Alla Scala dopo la Grande Epidemia

Scritto da , il 2020-04-13, genere sentimentali

Finalmente a quasi un anno dall'inizio della Grande Epidemia la Scala riapriva i battenti e lei aveva programmato da tempo per quell'occasione l'incontro.
Avrebbero potuto incontrarsi già da un paio di mesi, da quando le restrizioni e i controlli sugli spostamenti inter-regionali erano stati revocati, ma avevano rinviato di giorno in giorno, dapprima per paura che in un solo istante tutto ciò che avevano costruito e condiviso in mesi e mesi di isolamento, da quando si erano conosciuti per caso in rete, potesse svanire in un solo deludente momento. Poi lei aveva avuto la grande fortuna di veder coronato il desiderio che nutriva da quando si era trasferita a Milano: essere una delle privilegiate spettatrici di una prima alla Scala. Una delle sue sceneggiature era stata premiata dalla RAI con due biglietti in platea, fra i posti d'onore. Così aveva istantaneamente deciso che ci sarebbe andata con Lui. Avevano perciò, in trepido accordo, atteso quel giorno per poter finalmente toccare materialmente chi, nelle lunghe sere e notti dei mesi della solitudine, era stato testimone, complice ed artefice di decine e decine di orgasmi, reciprocamente auto-procurati, nella illusoria intimità di una chat.

Sapeva che Lui non era appassionato di teatro ed era commossa dal fatto che fosse così disposto ad andarci con lei. Sorridendo a se stessa mentre agganciava ciascuno dei due ganci sul retro del suo nuovo corpetto in raso nero e pizzo, non poté fare a meno di immaginare che faccia Lui avrebbe fatto, nel vederlo, alla fine della serata. Indossò le calze lisce, color 'nude nude', sulle lunghe gambe abbronzate, assicurandosi di allungare bene la seta e darle quel tipico tocco sul polpaccio e di nuovo su, fino ad allacciarle alle bretelle che le scendevano giù dalla vita. Si osservò allo specchio: il suo sesso era così bello incorniciato sotto il corpetto e fra le bretelle, era innamorata di quel ciuffetto sbarazzino che sovrastava la vulva per il resto liscia e perfettamente depilata. Guardò il suo minuscolo perizoma nero ...Avrebbe o non avrebbe dovuto indossarlo? .... Le ci volle qualche istante per decidere, e poi seppe di aver preso la decisione giusta, la prova l'avrebbe avuta più tardi quella sera.

I piedini scivolarono nelle scarpe scollate dai tacchi scamosciati neri, semplici, eleganti, alti da accentuare i polpacci tonici e le cosce lisce, le bretelle seguivano la curva del suo sedere rotondo. Non aveva mai indossato reggicalze prima, abituata alle autoreggenti in pizzo, ma ora, mentre si passava le dita sul ventre, sui fianchi, lungo una coscia, riusciva a capire come quelle semplici calze, nel tempo non avessero perso nemmeno un atomo del loro fascino. La facevano sentire una ragazza super sexy, specialmente con i tacchi.

Guardandosi allo specchio aggiunse gli ultimi ritocchi, un leggero spruzzo di profumo sulle ascelle, tra le tette rotonde e appena sopra il suo morbido e liscio monte di venere. Aggiunse degli orecchini pendenti e il girocollo d'argento, prima di indossare il corto vestito nero. Era il suo preferito, con un collo quadrato basso e le bretelle che si adattavano magnificamente al suo seno. Il bustino sottostante migliorava ulteriormente, minimizzandola, la sua già piccola vita. L'abito terminava a metà coscia, abbastanza lungo da essere elegante, ma abbastanza corto da sollevarsi dando una visione allettante delle cosce lunghe e lisce mentre scendeva le scale.

Lui scese fra gli ultimi dal Freccia Rossa proveniente da Bologna, dopo un viaggio durato un lampo per la velocità del treno ma soprattutto per le risate e le bottiglie di spumante, che sui treni a lunga percorrenza, i passeggeri spontaneamente ancora stappavano e offrivano a tutti per festeggiare la ritrovata normalità.
Nel grigio della sera e del selciato riconobbe la nera ed elegante sagoma di lei, dalle curve sinuose fasciate dal vestito da sera. Senza parlare si guardarono negli occhi e si strinsero in un abbraccio fortissimo, come se i loro corpi già si conoscessero da tanto. Si erano sicuramente mancati a lungo. I verdi occhi di lui luccicavano di commozione, quelli azzurri di lei versarono copiose lacrime di gioia che le rigarono il volto di rimmel.
"Dovrai rifarti il trucco, tesoro." l'avviso lui, con voce singhiozzante e ridente. "Lo so" rispose lei, cercando di arrestare il disastro con il dorso dell'indice.
Aveva trovato la figura di lui gradevole oltre ogni aspettativa, specie in confronto all'età che sapeva avanzata, era affascinante nel sobrio abito grigio scuro sotto il Borsalino nero alla Humphrey Bogart. E la lieve fragranza tabaccosa che aveva percepito sul suo collo nell'abbracciarsi le era decisamente piaciuta.

