Nina - episodio 1

Scritto da , il 2020-06-24, genere masturbazione

L'estate le risvegliava i sensi.
E' come se all'improvviso sentisse di avere un corpo che desiderava scoprirsi, essere toccato, provare piacere.
Girava per casa con un vestitino morbido, corto fin sopra il ginocchio, con ampia scollatura, che si annodava dietro il collo e le lasciava parte della schiena scoperta.
E non indossava la biancheria intima, godendosi quella sensazione di libertà e freschezza. Si era anche depilata la zona intima con particolare attenzione, lasciando soltanto una sottile striscia di peli morbida e scura. Mentre si muoveva per casa, il contatto del suo clitoride con la stoffa morbida del vestito, le donava improvvise sensazioni piacevoli.
Nonostante le alte temperature si concedeva lunghi bagni caldi, che per lei erano un vero e proprio rito. Riempiva la vasca quasi del tutto con l'acqua calda e versava abbondante bagnoschiuma per far sì che in breve tempo comparisse una morbida nuvola bianca nella quale abbandonarsi. La sua amica le aveva regalato quel bagnoschiuma al ylang ylang e lei aveva imparato ad apprezzarne quel profumo così intenso, caldo e sensuale che si diffondeva nell'ambiente. Abbassava la tapparella del bagno quel tanto che bastava per creare la giusta penombra, sceglieva la playlist adatta per diffondere un sottofondo di musica rilassante e si godeva quel momento tutto per lei. I suoi gesti erano morbidi e lenti, quasi come se volesse risvegliare la dea seducente che era dentro di lei, quasi come se un osservatore immaginario la stesse guardando, un uomo da sedurre e ammaliare. Una volta seduta nell'acqua prendeva un panno morbido, lo immergeva nell'acqua, e cominciava a bagnarsi la faccia, la testa, i capelli, strizzando il panno e lasciandosi colare quel liquido caldo addosso, che piano piano scioglieva tutte le tensioni e le regalava una sensazione di abbandono. Continuava passandosi quel panno su tutto il corpo. Quando arrivava ai seni e al basso ventre indugiava languidamente con i movimenti, per assaporare il piacere di quel contatto. Si immergeva completamente nell'acqua calda e con una mano iniziava ad accarezzarsi tra le gambe. Non voleva ancora arrivare all'orgasmo, voleva solo far salire la sua eccitazione e prolungare il più possibile il piacere, al quale si sarebbe abbandonata una volta fuori dall'acqua. Versava un po' del bagnoschiuma su una spugna, si insaponava completamente e si risciacquava. A quel punto si avvolgeva nell'accappatoio soltanto pochi attimi, giusto il tempo di togliere il grosso dell'umidità, e iniziava a cospargersi con il suo olio preferito. L'olio a contatto con la pelle ancora umida diventava una splendida emulsione morbida e profumata che si fondeva con il suo corpo. Infine andava in camera, stendeva un asciugamano pulito sul letto, si versava poche gocce d'olio sulla mano, si sdraiava comodamente sul letto e iniziava a massaggiarsi un seno e poi l'altro, giocando con i suoi capezzoli fino a farli indurire. Poi si versava ancora qualche goccia sulle dita e si dedicava ad accarezzarsi il monte di venere, la sottile peluria, poi l'inguine e la vagina, già bagnata di umori. Massaggiava le grandi labbra, le piccole e poi saliva su, fino al clitoride che era già sensibilissimo al suo tocco. Sapeva che le sarebbe bastato un niente per arrivare all'orgasmo ma non era ancora il momento, prima voleva dedicarsi al suo fondoschiena. Si versò altre gocce d'olio sulle dita si sdraiò comodamente di lato e prese a massaggiarsi da dietro. Per lei era ancora una zona inesplorata che però la incuriosiva molto e con la quale voleva prendere confidenza. Con un dito iniziò a massaggiarsi attorno al suo buchino, provando una sensazione che non sapeva neanche lei se di piacere o di fastidio. Respirò a fondo per rilassarsi e continuò ad accarezzarsi, notando che quella nuova sensazione iniziava a piacerle.
Ora però era arrivato il momento di concedersi un piacere più intenso.
Si mise supina, piegò le gambe verso di sé e le spalancò. Con una mano prese ad accarezzarsi i seni, stuzzicando i capezzoli, alternando sapientemente forza e delicatezza, con l’altra iniziò a massaggiarsi più in basso, ascoltando ogni sensazione che il suo tocco le regalava. Stuzzicò il suo clitoride ormai gonfio, accarezzandolo con piccoli cerchi. Con due dita entrò nella sua vagina e massaggiò quella zona rugosa interna che sembrava una piccola spugna. Continuò senza esitazione. Sapeva che dal non sentire niente sarebbe passata ad una sensazione di leggero fastidio, quasi come di dover urinare, fino ad approdare finalmente a quell'esplosione di piacere tanto intenso. E così continuò a muovere le sue dita, il suo respiro divenne ansimante fino a quando arrivò un intenso orgasmo e le contrazioni del suo basso ventre le strinsero le dita. Dopo qualche istante le tirò fuori piene di umori, chiuse gli occhi e le leccò.

Questo racconto di è stato letto 3 3 8 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.