Un'amica speciale

Scritto da , il 2020-03-30, genere etero

Ciao, sono Gabriel, ragazzo ventenne, occhi verdi, capelli castani lunghi con un ciuffo, lo stesso che ha scritto la storia del "tradimento" al mare. Oggi sono qui per raccontarvi la storia di quando a scuola, conobbi una ragazza, che per motivi di privacy chiameremo Nicole. Lei era sin da quando la conobbi in prima superiore una ragazza simpatica e che sapeva stare al gioco. Aveva un fisico niente male, con un culo molto grande, ben proporzionato; non aveva molte tette, credo una seconda quasi terza, ma il resto era spettacolo!
I suoi occhi erano verdi come i miei, labbra carnose e un viso da troietta, quel genere di viso che ispira sesso solo a guardarlo.
Passarono due anni da quando la conobbi, e non ero molto interessato, anche se ogni tanto qualche sega era dedicata a prescindere ad una ragazza così, e fu solo in terza, che la conobbi per bene, parlandoci, scherzandoci. arrivammo alle punto di scambiarci vari abbracci, e molto spesso per darle fastidio le toccavo il culo o le tette, giusto per, non avevo intenzioni strane, finche un giorno...
Lei era molto brava, e le chiesi se poteva darmi ripetizioni in una materia in cui non andavo per niente bene, aveva a che fare con la geometria e il disegno tecnico, cose che non mi sono mai state simpatiche, dato che al tecnico preferivo il disegno a mano libera.
Lei venne a casa mia un venerdì dopo scuola; indossava leggins di pelle neri aderenti, che facevano trasparire il suo culo, una felpa viola, che era tenuta come una specie di vestito da una cintura. Iniziammo con i compiti per il lunedì successivo, e li tutto bene, finimmo abbastanza presto, e i suoi genitori non sarebbero venuti a prenderla prima di altre due orette, quindi presi la parola:

"Vuoi vedere camera mia?"

"Si dai non abbiamo più niente da fare"

Salimmo le scale in poco tempo, e in un men che non si dica io ero seduto sul letto, e lei in piedi che guardava in giro.

"Eccola qui"

"Madonna non scherzavi! Hai davvero un sacco di peluche"

"Si mi paice collezionarli"

"Già...ma questo?"

Ahimè, mi aveva scoperto! Sul mio comodino era presente un preservativo non ancora aperto, un lubrificante e lo scontrino che accertava la mia spesa.
Mi alzai di scatto e nascosi tutto nel cassetto, e nel farlo non mi resi conto che Nicole stava fissando il contenuto del mio cassetto. Infatti dentro tenevo tutte le mie peggio stronzate, compresi molte altre "pratiche" sessuali.
Ci fissammo imbarazzati per qualche minuto, finche di sua spontanea volontà, lei non si sedette su di me, e prima di prendere parola accese una lucetta che tenevo in camera, che produceva sul muro una girandola di colori, ottima per il buio insomma. Io presi ad accarezzarle il corpo senza ricevere insulti o proposte di fermarmi:

"Gabeiel che fai?..."

"Sei tu che ti sei seduta"

"Penso basti...la mano...sul mio..."

"Oh si scusa non mi rendevo conto!"

"NO no, fai pure, non mi dava fastidio"

