La cuginetta - Capitolo 8

Scritto da , il 2020-10-16, genere incesti

Verso le 11 accompagnai i miei parenti in stazione. Salutai tutti con un abbraccio e un bacio sulla guancia, particolarmente frettoloso nel caso di mia cugina. Li guardai allontanarsi e ammirai il culetto di Cristina nei suoi shorts attillati. Ancora non potevo credere di essermela scopata e che tutto fosse già finito.
Mi allontanai dalla stazione, era un'altra giornata calda e soleggiata, inziai a camminare per Roma senza una meta precisa e rimuginando sugli ultimi avvenimenti. Pensai che obiettivamente non potevo sperare di instaurare una relazione con Cristina e che dovevo essere contento di aver esaudito uno dei miei più grandi desideri: trombarmi mia cugina.
Era ormai mezzogiorno e decisi di iniziare a cercare un posto dove pranzare. Avevo mangiato pochissimo a colazione e volevo farmi un bel pranzo romano. Iniziai a cercare su internet, quando mi venne un'idea. Aprii whatsapp e mandai un messaggino a Francesca, la ragazza conosciuta al matrimonio il giorno prima: "Ciao Francesca, mi consiglieresti la miglior trattoria romana dove poter mangiare per pranzo?". Rispose quasi subito: "Vai da Felice a Testaccio". Replicai: "Grazie, ti va di farmi compagnia?". Passò qualche minuto e poi mi scrisse: "Ok, lì alle 13?". Le confermai e prenotai per due.
Arrivai al locale e Francesca era già lì, indossava una canottiera rossa e degli shorts (veramente corti di jeans). Era molto snella, con poco seno, ma un bel culetto rotondo. Non reggeva il confronto con Cristina (ma del resto poche ragazze erano in grado di reggerlo), ma era comunque una gran bella ragazza.
Il pranzo passò piacevolmente, mangiammo bene e Francesca mi intrattenne con storie della sua vita veramente divertenti: era una ragazzo con cui era piacevole stare. Usciti dal locale il tempo era cambiato e dei nuvoloni neri coprivano il cielo. "Facciamo un salto a casa mia a recuperare due ombrelli?" mi chiese Francesca. Accettai e iniziammo a dirigerci verso casa sua. Iniziammo a sentire qualche goccia e poi improvvisamente prese a diluviare. Cominciammo a correre, ma arrivati a casa di Francesca eravamo fradici.
"Vado a cambiarmi, tu usa pure quel bagno" mi disse Francesca dandomi un asciugamano. La mia maglietta era completamente inzuppata ed era impossibile rimetterla, perciò uscii a torso nudo dal bagno. "Fra, hai una maglietta da prestarmi?" chiesi entrando nella sua camera. La trovai che si asciugava i capelli con il phon, si era tolta i vestiti bagnati e indossava solamente un push-up e un tanga che esaltava il suo culetto rotondo. "Ah scusa" le dissi girandomi e facendo per uscire dalla stanza. "Dai non fare il bigotto, non è che quando vado in spiaggia sono molto più coperta, per dirne una" disse lei. Mi girai verso di lei e sorrisi. "Però che fisicata" aggiunse ammirando i miei pettorali e addominali scolpiti. "Anche tu sei bella in forma" replicai io, squadrandola da capo a piedi. Aveva un fisico asciutto, tonico e molto atletico reso ancora più sexy da un piercing all'ombelico.
