Morire di piacere

Scritto da , il 2020-02-07, genere pulp

*UP umani poliformi *ACR area controllo robotici Le gambe mi tremano-io ed Eliana siamo fuori da questo merdoso locale-Eliana è una nostra sorella trans- gran fica-si è unita a noi da due anni ormai-da quando gli UP hanno conquistato Napoli è scappata - e si è unita a noi- i merdosi robot ormai controllano gran parte dell’Europa- gli umani resistenti si sono spaccati in più tronconi- noi siamo la cellula John Lennon-un cantante morto cento anni fa- si dice sparato da uno dei primi poliformi- fuori sembrano umani ma sono circuiti e basta- me la sto facendo sotto-Eliana dovrà piazzare il timer del circuito in quel locale il caffè Asimov - siamo in piena ACR - Roma,Ottaviano- sembra un posto qualsiasi-ma sono due mesi che lo teniamo di mira-al piano di sotto c’è un laboratorio dove stanno provando un nuovo UP - circuiti che potrebbero portare gli UP a procreare da soli- bisogna fermarli - Eliana ha nelle mutande il timer- collegato su una rete criptata inaccessibile agli schermi - un timer con una punta di Korova- una punta di Korova fa crollare palazzo e laboratorio dei bastardi - il Caffè Asimov è gestito da una importante poliforme- si dice sia una delle amanti del famoso Souser- che trentanni fa progettò il primo esempio di UP-l’androide primigenio-puah- la Troia con cui se la fa è una Troia a cui piacciono gli umani- e ogni sabato se ne scopa uno- sugli schermi del Caffè si proietta la gran scopata della vacca - con adoranti poliformi- tutto tranquillo - se non fosse che hai 30 minuti per fotterla e farla venire la bastarda - in caso contrario ti sparano una dose di Foya - e diventi uno zombie in 10 minuti - per poterla scopare ho superato una selezione assurda - son 2 mesi che mi preparo - gli altri della cellula mi prendevano per il culo - poi ci racconti com’è- il piano è chiaro - ho trenta minuti per scopare la vacca - Eliana piazzerà il timer con il Korova nel bagno- e mi aspetterà all’ingresso - proprio dove siamo ora - dobbiamo andare - ci guardiamo- entro con fare disinvolto - inserisco il codice pin che mi hanno inviato - poi mi danno una app in cui devo autenticarmi-prendo i codici anche per Eliana che entra dopo di me - sono di ghiaccio- non devo pensare - mi volto indietro Eliana è lì - supero altre due porte- altri due pin- sono nella body sex machine - letto rosso - pavimento fucsia - click click - entra la Troia - una poliforme bellissima - sembra umana a tutti gli effetti- mi guarda con fare sprezzante - mi ordina di spogliarmi - tremo ma devo pensare ad altro- devo farmelo venire duro velocemente - lei si piazza al centro del letto - si toglie le scarpe si abbassa le mutande e si alza la gonna - click- accende gli schermi e nella sala vengono proiettate le nostre immagini- la Troia si chiama Salaman - click - partito- trenta minuti trenta - me lo massaggio - me lo sego per bene - sono duro - 29 28 27 - lo prendo e con vigore lo infilo nella sua fica - si fa per dire - circuiti che se ben sfregati attiveranno energia nel body della poliforme - spingo come un pezzo di merda - in sala gli UP cominciano ritmicamente a battere le mani - mi son preparato - alla vacca piacciono gli umani - in segno di dominio se li scopa davanti a tutti - si chiama cip lusso - ce l’hanno poche - questa bastarda non sa che Eliana a quest’ora ha già piazzato il Korova - le piacciono umani superdotati carne viva che irrora i suoi circuiti lusso - fisicati- addominali scolpiti - on Line me la son vista con una palestrato del Ghana in finale - sta gran vacca - sto spingendo da pazzi i miei 22 cm e per non venire penso a quanti UP ha creato e a quanti di noi ha sterminato - stai godendo se così si può dire- butta la testa all’indietro - spingo ancora e ancora -21 20 - il culo ha un gran culo - devo concentrarmi per non venire - il culo - lo prendo e glielo ficco dentro tutto - urlo - urlo - glielo sbatto dentro con grande forza - ancora ancora ancora - devo chiudere - devo farla venire - altrimenti è la fine- la giro da dietro e lo sbatto in fica - urlo - 18 17 - lo infilo con tutta la forza che ho - la poliforme Salaman comincia a lubrificarsi sempre più’ - vibra Troia vibra troia dai vibra - 12 11 - ci siamo - si ci siamo ci siamo brutta Troia è in risonanza - tiro fuori il mio cazzone da quel freddo ammasso - sborro addosso - con un grugnito - lei è distesa - lo schermo ora inquadra tutto il caffè che esulta - la poliforme mi accarezza e mi fa i complimenti - mi rivesto velocemente - il cuore mi scoppia mi scoppia - 9 - 8 - il pin cazzo il pin - eccolo - intravedo Eliana - stiamo per uscire - Eros e tanatos - siamo in strada e ci allontaniamo - nei vicoli di Ottaviano acceleriamo ancor più - cuore in gola - secondi - svoltiamo - finalmente- hai piazzato il timer - certo che l’ho piazzato- siamo già lontani al botto - e che botto - L’ ACR sarà sbarrata tra poco - saranno attivate le app di controllo e posizione- siamo fuori dal perimetro - mi ripeto - siamo fuori dal perimetro - è aria aria è ancora aria- boooommmmmm

Questo racconto di è stato letto 2 0 6 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.