Come una vita può cambiare 21

Scritto da , il 2020-07-09, genere tradimenti

Come una vita può cambiare, può essere letto dall’inizio o nei vari capitoli, apprezzo molto i vostri commenti, le vostre critiche ed i consigli, spero continuiate ad esprimere il vostro parere alla mia e-mail harael12@gmail.com, cercherò di rispondervi il più presto possibile.
Se avete qualche idea, avete piacere di condividerla sono a vostra disposizione, see ya.

L’ ARMISTIZIO
La mattina seguente mi svegliai, rendendomi conto di non aver mai scopato Sofia con quella foga e con quel ardore, entrai in bagno e la trovai intenta nel farsi una doccia prima di recarsi a scuola, non dissi nulla, afferrai lo spazzolino il dentifricio ed iniziai a lavarmi i denti, uscita e legatasi l’accappatoio mi abbracciò teneramente appoggiando la testa sulla mia schiena, “amore quando ci sposiamo?”, ora ne avevo la certezza ero effettivamente una gran merda, l’avevo usata solo per scaricare la mia brama sessuale.
Ero certo di amarla, stavo bene da tutti i punti di vista con lei, mi rendevo conto di avere più di quanto probabilmente mi meritassi ed allora cosa andavo cercando, cosa mi portava a pensare a l’altra, era stato un periodo entusiasmante, ricco di nuove esperienze, ma perché avrei dovuto perdere ciò che avevo, in effetti Dani non aveva rinunciato a nulla della sua vita, anzi tutt’altro si era costruita un universo parallelo che si stava popolando di nuovi protagonisti. Mi girai l’abbracciai e dopo averla baciata le sussurrai “anche io ti voglio sposare”, era giunto il momento di togliere il piede dall’altra scarpa, di crescere e di pensare al nostro futuro.
Recandomi in ufficio ripensai a molte cose, il viaggio in macchina del giorno prima, la notte di sesso ed il dialogo del mattino in bagno, feci ingresso nel mio ufficio, mi sedetti alla scrivania e resettai il cervello per impegnarmi in una lunga giornata; la mia Capa passava spesso davanti al mio ufficio, senza degnarmi di uno sguardo, volevo vedere fino a che punto sarebbe arrivata, oramai la conoscevo, sapevo perfettamente che non avrebbe resistito a lungo prima di chiedermi di parlare e confrontarci.
Anche la pausa pranzo passò nello stesso modo, eravamo nella solita trattoria, ed era seduta ad un paio di posti di distanza dal mio, quando i nostri sguardi si incrociavano, mi guardava in modo penetrante come volesse sfidarmi, voleva fossi io a fare il primo passo, ma questo di certo non sarebbe potuto e dovuto accadere. Mentre ci recavamo alle macchine alcuni di noi avevano fretta di tornare in ufficio per una conference call, rimanemmo in tre, quella volta non guidavo io, ma ero vittima di due accaniti fumatori, seduti sugli sgabelli della verandina del bar con un’anima nera e una Marlboro tra le dita, anche Daniela decise di fermarsi e cedere il suo posto.
Dopo un’altra decina di minuti chiesi chi desiderasse l’ennesimo caffè ed entrai ad ordinarli, quando uscii con il vassoio li ritrovai nella medesima posizione, Daniela si era seduta, dando il là ad un sermone sulle borse e l’importanza che hanno per una donna; finito di berlo ci dirigemmo verso la macchina i colleghi davanti e noi dietro, lei dalla parte del guidatore e di conseguenza io da quella del passeggero, davanti parlavano di lavoro, la Capa sentenziò al proprietario del veicolo che con quel caldo sarebbe entrata ancora più rapidamente nella menopausa, su come si facesse a tenere a 24° gradi la temperatura, così si tolse il Trench Patrizia Pepe adagiandolo nel mezzo dei sedili, diversamente dal solito indossava dei pantaloni a quadretti, una camicetta bianca in seta ed una giacca con le maniche a trequarti, mentre parlavo si era girata verso di me, appoggiando il ginocchio sul sedile e con la mano destra si accarezzava la gamba, eravamo pressocché arrivati davanti all’ufficio quando misi la mano nella tasca della giacca per prendere il badge, sentii una mano provenire da sotto il cappotto sfiorarmi il pantalone, alzai immediatamente lo sguardo e mi fece l’occhiolino, come in un segnale di tregua.
