Conflitto Morboso - Capitolo 2

Scritto da , il 2020-06-27, genere pulp

Zelda si divertiva a bucare le grandi labbra di Cornelia inserendo l’ago molto lentamente e spesso, sadicamente, senza completare la penetrazione. L’alcol concentrato, incrementava il dolore e le urla soffocate di Cornelia mi spezzavano il cuore. Intanto, Zelda procedeva con il posizionamento degli anelli di metallo.
Zelda chiudeva il lavoro dopo 40 minuti di pura sofferenza della povera Cornelia.
“Lo sai perché utilizziamo anellini in acciaio nichelato? Perché circa il 30% delle persone soffre di allergie e noi speriamo che tu possa rientrare in questa percentuale… con il passare del tempo irrita da impazzire!”
Nel sentire queste terribili parole Cornelia emise un urlo rabbioso.
Zelda tolse i bavagli ad entrambe. Cornelia le sputò in faccia:
“Te la faremo pagare stronza sadica di merda!”
Zelda le rispose con una raffica di schiaffi che intontirono Cornelia. Poi non proferimmo più parola e Zelda se ne andò ridendo e lasciandoci nuovamente al buio.
Nel pomeriggio Clelia si divertì a martoriarmi il corpo utilizzando palette di legno, di cuoio e fruste paracord, costituite da un notevole numero di sottili fettucce sintetiche. Si dedicò ai seni e all’addome. Stavo prendendo letteralmente fuoco. Invece, Zelda si prese cura di Cornelia coprendola di cera calda dalle spalle alla punta dei piedi, con eccezione della passera sulla quale aveva messo ghiaccio tritato, dentro e fuori.
Alla sera ci slegarono, e tenendoci a bada con dei taser elettrici, ci concessero di mangiare e fare i nostri bisogni in sudici vasi da notte, sempre rimanendo in quel seminterrato e non consentendoci quindi di uscire. Poi ci addormentammo. Solo qualche giorno dopo ci rendemmo conto che nell’acqua che ci davano c’erano dei sonniferi.
Il mattino successivo, quando mi svegliai, mi ritrovai legata ad un cavalletto messa a 90°. Invece, Cornelia aveva un collare di cuoio al collo il cui anello era collegato da una catena ad una delle travi in legno del soffitto. La lunghezza della catena le consentiva a malapena di rimanere seduta per terra. Ognuna delle due file di anellini presenti nelle grandi labbra era stata riunita da un anello di dimensioni maggiori, e da ognuno di essi partiva una catenella collegata ognuna ai suoi alluci, sui quali erano stati fissati due anelli. Queste catene erano talmente corte da costringere Cornelia a camminare a quattro zampe, senza la possibilità di potersi sollevare in posizione eretta e senza la possibilità di stendere le gambe. Anche le sue mani erano incatenate al collare da una singola catena che non le permetteva di allungare un singolo braccio. Bastarde!!!
A metà mattina si fece viva Zelda che stavolta si occupò di me:
“Adesso inizierò a batterti il culo con queste palette… io preferisco quest’ultima perché è ricamata con carta vetrata, ma se la tua troia amica farà quello che le dico forse non la utilizzerò. Tu troia conterai i colpi pregandomi sempre di dargliene un altro e terrai tra le mani una videocamera per riprendere come cambia il colore delle sue natiche man mano che la batto. Così poi glielo faremo contemplare.”
Sadica di merda!!! Ma se usciremo vive da qui la pagheranno cara! Nessuna tra me e Cornelia osava rispondere per paura di far peggiorare la nostra situazione.
Zelda iniziò con un primo colpo durissimo con il quale dimostrò di metterci tutta la forza che poteva.
“Uno dagliene un altro per favore!”
“No, non va bene troia, AD ALTA VOCE! Ricominciamo da capo e riparti da zero! Saranno venti colpi!”
Porca puttana! Guardavo con la coda dell’occhio e quando stava per arrivare il colpo, quella puttana faceva le finte e bloccava il braccio già in movimento. Il dolore causato dal primo colpo era ancora forte.
“Continua a filmare troia e vedi di contare come ti ho ordinato!”.
“UNO! DAGLIENE UN ALTRO PER FAVORE!”
