Qualcosa mi sfugge

Scritto da , il 2019-08-23, genere orge

Mi devo sbrigare.
Mi aspetta all’appartamento. Non voglio lasciarla troppo sola.
E’ strana. Forse è stanca, forse ho tirato troppo la corda coi miei modi del cazzo.
Magari si è rotta d’esser trattata male, magari ho esagerato.
Ma ora mi tira l’uccello e ho voglia di spingerglielo in gola.
Al telefono le ho detto che sarò lì fra venti minuti e che si deve far trovare nuda e con i tacchi.
Di solito è ubbidiente, la troia.
Me la immagino che gira per casa col culo all’aria …
Posteggio e salgo velocemente la scalinata. Trovo la porta socchiusa, deve avermi visto arrivare.
E’ al davanzale della finestra della cucina, nuda e con le zeppe.
Non è di primo pelo, si vede, ma se la cava bene: ha le curve al punto giusto, ha una bella pelle, soda e tonica.
Ho scopato di peggio, questo è sicuro.
La sua espressione è un misto fra il triste e l’incazzato.
Fra la voglia di scopare e la nausea di doverlo fare
La spingo in ginocchio e glielo metto in bocca.
Succhiami il cazzo.
Ordino e lei ubbidisce.
I movimenti di costrizione sono puro teatro.
Lo vuole in gola. Le piace.
Le piace, quando glielo spingo a forza e la costringo a tenerlo in bocca fino a soffocarla.
Le vengono le lacrime agli occhi ma il suo sguardo è languido, ha il respiro accelerato, le gambe spalancate e quando le infilo le dita nella fica è fradicia.
La mia troia ha voglia di cazzo.
Bene. Eccolo. E’ tuo.
La tiro in piedi e la faccio mettere a pecora, appoggiata al tavolo. Mi bagno il cazzo nella fica grondante. Una, due, tre spinte. Inizierebbe già a godere ma voglio altro.
Io lo so, lei lo sa.
Appoggio la cappella al buco più stretto e spingo. Le apro il culo senza troppa fatica.
Le piace. Infatti inizia a godere da subito.
Io pompo e lei gode. Lei gode e le contrazioni dell’orgasmo mi massaggiano il cazzo.
La sento ansimare, la sento gemere.
Mi dice che gode. Mi dice: “Ancora”.
E io glielo do ancora e ancora. Vorrei non fermarmi

Avevi voglia di me, troia? Ti sono mancato?
Mugola e risponde si. Mugola e gode. Non si ferma mai.

Non è mai sazia

Le vengo nel culo.
Quando mi stacco per andarmi a lavare lei rimane come l’ho lasciata, sconvolta, ansimante e senza forze.
Le ci vuole qualche minuto per ricomporsi.

La osservo, provo a fare conversazione.
Oggi non è dolce, non è allegra, non è divertente. Oggi è una bestia rabbiosa e stanca.
Una belva affamata, dura, determinata, frettolosa.

Dieci minuti dopo, in mezzo a questa atmosfera tirata, arriva Salvo, amico e collega. Fa parte del gruppo.
Stiamo aspettando anche l'arrivo di Carlo ma ci vorrà ancora una mezzoretta.
Nel frattempo presento la merce a Salvo.
E Salvo apprezza, si vede.

Sono il procacciatore di cibo del branco. Molti pasti ho offerto in questi anni. Tante prede. Qualcuna succulenta, qualcuna insipida.
Il pezzo di carne che abbiamo davanti agli occhi adesso è un pezzo pregiato.

Mentre percorriamo il corridoio per arrivare in camera da letto, faccio notare a Salvo la schiena muscolosa e il culo tondo della cagnetta. Il lupo ha l'acquolina in bocca e la bestiolina si dedica subito ad un pompino coi fiocchi.
La osservo. Succhia, lecca, bacia. Lo fa con passione.
Brava troia. Mi fai fare bella figura.

Quando lei si stacca dalla verga di Salvo, ha il sorriso sulle labbra ma non negli occhi.
Il suo sguardo è una lama tagliente. Un'espressione sinistra.
Ogni volta che mi guarda provo un lieve senso di disagio.

Qualcosa mi sfugge.

Oggi è troppo provocatrice e la cosa mi infastidisce. Voglio punirla.

Invito Salvo a non sprecare tempo inutilmente. Lo invito a prenderle direttamete il culo, senza troppi convenevoli, senza far complimenti. Lui mi guarda dubbioso, lei non fa una piega. Sorride. Lui non se lo fa ripetere due volte.
Mi guardo la scena. Lei gode quasi subito. Tanto, come sempre. Geme, mugola, si apre e si offre completamente. Salvo non resiste molto, lo capisco.

E qualcosa ancora mi sfugge.

Non c'è tregua per lei. Ha appena finto con Salvo, che arriva Carlo. Si conoscono. Hanno un buon feeling. Lei scodinzola e sorride adorante mentre lo bacia e lo saluta ammiccante.

Ma
Quando guarda me
Le sue pupille sono spilli puntati su una bambola voodoo.

Li guardo amoreggiare.
Ancora disagio. Ancora fastidio.
Quello sguardo di sfida.

Anche a Carlo rinnovo l'invito di approfittare della preda.
Ma lui non è un amante del genere e declina l'invito preferendo mettersi a disposizione per essere cavalcato.
Se la intendono bene loro due. Si piacciono, si vede.
Lei non aspettava altro. Si impala sul suo cazzo violenta e vorace.
E dopo un attimo, lei chiede di più.

Non è mai sazia.

La riempiamo tutti e tre. Lei gode. Ancora e ancora e ancora.
A volte ho pensato che potrebbe andare avanti all'infinito, perdersi nel suo mondo senza più far rientro.

Finalmente capisco.
Tre prede in pasto ad una lupa famelica.

Quando Salvo e Carlo se ne vanno si veste anche lei.
Oggi è ribelle. Oggi mi sfida e non piega la testa. Oggi non vuole concedermi dolcezza.

La punta di disagio non mi ha abbandonato.

La vedo avvicinarsi alla porta di casa . Se la lascio andare forse non tornerà più.
La prendo per mano.

Per mia fortuna
Non è mai sazia

Questo racconto di è stato letto 4 6 7 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.