Non ricambiai, non lasciando spazio alle interpretazioni, scesi dall’auto ringraziando per il passaggio, entrai nell’atrio e salii le scale, dietro di me sentii i suoi tacchi risuonare, arrivai fino al mio ufficio vi entrai e girandomi per attaccare il cappotto all’appendiabiti la vidi passare; con lo sguardo mi fulminò per la durata del percorso, fino ad entrare nel suo.
Per un paio di settimane il nostro rapporto fu unicamente di lavoro, le richieste si riducevano al minimo anche in quello, tanto che si recò in Sede Centrale senza dirmelo, non che me ne importasse molto, anzi, mi evitai la solita levataccia e una giornata di riunioni, poi chissà che riunioni impegnative che avrà avuto con il Direttore, nel suo ufficio. Un po’ sul tavolo, un po’ sotto la scrivania e perché no.. anche sul divanetto; ridevo di me sentendomi un quattordicenne geloso ed invidioso consapevole di non essere più il suo “martello”.
Le giornate si susseguirono, senza apparenti novità, a fine giornata Daniela mi chiamò nel suo ufficio, aveva delle incombenze da passarmi, dei documenti che mi sarebbero serviti in una riunione dove lei non sarebbe potuta presenziare, la dottoressa infatti sarebbe partita per una crociera ai caraibi con il maritino, ultimamente sempre ricco, estremamente simpatico e un po’ cornuto.
Inizialmente il tutto si stava svolgendo in maniera distaccata, mi stavo segnando ogni punto ed ogni sua valutazione, dovevo pur sempre sostituirla cercando di fare una dignitosa figura, quando alzavo gli occhi, uscivano dai suoi saette lussuriose, come una leonessa si gustava l’ignara antilope; non stavo facendo nulla di diverso rispetto ai giorni precedenti, era lei diversa, senza freni, senza imposizioni, dava l’impressione che il viaggio era il pretesto perfetto per darle l’occasione di riprendersi tutto quello che era suo.
Ammaliante nel suo completo giacca e pantaloni light blu, con camicetta sbottonata un po’ di più, rispetto alla giornata che andava a concludersi, calzava l’immancabile decolté, slanciando la sua figura di donna in primis e di leader poi. La mia voglia di ammainare la bandiera di guerra era forte, cosa aveva fatto di male, alla fine era pur libera di fare ciò che voleva, non doveva rendermi partecipe della sua vita scopaiola, quanta smania avevo di baciarla, strapparle quella camicetta “Ti sei appuntato tutto quello che stavo dicendo? Ehi.. sei presente?”; mi risvegliai, cercando di spiegarle che stavo pensando a cosa appuntarmi, se avesse potuto fare un breve riepilogo, avevo appena fatto una figura da fesso.
Proseguivamo ed erano quasi le 20, in ufficio non c’era più nessuno da oramai più di un’ora, lei oltre a brevi parentesi dove si toccava i cappelli o si sistemava la camicetta quando si apriva troppo, non lasciava percepire nessun accenno a quanto avremo dovuto fermarci, così chiesi:
o Daniela scusami, devo avvertire casa che ci fermeremo un po’ di più.
o Sì.. sì.. fai pure.
o Hai un’idea, di quanto ne avremo?
o Ancora un po’.
Telefonai a Sofia, dicendole che dovevo fermarmi, le accennai che le conveniva mangiare, appena sarei salito in macchina l’avrei chiamata; rientrai nell’ufficio e trovai Daniela piegata a novanta grandi intenta a cercare qualcosa nell’armadio, mi sedetti e lo sguardo non poté che ricadere sul suo fondoschiena, i pantaloni lo fasciavano rendendolo bello pieno e tondeggiante, raccolse un raccoglitore e richiuse l’anta, si accomodò accavallò la gamba e riprendemmo da dove avevamo lasciato, per un’altra ventina di minuti:
o Direi che per quello che dovevo spiegarti ci siamo, ordiniamo qualcosa da mangiare, cosa dici?
o Oook… ma non volevi finire e poi andare a casa.
o Ma no.. tanto sarei sola a casa, Federico torna domani da Londra, ho capito che non vuoi più avere a che fare con me, tranquillo se non ti va di mangiare con me finiamo e vado a casa.
o No, ma figurati, ordiniamo una pizza? O preferisci qualcos’altro?
o Sushi.. molto più afrodisiaco.. (ammicco).
o Prenoto i soliti menù (cercai di divagare non concedendole il fianco).
o Uhmm… dal mio preferito mi raccomando, non da quello qui dietro.