Dopo altri minuti di imbarazzo, decise di togliersi la felpa, perché iniziava ad avere caldo. Pure io avevo un certo calore addosso; sotto Nicole portava una canottiera nera con le spalline fine, fatte in tal modo da non coprire quelle del suo reggiseno. Mi chiese quindi di farle un massaggio perché aveva mal di schiena, e voleva sdraiarsi sul mio letto. Io acconsentì, e notai con piacere come la forma del suo culo risaltava eccome da stesa! Una favola! Un orgasmo puro di pensieri...
Mi avvicinai e iniziai il massaggio sulle sue spalle; mentre la toccavo sentivo come ansimava, evidentemente le piaceva essere "coccolata" Così, quindi osai un po di più, mettendomi in ginocchio sopra di lei, in mezzo alle sue gambe e continuai questo massaggio. Al momento io provavo molta eccitazione, e non sapevo se anche lei la stava provando, ma mi lasciava li, a fare quello che dovevo, e quindi mi sentii abbastanza sicuro di osare sempre di più. Le slacciai il reggiseno con la scusa che il massaggio sarebbe stato più comodo senza il pezzo dietro che dava fastidio. Così lei senza sbattere ciglio se lo tolse da sotto la maglietta, e lo appoggiò sul cuscino. Ancora piu eccitato, sollevai la magliettina di Nicole, e inizia a graffiare la schiena. Smepre più piacevolmente, finche non mi appoggiai dle tutto sul suo culo con il mio inguine. Fece un piccolo sobbalzare ma nulla di che, per poi continuare a fare quei versetti che tanto mi  piacevano e che parevano degli orgasmi. Evidentemente sentiva la mia eccitazione, e non lo nascosi affatto, dato che nel momento in cui mi appoggiai, raggiunsi un erezione molto forte, che facevo fatica a contenere nei pantaloni. Sneza domandare nulla a lei, iniziai a scendere fino a raggiungerle in collo con la bocca e darle dei piccoli baci, mentre con le mani, cercavo di toccarle i fianchi il culo. Ormai stava per succedere! Questa eccitazione stava diventando sempre più forte e potente in tutti e due, così continuando sul suo collo, la girai e le tolsi la maglietta, che lasciava scoperte le sue tette meravigliose, iniseme ai suoi capezzoli.
 Subito mi fiondai a giocarci senza pensarci, succhiare quelle bellissime mele e banciandole con passione, il tutto mentre lei mi teneva le mani tra i capelli e muoveva il bacino su e giù, strisciando il clitoride sui suoi pantaloni e mutandine, attaccati al mio cazzo in erezione.
Dopo un po di minuti, in cui lei venne solo facendosele toccare e succhiare, le tolsi il pantaloni e le mutande, mentre io invece mi spogliatoio completamente. Mi rimisi sopra di lei, e prima di metterlo dentro mi disse che era vergine, così steusciai la cappella sulla sua vagina in modo delicato, per una paio di minuti, finchè non la penetrai smepre lentamente. Quando l'imene fu rotto, iniziai ad accelerare la mia andata, pompando sempre più all'interno della fica di Nicole. Ero in estasi, non volevo staccarmi mai da lei, ero eccitato e lei pure. Durante una piccola pausa prendemmo a limonare mentre io cominciai a sfondarla di nuovo mentre le toccavo il culo con frenesia. Cambiammo posizione, provando a mettere lei sopra di me, e mentre mi cavalcava, orgasmava come se non ci fosse un domani! Nitriva e mi cavalcava il cazzo con ardore, ne io ne lei avevamo intenzione di fermarci per nessuna ragione! Solo per cambiare posizione, e infatti poco dopo la misi a novanta, e con un affondo le fuori subito dentro! Mi umidificai un po il dito contro la saliva, e lo misi a giocare col suo culo, e a lei sembrava piacere la cosa, fino al punto dove lo misi dentro e lei impazzì! Continuammo così finche non ce la feci, e invitandola ad inginocchiarsi e aprire la bocca, lo misi tra le sue labbra, e lei sneza aspettarselo, ricevette molti schizzi di sborra all'interno della sua gola! Era stato il sesso migliore che avessi fatto, e non aveva mai usato un preservativo o un lubrificante quel pomeriggio...ci rivestimmo, ma rimanemmo abbracciati a coccolarsi finche non giunsero i suoi genitori a prenderla. Non la scorderò mai, una ragazza così mi aveva fatto provare non solo paicere, ma mi aveva fatto stare davvero bene...la rivisi altre volte ovviamente, e i nostri incontri finivano spesso con una scopata, ma non sempre..

Questo racconto di è stato letto 2 7 8 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.