Piangevo disperata pensando a come sarei stata conciata quando si sarebbe fermata. Con il secondo colpo, riuscii a stento a trattenere un urlo di dolore.
“DUE! DAGLIENE UN ALTRO PER FAVORE!”
“TRE! DAGLIENE UN ALTRO PER FAVORE!”
Bruciava da morire, sentivo prendere fuoco e ad ogni colpo lasciavo andare un urlo liberatorio, ma Zelda non intendeva fermarsi. Nel frattempo era arrivata Clelia che si gustava la scena ridendo compiaciuta.
Intanto, Zelda aveva cambiato paletta e il dolore era ugualmente insopportabile. Al decimo colpo sentivo le gambe tremare e riconoscevo la voce di Cornelia spezzata dal pianto, mentre dal tredicesimo colpo non ricordai più nulla: ero svenuta. Ci pensò Clelia a svegliarmi con un secchio di acqua gelida in faccia.
“Gina! Devi vedere il tuo culo: è praticamente viola. In genere, Zelda non si ferma finché non vede colare un po’ di sangue…ma forse ti posso salvare il culo…si fa per dire…ah, ah, ah:
ti propongo ancora un solo colpo, ma con la paletta rivestita di carta vetrata, solo se i rimanenti sette colpi gli incassa la tua amica troia. Sei d’accordo?”
Non potevo scaricare la mia tortura a Cornelia, e poi legata com’era, c’era il rischio che la reazione ai colpi avrebbe potuto lacerare la carne strappandole gli anelli.
“No, continuate con me! Lasciate stare Cornelia!”
Ovviamente Cornelia intervenne in mio favore:
“Si, vi prego, accettiamo, prenderò io il resto dei colpi!”.
“Ok, tesoro ma con te useremo solo la paletta …abrasiva”
Zelda era spietata e se poteva infliggere maggiore dolore lo faceva.
“Sei pronta tesoro! Questa farà veramente male…”
Qualche secondo dopo arrivò una fitta tremenda, al punto che mi bloccò per un attimo il respiro; urlai perdendo quasi la voce.
“Cazzo!! Una meraviglia, guarda Clelia, questo è il colore che preferisco…e tu dammi la videocamera puttana, così facciamo vedere alla tua amichetta il bel culo che si ritrova adesso…!”
Clelia mi slegò dal cavalletto per incatenarmi alla trave in cui ero legata il giorno prima. Zelda prese la videocamera e me la portò davanti agli occhi mostrandomi l’ultimo minuto di ripresa. Alla vista di come mi avevano conciata scoppiai a singhiozzare, mentre quelle due bastarde si rivolsero a Cornelia:
“Ora tocca a te troia! Ma ti conviene non muoverti troppo…devi incassare solo sette colpi.”
Mentre Clelia parlava Zelda ostentava la paletta rivestita di carta vetrata sotto il naso di Cornelia.
“Mettiti in posizione per donarci il tuo culo e rimani ferma perché se ti muovi riprendiamo a lavorare la tua amica.”
Cornelia subì i primi tre colpi in modo esemplare, rimanendo ferma e in silenzio, poi uno squillo del cellulare gelò l’ambiente e soprattutto salvò Cornelia dal proseguo di quella tortura. Clelia rispose abbassando il tono di voce e allontanandosi:
“Si…ora?? Senza preavviso? …cazzo!! Va bene ci prepariamo…quindici minuti! Ok, a dopo.”
“Zelda dobbiamo muoverci, abbiamo poco tempo…andiamo”
“Porca puttana! Pensavo ci volesse ancora qualche giorno…e di queste due troie cosa ne facciamo?”
“Ce ne occupiamo al ritorno, lasciale così…”
Nel giro di dieci minuti sparirono e nella casa non si sentì più nessun rumore. Rimanemmo completamente al buio, ma se non altro potevamo comunicare tra noi, perché non avevamo più i bavagli; forse si erano dimenticate, o forse non era necessario perché probabilmente eravamo isolati al punto che le nostre urla non sarebbero state captate da nessuno.
“Cornelia! La valigetta! Zelda l’ha lasciata sopra il tavolo con le ruote. Dentro potrebbero esserci attrezzi e strumenti utili per liberarci…ci arrivi?”
“Ci posso provare…queste cazzo di catene mi impediscono di allungare braccia e gambe!”.
