Una giornata all’eria aperta

Scritto da , il 2020-11-23, genere etero

Quella mattina mi son svegliata di buon umore..
Mi sentivo bella,desiderabile e così,dopo la doccia e il mio impeccabile trucco con il rossetto alle labbra,decisi di mettermi il mio vestitino morbido con scollatura a V profondo e uscire a piedi per le vie del paese..
Ad ogni passo fatto,avevo un uomo di fronte pronto a lasciarmi gli occhi addosso...
Se passavi accanto a qualcuno,commentava il mio buon profumo..
Se mi voltavo,vedevo gli uomini girati a guardarmi...
Mi sentivo bella .. è desiderata da chiunque quella mattina.
Mentre passeggio e sento il vento muovere il mio vestito,vedo dalla finestra di un appartamento a piano terra un uomo e una donna ,nudi,in piedi che si baciano.. lui con la mano sinistra nel suo seno e lei con la mano nel suo bel membro rigido e lungo ..
Mi fermo lì di fronte ,quasi appoggiata al vetro e iniziò a guardarli..
Loro continuano a baciarsi senza accorgersi della mia presenza.. io inizio a sentire un calore nel ventre e comincio a muovermi da sola,con le mani poggiate al vetro ..
Lui si abbassa e inizia a leccare i capezzoli di lei,lei inizia a mettersi le sue dita dentro di lei e a masturbarmi con movimenti circolari,così inizio anche io a spostare il mio piccolo perizoma e ad imitare i suoi movimenti ..
Lui leccandola verso l’alto,si alza e la gira.. lei si poggia con le sue mani nel vetro della finestra e lui si mette dietro .. quindi ci ritroviamo io e lei faccia a faccia divise da un vetro e lui dietro di lei cn gli occhi puntati sui miei.
Continuano con aria di sfida ,lui la penetra analmente e con la mano destra le tocca il clitoride e con la mano sinistra le stringe un seno... io eccitatissima inizio a far uscire un seno dalla mia scollatura toccandolo e con l’altra mano continuo a masturbarmi... sono bagnatissima .. loro continuano e io continuo con la mia masturbazione in piedi con una mano poggiata al vetro e le mie due dita bagnate dentro ...
Lui mentre la penetra mi chiede se voglio entrare e senza dire una parola faccio capire che è la cosa che desidero di più.. così mi apre la finestra ed io,mi getto nel seno di lei... lo lecco,mentre lui mi prende da dietro e mi fa sentire tutto il suo desiderio.,
Io masturbo lei con le mie due dita ancora bagnate del mio eccitamento,la tocco,la lecco,la stringo ,. Lui continua con i suoi movimenti mentre mi stringe il mio seno turgido ..
Sento il bisogno anche di assaggiare lui,così mi giro,mi metto in ginocchio e inizio a leccare il suo pene come se fosse un gelato pieno di panna... una mano nei testicoli,una mano poggiata nel suo fianco e la mia lingua che lo lecca dal basso verso l’alto mentre lo fissò dritto negli occhi... non riesce a trattenere il suo piacere molto a lungo e... tutto il suo liquido me lo ritrovo in faccia come fosse crema ..

Questo racconto di è stato letto 1 8 0 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.