intenerite.

Urlai, mi dimenai e mi ribellai contro le mie catene di seta mentre la cera calda cadeva e mi scorreva sulle tette prima di solidificarsi, bloccando la sensazione di bruciore di ciò che in seguito scoprii essere olio infuso con peperoncino.

La cera calda è piovuta su di me per quella che sembrava un'eternità. Ho potuto sentire le mie tette completamente ricoperte di cera, lentamente e deliberatamente.

"Le mani" si è poi spostato sulla mia figa, presumibilmente perché le mie tette erano completamente incrostate di cera, e mi davano la forte sensazione di formicolio, causato dell'olio.

"Sciacc ...... Sciacc ....... Sciacc"

La mia figa è stata picchiata ripetutamente ed puntualmente. Più e più volte, rapidamente. Interrotta solo da pizzichi brevi e taglienti al mio clitoride.

Questo tipo di tormento era l’apoteosi del dolore e del piacere.

Ma improvvisamente si interruppe.

Ho sentito dei movimenti attorno a me e poi, prima la mia caviglia, e poi i miei polsi, sono stati liberati.

Mi è stato concesso pochissima pace prima di essere spinta a quattro zampe, a pecorina.

Le cinture di seta mi furono rimesse completamente dai polsi e dalle caviglie.

L’uomo che controllava ci ha messo un po' di tempo a posizionarmi proprio come voleva.

Le mani poi si misero all’opera, e iniziarono a spremere vigorosamente le mie tette incrostate, rompendo la cera, rimuovendo tutto.

continua con 2/3

Questo racconto di è stato letto 2 6 4 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.