"Non penso di avere una maglietta che ti vada bene e anche se la avessi non te la presterei per non privarmi dello spettacolo" ammiccò lei. "Va bene, ma allora anche tu non ti metti nient'altro addosso" replicai. "Non era mia intenzione" disse lei suadente. Ci fissammo un momento, poi lei ruppe il silenzio. "Non mi hai detto come è andata ieri con la tua amica". Rimasi interdetto per un attimo, poi ricordai di averle detto che avrei passato la nottata con una mia ex compagna di liceo. Mi sedetti sul bordo del letto e sospirai: "Bene nel senso che ci abbiamo dato parecchio dentro, ma purtroppo ha detto che non se la sente di andare avanti perché siamo... Emm... distanti" corressi il tiro all'ultimo prima che fosse troppo tardi. "Scusa la sfacciataggine, ma non è che lei non si è goduta la nottata come te?" mi stuzzicò lei. "Fidati che se la è goduta, urlava di piacere e mi ha pure chiesto il bis stamattina" replicai io. "Le ragazze sanno recitare molto bene e magari stamattina voleva darti una seconda chance dopo una nottata un po' così" continuò a stuzzicarmi. "Se vieni qui te lo dimostro che le ragazze le faccio impazzire di piacere" mi stupii anche io della sfacciataggine della mia risposta. Ma ancora di più mi stupii la reazione di Francesca.
Si mise davanti a me e si sedette sulle mie gambe a cavalcioni, mi cinse con le sue gambe e mi si avvicinò ulteriormente, il suo culetto era appoggiato sul mio membro che cominciò a diventarmi duro. Mi guardò negli occhi: "Allora me lo dimostri o sei solo un millantatore?".
Le misi una mano sulla guancia, la avvicinai a me e iniziai a limonarla. Rispose con passione e, quando le nostre bocche si scostarano mi disse: "Voglio mettere subito le cose in chiaro: niente cose serie, se ti dimostri all'altezza ti voglio solo come scopamico, ti sta bene? Se no ci fermiamo qui". "Se ti dimostri all'altezza per me è perfetto" replicai ridendo io. Ci baciammo ancora, poi mi disse "Ora vediamo cosa hai qua sotto che continua a spingere sul mio culetto". Mi slacciò i pantaloni e abbassò le mutande, liberando il mio cazzo duro. Non riuscì a nascondere lo stupore per le dimensioni, poi prese a segarmi lentamente. "Ce l'hai un preservativo?" Mi chiese. Le dissi di cercare nel portafoglio. Lo prese, trovò il goldone, aprì la confezione e mi srotolò il preservativo sul cazzo. "Basta preliminari che voglio sentire subito questo bestione dentro di me" disse Francesca e, spostandosi le mutandine dalla figa si infilò dentro il mio cazzo. Non era stretta come Cristina, ma mi sentivo che avrebbe ampiamente compensato con l'esperienza.
La cinsi con le braccia avvicinandola a me e baciandola sul collo. La sollevavo e abbassavo ritmicamente sul mio cazzo, sentendola gemere di piacere. "Allora ci credi che le ragazze le faccio impazzire di piacere" ansimai. "S-stai andando benino-oh, ma-ah se mi lasci il controllo-oh ti faccio-oh venire in un secondo-oh" rispose lei cercando di nascondere il suo godimento. "Challenge axceppted" ribattei.
Mi mise una mano sul petto e mi spinse con la schiena sul letto e mi disse di scivolare indietro. Ora ero completamente sdraiato e Francesca si sfilò completamente le mutande e si mise a gambe aperte poco sollevata sopra il mio cazzo. "Pronto a essere cavalcato come mai nella tua vita?" mi provocò. "Pronto" risposi. Dentro di me pensai che per nessuna ragione al mondo sarei dovuto venire prima di lei.
Francesca se lo infilò nuovamente dentro e iniziò a cavalcarmi con un vigore inaspettato. Si muoveva in modo forsennato su e giù ad una velocità incredibile. Capii che vincere la sfida del venire dopo sarebbe stato difficile. Era come una cavallerizza impazzita e osservarla era uno spettacolo estremamente eccitante. I capelli biondi le cadevano disordinati sulle spalle, il suo corpo nudo, a parte per il push up che indossava ancora, si muoveva meravigliosamente su e giù esaltando il suo ventre tonico su cui rimbalzava il piercing all'ombelico. Il pube era depilato a parte per una sottile strisciolina di pelo biondo che le dava un'aria da porcellina estremamente arrapante. Per vincere la sfida dovevo passare al contrattacco, le misi le mani sul culo e iniziai a assecondare i suoi movimenti muovendo i fianchi con vigore. Ansimavamo e gemevamo entrambi rapiti dal piacere, mentre il letto cigovalava sotto la nostra foga.