Il citofonò suonò nel silenzio dell’edificio, Daniela mi chiese di anticipare i soldi che sarebbe andata un attimo in bagno, accennai che avrei pagato io di non preoccuparsi, mentre scendevo le scale mi urlò “assolutamente no, ognuno paga il suo, non faccio debiti prima di andare in vacanza”, pagai il ragazzo e risalii le scale, lascaii sacchetti nella saletta caffè e andai in bagno per lavarmi le mani, mi accinsi ad aprire l’acqua, lei uscì ed affiancandomi al lavabo, dopo essersele lavate si avvicinò al mio orecchio sussurrandomi “ho proprio fame, sai..” come un soffio, che mi fece rabbrividire.
Uscì dal bagno, io rimasi con le braccia tese sul lavabo e guardandomi allo specchio “glielo sbatterei in bocca e poi la scoperei qui davanti allo specchio. Ehi.. Ehi.. devi tenere duro, non farti sottomettere”, risi infine guardando lo specchio, parlavo da solo per cercare di tranquillizzare i bollenti spiriti.
Cenavamo parlando di lavoro, per abbassare la temperatura della stanza e della conversazione le chiesi del viaggio, quali isole avrebbero visitato, lei mi spiegò che era un regalo che da tempo Federico le voleva fare, sarebbero arrivati a Miami in aereo e poi le solite isolette Repubblica Dominicana, Barbados, Martinica, Trinidad.
Gran bel viaggio, mi sarebbe piaciuto farlo, soprattutto con lei e scoparmela nelle spiaggette, poi sul balcone in mezzo al Mar dei Caraibi e perché no, anche in camera se capitava; mi ritornò in mente il weekend dopo la sfida a tennis e quella scorpacciata di sesso, protratta nei giorni, sarebbe stato ancora più impegnativo, ma altamente elettrizzante.
Squillò il suo telefono e corse con l’immancabile suono dei tacchi a recuperarlo in ufficio, rispose e capii che era suo marito, gli raccontò che era ancora lì con me per sbrigare le ultime incombenze e non vedeva l’ora di partire per le vacanze, poco dopo si salutarono e ritornò nella sala break, si avvicinò e appoggiò le sue mani alle mie spalle, facendomi un leggero massaggio, “sempre buono questo sushi, io non ce la faccio più, se vuoi finisci pure il mio”, rimaneva ancora dietro di me e la sua mano destra iniziò ad accarezzarmi il petto, risalì e teneramente fino a toccarmi l’orecchio.
Raccolse i suoi contenitori di plastica e andò a gettarli nella raccolta differenziata, alzò il coperchio e piegandosi lentamente mi permise anche se non avessi voluto di guardare perfettamente il fondoschiena, si rialzò e mi disse che mi avrebbe aspettato di là per terminare il lavoro; non la persi di vista per neanche un metro mentre usciva dalla stanza.
“Ho un problema con la rete internet, quando hai finito vieni di qua, che palle non finiremo più”, non risposi e mi diressi da lei, dopo qualche tentativo non riuscivo a capire il problema, era collegato al cavo ethernet, ma se collegavo il wifi partiva tutto, ricollegavo il cavo e non si associava al server, le chiesi di spostarsi per vedere sotto la scrivania, lo staccai e lo riattaccai, pensando che fosse stato toccato erroneamente, per tornare fuori mi trovai ritrovai bloccato dalle sue gambe e dalla sedia, le chiesi di spostarsi un pelo:
o Solo se facciamo pace (sorrise con fare ingenuo).
o Ma io non ho niente contro di te, figurati..
o Ma se non mi guardi più, forse non ti eccito neanche.
o Assolutamente no, però sarebbe più comodo parlarne da seduto invece che sdraiato sotto una scrivania.
o Esci pure (scostandosi).
