La mia vita da cane - Capitolo 2 "Le pulizie"

Scritto da , il 2020-08-10, genere dominazione

Quando tornai con le mia cose appoggiai la valigia che le conteneva nel salotto di Tamara e la aspettai sentì la sua voce dire "Oh, sei di nuovo qua. Bene, spogliati di nuovo. Non te lo dovrò più dire, come entri ti spogli ti voglio solo più vedere nudo e DA QUANDO I CANI SONO BIPEDI?!" Aveva urlato la parte finale della frase, mi misi a gattoni e mi spogliati nuovamente mettendo i vestiti piegati sulla sedia "Cagnetto! Qui!" Arrivai dove avevo sentito la voce e vidi la mia padrona intenta a cucinare della carne e delle verdure, le mise in un piatto e lo pose sul tavolo. Mentre mangio voglio che mi massaggi i piedi." Mi infilai sotto al tavolo e iniziai a massaggiarle i piedi, dopo qualche minuto così le disse "E ora la cena! Vieni qui." Uscì da sotto il tavolo mi diede una ciotola con i suoi avanzi, alcuni erano già stati masticati. Una cena squallida e avrei mangiato così per chissà quanto tempo ma non mi importava, se la padrona dava questo allora questo dovevo mangiare. Divorai tutto quello che c'era nella ciotola e poi guardai la mia padrona compiaciuta. "Non hai fatto una singola lamentela a mangiare avanzi già masticati... Dovrò solo addestrarti sull'educazione allora, perché sei già abbastanza sottomesso. Bravo". Adesso vieni in salotto. Quando arrivammo nella stanza lei si sedette su una poltrona bianca e mi disse di mettermi in ginocchio davanti a lei "Ti ho ingabbiato il pene ma manca adesso arriva il bello. Farò capire ai tuoi testicoli che loro non servono più. Adesso li prenderò a calci e li frusterò ma tu non dovrai urlare, rimarrai composto e mi ringrazierai. Più mi infastidisci più il dolore aumenterà, capirai che il tuo caro testosterone è inutile. Finirai per essere docile e ubbidiente. Capito?" "Si padrona." Appena risposi un calcio mi colpì i testicoli con una potenza inaspettata il dolore mi pervase la voglia di fare contenta la padrona era più alto "Grazie padrona" dissi con una voce sussurrata. "Mancava di convinzione eh?" Ora fu una frustata a colpirli 'Ugh... Grazie padrona..." "NON FARE GEMITI!" Due calci arrivarono rapidamente, soffocai le grida in gola "Graaaaziee..." Non riuscì a finire la frase che uno schiaffo potentissimo mi fece cadere a terra e una pioggia di frustate mi colpì tutto il corpo "NON FARE VERSI! DEVI ESSERMI GRATO! CAGNACCIO!" Urlò la mia padrona mentre continuava a prendere a calci i miei testicoli e mi frustava il resto del corpo non riuscì a parlare, pietrificato dal dolore senza poter gridare capì che servirla significava dolore e furia. Quando si fermò io inspirai e con la voce più salda che riuscì a fare dissi "Grazie padrona." "Oh finalmente hai capito che lo faccio per te." Uno schiaffo volo fortissimo sulla mia faccia "Ma ci hai messo troppo a capirlo". Dopo questa frase mi sputò in faccia, capì che era un test, se mi fossi pulito sarebbero arrivate altre frustate. Guardai in basso mentre la sua saliva mi scorreva sul viso. "Bene, vedo che capisci come funziona. Finché stai zitto e ubbidisci non ti succede nulla, il dolore è per farti imparare meglio." Mi afferrò per i capelli e mi guardò dritto negli occhi "Non hai più una dignità, lo capisci? La tua felicità è farmi felice. Il tuo corpo è mio, me l'hai donato prima. Ricordi il patto? O l'hai già dimenticato? Bestiaccia!" Abbassai lo sguardo e dissi "Lo ricordo bene, mia Signora". "Bene, allora vedi di rispettarlo." Un altro schiaffo mi colpì in faccia. "Ora a letto, hop hop. Domani mattina mi preparerai la colazione e quando avrai mangiato gli avanzi farai le pulizie di casa e ci divertiremo..." Un sorriso malvagio avanzò sulla sua bocca, fui preoccupato ma felice. L'idea di lavorare per lei mi eccitava troppo, ero ansioso di sapere quali dolori mi avrebbe impartito. Mi accucciai ai piedi del suo letto su un freddo pavimento di marmo e dopo un po' mi addormentai.
La mattina dopo mi svegliai presto, andai in cucina e iniziai a preparare la colazione per la mia padrona, mi aveva detto la sera prima di gradire un semplice tè coi biscotti ma avrei dovuto essere perfetto mentre glielo servivo. Appena la sentì alzarsi versai il tè in una tazza e misi i biscotti in un piattino, preparai la tavola e poi andai verso la sua stanza, bussai educatamente e dissi "Buongiorno mia signora, la colazione è pronta" lei uscì dalla sua stanza, il suo volto irradiava perfezione, era troppo bella e fui fiero di servire una donna così bella, la feci accomodare a tavola e le servì ciò che avevo preparato lei non mi degnò di uno sguardo io la guardai in piedi mentre lei consumava la colazione poi si alzò e mi tirò un calcio nei testicoli. Caddi in ginocchio chiedendomi che cosa avessi sbagliato "Non ti avevo detto di parlare