Vacanze hot in Sardegna - 3

Scritto da , il 2020-09-14, genere etero

La vacanza stava andando benissimo. Il villaggio era splendido, il posto ideale per me e Carlo: ottima ristorazione, ambiente elegante, attività ricreative interessanti, ma soprattutto la frequentazione era ad altissimo livello. Tutti gli ospiti (in verità pochi sia per le dimensioni del villaggio, un posto d’elite, sia per l’emergenza Covid) erano del nostro stesso livello sociale e economico, culturale ma soprattutto di “mentalità”. La spiaggia, privata e chiusa al pubblico, era aperta anche al nudismo integrale, il personale di qualsiasi livello, sia sardo che di altre provenienze, era disponibile a qualsiasi “richiesta” di noi clienti. Mio marito, oltre a scoparsi per tutta la vacanza lo skipper della barca del villaggio (vedi il racconto), svariate volte si è fatto masturbare o spompinare da un giovanissimo cameriere sardo di 21 anni e da una inserviente addetta alla pulizia delle villette, una ragazza somala di 23 anni. Certo, queste “prestazioni” le garantisce il villaggio, ma poi il cliente deve elargire una lauta mancia al personale e allo staff…si, una prostituzione autorizzata, ma anche un servizio aggiunto che garantisce che molti di noi tornino la volta prossima!!

Io mi ero fissata con Gloria, la giovane avvocata di Como, e con i tre nordafricani addetti alla manutenzione. Avevo aocchiato altri uomini, ma devo dire che Carlo mi soddisfava tutti i giorni, più volte al giorno, ed ero sazia di cazzo! La scopata con lo skipper e mio marito mi aveva smosso altre voglie, in venticinque giorni di vacanza potevo permettermi altre scappatelle…

Ormai Carlo andava in gita in barca quasi tutte le mattine, certamente a scoparsi il giovane skipper, anche delle volte c’erano altre persone in barca. Comunque tonava sempre felice e rilassato, spesso dopo pranzo, e non mancava comunque di scoparmi come un toro infoiato al fresco della nostra camera da letto della villetta, con l’aria condizionata che ci rinfrescava. Quest’anno in Sardegna ha fatto veramente caldo…

Io la mattina andavo al mare con Clara, che ormai si era innamorata di me, e ci mettevamo nel settore nudista, a prendere il sole magnificamente nude, e ci divertivamo ad ogni passaggio di uomini davanti a noi ad aprire leggermente le cosce e far schiudere le fiche…adoravamo vedere i cazzi, di ogni tipo e dimensione, subito alzarsi!

Clara stava uscendo dal guscio…a quelle visioni lei si eccitava, ed anch’io così la spingevo dietro una duna, la buttava sulla sabbia, e le leccavo morbosamente la fighetta rasata e tenera, facendola venire in splendidi orgasmi multipli! Mentre la leccavo, le infilavo un paio di dita in culo, provocandogli un leggero dolore con le unghie, ma anche un lancinante piacere….il suo culetto si stava aprendo lentamente sempre di più!!

Dopo un paio di ore di mare, la portavo nel mio villino, e facevano delle estenuanti sedute di sesso lesbico al fresco dell’aria condizionata…sulle lenzuola di lino…tra profumi d’ambiente e prosecco fresco nel nostro frigobar.

La prima volta in camera, la misi nuda sul letto, le leccai la fica e il culetto sino a farla impazzire, ma senza farle arrivare l’orgasmo, poi presi dall’armadio, dalla mia collezioni di vibratori e dildi, il più grosso strap-on che avevo portato. Lo allaccia bene, bello dritto e lo lubrificai tutto…e Clara mi guardò inorridita!!

Gli dissi “tesoro, è ora che tu perda la verginità nel culo, non puoi andare avanti così…devi farti sfondare il culo e ti sentirai più donna, più libera…e se tuo marito non lo fa, lo faccio io, fidati, da una donna è meglio…” la giovane avvocatessa mi guardò senza fiato, a bocca aperta, con la paura negli occhi guardando l’enorme dildo che svettava tra le mie cosce.

