Storie di uno stupratore professionista – Jennifer 4

Scritto da , il 2020-07-06, genere pulp

STUPRO E SVERGINAMENTO ANALE 1


ATTENZIONE : QUESTO RACCONTO CONTIENE SCENE, DESCRIZIONI E RIFERIMENTI VIOLENTI. GLI EVENTI RAPPRESENTATI SONO RIGOROSAMENTE DI FANTASIA E NON RIFERITI AD EPISODI REALMENTE AVVENUTI PER CUI QUALUNQUE SOMIGLIANZA A PERSONE OD A FATTI VERIFICATISI NELLA REALTA' E' NON VOLUTA E PURAMENTE CASUALE. CHI SCRIVE NON INTENDE TURBARE NESSUNO E, PERTANTO, INVITA CHIUNQUE POSSA ESSERE IMPRESSIONABILE O SIA CONTRARIO A RACCONTI VIOLENTI DI NON PROSEGUIRE NELLA LETTURA. IL SADISMO ESPRESSO DA ALCUNI PERSONAGGI DELLA STORIA COSI' COME I LORO COMPORTAMENTI ABERRANTI NON SONO CONDONATI DA CHI SCRIVE E NON CORRISPONDONO AI SUOI GUSTI OD ALLE SUE TENDENZE. 


Jennifer sibilò e schiaffeggiò il bastone che le accarezzava il seno, una maledizione uscì dalla sua bocca, mi mossi più velocemente di quanto lei potesse parlare e sbattei il palmo della mia mano sinistra contro la sua spalla lussata, il dolore si dipinse sul suo viso mentre urlava, Jennifer si afferrò la spalla e poi cadde in ginocchio, piegandosi in vita e dondolandosi avanti e indietro sopraffatta dal dolore.

"Troia" le urlai "non capisci ancora? Ho bisogno di batterti ancora? Ho io il controllo qui. Se voglio picchiarti, ti batterò". Sottolineai le mie parole sbattendo il bastone contro la sua schiena, facendola sobbalzare e gridare di nuovo, un altro livido rosso apparve sulla sua carne liscia e soda. "Se voglio ucciderti ti ucciderò. Ti voglio stuprare in tutti i modi e ti stuprerò, ti sfonderò prima il culo e poi la figa, ti farò diventare puttana e venire per me poi, quando avrò finito di usarti, ti farò chiavare da un cane". Mi guardò poi e per la prima volta vidi il vero terrore nei suoi occhi.

"Capisci?" Le sollevai il mento con la punta del bastone, e lei annuì, un rapido cenno che le costò molto.

"Bene. Ora alzati, puttana. Sei mia prigioniera ed adesso ti metterò alla monta, sai in guerra ho stuprato un sacco di prigioniere sia vietcong, che irachene, in Bosnia poi ce ne erano pieni i bordelli di prigioniere che per mesi dovevano prostituirsi con i soldati e fare le puttane fino a farsi ingravidare anche davanti ai loro uomini e me ne sono godute tante, ma certamente nessuna bella come te…vedrai abbiamo tutto il tempo ti spezzerò e farai proprio come le altre prigioniere ti abituerai alla monta e ti vestirai da puttana per me"

Le girai intorno facendo scivolare il bastone sul suo seno, sul suo culo, sulla sua schiena, tra le sue cosce, spingendolo nel solco tra le natiche sino a toccarle il buco del culo aumentando la sua umiliazione mentre lei stava lì completamente nuda e tremante. Per tutto il tempo che le parlai giocai con il bastone toccandole i punti erogeni del suo splendido corpo.

"Sei uno splendido pezzo di carne, lo sai, cagna? Ogni uomo che ti vede vorrebbe essere me adesso, con te nuda davanti a loro, pronta a fare qualsiasi cosa ti si chieda. Non mi credi? Ti ho osservato e ho visto come ti guardano gli uomini. Loro bramano le tue tette dolci e il tuo culo perfetto. Mentre ti sorvegliavo ho visto come i loro occhi si soffermavano a guardare il tuo splendido corpo e so quello che stavano pensando. Volevano te, volevano scoparti, ti volevano in ginocchio con la tua dolce bocca intorno ai loro cazzi, ti volevano sulla schiena con il loro cazzo che riempiva la tua piccola fica stretta, ti volevano a quattro zampe per infilare il loro cazzo prima nella tua figa e poi su per il tuo culo. Ecco cosa sei per noi uomini : qualcosa da scopare, qualcosa in cui infilare i nostri cazzi per darci piacere. "

Continuai così, inframmezzandomi con commenti osceni su quello che le avrei fatto, su quanto fossero belle le sue tette, il suo culo, le sue cosce, il suo stomaco piatto. Stavo ancora attento, però, perché, anche picchiata e dolorante, era ancora una combattente, e non avevo intenzione di darle nessuna possibilità di reagire.

“Prima quando eri addormentata ti ho esplorato per bene figa e culo, sei vergine di culo vero? Rispondi troia!”

“Si, sono vergine”

“Puoi fare di meglio nel rispondere, devi umiliarti essere sottomessa ed usare un linguaggio volgare...ricordati sei una prigioniera che tra poco sarà messa alla monta...quando avrò finito di montarti saprai chiavare meglio di una puttana e sarai totalmente aperta sia in figa che in culo...chiamami Padrone e riprova troia!”

“Padrone – gemette Jennifer – nessuno mi ha mai preso il culo...ti prego!”

“Di meglio troia...devi fare di meglio! Ed offriti a me puttana” le urlai rafforzando l'ordine con un forte colpo di bastone di taglio dal basso verso l’alto che le prese tutta la figa per il lungo divaricandone le grandi labbra e facendola piegare in due per il dolore.

“Padrone ho il culo vergine – riprovò Jennifer – mi aprirai in due se mi inculi…Ti prego Ti servirò con la bocca…succhierò il Tuo uccello e berrò il Tuo seme…risparmiami il culo Ti prego…”

“Va meglio ma non mi hai convinto…quando vorrò farmi succhiare il cazzo me lo succhierai ma prima ti metterò un anello in bocca, ma non adesso, adesso voglio sentirti urlare mentre ti apro il culo e te lo svergino…giù faccia a terra, braccia aperte e cosce spalancate…puttana…adesso vedrai come si svezza una prigioniera!”

Questo racconto di è stato letto 4 0 4 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.