I momenti successivi furono come passeggiare sulle nuvole. Mentre si dirigevano alla metropolitana i ragazzi li notavano e sorridevano seguendoli con sguardi di cui loro erano totalmente inconsapevoli.

Mentre prendevano la metro, lui non riusciva a distogliere gli occhi dalle sue gambe. Le scarpe scollate mostravano i suoi piedi meravigliosamente forbiti, le minuscole caviglie che si raccordavano a lunghe gambe abbronzate, Le seguì con lo sguardo fino alla coscia senza accorgersi che lei lo stava guardando compiaciuta, con un bagliore birichino negli occhi. Non passò molto tempo prima che arrivassero a destinazione.
I due giunsero a teatro fendendo la calca assiepata all'esterno come se levitassero, con un'espressione talmente raggiante sul volto, che la folla si apriva ammirandoli senza riuscire minimamente a distoglierli dal guardarsi l'un l'altra teneramente, come se non ci fosse nessuno e nient'altro che loro.
Dovettero però inevitabilmente tornare con i piedi per terra per mostrare i biglietti, lasciare i soprabiti e ascoltare le indicazioni di rito per la serata.
Poi mentre lui andò a ordinar le bevande, lei si fece strada verso una finestra, ripensando con piacere a come le sue gambe avessero avuto quell'ammaliante effetto sullo sguardo di lui nella Metro. Lo vide avvicinarsi reggendo fra le mani un vassoio con due ampi calici di liquido ambrato frizzante di bollicine, bottiglie d'acqua e altri bicchieri. Lei si compiacque nel constatare la sua abilità nel procurarsi un vassoio in un ambiente siffatto.
"Aiutami! E fammi un sorriso." Disse lui.
"Che grande bicchiere di vino! Cerchi di ubriacarmi?" Lei si sporse in avanti e lo baciò lasciando che le morbide labbra sfiorassero delicatamente sulle sue, gli sussurrò grazie prima di prendere il bicchiere e portarlo alla bocca dalle linee perfette. Lo guardò negli occhi mentre sorseggiava lo spumante, posò il bicchiere su di un tavolo della sala, si morse leggermente il labbro inferiore e sospirò: "Mmmm grazie tesoro, ha un sapore così buono..."
Lui non aveva idea di come ci fosse riuscita, ma quelle sue mosse bastarono a fargli sentire il membro che cresceva nei pantaloni e che cos'era quel luccichio nei suoi occhi, era solo il vino?
Non poté indugiare su quelle domande che l'annuncio veniva dato al pubblico di accomodarsi ai loro posti.

Lo spettacolo fu fantastico, ma in realtà lui si rese conto di averlo guardato solo per la metà del tempo mentre per l'altra metà guardava incantato il volto di lei che esprimeva tutta l'emozione nel seguire la trama. Di tanto in tanto lei gli lanciava un'occhiata e arrossiva; senza parole gli trasmetteva la gioia di averlo accanto e il suo timido sorriso gli diceva di essere paziente.

Lo spettacolo finì, era stato meraviglioso, ma ora lui era sopraffatto dall'impaziente desiderio di baciare la sua bellissima amica e mentre uscivano dal teatro la portò giù accanto all'edificio, traendola a sé con un solo forte gesto. Lei gli si avvicinò volentieri, sollevando le braccia intorno al suo collo, lui si chinò a baciarla godendo profondamente della sua dolce bocca. Le carezzava le guance e i capelli, mentre lei faceva scorrere la lingua dentro e fuori dalla sua bocca, giocherellando. Lui la accarezzò sul collo lungo e liscio e sul seno, prendendo una tetta in mano ad adorarne la pienezza. Con l'altra mano le circondò la vita, non dandole modo di scappare, tirandola forte contro di lui, cominciò a baciarla con profondo desiderio. Lasciò che la sua mano scivolasse sul suo sedere meraviglioso e per un momento si chiese se lui avesse mai toccato un fondoschiena così perfetto in passato, ma prima di una qualche risposta lei si voltò, svincolandosi dalla sua stretta, si mise un dito sulle labbra, sussurrando piano: "Non qui".
Gli prese la mano e fece strada verso la metro. Si sentivano come ragazzi di scuola mentre sfrecciavano dentro e fuori da passaggi costellati di ubriachi, di nuovo totalmente ignari degli sguardi che ricevevano da uomini e donne. La metro era molto più silenziosa di prima, solo una donna anziana e un turista nella loro stessa vettura, lui si sedette sperando che lei si sedesse accanto a lui, ma lei scelse di sedersi di fronte, incrociando le gambe un po 'più in alto del normale. La gonna le cadde sul fianco e contorcendosi un po' sul sedile, le radici delle cosce biancheggiarono scoperte dal movimento, ma al loro centro non apparve nessun delicato pizzo come lui si era aspettato. Trattenendo il respiro, alzò lo sguardo e vide quel sorriso stupendo e birichino lampeggiare sul volto di lei... e capì che lo scintillio intravisto era stato prodotto dagli umori filanti, liberi di scorrere dalla nuda fessura di lei. Il suo cazzo rispose spingendo dolorosamente contro le falde dei pantaloni.

