L’amica di famiglia

Scritto da , il 2019-07-05, genere prime esperienze

Questo racconto mi è stato commissionato da un ragazzo che mi ha riportato la sua storia via e-mail, ha voluto rimanere anonimo, quindi il suo nome e quello degli altri personaggi è frutto di fantasia, prima di tutto lo voglio ringraziare per la fiducia concessami ed a voi una buona lettura, come sempre scrivetemi alla mia e-mail harael12@gmail.com, attendo i vostri commenti.

Sono Luca, ho 20 anni e frequento Medicina, la mia storia è molto recente, risale alla scorsa estate, a quando avevo terminato il liceo classico; vivo con miei genitori Nicoletta e Matteo, siamo una famiglia piuttosto normale, o almeno è quello che ho sempre creduto.
Avevo appena terminato gli esami di maturità ero certo di uscire bene con un voto superiore ai 95/100, quindi i primi giorni li passai a far tardi la sera con i miei amici, quella mattina di luglio, arrivato in cucina verso le 11.30 trovai mia mamma seduta al tavolo con Elena, lei è la sua migliore amica, una bella donna sulla cinquantina, non si è mai sposata e lavora come avvocato ed è stata anche la mia madrina di battesimo, per questo la chiamo zia.
Le salutai, mi presi i biscotti e del thè freddo e mi accomodai a tavola, loro stavano prendendo un caffè spettegolando sull’ultima causa che aveva preso in mano Elena, di un uomo che tradiva la moglie e dei racconti dell’investigatore privato che lo seguiva; si fermarono solo per dirmi che prima di pranzo sarei dovuto andare a casa della zia, avrei dovuto cambiarle un paio di lampadine, lo trovai strano perché di solito ci andava mio padre dopo il lavoro, ma acconsentii senza fare altre domande.
Finii di fare colazione mi alzai per andare a lavarmi e vestirmi, quando tornai mia madre mi rammentò di portami dietro la cassetta degli attrezzi, la presi, loro si salutarono e uscimmo di casa.
Il viaggio in macchina fu breve, ci dividono 3 km, salimmo in casa, Elena alzò le tapparelle elettriche, mi fece vedere quali luci avrei dovuto sostituire e poi si scusò del fatto che non mi avrebbe fatto compagnia, ma si sarebbe dovuta fare la doccia e preparare in modo decoroso, dato che nel pomeriggio sarebbe dovuta andare in tribunale.
Ero sopra la scala impegnato con la prima plafoniera, sentivo lo scroscio della doccia andare, proseguii nel lavoro e finimmo quasi nello stesso momento io la prima sostituzione e lei di lavarsi, mi spostai nel corridoio, posizionai la scala e salii alla volta della seconda, la porta della camera era leggermente socchiusa, la vidi passare con l’asciugamano legato in vita, stavo per finire quando incuriosito mi girai; la vidi lasciar cadere l’asciugamano e per la prima volta la vidi completamente nuda, premetto che è una bella donna, mora capello lungo, alta 1.70 e particolarmente formosa; di tanto in tanto avevo avuto qualche pensiero adolescenziale su di lei, ma era pur sempre mia “zia”.
Rimasi appollaiato ad osservarla, sicuro di non essere notato, quando, mentre indossava il reggiseno, scostò la testa dallo specchio e vedendomi mi fece l’occhiolino, ero stato beccato, scesi velocemente afferrai tutto il materiale dirigendomi all’ultimo lampadario.
Che figura di merda, chissà cosa avrà pensato e cosa potrà dire a mia madre, poco dopo uscì, avvolta in un tailleur scuro, io stavo per terminare, anche se le mie mani erano un po’ tremolanti, “Luca come siamo messi? Hai ancora tanto, perché io dovrei andare”, la rassicurai, inserii le ultime due viti e scesi dalla scala, andai a metterla sul balcone, ritornai nell’ingresso, raccolsi gli attrezzi ed uscimmo nuovamente di casa.
Arrivammo davanti a casa, mi ringraziò, io scesi e prima di chiudere lo sportello “Ahm.. Luca, per oggi sorvoliamo, ma sabato dobbiamo parlare”; annui con la testa e chiusi la portiera.