solo se interpellato? LA MATTINA NESSUNO MI DEVE RIVOLGERE LA PAROLA! CAPITO?!" "Sì, padrona..." Dissi quasi sussurrando in preda ad un dolore che non pensavo avrei ricevuto. "Lava i piatti e metti tutto a posto, io vado a vestirmi. Al mio ritorno farai le pulizie come deciso". Dopo pochi minuti avevo finito e la vidi tornare sulle sue meravigliose décolleté, oggi era vestita con dei leggings di pelle che le esaltavano le sue meravigliose gambe ed una camicetta che le faceva intravedere il seno, i suoi meravigliosi capelli rossi erano raccolti in una cosa e sulle sue labbra brillava potente un rossetto meraviglioso, non riuscì a nascondere l'erezione che mi provocava quella visione divina ma con essa venne il dolore, il mio pene era rinchiuso dentro la gabbia e gonfiandosi mi faceva malissimo. Lei si accorse immediatamente della mia situazione e sibilò con fare maligno "In ginocchio, cane" io eseguì immediatamente "Mi hai fatta arrabbiare stamattina... E io sono molto vendicativa verso chi mi rovina il risveglio, specialmente se è un lurido cane. - PHUA! -" Il suo sputo mi colpì in faccia. "E non pensare che non abbia visto che il tuo arnese si sta ingrossando... Non sai contenere i tuoi istinti animali eh? Non sei in grado di controllarti. Bene, risolveremo questo problema... Mi vendicherò facendo capire ai tuoi genitali di essere inutili, la tua vita è farmi contenta non essere contento tu." Detto ciò aprì lo stesso cassetto da cui aveva estratto la gabbietta per il pene e ne estrasse una corda, iniziò ad avvolgerla attorno ai miei testicoli poi dopo aver stretto bene prese una tanica vuota da un armadietto e la legò all'altro capo della coda. "Bene, lavorerai con quella tanica attaccata alle palle. Appena farai qualcosa che non mi piace ci verserò dentro dell'acqua, più la tanica peserà più proverai dolore. Vediamo se basterà ad educarti. Guarda quanto mi prodigo per la tua educazione, uno sfigato come te non ha mai avuto una regina che gli insegnasse qual è il suo posto, sù, ringraziami!" "Grazie, mia signora." Risposi con orgoglio. "Bravo, mi sorprendi sempre da quanto sei remissivo e ora IN PIEDI! PRENDI LA SCOPA E LAVORA!" Mi alzai afferrai la scopa e iniziai a spazzare per terra raccogliendo la polvere con una paletta dopo poco che lavoravo sentì la sua voce dire "STOP!" mi fermai, lei mi si parò davanti, io la guardai "Chi ti ha dato il permesso di guardarmi negli occhi?" Abbassai immediatamente lo sguardo ma era troppo tardi con una bottiglia in mano cominciò a versare acqua nella tanica e le mie palle cominciarono a farmi male. "Ci è voluto veramente poco a farti sbagliare... Quanto lavoro dovremo fare eh? Su, riprendi a lavorare." Io tornai a spazzare per terra mentre la tanica pesava e mi rendeva più difficile il lavoro, ad un certo punto rischiai di scivolare e... "Ma come sei maldestro... Non va proprio bene..." Altra acqua entrò nella tanica e mi sfuggì un urletto di dolore "ODIO LA GENTE CHE SI LAMENTA! DOPPIA DOSE DI ACQUA!" La tanica ora pesava troppo ma trattenni il dolore per non averne di più e con calma continuai a lavorare e mi compresi quanto la mia padrona non fosse soltanto violenta e autoritaria come aveva già dimostrato di essere ma estremamente capricciosa, esigente e sadica... Ero convinto si stesse divertendo a vedermi faticare pulendo con questa tanica attaccata ai testicoli in preda al dolore ma ero felice al tempo stesso, era la padrona per me e l'avrei servita con tutte le sue ire e i suoi capricci perché mi faceva sentire utile alla sua Magnificenza. "Basta così... Hai pulito abbastanza." Mi slegò la tanica dai testicoli. "A quattro zampe HOP HOP!" Eseguì. "Bene, si è quasi fatta ora di pranzo. Certo che il tempo vola quando ci si diverte eh?" Sorrise con fare maligno. "Ora però prima di farti cucinare voglio che tu mi pulisca le scarpe ma con la tua lingua. Vai e leccale, rappresentano il livello a cui devi stare." Iniziai a leccare di gusto, volevo lucidarle, volevo che fossero perfette. Mentre leccavo sentì la sua mano che mi grattava la testa "Sei un bravo cagnolino... Anche se mi fai arrabbiare sai bene come servirmi. Chissà quanto dolore dovrai subire prima di diventare perfetto." Una risata maligna concluse questa frase. "E ora vai a prepararmi il pranzo che ho fame dopo potrai adorare tutte le scarpe che vorrai. Ah e oggi pomeriggio ci saranno le mie amiche, vedrai come le farò divertire con te..." Sorrise in un modo malvagio, non avevo mai visto così tanta cattiveria in un volto... Ma io ne fui felice, chissà quali indicibili torture e dolori mi avrebbero atteso quel pomeriggio... Volevo troppo sapere, cominciai a pensarci mentre preparavo il pranzo alla mia Signora.

Questo racconto di è stato letto 2 2 3 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.