La scala a chiocciola

Scritto da , il 2019-09-14, genere gay

Solleticato dall’alito di vento che pigramente fa muovere le tende, apro gli occhi, e lo sguardo oltrepassa la balaustra del terrazzino posandosi sulla spianata sincopata dei tetti rossastri, interrotta dalla guglia della Mole e dal tozzo parallelepipedo di Piano. Più lontano l’arco alpino abbraccia la città, e me e il mio amante che russacchia appoggiato sul mio petto.
Allungo una mano e raggiungo il suo sesso, che sotto le mie carezze si gonfia immediatamente.
E’ ora di ricominciare a salire, pensai.

Una mezz’ora prima, lo scatto metallico del portone e il suo affacciarsi ad osservarmi in strada. Dopo il suo rapido esame visivo, l’edificio di architettura fascista, basso e tozzo, ci inghiottì nelle sue viscere.
Una monumentale scala a chiocciola percorreva le tre pareti perimetrali, spianando in corrispondenza del pianerottolo su cui si affacciavano le porte scure degli appartamenti, e tornava ad inerpicarsi per raggiungere il piano superiore.

La prima rampa fu dedicata ai convenevoli, parole vuote e comportamenti rigidi nei quali mostrare, e cogliere, disponibilità, remore, timori ed emozioni. Poco più giovane di me, professionista, disincanto nella vita, sogni nel cassetto e quotidianità da cui evadere, sperabilmente a letto con me. Belle mani che enfatizzano banali concetti, e che mi figuro scorrere lungo il mio corpo.
Il suo bel sorriso sghembo mi fa decidere; regolo a specchio i miei discorsi ai suoi, non così simili da risultare noiosi, non così differenti da imbarazzarlo. Flirto. Gli faccio capire che per me si può fare, e ributto la scelta nel suo campo.

Nonostante il passo lento e misurato, al primo piano siamo già ansimanti; lui è più in forma di me, ma ha parlato di più e ci sta che sia affannato quanto me. Percorriamo silenziosamente il lungo pianerottolo tentando di riprendere fiato, e ci avventuriamo lungo la seconda rampa.

Disvelamento. Esperienze, gli inizi, le scelte, i desideri. Cominciamo a spogliarci metaforicamente. A metà rampa mi tocca un braccio, mi fa fermare, e mi racconta di un uomo che in poco tempo lo fa fatto passare dal paradiso all’inferno. Non ho vicende simili, ma per empatizzare me ne invento una. Pare confortato di non essere l’unico ad essere stato sedotto e abbandonato.
Riprendiamo a salire, inserisco qualche parola di speranza e di pensiero positivo su lui, su noi. Pare valutare le mie parole, curvo su se stesso, poi lo vedo raddrizzare la schiena, come chi con risolutezza ha appena sciolto un dubbio e preso una decisione.

Secondo piano. Nonostante l’accumulo di fatica la sua figura pare più sciolta, come alleggerita da un peso. Mi appoggia una mano ai lombi, e dopo avermi sillabato senza voce “impiccioni” scorriamo complici l’angolo visivo degli spioncini delle porte. Arrivati all’attacco della terza rampa, evidentemente un punto cieco alla vista dei curiosi, mi spinge contro l’angolo, appoggiando il suo peso al mio, e mi bacia. Dapprima leggermente, poi con più passione fino a far scivolare la lingua nella mia bocca mentre la sua mano, dai fianchi, si incunea nei calzoni fino a raggiungere il solco delle natiche. Mentre con un dito penetra curioso la mia intimità, sento il suo desiderio suscitare il mio, e contraccambio, assecondando il gioco delle lingue mentre sotto la mano sento gonfiarsi la sua erezione.

Percorriamo la terza rampa quasi di corsa, incespicando nei piedi, con baci rubati e subito restituiti, con mani impazzite che percorrono i corpi, in un alternarsi di dolcezza e voracità che sbottona le camicie, che fa sfrigolare le cerniere, che mescola sudore, saliva e affanno.

Senza staccare la sua bocca dalla mia apre la porta, e mentre convulsamente ci spogliamo mi dirige, al termine di una scia di indumenti accartocciati a terra, al letto, dove mi gira sulla pancia, mi divarica le natiche e mi penetra con risolutezza.
L’amplesso è rapido, affannoso, ma sento il mio orgasmo vicino, e mi bastano pochi colpi per venire; probabilmente rassicurato, anche il mio amante abbandona ogni freno, e dopo poco lo sento inarcarsi, urlare il suo piacere e franare sulla mia schiena, mentre il suo liquido si spande parte dentro me, parte fra noi.

Svegliato dalle mie carezze, mi rivolge il suo sorriso sbilenco. Mi inarco sulla schiena, fingendo di stiracchiarmi, e gli offro la vista del mio corpo nudo. Si inginocchia fra le mie gambe, mi afferra le caviglie e dopo avermi issato a cavalcioni delle spalle mi penetra profondamente.
Inizia a muoversi con lo stesso ritmo lento e misurato che aveva salendo la scala. Adeguo il movimento al suo. Getto ancora uno sguardo al di là del terrazzo, poi chiudo gli occhi e mi avventuro, assieme a lui, lungo quest’altra rampa della scala a chiocciola.

Questo racconto di è stato letto 2 2 2 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.