La mia (ex) prima fidanzata – Episodio speciale 1°

Scritto da , il 2019-09-24, genere trio

Erano praticamente passati tre anni da quando avevo lasciato Antonella. Come vi ho detto ci vedevamo ancora, uscivamo ogni tanto, mi faceva regali e ogni tanto ci divertivamo.
Vivevo da ormai un anno con il mio fidanzato Andrea, e si stava pensando al matrimonio, almeno prima che quel uragano della mia ex entrasse nella nostre vite.
Avvenne una domenica qualsiasi, io e Andrea passeggiavamo in centro quando, una voce conosciuta, mi chiamò. Inutile dire chi fosse.
Mi baciò con il suo solito entusiasmo, lasciando interdetto Andrea.
Si strinsero la mano, era la prima volta che si incontravano, ovviamente non avevo raccontanto, al mio ragazzo, tutti i particolari della mia relazione con lei.
Antonella fu così insistente che non riuscimmo a rifiutare un suo invito a cena.
A dire il vero erano mesi che la mia ex mi chiedeva di incontrallo, anche perché gli avevo confessato della importante dotazione che aveva tra le gambe, e non mi aveva mai nascosto la sua curiosità di provarlo. Ovviamente pensavo sempre che mi volesse prendere in giro.
Ci portò a un piccolo ristorante della zona, molto appartato. Durante la cena ci raccontò del suo divorzio, su come le cose, con suo marito, non erano più le stesse, sul fatto che era riuscita ad ottenere da lui l’albergo in sardegna, e che, ultimente, non facevamo molto sesso. Ovviamente questa informazione non era stata richiesta.
“Comunque amore ti sei scelta proprio un bel ragazzo” – Lui arrossì, si vedeva che l’attraeva fisicamente, ma come ogni maschoi che si rispetti, mentiva spudoramente.
Ormai dopo tre anni lo conoscevo bene, era agitato. Grazie alle nostre chiaccherate notturne, sapevo alla perfezione che Anto rispecchiava esattamente i suoi gusti sessuali, ma lo nascondeva molto bene. Anzi immaginavo che il suo cazzo bussasse nei suoi pantaloni alla vista del seno generoso della nostra interloquitrice.
Mentre lui andò in bagno, la mia ex mi guardò e sorridendo mi chiese se poteva scopare con lui, in ricordo dei vecchi tempi. Io ovviamente le dissi che era una pazza e che lui non sapeva nulla di me.
“Poi non dire che non te la sei cercata”
“Cosa vuoi dire?”
“Nulla, nulla”
Appena tornò Andrea, la serata si trasformò di colpo.
“Tesoro, Elisabetta ti ha mai raccontato della nostra relazione?”
“Certo, avete lavorato assieme e siete diventate amiche”
Antonella si mise a ridere.
“Come sei ingenuo caro, siamo state fidanzate”
Io sprofondai di colpo e Andrea fu schoccato.
“Cosa vuole dire, signora”
“Uhnn, come posso spiegarti” – Mi guardò, si avvicinò a me e mi baciò. Io istintivamente risposi al bacio, pentendomene subito dopo.
Andrea si stupì - “Interessante, certo che non si smette mai di conoscere le persone, devo dire che sono sconvolto” – Poi fece una risata nervosa.
La solita intraprendente Antonella, afferrò il pene del mio ragazzo, da sopra i pantaloni – “Vedo che ti è piaciuto quello che hai visto” - A quanto pare aveva un erezione.
“Facciamo una cosa, ora pago la cena e andiamo a casa vostra”
Lui continuava a fissare me, non voleva rispondere per primo, allora mi decisi – “Ok, va bene”
Il fascino meschino della mia ex aveva fatto ancora centro.
Pagò la cena e ci incamminando verso il condominio dove Andrea aveva l’appartamento. Per tutto il tragitto nessuno aprì bocca. Io dentro di me ero incazzata con me stessa, ancora una volta avevo accontentato un desiderio della stronza.
In ascensore lei rivolse le sue attenzioni su di me, mi baciava, mi toccava. Lo so che stava stuzzicando la fantasia di Andrea e io la lasciavo fare. Ormai la sua erezione era incontenibile, i suoi pantaloni lo trattenevano a fatica. Pure la vicina se ne accorse, quando la porta dell’ascensore si apri.
Appena entrammo nell’appartamento, il nostro cane ci saltò addosso. Lo presi o lo portai nell’ampio terrazzo, già la situazione era particolare, meglio evitare altre distrazioni.
Tornai in salotto e vidi Andrea e Antonella che si baciavano in piedi, appoggiati al muro. La mano della stronza si era infilata nei pantaloni di lui e sicuramente lo stava masturbando. Io rimasi immobile a guardare.
