La mia vita da cane - Capitolo 1 "Il patto"

Scritto da , il 2020-07-13, genere dominazione

Sono sempre stato un uomo normale, vivevo in un appartamento nella periferia di Roma e lavoravo in un ufficio poco distante da casa mia, in un'azienda dal fatturato importante finché un giorno non si trasferì nell'appartamento accanto al mio Tamara, una donna alta, rossa di capelli troppo bella. Si venne immediatamente a presentare finito il trasloco e la trovai immediatamente gentile e cordiale. Nei giorni seguenti chiaccherai un po' con lei quando la incontravo all'ingresso del palazzo o sulle scale finché non mi invitò a prendere il tè da lei un Sabato pomeriggio. Non avevo mai avuto fortuna con le donne e pensai che fosse un evento straordinario, accettai immediatamente e quel pomeriggio indossai i miei vestiti migliori per fare colpo su di lei e le potrai un mazzo di fiori.
Mi recai davanti al suo appartamento alle 17 in punto e lei mi accolse con un vestito nero molto carino che si adattava davvero bene alla sua figura, mi ringraziò per i fiori, li mise in un vaso e mi fece accomodare nel salotto e cominciammo a parlare, le raccontai del mio lavoro, della mia famiglia, dei miei interessi e di colpo lei fece cadere inavvertitamente un tovaiolo per terra, mi chinai e lo raccolsi, lo sguardo si posò sulle sue scarpe, delle meravigliose décolleté tacco 12 nere, perfettamente lucide. Devo essermi soffermato un po' troppo a guardarle perché di colpo sentì Tamara chiedermi "Ti piacciono?" Io deglutì, non vorrei si fosse fatta pensieri strano così risposi facendo il vago "Oh sì, molto carine". "Ti andrebbe di toccarle?" Mi porse il piede, senza che me ne accorsi le mie mani stavano già accarezzando tutta la scarpa, ero in ginocchio per terra e sentivo i suoi occhi puntati su di me, la sua voce si fece più autoritaria "Baciala" non pensai a nulla, le mie labbra si adagiarono su quella scarpa meravigliosa e la baciarono "Leccala" la mia lingua si mosse da sola e leccò la punta della carpa avidamente, come per lucidare qualcosa che era già perfetto, alzai lo sguardo per vedere la faccia che lei stava assumendo e smisi di leccare per un secondo; un potentissimo schiaffo mi colpì in faccia, sentì il dolore crescere e con lui l'eccitazione, capì senza rendermene conto di volere un altro schiaffo ma Tamara aveva iniziato a parlare "Ti ho detto di smettere? Continua a leccare!" La gentile e cordiale vicina si era trasformata in una violenta e autoritaria padrona. Di colpo la sentì dire in modo secco "Basta." Smisi di leccare e la guardai in faccia, il suo volto era di colpo diventato più affettuoso, iniziò a passarmi la mano tra i capelli come per accarezzarmi e mi sussurrò "L'ho capito guardandoti la prima volta che sei nato per eseguire ordini. Ogni volta che ti salutavo rispondevi abbassando lo sguardo. Voi uomini fate ridere, al lavoro siete competitivi e vi scannate l'un l'altro ma se incontrate la donna che vi capisce siete dei fedeli cagnolini nel privato... Abbaia." Il suo tono era cambiato di colpo, non capì immediatamente e mi arrivò uno schiaffo "HO DETTO ABBAIA!" Mentre il dolore mi pervadeva il volto istintivamente eseguì l'ordine "Bau! Bau!" risposi timidamente "PIÙ FORTE!" mi disse lei "BAU! BAU!" feci e vidi il sorriso comparirle sul volto: "Bravo il mio cagnolino! Però qui c'è bisogno di un bell'addestramento, non mi ascolti ancora bene. Ti farò diventare il cane più bravo di tutti. Ora vado a cambiarmi tu spogliati, metti pure i tuoi vestiti in quell'angolo ti voglio nudo. Sei un cane e i cani non hanno vestiti". Tamara uscì dalla stanza e io rimasi solo, non capivo che cosa mi stava succedendo ma obbedire mi dava un piacere mai ricevuto prima così iniziai a spogliarmi e quando fui pienamente