La cuginetta - Capitolo 6

Scritto da , il 2020-10-13, genere incesti

Arrivati all'albergo fremevo dall'eccitazione. Facemmo rapidamente i programmi con i nostri genitori pwr il giorno seguente e salimmo verso le camere. Il mio cuore batteva all'impazzata.
Non facemmo in tempo ad entrare in camera e già eravamo avvinghiati in un abbraccio, baciandoci intensamente. Le nostre bocche sembravano non volersi staccare. Mi levai la giacca e la cravatta buttandole in terra, misi le mani sotto le cosce di Cristina e la sollevai spingendola contro la porta. Agitando le gambe calciò via le scarpette mentre mi passava le mani tra i capelli della nuca, le nostre lingue continuavano ad accarezzarsi e giocherellare. Mi staccai dalla sua bocca e presi a baciarle il collo, facendola ansimare. La sollevai nuovamente di peso e la gettai dolcemente sul letto. "Sei bellissima" le dissi mentre, guardandola dall'alto in basso mi sfilavo calze e scarpe. Mi sorrise e mi inginocchiai sul pavimento davanti a lei. Le sollevai il vestito sopra i fianchi e incominciai a baciarle le gambe, partendo dai piedi e salendo sempre più su. Cominciai a baciarle un ingiune poi l'altro, poi il pube sopra le mutandine. "Leccamela tutta" la sentii dire.
Le afferrai le mutandine con i denti e gliele sfilai usando solo la bocca. Le osservai da vicino, era perfettamente depilata e riuscivo a sentire il calore che sprigionava. Le grandi labbra formavano un perfetto ovale al cui interno si aprivano le piccole labbra di un rosa delicato con una forma che ricordava un petalo di rosa. Si capiva che era la figa di una diciannovenne, ancora bella stretta e pronta a soffocarmi dal piacere.
Presi a darle dei baci tutto intorno e delle leccate veloci, poi mi concentrati sempre più sulla parte interna alternando dei bacini a dei piccoli colpetti con la lingua. La sentivo ansimare e mi spinsi sempre più avanti facendo guizzare la lingua fuori e dentro la sua vagina, sempre più bagnata. Aveva un sapore buonissimo, dolce come una caramella e avrei voluto leccarla per ore. Mi spostai con la lingua verso il clitoride e iniziai a leccarlo con dei piccoli movimenti circolari, la sentivo gemere e tremare dal piacere. Aumentai l'intensità. Stava godendo come una pazza e con le gambe mi cinse la testa come per non farmi allontanare. Presi a leccarla con ancor più vigore, finché inarcò la schiena e, un attimo dopo, urlando di piacere, mi squirtò in faccia. Quando mi liberò dalla sua morsa, gattonai sul letto sopra di lei e presi a baciarla. Cominciò a slacciarmi la camicia e a massaggiarmi pettorali e addominali. Mi sollevai sulle ginocchia, mentre stavo cavalcioni su di lei e mi tolsi del tutto la camicia, mentre lei si sfilava dal capo il vestito. Le restava addosso solamente il reggiseno. Le sorrisi, mi sorrise e si sfilò pure quello. Giaceva completamente nuda sotto di me. Era meravigliosa, sicuramente la ragazza più bella con cui fossi mai stato.
Inizia a baciarle il collo, scendendo pian piano, le baciai le tette, mordicchiandole i capezzoli turgidi, continuai a scendere baciandola la pancia, l'ombelico e, nuovamente, la figa. Era completamente bagnata. Mi sollevai in piedi in fondo al letto, slacciai la cintura, levai pantaloni e mutande, liberando il mio membro che, finalmente, si alzò completamente eretto. "Lo hai già fatto vero?" le domandai preso da un improvviso dubbio. "Esiste ancora qualcuno vergine a 19 anni?" rispose ridendo lei. "Mi metto il preservativo e ci siamo ok?" le chiesi. "Non serve, prendo la pillola" ribatté lei.
Sorrisi, me la sarei goduta ancora di più. Scoprii la cappella e le chiesi "Pronta?". Fece sì con il capo mordendosi le labbra.
Mi misi nuovamente a cavalcioni e iniziai a picchiettarle la cappella sulla figa. Poi le posi le mani sui fianchi e presi a sfregarle l'asta del mio pene sulle piccole labbra con un movimento di bacino, continuai per un po' sentendola calda e bagnata, tremare sotto di me. "Ti prego cuginetto mettimelo dentro mi stai facendo impazzire" implorò lei. Risi e affermandomi il cazzo con una mano le infilai solo la cappella. "Così va bene?" scherzai. "No, lo voglio tutto ti prego" supplicò lei. Spostai le mie mani sulle sue, intrecciando le nostre dita, mi protesi sopra di lei, le sorrisi e, con un movimento di fianchi lo spinsi dentro di lei. Si morse il labbra dal piacere e incominciai a muovere i fianchi avanti e indietro dolcemente. La sua figa era molto stretta, umida e avvolgeva perfettamente il mio cazzo, provocandomi un piacere intenso. Mi protesi ulteriormente verso di lei e ci baciammo intensamente, mentre con i fianchi aumentai l'intensità. Si staccò dalle mie labbra e prese ad ansimare mentre le baciavo il collo. Con il bacino alternavo delle pompate avanti e indietro a dei movimenti circolari. Sentivo la sua figa stringersi attorno al mio cazzo con contrazioni sempre più forti e frequenti. Era una sensazione incredibile.
"Qu-quanto è gr-grosso, mmm-i fai imm-pazzire cu-cu-gino" balbettò lei. Mi tirai un po' su e le sollevai le gambe sopra le mie spalle per spingermi ancora più in profondità. Cristina gemeva di piacere, mentre continuavo ad aumentare di intensità.
"T-ti voglio più vi-vicino" mormorò. Le abbassai le gambe e gliele feci piegare, sdraiandomi sopra di lei. Mi mise le mani sulla schiena abbracciandomi dolcemente. Aumentai ancora l'intensità, i miei fianchi si muovevano freneticamente e sentivo la sua figa stringersi sempre di più. Ridistese le gambe gettando indietro la testa con gli occhi socchiusi, era rapita dal piacere. Mi sollevai sulle braccia per osservarla meglio. Il suo viso era una maschera di piacere e godimento, le sue tette sballonzolavano su e giù con i capezzoli eretti a ogni mio colpo. La sentivo veramente vicino al limite. Aumentai ancora la velocità e mi cinse i fianchi con le gambe, sentivo delle fitte di piacere mentre la sua figa stretta avvolgeva sempre più il mio cazzo, il mio scroto le picchiettava sulla parte bassa della figa ogni volta che muovevo deciso in avanti. Cristina ormai gemeva dal piacere aggrappata alle coperte del letto. "VENGOOOOOO" gridò e squirtò nuovamente e abbondantemente. La sua figa si contrasse attorno al mio membro e dopo un altro paio di stantuffate, il piacere divenne insostenibile anche per me. Mi spinsi il più in fondo possibile e, gemendo di piacere, sparai dentro a mia cugina quelli che sembravano litri di sperma. Cristina era avvinghiata alla mia schiena ansimando.
Ricademmo esausti sul letto, ci guardammo negli occhi e sorridendoci, ci baciammo. Dopo un po di coccole cademmo addormentati, continuando ad abbracciarci nudi e felici.

Questo racconto di è stato letto 1 0 9 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.