Il personal trainer di mia figlia – Capitolo 3

Scritto da , il 2020-04-24, genere dominazione

Al mattino quando mi risvegliai il letto era ancora abbondantemente umido. Mi sentivo sconquassata con un senso di colpa che rispetto ai giorni precedenti era fortemente contrastato da una gran voglia di scopare ancora e ancora con Bruno: mi aveva stregata! Ma ancor di più, mi aveva fatto sentire sua, e forse questo aspetto era quello che maggiormente incideva nella mia capacità di agire razionalmente: con tutti gli uomini che potevo trovare in giro, perché dovevo avere una relazione con l’uomo di mia figlia? La risposta era che non si trattava di una semplice relazione, ero la sua troia personale: me lo aveva detto lui! E questo mi faceva eccitare da morire! Si, forse erano state frasi dettate dal momento, dall’esaltazione del piacere, ma il pensiero di essere dominata da Bruno mi piaceva e mi faceva rabbrividire. Provavo quella sensazione adrenalinica di chi sta per salire sulle montagne russe, consapevole della sensazione che si prova da una precedente esperienza.
Non stavo nella pelle, così per calmarmi, andai nuovamente a fare shopping; da tempo, avevo in mente di andare a comprare qualcosa di originale e accattivante in un negozio di abbigliamento nella periferia della città.
“Buongiorno, serve aiuto?”
“Buongiorno, stavo cercando un abitino sexy attillato”
“Allora, qui potrebbe esserci qualcosa di interessante, sono modelli nuovi, dei tubini molto sexy”
Ne vidi tre o quattro che sembravano carini, uno a fiori, scartato, uno a tinta unità, scartato, ma poi fui attirata da un tubino bianco con raffigurazioni in bianco e nero di fumetti erotici anni settanta.
“Questo è fantastico! Che taglia avete?”
“Vediamo…ne sono rimaste due…”
“Mhmm, un po’ piccolo ma lo voglio provare…”
Andai in camerino e lo indossai, mi guardai allo specchio: Mamma!!! Vestita così potevo rischiare di essere scopata in strada dal primo sconosciuto. Il tubino era estremamente aderente e abbastanza stretto: il seno stava letteralmente scoppiando, mentre i glutei facevano fatica a restare dentro il vestitino e venivano coperti a malapena considerato quanto fosse corto.
La signorina mi guardò meravigliata quando le dissi che lo avrei acquistato, perché era evidente che non corrispondeva alla mia taglia. Poi quando le feci capire che doveva essere una sorpresa per il mio uomo e che, volutamente, volevo apparire come una puttana di strada, si fece una risata e mi fece anche un discreto sconto.
Nei giorni successivi ci vedemmo poco, perché Bruno era andato fuori città ad una fiera delle attrezzature per fitness. Anche la mia attività in palestra andò liscia in presenza del suo collega istruttore, Giorgio, che lo affiancava e talvolta lo sostituiva.
Il venerdì sera rientrai a casa stanca dopo una intensa ma soddisfacente seduta ginnica pomeridiana, mangiai con Monica e verso le 21.00 ricevetti la telefonata di Bruno.
“Ciao Barbara!”
Bruno ancora una volta mi aveva spiazzato, Monica era di fronte a me e lui sicuramente lo sapeva, ma mi aveva chiamato lo stesso: era chiaro che gli piaceva mettermi in difficoltà, era il suo modo di trasgredire, di giocare con il fuoco, mentre io non sapevo che cosa fare, come rispondere. Avevo poco tempo per pensare, anzi non ne avevo proprio…! Improvvisai.
“Ciao Gianna! Come stai?”
“Ciao troia! Immaginavo ci fosse Monica e vedo che hai trovato la soluzione…e Monica che cosa sta facendo, ti sta osservando incuriosita o sta guardando la televisione?”
“Si, è un po’ che non ci vediamo…da quando quella volta abbiamo visto quel film in TV a casa tua!”