Gli occhi del mio uomo mi fissavano, io gli sorrisi per dagli il consenso. Lui gli afferrò immediatamente le sue tettone. Ormai mi conoscete, mi basta poco per eccitarmi. La mia mano scese velocemente dentro la mia gonna. Volevo cercare immediatamente il mio piacere.
Anto fissava il mio ragazzo. Si sbottonò le camicia e gli ordinò di leccargli le tette. Ovviamente lui lo fece immediatamente. Spostò il reggiseno di pizzo e gli lecco i capezzoli. Io mi avvicinati e la baciai sul collo da dietro. Le afferrai pure io il seno e lo porgevo al mio ragazzo.
Intanto lei sfilò abilmente sia i pantaloni sia le mutatande di Andrea e il cazzo scattò subito sull’attenti. Ormai il confine era stato valicato e non si poteva più tornare indietro.
Istintivamente spinsi la mia ex verso il basso. Lei ovviamente non si fece pregare e gli lo prese in bocca. Se lo succhiava con gusto, mi sa che era in astinenza da molto tempo.
Io mi sfilai la maglietta e il reggiseno e baciai il mio ragazzo, che stava impazzendo. Si capiva che non capiva cosa stesse succedendo. La mia lingua incrociò la sua.
“Hai proprio un bel cazzone” – Fu il commento fine di Antonella, e se lo infilò tra le tette.
Lui ansimava continuamente e lo sentivo mentre mi baciava. Dava dei colpi secchi tra le tette della troia che gli leccava la cappella.
La mia ex mi tirò per la gonna, voleva che lo leccassi assieme a lei. Lei ingoio le sue palle, mentre io mi occupavo della sua asta, chi non sarebbe impazzito dopo quel trattamento, il suo “troie” si sentì chiaramente.
Antonella gli intimò di non venire e gli mise la lingua rigida nel culo. Andrea fu sorpreso di quel gesto, ma si stupì dal piacere. Ormai il suo pene era dentro tutta la mia bocca.
Improvvisamente lui crollò per terra e rimase seduto contro il muro. La stronza non vedeva l’ora, si tolse di corsa la gonna, si sfilò le mutandine e me le infilò in gola. Si vedevano chiaramente le tracce sui suoi umori sulle sue gambe snelle.
Si avvicinò lentamente a lui, gli mise la figa in faccia e se la fece leccare. Io assennata leccavo il pisello di lui, è incredibile come basta poco per creare situazioni simili.
“Tienigli il cazzo” – Sempre il suo vizio di comandare.
Lo presi in mano e lei scese lentamente, strusciandosi sul corpo di Andy. Lui gli afferrò le tette, Antonella rimase sospesa un attimo, guardando entrambi, poi si introdusse il cazzo nella figa e sospirò.
“Non potete immaginare quanto mi è mancato”
Lo immaginai eccome, se lo stava violentando. Sobbalzava sopra di lui velocemente, il mio ragazzo la aiutava con la sue possenti mani. A me non rimaneva altro che masturbarmi a quella scena. Praticamente si erano dimenticati della mia presenza.
Vederli scopare, sentirli ansimare, mi eccitava intensamente. Lo so sono strana.
Mi avvicinai a loro, rimasi in piedi proprio alla loro faccia, si accorsero di me. Iniziarono a leccarmela entrambi. O mio Dioooo.
Smise di cavalcarlo, mi ordinò di prendere il suo posto. Ora lui era completament sdraito sul pavimento. Mi sdraii sopra di lui, il suo cazzo entrava e usciva dalla mia figa lentamente. Lo baciai.
Per un attimo persi di vista la mia ex. Sentii, improvvisamente, la sua lingua aprire il mio culo. Successivamente introdusse le sue dita e mi lecco la schiena. Sparirono anche le sue dita e sentii qualcosa di strano appoggiarsi sopra di me. La mia apertura anale si aprii lentamente, ebbi l’impressione di essere invasa. Provai dolore, mi girai e vidi Antonella che indossava un grosso strap-on. Da dove l’aveva preso, poi ricordai la grossa borsa che aveva a tracolla.
Il suo fallo entrò completamente, per fortuna avevo perso la verginità anale da mesi, mi sentivo bloccata in una piacevole prigione. Si sdraiò completamente sopra di me. Le sue grosse tette mi sfioravano il corpo. Cercò la bocca del mio uomo e la baciò. Ero praticamente il ripieno di un Sandwich.
Ero cosi stretta che i due cazzi mi scopavano con difficoltà, soprattutto quello di Andrea. Io mi sentivo in estasi. La mia ex aveva le mani sul mio collo.
“Sei una lurida puttana lo sai”
“Lo so, vi amo” – Ormai non ragionavo più, pensavo solo a godere.