Abbassando la gonna, lei sorrise, era come il gatto che ha preso di mira un succulento pescione. Uscendo dalla stazione lui non riusciva più a toglierle le mani dal culo, cercando di sollevarle la gonna per dare una seconda occhiata, lei si voltò e lo baciò in pieno sulle labbra, premendo forte il suo corpo contro di lui, stava cominciando a bagnarsi molto.

"Siamo arrivati" disse lei finalmente, indicando il cancello di ferro che chiudeva l'accesso al proprio vialetto. Afferrandola per la vita, lui la sollevò leggermente prendendola di sorpresa, la resse in altro dando un calcio laterale al cancello e lo attraversò lasciandolo sbattere dietro di sé. L'appoggiò sul muro esterno della casa, sollevandole la gonna intorno alla vita e baciandola forte, spingendo la lingua nella sua bocca calda e accogliente, la tenne in posizione con una mano mentre l'altra mano scorreva dal ginocchio in alto verso la parte superiore della coscia fino a quando non arrivò al reggicalze e afferrò la morbida, pelle abbronzata sotto di questo. Lei sentì quelle mani affamate e sentì di amare la loro fermezza, che le spremeva le carni più tenere. Prese a roteare il culo mentre premeva i fianchi contro di lui rispondendo alle sue forti e urgenti spinte e si allungò in cerca del suo cazzo. Lui la lasciò finalmente scivolare giù coi piedi per terra e ridacchiando di se stesso, della sua totale perdita del controllo le allargò le gambe. Le calze e le bretelle non ostacolavano i suoi movimenti, le abbassò le braccia sollevando e fermandole la gonna intorno alla vita, fece mezzo passo indietro consentendo ai suoi occhi di posarsi su di lei nuda, figa, indifesa... Era stata senza mutandine per tutta la sera e lui non lo sapeva, le labbra della sua figa erano state facilmente raggiungibili per tutto il tempo... pensandoci non riuscì a resistere dal far scorrere le dita lungo il morbido pube liscio e mentre le sue dita tracciavano righe sopra la sua fessura, questa rispondeva all'istante, bagnando le sue mani. Lei mugolò mentre inclinava la testa contro il muro gemendo di piacere mentre lui le strofinava il clitoride gonfio, facendo scivolare una e poi due dita nel suo minuscolo buco d'amore bagnato, le cui pareti amava sentire stringersi intorno a lui. I gemiti di lei si fecero più veloci e superficiali mentre lui le strofinava il punto G amando la sensazione dei suoi succhi caldi che gli scorrevano sulle dita. Con i palmi delle mani appoggiati al muro lui si abbassò su di un ginocchio e prese a far scorrere la lingua sul clitoride, circondandolo due o tre volte, poi lo scosse fra i denti rapidamente e leggermente facendola gemere e pregandolo di scoparla.

