Quella volta che l'ho leccato senza pietà

Scritto da , il 2020-04-24, genere etero

*TRATTO DA UNA STORIA VERA*

Mi chiamo Marika e sono una studentessa di infermieristica,vivo in casa con altri studenti e lavoratori,nel tempo libero lavoricchio come cameriera e sono fidanzata da 4 anni con Giorgio,un ragazzo fantastico!.
Eppure,da un mese a questa parte nella mia casa è entrato uno strano ragazzo che tutto ha fuorché un fascino o un savoir-faire con le ragazze,anzi a dirla tutta si comporta molto da provinciale,basso,carnagione olivastra e capelli scuri,con le mani rovinate dal lavoro svolto come muratore,l'unica cosa che si salva è il suo fisico,sembra delineato ma,non voglio fare la stronza subito che qualcuna possa trovarlo piacente.
Amerigo,questo il suo nome! È un ragazzo che viene dal Portogallo venuto a fare qui erasmus,ci ho parlato poche volte,lui parla poco di italiano ma non fa alcuna difficoltà a farsi capire,sta molto sulle sue,ma se saputo prendere ci si fanno delle lunghe chiacchierate infinite,a volte faccio fatica a comprenderlo dato che parla solo di studio che a quanto ho ben capito lui svolge a mal voglia e lavoro in cucina come chef ,la sua più grande passione.
Ogni sera ci capita di incontrarci di sfuggita,non so perché ma è da qualche settimana che lo studio e mi incuriosisce,possibile che in quella testa non ha nient'altro che il lavoro e quello studio che con scarsa voglia porta avanti?.
Decido dunque un giorno di provare a iscrivermi su tinder,settando i parametri giusti così da vedere il suo profilo,mi sembra tipo da bazzicare sulle dateapps,magari ha un complesso per il suo aspetto che lo porta ad essere timido nei confronti delle donne,o magari è gay?.
Niente,tinder non da alcun segno,li non lo trovo.

Decido dunque di passare al piano b,voglio provocarlo,giusto per vedere se da parte sua arriva una reazione,non voglio sembrare arrogante,ma so di essere una bella ragazza con le forme giuste e femminile quanto basta per riuscire a non passare inosservata difronte un uomo,sono comunque abbastanza alta,bionda,carnagione chiara,terza abbondante di seno e delle labbra abbastanza pronunciate da sembrare quasi rifatte.

Decido dunque che stasera lo stuzzico un po',giocherò a fare la gatta morta,infondo che c'è di male nell'usare ciò che madre natura mi ha dato?,mi butto in camera,metto una vestaglia a kimono in seta rosa pallido,cercando di scoprire le gambe e aprendo di poco la scollatura così da fare intravedere il mio reggiseno,sciolgo i capelli e metto addosso un po' di black opium alla vaniglia.


Avanzo nel corridoio,la luce della cucina è accesa,lui ancora non è lì,quindi faccio finta di frugare nel frigorifero e smanetto un po' alla libreria,fin quando sento la porta aprirsi di prepotenza,senza girarmi so che è lui,solo lui può avere quei modi da cavernicolo indelicato.

Non lo guardo,lui si limita a un ciao e io ovviamente ricambio la battuta,prende uno yogurt dal frigo,un cucchiaio ed esce senza nemmeno riguardare,si, è gay non ci sono altre spiegazioni!.

Torno in stanza,delusa,mi affonda nel mio orgoglio femminile,voglio dire,so di non essere una miss,ma so anche che gli uomini mi guardano,specie se l'unica cosa che ho indosso è una merda di vestaglia rosa che da molte informazioni su come sono messa sotto la mia vestaglia!,rinuncio? O ci vado fino infondo?,ma soprattutto inizio a domandarmi del perché mi importa così tanto,infondo sono fidanzata da anni con Giorgio,ci sta che essendo io una studentessa fuori sede vedo poco il mio ragazzo,ma! Prendermela per un racchio del genere?.

