Slave CAP. 5

Scritto da , il 2020-10-06, genere bondage

-il risveglio-

Mi sveglio, sono nel mio letto forse ieri i miei padroni m’hanno portata qui, mi alzo e mi guardo allo specchio, zoppico e ho una vistosa cicatrice sulla natica sinistra, non si capisce bene il disegno sembra una sorta di V in un cerchio, il lucchetto che ho sulla vagina pizzica un pochino ma non fa male.
Preparo le colazioni e aspetto il risveglio dei padroni.
Poco dopo li vedo entrare in salotto li saluto come sempre, sono interessati alla mia cicatrice, la padrona è contenta secondo lei verrà molto bene.
Mi lasciano tranquilla per l’intera giornata, non vogliono stressarmi ulteriormente, solo in serata il padrone mi chiede di esaminare la cicatrice, da quel che mi sembra di capire ci tengono molto al marchio..mi faccio coraggio e chiedo come mai ci tengono tanto
Padrona - E’ un segno d’appartenenza che terrai per tutta la vita e soprattutto di sottomissione a noi, farti marchiare per sempre e affidare a noi la tua sessualità c’ha fatto capire quanto tu sia legata.
La serata passa veloce come tutto il resto della settimana, con il passare dei giorni torno nuovamente ad essere la schiava di sempre e con il passare del tempo la cicatrice si riassorbe lasciando sul mio corpo uno splendido marchio.
E’ passata una settimana ormai la cicatrice è riassorbita e il marchio è ben visibile, è venuto bene!
Ho imparato a convivere con il lucchetto che m’impedisce anche la masturbazione, oggi i padroni non lavorano ma sono indaffarati ad organizzare qualcosa, la mattina passa tranquilla preparo il pranzo e lo servo a tavola io come sempre mangio a terra nella ciotola, Matilde tra un boccone e un altro mi dice
Matilde - Dopo pranzo fatti una bella doccia poi vai il camera tua, ti farò trovare dei vestiti dobbiamo uscire e andare in un posto insieme.
Non faccio domande, annuisco semplicemente, sono quasi 4 mesi che non esco dalla villa e onestamente sono felice di rivedere il mondo.
Finisce il pranzo, sparecchio la tavola e dopo aver lavato i piatti vado il bagno per farmi la doccia, non ci metto molto esco subito, mi guardo nel grande specchio che c’è nel bagno, nonostante i capelli siano ancora cortissimi sono una strafica, le polsiere e le cavigliere che porto regolarmente mi eccitano, mi fanno sentire quello che voglio essere.
Mi dirigo nella mia stanza, sul letto c’è un abito da sera, nero lungo molto attillato con uno spacco sulla coscia vertiginoso, adagiato sul letto c’è anche un plug, molto grande..è d’acciaio lungo circa 10cm e largo almeno 3..Nonostante ne porto uno tutti i giorni fatico abbastanza per farlo entrare, la testa è ergonomica e dall’esterno non si vede, poi infilo l’abito ovviamente non c’è l’intimo e il vestito non nasconde molto, è di pizzo in trasparenza si vedono quasi perfettamente i capezzoli e fa forma del mio culo, non mi vengono date nemmeno le scarpe.
Mi guardo nuovamente allo specchio, in abito da sera con i capelli cortissimi le cavigliere e le polsiere, sembro e sono proprio una schiava di lusso.
Scendo in salotto c’è solo Matilde, mi guarda e mi dice che sono perfetta, anche lei è vestito di tutto punto.
Matilde - Andiamo a cena da amici, Giulio ci raggiunge dopo, ci divertiamo questa sera
Usciamo ad attenderci fuori c’è una grossa auto con autista..un ragazzo di colore alto e muscoloso vestito con giacca e cravatta, conosce molto bene i nostri ruoli, apre lo sportello posteriore alla mia padrona e la fa accomodare poi le chiede LA SCHIAVA LA SISTEMO NEL BAGAGLIAIO O DIETRO CON LEI.
Matilde - Magari al ritorno, ora è meglio che resta qui
Entro in auto incuriosita, l’autista arriva l’auto e parte.

Questo racconto di è stato letto 1 7 5 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.