Sollevandola ancora, le avvolse le gambe attorno alla sua stessa vita mentre la portava su di un tavolo di ferro che aveva intravisto in giardino. La flebile luce di sicurezza era la sola testimone, illuminando debolmente lui che la lasciava scivolare giù dal suo corpo, la girava e la piegava sul tavolo. Lei si prestava ubbidiente ad ogni suo gesto. Lui fece un passo indietro per ammirare il suo culo rotondo accentuato dalle lunghe cinghie posteriori del reggicalze, le labbra della figa turgide, sporgenti e leggermente aperte.
Tirò giù la lampo dei calzoni permettendo al suo cazzo rigido di fuoriuscire. Facendo un passo verso di lei lasciò per un momento che si appoggiasse per tutta la sua lunghezza contro quel culo favoloso e tirando una chiappa da un lato le premette la cappella contro il suo dolce piccolo buco. Lei non mosse un muscolo pensando che avrebbe accettato volentieri qualsiasi cosa lui le volesse fare. Puntando il suo cazzo più in basso, posizionò la sua estremità contro le piccole labbra. Prese a scivolare dentro di lei, guadagnando lentamente ogni millimetro nel suo piccolo buco stretto. Amava quel canale caldo che lo stringeva e tenendole i fianchi, spinse l'ultimo centimetro di verga all'interno. Iniziò a scivolare ritmicamente dentro e fuori di lei, prendendo velocità. Con le mani alternava il tenerla per la stretta vita e lo stringerle i seni. Le slacciò i gancetti che tenevano chiuso il top, che scivolò sull'erba ai loro piedi. Continuava a fotterla con forza, gratificato dai suoi gemiti interrotti da brevi grida esplosive e incontrollate. Le strizzava le tette a piene mani, sentendo il suono del cazzo che batteva forte sulla sua figa ormai dilatata e grondante di succhi.
Sentendosi vicino a sborrare volle impedirselo e così scivolò fuori da lei, permettendole di girarsi verso di lui. La baciò forte sulle labbra, fece schioccare rapidamente la lingua dentro la sua bocca, passandole le mani tra i capelli e spostando poi i suoi baci sul lato del collo.
Lei prese l'iniziativa. Volendo guardargli il torace fece scorrere le mani dal fondo della sua camicia, portandogliela tutta sulla testa e gliela sfilò dalle braccia. Poi prese a baciargli il torace apprezzando i suoi muscoli ben definiti. Lui sentiva le mani di lei sul suo corpo dargli la pelle d'oca mentre le sue unghie curate lo graffiavano lentamente lungo la spina dorsale. Lei continuava a baciarlo scivolando sempre più verso il basso, prima di cadere in ginocchio e afferrargli le palle tra le mani. Guardandolo negli occhi, gli leccava l'asta su e giù lentamente, riempiendola di saliva che versava copiosamente di bocca. Dopo un po' di questo preliminare prese a baciargli la cappella e a leccarla come fosse un cono gelato. Sempre con lo sguardo fisso nei suoi occhi gli avvolse le labbra attorno all'asta, andando pian piano sempre più a fondo per tutta la lunghezza della sua bocca. Senza rompere il contatto visivo, iniziò a prendere velocità succhiando, muovendo e girandogli intorno alla cappella con la lingua. Accarezzandogli le palle con il suo stesso seno si ficco tutta la lunghezza del cazzo, fino in gola.

Lui urlò una bestemmia dal piacere. Si sentiva così tanto eccitato che non riusciva quasi a sopportarlo. Tenendosi la nuca tra le mani, guardava quel bel viso dai grandi occhi fissi nei suoi e non poté fare a meno di iniziare a spingere scopando la sua bocca e ad amare la sensazione della sua dolce saliva calda che gli ricopriva la minchia palpitante. Quasi senza preavviso le sparò in profondità nella gola tutto il suo seme, con quattro, cinque poderosi schizzi.

Mentre lei si leccava le labbra assaporando tutto il suo seme, lui la aiutò a sollevarsi dalle ginocchia e passandole le mani tra i capelli morbidi la baciò dolcemente. Esplorando il suo corpo con le mani prese i suoi piccoli capezzoli duri in bocca, succhiando forte mentre strofinava e massaggiava i seni. Lei appoggiandosi al tavolo, inclinò la testa indietro e con le mani sulla testa di lui prese a spingerla con dolcezza verso il basso, facendogli capire dove voleva che andasse. Lui assecondò volentieri il suo desiderio e prese a leccarle con maestria la vulva usando la punta della lingua a pennello. Poi prese a schiacciarla usando tutto il volto, affondando fra le piccole labbra con la bocca e sfregandole il clitoride con il naso. Il sesso di lei grondava un'incredibile quantità di umori, che lui succhiava e inghiottiva voracemente. Non si curava del fatto che i movimenti squassanti del corpo di lei, indicavano chiaramente la serie di orgasmi incontrollati di cui era preda. Era ormai come un cane da trifola desideroso di scavare sempre più in basso e sempre più dentro in quel pozzo d'amore con tutto se stesso. Fu lei a fermarlo, tirandolo a sé per i capelli: “Amore, ti prego, dammi un attimo di tregua. Sono sfinita”.
Raccolti gli indumenti sparsi sul prato si avviarono sempre tenendosi allacciati l'un l'altra verso l'interno della casa.

Questo racconto di è stato letto 1 0 8 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.