Francesca realizzò che stava perdendo il controllo, ma riuscì a rantolare: "Per ora-ah te la-ah-ah sei cavata-ah-ah, ma-ah ora-ah arriva-ah-ah la mia-ah mossa-ah segreta-ah". A quel punto diminuì la velocità e iniziò a fare un movimento incredibile: ogni volta che scendeva sul mio cazzo andava giù fino in fondo e dava un colpo di bacino in avanti, la sua striscia di peletti grattava contro il mio pube. Ero totalmente impreparato e quasi venni al primo colpo tanta era la scarica di piacere che mi diede. Cercai di riprendere fiato mentre Francesca continuava a salire, scendere, dare un colpo di bacino, stringere attorno al mio cazzo e risalire, stavo impazzendo dal piacere, ma dovevo resistere. Diedi il tutto per tutto e iniziai a muovere anche io i fianchi in su e in giù cercando di spingermi il più in profondità possibile. Il mio cazzo pulsava di piacere, sentivo Francesca ansimare e la sua figa stringersi sempre più attorno al mio cazzo.
In quel momento pensai che non ce l'avrei fatta, ogni fibra del mio corpo vibrava di piacere.
In quel momento pensai che non ce l'avrei fatta, diedi il tutto per tutto e spinsi con i fianchi sempre più velocemente. Francesca gemeva, si inarcò indietro appoggiando le mani sul letto, non faceva più la sua "mossa", ma si muoveva su e giù a una velocità incredibile. Non riuscivo più a tenermi il piacere era insostenibile, stavo per dichiarare la mia sconfitta quando Francesca mormorò "Hai vinto" poi gridò "VENGO!". Gettò la testa all'indietro e fu sconvolta da uno shock di piacere. Avevo vinto! Potei finalmente lasciarmi andare e rilasciare tutta la mia sborra che riempì il preservativo. Non avevo mai goduto tanto in vita mia, nonostante il preservativo.
Ci sdraiammo soddisfatti e ci abbracciammo. "Hai vinto, non mi capita praticamente mai di perdere" disse. "È vero, ma nessuno mi aveva fatto mai godere tanto come te oggi" ammisi. Francesca tirò fuori una canna e la fumammo insieme. "Era tua cugina vero?" mi chiese all'improvviso. "Scusa?" risposi io. "La tua presunta ex compagna del liceo, so benissimo che era una balla" disse lei. "Ma tu sei fuori" cercai di dissimulare. "Guarda per me non è un problema, siete entrambi bellissimi, ci sta che vi facciate delle scopate, ma poi è tua cugina, non tua sorella!". Allora le raccontai tutto quello successo il weekend fino al troncamento di quella mattina. "Guarda avanti, sei un ragazzo bellissimo e ci sai decisamente fare, ti correranno dietro mille ragazze". Aggiunse. "Devo scappare o perderò il treno" dissi. La baciai, mi rivestii e andai in stazione.
Ero esausto e sul treno crollai quasi subito addormentato ripensando a che weekend pazzesco avevo appena concluso. Una domanda mi frullava in testa: dovevo ritentare con mia cugina o concentrarmi su Francesca o altre ragazze?



---------------------

Ps Voglio provare a rendere le storie un po' più interattive sulla base dei vostri commenti.
Su chi preferite si concentri il nostro protagonista: la cugina Cristina, Francesca o qualche altra ragazza?

Questo racconto di è stato letto 8 4 2 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.