nudo mi misi ad aspettarla. Lei tornò completamente vestita con un corsetto in pelle, dei pantaloni in pelle aderenti, i capelli rossi le cadevano sulle spalle rendendola magnifica, le scarpe erano rimaste quelle di prima, nella mano destra teneva un frustino e nella sinistra un guinzaglio. "Vieni qui, cane!" Mi avvicinai a quattro zampe e quando fui davanti a lei ecco che sentì stringermi il collare attorno al collo. "Ora sei quasi un cane perfetto, ma manca una cosa. IN PIEDI!" Mi alzai e la sua faccia si fece quasi impietosita "Mio cagnolino, purtroppo per te c'è una cosa che ancora stona... Lo vedi?" Indico il mio pene. "Quello è il segno della tua inferiorità, il segno che sei un uomo e come tale puoi solo sperare di camminare a quattro zampe davanti a me. Adesso farò cessare il tuo essere uomo e inizierà il tuo essere cane, sarai comunque inferiore a me ma almeno smetterai di fare schifo no? Sfigatello." Si avvicinò ad un cassetto e ne estrasse uno strano oggetto metallico che sembrava una gabbietta me la diede. "Infilaci io tuo arnese là dentro e stringi bene, devi essere tu a farlo, devi donarmi la tua virilità. Quella cosa che voi uomini difendete tanto, me la devi regalare." Eseguì immediatamente, infilai il mio pene in quella gabbia le strinsi per bene, la chiusi a chiave e diedi quest'ultima alla mia padrona, sì, stavo iniziando a considerarla come tale e ora lo era diventata in tutto e per tutto. Eseguire i suoi ordini mi riempiva di gioia ed eccitazione, era il minimo regalarle la mia virilità. Non appena le diedi la chiave se la mise al collo con una catenella e disse "Ogni volta che mi guarderai vedrai questa chiave e ti ricorderai chi è la tua padrona. Io la porterò sempre con me e penserò a cosa farti fare. Questo è il patto tra la padrona e lo schiavo ed è ciò che ti rende il mio cane. ABBAIA!" "BAU! BAU! BAU! BAU! BAU!" Urlai a pieni polmoni, sentivo la mia prigionia e la mia schiavitù ma fui felice, felice di avere una donna che mi trattasse come un cane, come se l'avessi sempre voluto. "Bravo! Biscottino!" Mi offrì un biscotto per cani, io lo mangiai di gusto anche se faceva schifo me l'aveva dato la padrona e non si rifiutano certe cose. Mi tirò per il guinzaglio e la seguì a quattro zampe in un'altra stanza, era la sua stanza da letto, mi indicò un letto molto grande e disse "Io dormo lì, tu stanotte dormirai per terra. Farai i tuoi bisogni in una lettiera che è in bagno e sarai al mio servizio, mi pulirai casa, cucinerai i miei pasti e mangerai i miei avanzi. Uscirai di qui solo per andare al lavoro e ti rivolgerai a me chiamandomi Signora o Padrona mi darai del lei, parlerai solo se interpellato, non avrai più amici, quando verranno le mie amiche dovrai servire il tè ed essere cordiale potrai vestirti in rare occasioni e in quelle sarò io a scegliere cosa farti indossare. Mi venererai, avrai sempre una mia foto nel portafogli quando esci di qui e mi pregherai nel momenti di difficoltà. Sarò la tua unica ragione di vita e se necessario morirai per me. Sono stata chiara?" "Si padrona." Risposi con un sorriso sulle labbra. Lei sorrise e disse "Sei così contento di rinunciare alle tue libertà! Che bella notizia! Rivestiti, vai subito a prendere le tue cose nel tuo appartamento giudicherò i tuoi vestiti e deciderò cosa tenere e cosa farti comprare. Nel mentre io preparerò la cena per l'ultima volta, da domani i miei pasti saranno un tuo problema. Hop! Hop!" La sua frusta schioccò sulla mia schiena e il dolore fece crescere la motivazione, mi alzai lei mi tolse il guinzaglio e corsi a rivestirmi. La mia vita stava per avere uno scopo, avrei servito la mia Padrona con tutto me stesso.

Questo racconto di è stato letto 3 0 5 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.