La cuginetta - Capitolo 4

Scritto da , il 2020-10-11, genere incesti

Per tutto il matrimonio avevo la testa altrove, la cerimonia passò senza che quasi me ne accorgessi: il mio unico pensiero andava a cosa sarebbe successo quella sera al nostro rientro in camera. Sarebbe successo qualcosa? O non saremmo andati oltre quel bacio fugace?
La cena era nel giardino di una meravigliosa villa fuori Roma, appena arrivati ci furono offerti degli spritz e, finalmente, io e Cristina riuscimmo ad allontanarci dalle nostre famiglie e stare un po' per conto nostro. "Che dici andiamo a chiedere due dritte a loro due?" mi chiese Cristina indicando con il capo il fratello di Khaled che, come ci aveva spiegato, aveva sposato e avuto un figlio dalla cugina.
"Va bene però ci facciamo accompagnare dai nostri a spiegare la situazione" risi io. "Penso che mio padre ti castrerebbe seduta stante se lo sapesse" disse lei.
"Addirittura? Al massimo mi taglierebbe la lingua, anzi neanche considerando che l'unica cosa che c'è stata è stato un bacio a stampo" ribattei io.
"Oggi sì, domani chissà" ammiccò lei.
Prima che potessi rispondere arrivò un cameriere per portarci al nostro tavolo. Il "tavolo dei giovani" che era stato dedicato a noi e altri 3 ragazzi e 3 ragazze. Quando arrivammo erano già tutti seduti.
"E voi da che film uscite?" chiese la ragazza bionda accanto a me quando ci fummo seduti. "In che senso?" domandai. "Siete una coppia bellissima, sembrate due attori!" disse lei. "Ahhaha no non siamo una coppia, lei è mia cugina!" replicai. "Ma sai che in questa famiglia non è un problema" rise lei.
Per tutto il resto della cena Francesca, la ragazza bionda, continuò a flirtare con me e, in circostanze normali, sarei stato al gioco e credo mi sarei fatto una bella scopata, ma quella sera avevo in testa solo Cristina. Intanto la mia cuginetta stava calamitando le attenzioni di tutta la metà maschile del tavolo e come biasimarli! Ragazze così belle sono una rarità e, quella sera, tutta in tiro per l'occasione, era semplicemente uno schianto.
Dopo la cena e il taglio della torta misero su la musica e Francesca mi trascinò a ballare con lei. Si muoveva molto bene ed era molto sensuale, ma la mia testa era altrove e con lo sguardo cercavo sempre la mia cuginetta che era sempre circondata da tre ragazzi che la mangiavano con gli occhi.
"Ti vedo distratto, non sono abbastanza bella per te?" mi chiese Francesca. "Scusami, sei una bellissima ragazza, ma stanotte ho un appuntamento con una ragazza che sogno da anni" risposi io.
"E chi sarebbe?" domandò lei. "Una mia ex compagna di liceo che si è trasferita a Roma per l'università" inventai io. "Capito, comunque se cambi idea ti lascio il mio numero" disse.
Ci scambiammo i numeri e andammo a berci un drink. Ci raccontammo le nostre vite e fu piacevole chiacchierare con lei, ma quella sera avevo in testa solo Cristina anche se l'avevo completamente persa di vista.
Mi allontanai da Francesca per andare in bagno, entrai chiusi la porta dietro di me e poco dopo sentii bussare. "Occupato" dissi. Bussarono ancora più forte. "OCCUPATO" gridai mentre me lo scrollare e riinfilavo nei pantaloni. Bussarono ancora. Aprii e trovai Cristina che, sorridendo, mi spinse dentro e chiuse la porta dietro di sé. Mi gettò le braccia al collo, ci guardammo un attimo e iniziammo a baciarci. Fu un bacio intenso, le nostre lingue guizzavano dentro e fuori dalla bocca dell'altro, incontrandosi e intrecciandosi a metà strada. La spinsi dolcemente contro la parete e lei si ritrasse: "Di' a quella troietta di Francesca che sei solo mio stanotte" bisbiglio.
Ricominciammo a baciarci e sollevò una gamba cingendomi dolcemente. Le infilai una mano sotto il vestito, risalendo fino alla cosica e su fino al suo culetto. Era incredibilmente sodo e incomincia a palleggiarlo per godermela appieno. Le nostre bocche si separarono ansimando e iniziai a baciarle il collo, mentre con la mano salii verso le sue mutandine, pronto a sfilargliele. Mi spostò una mano sul petto e mi scostò leggermente: "Calma tigrotto, per quella dovrai aspettare stanotte" mi sussurrò. Mi spinse via delicatamente, si ricompose e mi disse, mettendomi una mano sul pacco ormai di marmo sotto i pantaloni. "E mi raccomando di a Francesca che questo giocattolo è solo mio per stanotte". Mi baciò profondamente e uscì dal bagno sculettando.
Non potevo crederci, mi aveva appena fatto capire che stanotte si sarebbe concessa. Con il cuore a mille tornai alla festa, non vedendo l'ora dell'arrivo del taxi per tornare in albergo.

Questo racconto di è stato letto 1 0 4 8 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.