Per quanto Cornelia si sforzasse di riuscire ad allungarsi per raggiungere una gamba del tavolo, tutti i tentativi, provando prima con le braccia e poi con le gambe, furono inutili. Spossata dalla stanchezza e dalle percosse ricevute si lasciò andare e rimase seduta sul pavimento. La mia testa stava scoppiando.
“Eppure ci deve essere un modo Cornelia!”
“Le ho provate tutte, Gina! Ma ho poca libertà di movimento, non so che fare…tu come stai?”
“Ho un gran mal di testa e la fronte che scotta, penso di avere un po’ di febbre…”
“Certo dopo l’ultimo trattamento…hanno proprio infierito! Ma perché ce l’hanno tanto con noi?”
“Non lo so! Forse non si tratta solo dell’arresto o forse è puro sadismo fine a sé stesso, ci deve essere qualcos’altro ma non saprei…”
“Io non ricordo di averle mai viste, ma forse alla centrale sono andati avanti con le ricerche e sono riusciti ad identificarle. Magari investigando sulle loro vite potremo capirne di più.”
“E tu come stai Cornelia? Quando ti stavano colpendo con quella terribile paletta non battevi un ciglio!”
“Faceva un male cane! Probabilmente al quarto colpo sarei crollata. Ma il male peggiore ce l’ho intorno agli anellini: brucia da impazzire e più passa il tempo e più fa male…sono allergica al nichel!”
“Porca troia! Mi dispiace. Forse tempo fa me lo avevi detto, ma non lo ricordavo…l’ho immaginato quando quella bastarda te lo ha detto e tu hai urlato…Cornelia: dobbiamo fare di tutto per uscire da qui, prima che ritornino!”.
Ad un certo punto, ricordai che vicino al muro dove giacevo, era posizionata una tavola di legno di circa un metro di lunghezza. Ci arrivai con le gambe e me la trascinai vicina, quindi la spinsi verso Cornelia che si trovava a circa tre metri da me.
“Prova a usare la tavola per raggiungere il tavolo e muovilo verso di me!”
Dopo qualche tentativo, Cornelia riuscì a far muovere il tavolo con le ruote, aiutandosi con la tavola di legno, fino ad avvicinarlo a me, quindi lo spinsi nuovamente verso di lei: era fatta! Adesso Cornelia poteva disporre del contenuto della valigetta.
Cornelia procedette a tentoni toccando e provando con le mani tutti gli attrezzi contenuti: pinze, cacciaviti, coltelli e quelle che sembravano lame di ricambio per seghetto.
“Con queste dovrei riuscire ad aprire i lucchetti…incrocia le dita!”
Cornelia era particolarmente abile a forzare lucchetti e serrature e infatti, in poco tempo, udii il rumore del metallo che abbandonava il suo corpo.
“E’ quasi fatta Gina! Mi manca …solo di liberarmi …da questa merda di anelli e …da queste catene che mi legano agli alluci…e …FATTO!!! Ora accendo la luce e ti libero”
Finalmente Cornelia aprì anche i miei lucchetti e mi tolse le catene. Per i piercing il lavoro era più delicato e doveva attendere, nonostante l’infiammazione dovuta al nichel stesse aumentando insieme al dolore. Avvicinammo il tavolo alla botola con la scala retrattile e salimmo al piano superiore. La casa era deserta; rovistammo un po’ dappertutto per recuperare vestiti, armi e quanto potesse servirci per fuggire da quella casa, ma prima dovevamo capire dove ci trovavamo perché intorno alla casa c’era solo campagna.
Nel giro di venti minuti eravamo pronte per la fuga, avevamo rimediato solo due coltelli e qualche banconota, ma nel fienile antistante la casa trovammo una moto. Le speranze che si accendesse erano scarse e invece, colpo di fortuna: chiave nel cruscotto e accensione al primo tentativo. Percorremmo almeno 10 km di strada sterrata, finché non ci incanalammo in una strada statale, quindi dopo altri 5 km arrivammo ad una stazione di servizio. Facemmo rifornimento e prendemmo le necessarie informazioni: ci trovavamo a circa 150 km da casa. Proseguimmo a folle velocità e in poco più di un’ora eravamo alle porte della città.
Continua…

Questo racconto di è stato letto 2 1 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.