Il sabato e la domenica ci trasferiamo nella nostra casetta al mare e molte volte anche Elena si aggrega, noi partimmo il venerdì pomeriggio, ero un po’ preoccupato, ma avevo già un’idea su come risponderle; quando arrivò il sabato mattina, posò la sua valigia in camera, si intrattenne nei soliti convenevoli con i miei, mi salutò nuovamente e poi andò a mettersi il costume.
Mia madre uscì chiedendo a mio padre se l’accompagnava al supermercato a prendere qualcosa, così pensai di buttarmi nella jacuzzi gonfiabile; ero rilassato con la testa rivolta verso il sole “Allora Luca, com’è l’acqua? Vale la pena farsi un bel bagno ristoratore?”, le risposi “Certo Elena, si sta proprio bene” quando voltai il capo la vidi avvolta da un costume alla marinara ad un pezzo, con una vistosa V sul seno, si sciacquò con la pompa dell’acqua ed entrò pure lei.
Con fare sorpreso mi chiese dove fossero i miei, le spiegai che si erano recati al supermercato e rimanemmo in silenzio per qualche minuto:
o Allora.. parliamo di mercoledì?
o Ehm. Ecco esatto. Sì.. scusa, mi sono fatto prendere dalla curiosità.
o Non ti devi scusare, ti capisco sei giovane e curioso, però sai (il suo piede si appoggiò sul mio pacco), ora vorrei vedere anche io come sei cresciuto.
o Ma zia? Elena? Ma cosa dici?
o Cosa c’è di male, scusa. Tu mi hai spiato, adesso voglio vedere anche io (il suo piede si muoveva eccitando il mio membro).
o (Dentro al mio costume a mutanda lo si poteva notare sempre più).
Ma dai zia, se arrivano mamma e papà?
o Non preoccuparti, tiralo fuori, me lo fai vedere e poi lo rimettiamo via e possiamo dire di essere pari.
Un po’ titubante annuii e lei tolse il piede, ero ancora stordito dalle sue parole, ma lo estrassi, nell’acqua sembrava ancora più grosso, le vene si vedevano pulsare, Elena sorrise disse un “Bene” e si mise a sedere vicino a me, fortemente turbato stavo cercando di rimetterlo nello slip, ma la sua mano spostò le mie, lo liberò fino ad impugnarlo “Lascialo un po’ fuori, lo vedi come stava stretto”, la sue dita si muovevano lungo la mia asta, ero letteralmente esterrefatto, aumentava la velocità e la presa “Allora sei contento di avere una zia che ti vuole così bene?”, mentre lo possedeva portò l’altra mano sul suo basso ventre, scostò leggermente il tessuto ed iniziò a darsi piacere “Luca, vieni qui con la tua mano, era questa che guardarvi da dietro la porta?”, deglutii ed avvicinai la mia mano, prontamente lei scostò la sua, afferrò la mia e mi guidò nel massaggio.
Sentii i miei rientrare “Zia sono tornati, cazzo” tolsi la mano, ma la sua non perdeva ne velocità ne presa, mia madre si affacciò e ci disse che erano tornati e che lei si sarebbe messa in cucina a preparare da mangiare e che mio padre si era fermato a chiacchierare con un vicino, appena rientrata Elena mi riportò la mano sulla sua passera, “Continua a fare quello che stavi facendo”, il mio cazzo era in estasi teso come poche volte lo avevo visto, “Devo dire che sei bravo con le mani, ma ora voglio controllare il resto” tolse entrambe le mani, mi si mise sopra, si scostò il pezzo del costume e dopo aver portato la punta davanti alla sua fessura vi si impalò sopra, appoggiò le ginocchia sul fondo della jacuzzi e muovendo il bacino mi disse “Hai proprio un bel arnese”, ero terrorizzato cosa avrebbero potuto dire se fossero usciti, a lei non sembrava interessare molto continuava a muoversi ed a lodare quanto fosse bello e duro il mio cazzo.
“ELENA!! LUCA!!” disse mia madre e uscendo “cosa preferite per pranzo? Primo e secondo? Solo uno dei due?”, Elena era già tornata composta, seduta limitrofa a me e prendendolo nuovamente in mano rispose, “Anche una pasta fredda va bene, grazie”, ed io annuii. Continuava a masturbarmelo aumentandone il ritmo, sentii delle forti contrazioni ai muscoli delle gambe.
o Elena così vengo!!
o Per adesso devi accontentarti di una sega, non posso farti uscire con questo bel pisello duro, cosa potrebbero pensare i tuoi genitori della zia?