Il giorno dopo mi sveglio alle 8 del mattino!,sento voci dalla cucina e riesco a distinguere Giacomo il coinquilino che sta di sopra e Amerigo che parlano,sento poco,ma sento Amerigo che parla di una ragazza che gli piaceva quando viveva a Lisbona,allora non è gay! Semplicemente non gli piaccio,apro la porta della mia stanza,mi avvicino alla porta di casa e tra le tante lettere ne vedo una che riporta il suo nome!corro in stanza cercando di ricordare i suoi nomi e il suo cognome, lo cerco su facebook ed eccolo lì!.

Ha una foto profilo modificata con un filtro Instagram,scorro per le foto e ne trovo una dove è ha petto nudo al mare, caspita! Che corpo!,di improvviso mi sento bagnata,inizio a toccarmi guardando quella foto e piano piano affondo le mie dita sempre più dentro sentendo che la mia vulva pulsa e si bagna sempre di più!,inizio ad ansimare ma soffoco i miei gemiti per paura che qualcuno mi possa sentire,vado avanti per qualche minuto guardando quel corpo spigoloso,ma due rintocchi sulla mia porta mi fanno fermare:
"Si?"
"Hey mari,sono Giovanna,io e Giacomo stiamo andando al supermercato ti serve qualcosa?"
"No andate io sto apposto".

Sento la porta che si chiude,corro in bagno a lavarmi le mani,dopodiché esco dal bagno e attraverso il lungo corridoio,capisco che in casa sono solo io e molto probabilmente Amerigo sta qui con me,mi avvicino alla sua porta e riesco a sentire dei piccoli rumori che mi fanno capire che lui è qui.

Non so cosa mi sia preso e giuro che non mi sono mai comportata così,ma avevo voglia,voglia di leccargli il cazzo mentre le sue mani ruvide e mal curate mi tenevano la testa,avevo voglia che il suo modo cavernicolo e indelicato mi toccassero,non ho mai tradito il mio ragazzo,ma per una volta che mi comporto da monella cosa poteva succedere? Infondo,se gli chiedevo di scoparmi poteva rifiutare,ma un pompino è un pompino?.
Busso alla porta!lui apre ed è lì difronte a me con una maglia blu e una tuta grigia che fa vedere la sagoma del suo pene; lo spingo,lui indietreggia guardandomi in modo infastidito,chiudo la porta e mi butto in ginocchio,gli scopro la tuta,lui si aiuta e mi trovo difronte a me quello che volevo,e ne rimango stupita,19 cm che aspettano solo di essere leccati.
Lo prendo in mano e inizio a segarlo per pomparlo meglio,non erano solo 19,ora sono diventati ben 21 con un cappellone enorme,inizio dunque a giocare con la punta leccandola,e vedo che lui piega la testa all'indietro dalleccitamento,sento le sue mani ruvide che spingono la mia testa infondo e io Poggio le mie mani sul suo ventre come a proteggermi e a spingermi via,ma lui più vede che cerco di distaccarmi più mi affonda,e lì mi bagno!,inizio a succhiare velocemente toccandogli le palle mentre il mio naso sente l'odore dei suoi ferormoni che man mano diventano sempre più acri,inizio dunque a masturbarmi in contemporanea che lo succhio sempre più forte per fargli scaricare i suoi umori nella mia bocca.
Mi afferra dai miei biondi capelli e mi trascina in un angolino della stanza,dove mi inizia a scopare la bocca sempre più forte e spingendomi il cazzo in gola,finché con una sola mano mi comanda la testa e io li immobile a prenderlo e a subire quel pompino.

A quel punto tirandomi per i capelli con una mano mi punta il cazzo in faccia ordinandomi di segarlo,mentre lo sego lui con un gemito mi schizza tutto in faccia e io dal basso lo guardo in viso godere come un maiale,e nel venire sento che la sua presa sui miei capelli diventa così forte da farmi male!.
Mi ricompongo,apro la porta e vado in bagno a lavarmi il viso e fare una doccia,non sono mai stata così monella e mai mi sono sentita così troia in vita mia, ma mi è piaciuto talmente tanto che mi sono promessa di rifarlo.

Questo racconto di è stato letto 4 7 5 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.