Quando fui fuori parlammo per una decina di minuti, lei rimaneva sulla sedia con le gambe accavallate io ero a tre quarti seduto sulla scrivania con una gamba a penzoloni, non mi disse nulla di nuovo, mi dettagliò altri particolari delle ultime settimane, soprattutto di una scopata avvenuta in modo altamente erotico dopo una riunione con l’AD, dove lei lo aveva provocato in tutti i modi possibili, la mia erezione non tardò a farsi vedere nel lato destro dei pantaloni. Chiuse l’argomento proferendo che era una cosa passeggera per entrambi, ancor di più per lui che era interessato alle nuove leve e ne aveva già adocchiata un’altra da spolpare, “un divertente passa tempo” lo etichettò.
Dopo questa parentesi cercammo di portare a termine il nostro lavoro, mi sembrava di aver compreso e appuntato tutto, l’aver parlato mi aveva alleggerito ulteriormente, chiudemmo tutti i faldoni e portai le mie cose in ufficio, indossai il cappotto pronto per uscire e vidi dal vetro lei fare lo stesso, l’aspettai sull’uscio della porta e presa la borsetta spense la luce e ci avviammo verso le scale, ero appena dietro di lei, il suono dei tacchi, le forme del suo fondoschiena, ripensarla a cavalcioni sulla sedia del Direttore che se lo montava a suo piacimento, portai istintivamente la mia mano ad appoggiarsi sulla sua natica destra, appena si girò per commentare, con la mano sinistra la spinsi contro lo schedario a muro, ultimo baluardo prima del giro scale.
“Sei solo mia!! Troia!!” e le cacciai la lingua in bocca, la presi in braccio portandola dentro l’ufficio di Santi, lasciò cadere la borsetta mi afferrò la testa tra le sue mani “Eccolo il mio ingegneretto cazzuto, eccitato e porco come piace a me” e la deposi con il sedere sulla scrivania, mi aiutò a togliermi il cappotto, le sue mani mi afferrarono il culo, strizzandolo, poi scivolò lungo la cintura e finalmente poté rimetterle sul suo trofeo, me lo accarezzava come stesse segandomelo e con le unghie dell’altra mi torturava delicatamente le palle “Ohh.. Daniela..”.
Mi staccai prima di venire nei pantaloni, le afferrai le scarpe dal tacco e gliele tolsi, quel giorno era senza calze, passai ai pantaloni, sotto la vita le lasciai solo la culotte; inizialmente strofinai un dito lungo il suo organo genitale, abbozzai ad una finta penetrazione attraverso la stoffa ed infine lo scostai; con un ghigno da depravato abbassai la testa tra le sue gambe.
Dopo una prima leccata esplorativa la sentii sistemarsi con i piedi sul bordo della scrivania, si reggeva con l’avambraccio, la sua mano si posizionò dietro la mia nuca guidando la mia lingua, come sempre uscivo dal seminato, prendendo l’iniziativa, con lei che smetteva di mugolare e mi implorava di tornare dove ero, quanto mi piaceva riassaporare quella prelibatezza, i peli mi solleticavano il naso e il mento, la sentivo inumidirsi “oh.. laccamela così.. così.. leccamela lì che vengo”.
Tolsi una mano dalle sue rosee cosce per aprirmi i pantaloni, il mio membro era infuocato, i boxer lo imprigionavano, bramava di uscire ed infilarsi dentro di lei, per trafiggerla ed eruttare la sua rabbia repressa; così mi alzai lei provò prima con le mani e poi con le gambe a fermarmi, “No.. torna qui.. Cosa fai..”.
Non serviva rispondere, con i pantaloni abbassati alle caviglie lo puntai verso il bersaglio, misi la cappella appena dentro, lei provava a dire qualcosa, forse anche a sottrarsi, ma la voglia di cazzo la conduceva a tenere le gambe larghe, dopo poche penetrazioni ero completamente dentro, le uscì un rantolo di piacere, misi le mani sulla scrivania come se stessi facendo delle flessioni e diedi al là alla monta della mia mentore.
o Daniela.. mi mancava la tua figa stretta..
o Scopami.. dimmi che vuoi solo me..