Dai.. svuotati piccolo Luca.
o Vengo..
o Uhmm… ma vieni un sacco!!
Mi sembra che te ne approfitti un po’ troppo spesso giovanotto, vediamo se nel weekend riuscirai a sdebitarti.
“Nicoletta arrivo ad aiutarti”, disse uscendo dall’acqua e indossando gli zoccoli, il mio pisello stava tornando normale, ero in catalessi fermo dentro la piscina, con i resti del mio orgasmo.
La giornata proseguì secondo i piani, tra sole, piscina e una partita a carte, arrivammo fino all’ora di cena e dopo aver mangiato andai in camera mia per rilassarmi un po’ davanti al pc, Elena entrò in camera dicendomi di lasciare la porta della camera aperta, che appena i miei si ritiravano mi avrebbe raggiunto.
Posteriormente alla mezzanotte, sentii che tutti rientravano nelle loro camere, attesi ancora qualche minuto, ma non arrivò nessuno, pocanzi mi addormentai, la notte era molto calda e rigiratomi più di volte nel letto decisi di andare in cucina per bermi un bicchiere d’acqua, uscii dalla porta ed entrato in soggiorno mi si presentò una scena inaudita, mio padre seduto sul divano con zia Elena sopra di lui, mi nascosi velocemente dietro al muro, ma la curiosità fu troppa e misi fuori la testa, la cavalcata era molto rapida, vedevo la zia saltarci sopra, rimanevo fermo, impalato a bocca aperta, si percepiva solo il rumore dei loro sessi fino a “Elena, sei un vacca, sto per sborrare”, lei alzò la testa, mi vide e pronunciò “Bravo!! Sfondami e sborami dentro!!”, sentii i lamenti dell’orgasmo del mio vecchio, lei mi guardò dritto negli occhi e mi mandò un bacio prendendogli il viso tra le sue tette, e lodandolo per l’orgasmo che gli aveva fatto provare, io scappai in camera, ero scioccato ed eccitato.
Disteso sul letto con il mio membro in mano, li sentii salutarsi e rientrare nelle loro camere, “Mio padre ed Elena con mia madre nella camera affianco”, ero stupefatto di ciò che avevo visto, “Ma questa è impazzita tutto ad un tratto? Ma cosa sta succedendo?”.
La porta della mia camera si socchiuse, Elena entrò rapidamente richiudendola, si avvicinò al mio letto e vi si sedette:
o Ehh.. ehh.. sei un po’ troppo curioso giovanotto.
o Ma zia, tu e papà?
o Lo so, sai non era mai successo qui..
o Come non era mai successo, qui?
o Con Matteo, ogni tanto ci facciamo delle scopatine, soprattutto a casa mia, tua mamma non lo soddisfa più di tanto con pompini o …
o Ma cosa dici, sono i miei genitori?
o E con questo cosa pensi, che non scopino? Tuo padre ha un bel pezzo e lo usa anche molto bene.
o Ma cosa dici, smettila!! Sei un’invasata.
o Io sarò anche un’assatanata o invasata come dici tu, ma hai visto come mi scopava tuo padre? Cosa credi come ho fatto venire l’uccello duro a te in piscina, anche lui faccio presto ad eccitarlo, a me piace il cazzo e se qualcuno si fa avanti, perché non divertirsi un po’.
Non mi lasciò tempo di replica, si alzò togliendosi la camicia da notte, mi afferrò i pantaloncini sfilandomeli e facendo uscire il mio membro, completamente duro ed eccitato, “Adesso zitto, ti insegno una cosa nuova”, salì sopra di me girandosi e imboccando il mio cazzo, davanti a me trovai la sua figa, fradicia e piena di umori, lo sentivo avvolto dalla sua bocca che lo percorreva fino ad infilarselo completamente fino all’ugola, per poi estrarlo; “Cosa aspetti piccolo, dai lecca la passeretta della zia Elena” scese ancora, più di quanto le fosse possibile, trovandomela davanti, fui persuaso dai profumi, fino ad estrarre la lingua e darle una prima leccata.