“Ah, ti è andata bene…guarda la TV e probabilmente non ti chiederà nulla su …Gianna! Io sarò di ritorno domani, avevo detto a Monica che sarei rientrato dopodomani, ma la voglia di scoparti di nuovo mi ha spinto al rientro anticipato. Ovviamente Monica non lo sa così domani verso le 11.00 del mattino ti devi far trovare in palestra: aprirò solo per te e ti farò sborrare tutto il giorno non prima di avere soddisfatto tutte le mie voglie, hai capito troia?”
“Si è chiaro allora ci possiamo vedere domani e magari pranziamo insieme, ma che programmi avevi?”
“Prima di tutto voglio che ti presenti con un abitino facile da togliere, dei tacchi alti e delle calze da puttana che sicuramente hai nel guardaroba. Non voglio vedere biancheria intima: se ti fai vedere anche solo con un perizoma o un reggiseno ti sculaccerò per il resto della giornata, più di quello che già ho in programma. Il resto deve essere una sorpresa per cui lo saprai domani.”
“Va bene Gianna, allora ci vediamo domani!”
“Ancora una cosa troia: quando salirai in macchina per venire da me a farti sfondare, mi dovrai videochiamare, poi ti infilerai nella fica il vibratore che ti ho regalato e lo accenderai. Regola tu la frequenza di vibrazione, purché rimanga acceso da quando parti a quando entri in palestra, e questo me lo dimostrerai riprendendoti con lo smartphone. Voglio vedere il tuo succo colare sulle calze non appena ti vedo…a proposito: visto che non avrai le mutandine, fatti venire una brillante idea per tenerti il vibratore dentro anche quando camminerai… che ne so, chiudi le gambe, fai passi cortissimi, oppure usa del nastro per pacchi per chiudere quella fica da vacca!”
“Ok, va bene!”
“Buonanotte e ricordati che sei la mia troia!”.
“Buonanotte, Gianna!”
Mi tremavano le gambe, un po’ per l’eccitazione di quello che sarebbe avvenuto all’indomani, un po’ perché Monica era li vicino a me, ignara che il suo Bruno fosse un incredibile maiale.
Per tutta la sera immaginai come sarebbe stato, mi sarei messa il tubino sexy acquistato al mattino; sarebbe stato perfetto per l’occasione, e chissà che faccia avrebbe fatto Bruno nel vedermi vestita così! Ero sicura che non l’avrei deluso e avrei soddisfatto le sue richieste.
Ma come fare per tenere fermo il vibratore senza le mutandine? Sarebbe sceso rapidamente considerando la sua superficie liscia; forse il nastro adesivo poteva funzionare, ma poi optai per l’impiego di due mollette da bucato. Ne avevo un tipo più corto che avrebbe ridotto l’ingombro e il fastidio durante la camminata. Le provai in camera da letto prima di mettermi a dormire: le due mollette avrebbero sigillato momentaneamente le grandi labbra e tenuto all’interno il vibratore. Mentre relativamente alla ripresa con lo smartphone, avevo già la soluzione, lo avrei fissato all’apposito sostegno all’interno dell’abitacolo dell’auto.
Mi sarei mossa alle 10.30. A quell’ora Monica non sarebbe stata in casa e quindi avevo libertà di movimento, in una ventina di minuti sarei arrivata alla palestra che quel giorno sarebbe stata chiusa al pubblico.
Alle 10.30 ero pronta, sembravo proprio una puttana di strada! Fortunatamente avevo la macchina in garage e con l’apertura automatica del box nessun vicino mi avrebbe vista. Appena seduta in auto provai subito una sensazione di disagio con le mollette compresse tra le gambe e con il vibratore, ancora spento, infilato nella passera. Una volta in strada aprii la videochiamata con Bruno e accesi il vibratore.
“Barbara!!”
“Ciao Bruno, sto per partire”
“Cazzo che faccia da troia che hai oggi con quel trucco…e poi quel vestitino sembra perfetto: proprio quello che immaginavo, non vedo l’ora di metterci le mani sopra! Ok, adesso fammi vedere il vibratore, è già acceso?”