Sentivo il mio corpo tremare e il mio cuore accellerare. Raggiunsi per prima l’orgasmo, ma Andrea non smise di scoparmi, invece Anto si sfilò il cazzo da me, se lo tolse o mi sbatte la figa in faccia.
Gli la leccai immediatamente. Lei mi teneva per il capelli.
E’ incredibile come una donna possa continua a scopare anche dopo aver avuto un orgasmo, purtroppo voi uomini non avete questa fortuna.
Mangiavo letteralmente il clito della mia ex.
“Troia siediti sul divano”
Come al solito obbedii e lasciai da solo Andrea con il cazzo duro.
“Spalanca le gambe”
Le aprii più che potevo.
La mia ex incollò immediatamente la sua bocca sulla mia figa, lasciando scoperto il suo posteriore. Andrea non perse tempo e gli infilò il cazzo duro dentro di lei. La lingua di Antonella passava su ogni mio buco e me lo riempiva. Io mi massaggiavo al clito.
Senza dire nulla a nessuno il mio ragazzo introdusse la sua verga dentro il culo della nostra partner, stranamente non protestò. Anzì si masturbò con la sua mano destra, per sentire ancora più piacere.
Vidi il volto di Andy, conoscevo bene quella espressione. Sfilò il cazzo dal sedere che stava possedendo e me lo sbattò in faccia. Adorava venirmi in gola.
Gli lo afferrai con la mia mano destra e lo succhiai. La solita puttana gli infilò due dita in culo.
“Così godi di più porco”
Non ebbe torto, la sua crema bianca usci copiosa sulla mia faccia, poi si lasciò cadere sul divano esausto e rimase li ad asservarci con il suo cazzo in mano.
Antonella non perse tempo, mi leccò via dalla mia faccia il seme del mio ragazzo. Recuperò il cazzo finto dal pavimento e me lo fece indossare.
Stranamente pensavo che mi avrebbe scopata sul divano, ma si appoggio contro il muro con le gambe aperte e con due dita nella figa. Il pene di Andrea tornò duro in men che non si dica.
Quel pezzo di figa però era mio. Mi alzai di scatto. Le presi le braccia, gli le alzai, gli leccai le tettone, poi il mio cazzo di gomma si infilò dentro di lei con forza.
“Ora chi è la troia” – Perché mi erano uscite quelle parole?
I miei colpi erano così forti che lei sobbazzava, mi mise una gamba intorno alla mia vita per sentirlo meglio. Le mie tette erano schiacciate contro di lei e la mia lingua dentro la sua bocca.
Le sua mani mi aprirono il culo e il mio ragazzo capi. In meno di dieci secondi sentii il suo cazzo insinuarsi dentro di me. Ogni volta che lui affondava un colpo, io facevo lo stesso con la mia ex.
Eravamo tutti arrapati da far skifo. Non avevo mai sentito il cazzo di Andrea così duro e così selvaggio. Dimostrò una forza mai vista. Le sue mani toccarono le tette della puttana e allungo la sua lingua verso le nostre.
Conoscevo a memoria la mia ex, quindi le strinsi la mia mano sul suo collo, faticava a respirava, stringevo con più forza. Sentivo scorrere sulle mie gambe un liquido appiccicoso e sinteramente non capii di chi fosse, probabilmente di tutti e tre.
Antonella emise un urlo soffocato e le sue braccia caddero lungo il suo corpo. O era venuta o era svenuta. Sfilai delicatamente il pene dalla sua vagina. Lei si fece cadere sul pavimento.
Sussurrai ad Andrea di liberarmi. Afferrai il suo cazzo duro. Lo misi davanti alla faccia della stronza. Lei allungo la lingua per leccare la cappella e io lo segai. Stavolta il mio ragazzo venne più velocemente e la sborra rimanende riempì la faccia di Anto.
La pulii con la mia lingua.
Sfiniti ci sedemmo tutte e tre sul divano. Dove ci toccammo e baciammo per qualche minuto.
Lo posso dire sinceramente, fu la più bella scopata della mia vita, con due persone che in fondo amavo.

Lei chiese gentilmente di farsi una doccia e io il mio ragazzo rimanemmo sul divano. Ridevano, eravamo ovviamente schoccati da quello che era successo.
Lei tornò completamente vestita, era tornata l’Antonella di sempre.
Fu il mio turno a farmi la doccia, quando finii trovati i tuo stronzi che si baciavano e lei gli strizzava il cazzo ormai moscio. Si scambiarono i numeri di cellulare. Allora pensai che fu un gesto innocente tra amici, che fessa che fui.
Quanto toccò ad Andrea a fare la doccia, lei mi bacio e mi lasciò con una frase sibillina:
“Non ti fidare di lui, per me ti tradisce e lo farà sempre”.

Questo racconto di è stato letto 3 5 7 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.