La coccolai un po', la baciai su tutto il suo splendido e giovane corpo, aveva un fisico eccezionale, tonico, magro, depilato alla perfezione, le unghie perfette, i capelli lunghi e morbidi…passai ovunque con la lingua, fermandomi più sullo splendido seno, una terza misura perfetta, dritta e soda, con i capezzoli ideali e appuntiti dall’eccitazione come chiodi di ferro…le strusciavo addosso il dildo, umido di gel, duro…e sentivo che si stava eccitando come una vacca in calore!

I nostri corpi erano attaccati morbosamente, lascivi, caldi…eravamo abbronzate, morbide, eccitate, torbide…lei respirava a fatica, l’emozione le tagliava il fiato…le leccavo continuamente i capezzoli e le orecchie, i suoi punti erogeni più forti. Tremava…

Mi misi sopra di lei, lei istintivamente aprì le meravigliose cosce, lunghe e tornite, presi il dildo per la cappella e lo puntai sulla fica e lentamente, molto lentamente, lo feci scivolare dentro…Clara spalancò gli occhi, emise un flebile gemito, si strinse al mio corpo come una bambina impaurita…affondai tutto il cazzone di gomma dentro, forse lacerandola in qualche punto della vagina…cercai di essere tenera e attenta, ma anch’io ero eccitatissima…lei continuava a gemere, miagolava come una gattina man mano che gli entravo dentro, ogni tanto spalancava gli brillanti occhi celesti e mi guardava atterrita per quello che gli stavo facendo!! Spingevo con il bacino il dildo sempre più a fondo, fissandola in viso per godermi, sadicamente, di quelle espressioni di dolore e piacere, sino a quando arrivai a infilarlo tutto e senti le nostre pance toccarsi. La lasciai respirare, poi iniziai a scoparla lentamente, molto lentamente, facendo in modo che la sua vagina si abituasse alle dimensioni del mio fallo. Capisco bene lo sconvolgimento che si sentiva, ogni volta che Carlo o un uomo con un cazzo enorme mi entra dentro ho bisogno di qualche secondo per assestarmi con la passera.

Poi cominciai ad aumentare la velocità, l’affondo del cazzo di gomma, diedi sempre più forza col bacino, sentivo quasi il dildo affogare nelle sue teneri carni intime…deve essere meraviglioso per un uomo scoparci…li capisco un po' ogni volta che indosso uno strap-on e mi scopo qualcuno (uomo o donna..)!!

Clara era senza fiato, viola in viso, le braccia mi cingevano il collo, quasi a sostenersi, e tremava ad ogni affondo del cazzo…e mormorava “Marinella…Marinella…è bellissimo…oddio santo…oddio che meraviglia…mi sento squarciata in due…mi arrivi alla pancia, mi stai sfondando…oddioooo….non ho mai avuto un cazzo così grosso dentro…oddiooooo che belloooo!” e sentivo come vibrava dal seno, attaccato al mio, i capezzoli fremevano, le pupille allargate…e ansimava ad ogni colpo le davo. Poi cominciò ad urlare veramente, di gola, aumentai il ritmo sfondandola con violenza…quasi mi soffocò con le braccia al colo, ebbe un orgasmo spaventoso…mi urlò in faccia il suo godimento…tremava tutta….era sconvolta!

Dopo qualche altro colpo violento, per farle terminare l’orgasmo, uscii fuori, gli alzai il bacino e iniziai a leccargli la fica…era tutta pulsante, fradicia, perdeva umori come una fontanella…era meravigliosa!