“Si l’ho acceso adesso…ecco, guarda!”
Presi lo smartphone, e dopo aver divaricato le gambe quanto bastava, lo posizionai di fronte alla passera, levai una molletta e mostrai a Bruno il led luminoso rosso di accensione.
“Mollette!! Che fantasia da maiala! Ti devo fare i complimenti, non sarà difficile trasformarti in una vacca da monta, sei sulla buona strada…! Ora rimetti la molletta e vieni qui, ho una gran voglia di usarti in ogni modo!”
Mi avviai con la vergogna che trasudava dalla pelle mentre Bruno rimase in videochiamata, ma senza più dire nulla.
Dopo qualche minuto la vibrazione stava facendo il suo effetto, la mia attenzione alla guida era tutt’altro che perfetta quindi preferii prendere strade meno trafficate e allungare il tragitto. Intanto venivo e mi bagnavo oscenamente. Arrivai alla palestra con cinque minuti di ritardo, un po’ a causa della videochiamata con Bruno e un po’ per il percorso alternativo. Il vestito all’altezza del sedere era umido, impregnato del mio succo.
Parcheggiai l’auto di fronte alla palestra e uscii dall’abitacolo con qualche difficoltà: le gambe cedevano, mentre le contrazioni al basso ventre andavano e venivano. L’auto di Bruno era parcheggiata nel vialetto antistante la porta d’ingresso, il cancello era chiuso così suonai il campanello e Bruno rispose al citofono.
“La puntualità è importante troia! Mi sembrava di averti detto di essere qui alle 11.00, sono le 11.05!”
“Scusa Bruno, ma quel vibratore ha condizionato la mia guida e allora…!”
“TACI TROIA!! Aumenta la vibrazione al massimo!”
“C..c..cosa..? si va bene… ma ti prego fammi entrare!”
Con un po’ di difficoltà feci quanto mi aveva ordinato. La tortura continuava e non riuscivo a non reggermi all’inferriata del cancello.
Poi, dopo 10 lunghissimi minuti, finalmente il cancello si aprì e mi avviai verso la porta d’ingresso.
“Buongiorno troia! Che fica!!! Hai le poppe che ti esplodono, questo tubino è fantastico, ma che cazzo di taglia hai scelto? Ancora un po’ e i capezzoli lo bucano!”
“Non c’era la taglia più grande e mi sono accontentata…ti prego Bruno…il vibratore…non mi reggo più in piedi!”
“Toglilo e mettitelo in bocca, puoi anche spegnerlo se vuoi! …e dammi le mollette!”.
Staccare le mollette dalla mia passera mi causò un po’ di dolore ma fu una liberazione, intanto Bruno pinzava con le dita i miei capezzoli, già ben turgidi, tirandoli verso di sé insieme al vestito.
“Vediamo come stanno queste mollette sulle tue enormi poppe!”
Applicò una molletta su ciascun capezzolo pinzandoli sopra il vestito: le due fitte mi fecero vacillare e non riuscii a trattenere un gridolino di dolore.
“Troia zitta! Devi imparare a subire in silenzio e a sopportare il dolore, hai molta strada da fare, ma vedrai che ne varrà la pena e godrai come una matta! Comunque, se vuoi rinunciare a servirmi e a succhiarmi il cazzo puoi sempre andare via!”
“No, non voglio rinunciare, voglio essere tua.”
“Bene! Sei bagnata da far schifo…ti devi contenere…adesso che hai ripulito per bene il vibratore dammi un bacio, voglio sentire il sapore della tua sborra!”
Tutto si svolgeva nell’atrio antistante la reception di ingresso della palestra, ci baciammo a lungo quindi Bruno si staccò e, inaspettatamente, mi diede un sonoro schiaffo.
“Il tuo ritardo è stato una grave mancanza e per questo devi essere punita!”
Continua….
(Per eventuali commenti o suggerimenti contattatemi su dukeduke1069@yahoo.com)

Questo racconto di è stato letto 8 5 1 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.