Dai.. così, spingi forte.. Adoro il tuo cazzo, nessuno mi scopa come te.
o Ti dimentichi quello del Direttore?
o Stronzo.. sei un maledetto stronzo.. uhmmmm….
o Io sarò uno stronzo, però ti piaceva il suo cazzo.. dimmelo..
o Sì, è vero, era grosso e lungo e mi scopava in modo violento, da vero bastardo.
o Sei una gran puttana, che si fa scopare dal suo sottoposto e provoca il suo Direttore.
o Dimmelo ancora..
o Cosa devo dirti? (e mi fermai).
o No.. continua.. continua.. (si avvinghiò al mio bacino con le gambe, dando dei colpi di reni per proseguire la penetrazione).
o (Mentre glielo spingevo nuovamente tutto dentro, la tirai verso di me). Se scopi con qualcuno d’ora in poi me lo devi CHIEDERE, sono io il tuo unico CAZZO!! Sei la mia troia, solo io voglio avere il piacere di scoparti.
o Sì.. così.. bravo.. così più forte, che bello, come farò senza di te e il tuo pisello, per due settimane; ti ho appena riconquistato e devo lasciarti di nuovo.
o (Stavo per venire, le tenevo una mano dietro al collo e l’altra sul fianco per mantenerla alzata)
Daniela.. vengo.. ti sboroooo.. dentro… ahh.. ah..
o Cazzo.. cazzo.. vengo anche io, ohh… oh.. oh..
Uhh… non dovevi venirmi dentro (rise), scemo..
Meglio se vado a lavarmi..
Lo estrassi ancora turgido, le concessi una mano per alzarsi, come si dovrebbe fare ad una Signora come lei, calzò le scarpe e appena si girò mi baciò, non ero ancora pienamente soddisfatto, mi tolsi gli indumenti dalle caviglie e la rincorsi, quando mi sentì arrivare si girò di scatto “cosa succede?”, le risposi con un laconico “non abbiamo ancora finito!”.
Afferrandola da un braccio la sbattei contro la porta, le misi un dito dentro e trovai un misto dei nostri orgasmi, le mie dita diventarono due, si sistemò allargando le gambe permettendomi una penetrazione migliore, abbassai la mia testa sul suo seno sinistro, le aprii la camicetta che già sbottonata le lasciava una ampia scollatura, coprendole solamente i seni, le morsi delicatamente il capezzolo, ebbe un cedimento che le mie mani prontamente arrestarono, si appoggiò a me, la testa sulla mia spalla e le labbra a ventosa sul mio collo, le dissi di non lasciarmi segni altrimenti come avrei potuto spiegarlo a casa.
Sorrise rialzandosi accarezzandomi il membro e baciandomi in bocca, “ho avuto l’orgasmo più bello della mia vita e non è stato il tuo cazzo a darmelo”, proseguiva nella masturbazione, “è ancora bello teso, dobbiamo farlo rilassare un po’” si inginocchiò infilandoselo interamente nella sua bocca, la sua lingua lo insalivava per tutta la lunghezza, si soffermava sulla cappella, quel movimento come lo faceva lei mi faceva ‘sbarellare’, la staccai, aveva lo sguardo spiritato, tanto che afferrandomi dalle natiche si appoggio la mia verga sulla faccia e iniziando a leccarmi le palle.
Mi afferrò il membro ridando intensità alla masturbazione, la sua lingua non perse un movimento, le urlai la mia voglia di sborrare e la sua risposta fu accelerare ancora di più il ritmo, il mio respiro diventò affannoso le mie mani le afferrarono la testa e sparai tre schizzi, tra faccia e collo, quando tornai in me la vidi inginocchiata che si spostava dei residui di eiaculazione dall’occhio “vedo che hai goduto, porcellino”.
La guardavo sistemarsi davanti allo specchio, rimanendo nudo sull’uscio del bagno, poi mi decisi a darmi anche io una sistemata, tornammo nell’ufficio per rivestirci, mentre mi infilavo i boxer pronunciò:
o Lo sai che mi ecciti, appena torno dobbiamo andare in trasferta insieme, per farci una scorpacciata di sesso, che dici?”
o Che invidio tuo marito..
o Ma se trovassi un massaggiatore possente con un bel pisello, me lo posso gustare per bene?
o No!! Sei solo mia.. me lo devi chiedere prima.
o Bello il mio ingegneretto cazzuto e gelosone.
Il mattino seguente salii le scale, buttai l’occhio nell’ufficio di Santi, mi salutò con la mano ridendo, abbozzai un sorriso e pensai “Chissà se mi avrebbe salutato così questa mattina se sapesse cos’è accaduto sulla sua scrivania, ehh.. l’innocenza”.

Questo racconto di è stato letto 2 1 2 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.