“Bravo, il mio nipotino, che bella linguetta vispa, non leccare solamente penetrami con un dito”, portai il pollice sul clitoride ed iniziai a muoverlo, succhiava sempre più forte e la sua passera era sempre più bagnata ed umida, le sue gambe ebbero dei leggeri spasmi fino a quando ebbe un sospiro profondo dal quale udii un nitido “Godoo.. uhmm..”.
La mia faccia fu invasa dal suo orgasmo, si girò stendendosi vicina a me, impugnava i miei testicoli massaggiandomeli in maniera delicata, sentivo il mio membro duro e inumidito come nella jacuzzi, “Bravo Luca, a leccare la figa sei proprio portato, tuo padre mi fa venire solo quando mi tromba, adesso la tua zietta vuole esaminare se ti ha passato i suoi geni di scopatore”, mi diede un bacio sulle guancia prima di issarsi e condurselo nella passera, il suo era un movimento leggero, volto a penetrarsi solamente con la punta era rannicchiata e poggiava le piante dei piedi sul materasso, mi guardava sorridendo “Ti piace così!! Lo so che tra poco vieni se continuo”, con molta faccia tosta, che non è assolutamente una delle mie qualità risposi con un secco “Assolutamente no, stavo godendo di più prima”, per una Valchiria come lei era un affronto troppo grande, si alzò girandosi e dandomi le spalle se lo riportò dentro impalandosi completamente, ed accelerò il ritmo, con una mano mi afferrò le palle e riprese a massaggiarmele, indubbiamente l’avevo sfidata oltre misura.
Era una sensazione paradisiaca e questa volta realmente sentivo l’orgasmo montare, lei diminuì il ritmo “Non azzardarti mai più a mettere in discussione quello che dico, ragazzino”, rimasi paralizzato a quelle parole, “Ora girati, voglio regalarti una prima scopata da vero uomo” si sdraiò, mi posizionai tra le sue gambe, era magnifica una bomba di erotismo, dimenavo il mio bacino sbattendoglielo dentro con nerbo, questo la eccitava, mi sussurrò “Bravo il mio ometto, continua così che sento il mio orgasmo avvicinarsi”, ero allungato sopra di lei, piantato completamente dentro, i nostri corpi nudi e sudati rendevano il tutto ancora più inebriante, digrignò i denti e sbattendo il bacino tra me ed il materasso profuse nella stanza la sua acme di piacere.
Il calore che avvolse il mio pene mi condusse fino a sborrare il mio seme dentro di lei, mi venne naturale gridare “VEN…” mi tappò la bocca con la mano bloccando sul nascere il mio ululato, “Shh.. fai piano, vuoi che ci scoprino, stupidino”; ricaddi con la testa tra i suoi seni, mi accarezzava il viso ed i capelli, il mio membro si stava ritirando, seppur ancora dentro di lei, “Hai proprio un bel pisellone, oggi puoi dire di essere diventato uomo ed aver posseduto una vera donna”, mi addormentai come un lattante nel suo amorevole abbraccio.
Mi svegliai il mattino seguente completamente nudo, Elena non era più nel mio letto, mi alzai, indossai gli indumenti e uscii dalla mia camera, passai dal salotto e vidi solo i miei genitori in giardino intenti a fare colazione, li salutai e gli avvisai che sarei andato a fare una doccia, tornai in camera presi il costume e mi diressi in bagno, aprii la porta e quando entrai trovai la zia:
o Ti sei svegliato cucciolo, volevi farti una doccia? (era completamente nuda)
o Scusa zia, la porta era aperta pensavo non ci fosse nessuno, ritorno dopo quando hai finito.
o Entra non preoccuparti, fatti pure la doccia.
Spogliatomi avevo il pene leggermente indurito, era difficile non eccitarsi, mi accinsi ad aprire l’anta della doccia, ma lei non fu dello stesso avviso, indietreggiò fino a bloccarmi contro il vetro:
o Allora.. non mi hai neanche ringraziato per ieri?
o Zia, cosa posso dire, sei stata un portento.
o Vedo, qualcuno qui sotto è ancora duro.
o Dai.. così mi fai vergognare.
o Adesso lavati, più tardi vediamo se potrò insegnarti qualcosa di nuovo.
Rimase per qualche altro minuto nel bagno, muovendosi sinuosa ed erotica, non sottraendosi ai miei sguardi e lanciandomi ammiccamenti che avrebbero risvegliato anche un morto.

Questo racconto di è stato letto 8 3 8 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.