Clara si riprese dopo qualche minuto, le massaggiai la passerina per farla rilassare, mantenendola eccitata, ci baciammo appassionatamente, le nostre lingue si rincorsero nelle bocche, si legarono, lei timidamente scese lungo il mio corpo, arrivò al seno è indugiò sui capezzoli, leccandoli e baciandoli inesperta ma dolcissima e eccitante…la spinsi per i capelli giù verso il pube, la pancia, la micetta…togliendo lo strap-on. Clara aveva ancora esitazione ma iniziò a leccarmela bene, con passione tutta femminile, picchiettando sulla clitoride, leccando gustosamente le labbra della vagina…stavo godendo come una troia in calore!!! Gli spingevo il dolce visetto tra la fica…volevo che mi mangiasse tutta, che mi divorasse il mio sesso…le sborrai litri di umori in faccia…ebbi un orgasmo incredibile!!

Le sussurrai “Clara, non essere timida…non sei più una verginella ormai…infilami due dita in culo, ti prego…penetrami in culo…e leccami ancora la figa…dai troietta…lo sento che vuoi fare la puttana con me…solo con me…” Clara mi sorrise, finalmente diabolica…si mise in bocca il medio e l’indice, io gli alzai il culetto, lei avvicino all’no le due dita e lentamente, molto lentamente quasi timorosa le infilò dentro…fu meraviglioso!! La sentivo emozionata, esitante ma entrò decisa, infilando tutte le dita per intero, e iniziò a muoverle bene dentro, esplorandomi tutto lo sfintere. Era bravissima…noi donne siamo naturalmente nate per essere lesbiche!!

Assestate le dita in culo, riprese a leccarmi la fica, con sempre maggiore naturalezza e esperienza…mi scopava con le dita e mi pallava come un agnellino la passera: ebbi un altro orgasmo spaventoso!!

Clara mi lasciò riposare, ma io ero eccitata da matti…la presi e la distesi ancora a cosce alte e larghe, lei era completamente succube delle mie richieste e ordini. Guardandola negli occhi, mi riallacciai lo strap-on, presi del gel lubrificante e glielo spremetti dentro al culo! Clara inorridì…diventò viola dalla paura…provò ad alzarsi “noo senti Marinella, ti prego, questo no…è troppo grosso, mio dio…mio marito ha provato a incularmi, ma mi faceva troppo male…ed ha un cazzo piccolo piccolo…ti prego, aspetta!!”

Ma io ero troppo eccitata di sverginarla anche nel culo…dovevo incularla! La rimisi giù con violenza, come un uomo che vuole violentare la sua preda (e devo dire che la sensazione è molto bella, da parte del maschio…).

Clara capisce che non scherzo, ma anche lei vuole provare questa nuova esperienza. Le allargo le cosce, le massaggio l’ano per ammorbidirlo, spingo dentro il gel con le dita, iniziando già a scoparla, Clara geme, le metto poi la cappella sul bordo della rosellina…spingo, ancora spingo e ancora, con forza ma attenzione, l’ano si dilata a vista d’occhio…è una visione bellissima!! La cappella enorme entra solo a metà e Clara già urla…spingo, incurante delle sue grida…la cappella entra tutta…l’avvocatessa di provincia quasi mi sviene davanti…spingo il cazzo dentro millimetro per millimetro…la giovane ha gli occhi rivolti all’indietro, come sincopata, geme come posseduta dal diavolo…si contorce sul lecco, le cosce sono tese, il seno è gonfio dall’eccitazione…è impazzita!! Spingo il dildo sempre più dentro, trovo una minima resistenza dei muscoli anali, ormai gli avevo sfondato lo sfintere, l’avevo finalmente sverginata per bene nel culetto!!

Inizia una lentissima inculata, estraendo sul bordo della cappella il gigantesco dildo, e rimettendolo dentro piano piano, fino a metà, perché tutto l’avrei sfondata negli intestini…tornavo indietro e rientravo, assaporando ogni affondo in quella carne tenera e accogliente. Peccato non poter sentire, per noi femmine quando scopiamo con lo strap-on, il calore, le contrazioni, l’umidità, del buco nel quale entriamo!

Però sentivo Clara con il resto del mio corpo, e stava comunque godendo come una maiala, nonostante il forte dolore…fremeva, singhiozzava, aveva le lacrime negli occhioni dolci...e io le spingevo il cazzone sempre più dentro, più a fondo, ero arrivata oltre la metà, affondai sempre di più…Clara si alzò di scatto urlando come una pazza, guardai il dildo: ero arrivata a infilargli nella fregna quasi tutti i 30 cm di cazzo di gomma!!

Per non farla rilassare comincia a scoparla nel culetto come un treno, imitando i movimenti e il ritmo di mio marito quando mi incula…e Clara iniziò a urlare di godimento e di dolore insieme, era meravigliosa, si dimenava sul letto, i capelli volavano da tutte le parti, non riusciva a stare ferma…non ho mai visto una donna reagire così al cazzo nel culo!! Le mani si aggrappavano dal dolore alle lenzuola bianche di lino, il viso era contratto in una smorfia…spingevo il cazzone dentro, lo ritraevo, rientravo, la stantuffavo come un pistone…era bellissimo, io ero al settimo cielo, avevo la fica in fiamme, avrei voluto Carlo dietro di me a incularmi a mia volta…mi misi un dito in culo ed era bagnatissimo e slargato…sarei stata perfetta e pronta!

Mentre mi inculavo la mia dolce compagna di giochi, mi pizzicavo i seni, aumentando il mio piacere…poi passai a pizzicargli i suoi e dopo passai a stimolargli la fica, masturbandola violentemente e senza nessuna pietà, strusciando la clitoride, entrando con tre dita nella fica…Clara impazzì letteralmente…sembrava indemoniata…aveva la bava alla bocca…strillava “pietà….” a squarciagola…grondava umori come una fontana…non ho mai visto una ragazza reagire così, neanche io alla sua età (e nemmeno adesso…). Credo abbia avuto 3-4 orgasmi ripetuti…devastanti, forse neanche si è resa conto di averli avuti, tanto sarà stato il dolore e il piacere insieme.

Continuai a incularla per parecchio, parecchio tempo…ero sopra di lei, imperiosa e minacciosa, il dildo entrava e usciva ormai benissimo in quel culetto ormai completamente dilatato e sfondato, ogni tanto Clara provava a chiudere le cosce dal dolore, ma io le riaprivo di forza autoritaria…che stupro fantastico, da donna a donna!!

Quando abbiamo avuto l’ennesimo orgasmo, mi sfilai, gli entrai nella passerina infiammata, la scopai per un po' “normalmente” e poi ci lasciammo andare a delle tenere effusioni nel lettone, coccolate dall’aria condizionata, da prosecco freddo, dalla musica jazz che risuonava nella stanza. Ci baciammo per parecchio tempo, io le leccai il buco del culetto per rinfrescarla, sputandoci dentro il prosecco ghiacciato…mi stavo eccitando di nuovo! Clara era veramente una ragazza dolcissima, la sua inesperienza mi inebriava, delle volte sembrava che stesse scopando con un uomo ancora, mi guardava stranita, mi sussurrava che non sapeva ancora come fossimo finite a letto, che era confusa, si sentiva strana….ma felice. Mentre parlava, le carezzavo la fichetta, dolcemente, per ricordarle che era a letto con un’altra donna, le baciavo il collo, i capezzoli…e anche lei si rieccitava, sentivo l’umido sulle dita nella passerina. Poco dopo ricominciammo scopare, la inculai nuovamente alla pecorina, con un vibratore manuale, e la feci impazzire letteralmente di orgasmi leccandole la fica!! Ci riposammo ancora…teneramente abbracciate come due amiche di lunga data, ora anche amanti…

Andammo a pranzo nello splendido e raffinato ristornate del villaggio, regalandoci aragoste sarde e vino d’annata…un ottimo finale di lesbicata!!

Questo racconto di è stato letto 3 0 5 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.