Il regalo della laurea pt. 4

Scritto da , il 2019-08-21, genere incesti

Tornando ci eravamo fermati in un ristorante e avevamo mangiato qualcosa, una volta arrivati in camera, mamma si era infilata subito in bagno perché voleva togliersi di dosso tutto il sale, io ero andato a mettermi comodo sul divano, togliendomi tutto di dosso perché avevo ancora il costume bagnato per non rovinare il divano dell’albergo, cercai un film che avevo già visto, in cui era presente più scene di implicito.
Quando la mamma era uscita dal bagno, aveva una canottiera bianca leggera talmente trasparente che si vedeva chiaramente che non aveva il reggiseno e un paio di pantaloncini che l’aveva già visto mettere quando siamo a casa, era abbastanza striminzito, quindi si vedeva un piccola fetta del suo sedere leggermente rosso per l'abbronzatura di oggi.
Quando ero entrato, le avevo detto: “Mamma, sei proprio una bomba sexy”
“Ehi, bada a come parli, sono sempre tua madre” aveva risposto con il tono duro
Di duro non c’era solo il tono, ma anche il mio cazzo, mi ero fatto una doccia veloce, indossato un paio di boxer e sono uscito dal bagno, la mamma era seduta dov’ero io prima di entrare in bagno, e stava guardando il film che avevo scelto prima, mi ero seduto alla sua sinistra, e le avevo messo il braccio destro sulla spalla, stringendola a me, lei si era girata, e mi aveva fissato per qualche secondi, e poi era tornata a vedere il film, proprio quando era cominciata una scena di sesso, io ero già molto eccitato, il cazzo spingeva sull’elastico dei pantaloncini e implorava di liberarlo, vedevo che anche lei non era del tutto indifferente a quella scena, poiché i capezzoli hanno cominciato a spingere sulla stoffa della canottiera.
“Mamma, secondo te fanno sesso davvero quando girano queste scene?” avevo chiesto io
“Alcuni si, perché avevo letto su delle riviste che le mogli o il marito degli attori/ attrici si era arrabbiati per la scena” aveva risposto lei
“Ma non si vergognano di farlo davanti a tutte le persone del set? cioè, almeno io un pò di timo ce l’avrei” avevo chiesto nuovamente
“Sempre dalla stessa rivista, ho letto che fanno uscire tutti gli addetti ai lavori non strettamente necessari” aveva detto come nulla fosse
“Riusciresti a farlo davanti a delle persone, come stanno facendo loro?” avevo detto senza pensarci
“Ehi, porcellino, ti rendi conto di cosa stai chiedendo a tua madre?” girando a guardarmi
“Sì” e le saltai addosso, baciandola in bocca, che avevo subito trovata aperta e le nostre lingue avevano cominciato una danza sinuosa, mentre la mano sinistra aveva cominciato a pizziccarle i capezzoli da sopra la canottiera, causando in lei dei leggeri gemiti. La sua mano si era messa sopra i miei boxer, e aveva toccato la mia asta dura, in cambio del suo tocco, avevo portato la mano tra le sue gambe, che di risposta si erano strette, e la mamma sfuggendo dal mio bacio, “No, non dobbiamo andare oltre amore, non possiamo, stiamo facendo degli errori che potremmo pentircene per tutta la vita”
“Io non me ne pentirò di sicuro, anzi mi renderebbe solo felice, molto felice” detto ciò mi stavo buttando su di lei di nuovo, ma lei si era scassata alzandosi, e disse:” No, non posso continuare a farlo, mi dispiace” ed era corsa in bagno
Ero rimasto deluso, come se il mondo mi fosse crollato addosso, avevo staccato i letti, e mi ero messo a dormire, quando lei era uscita, facevo finta di dormire, mi aveva detto :”Buona notte”, non le avevo risposto, non mi andava.
La mattina dopo, quando mi aveva proposto di andare in spiaggia le avevo detto che non avevo voglia, nei giorni successivi, qualunque cosa mi proponeva di fare insieme, le dicevo di no, che stavo poco bene, ma lei sapeva che erano tutte scuse, poi la svolta era arrivata a due giorni prima del volo per tornare a casa.

Dopo mio ennesimo rifiuto ad uscire con lei, si era seduta sul mio letto mentre io ero steso, e toccandomi un braccio mi aveva chiesto: “amore, ti vorrei parlare?”
“Non c’è nulla da dire, perché quello che c’era da dire l’avevi messo in chiaro altro giorno” avevo risposto senza togliere lo sguardo dal mio telefono
“Sì, ma… dopo che ho visto quanto male sei stato...” e si era stesa in parte a me sul mio letto da singolo, “ehm… non so come dirlo, come madre, io ci tengo alla tua felicità, e se ” si era soffermata guardandomi, io avevo distolto lo sguardo dal telefono, e la stavo guardando come un bambino che implora la madre di comprargli il nuovo giocattolo davanti alla vetrina.
“Vuoi dire che sei d’accordo?” avevo chiesto io speranzoso
“Sì, ma ad una condizione” aveva affermata con decisione.
“Qual è?” avevo chiesto io subito dopo
“Dovremmo stare attentissimi, nessun altro lo deve sapere”
“Ovviamente mamma, figurati se a vado a sbandierare in giro che mi scopo la mia mamma”
“Ehi, come parli, devi essere più raffinato” mi aveva redarguito
“Ok mammina”, mi ero girato verso di lei, aveva la canottiera e pantaloncini che aveva indossato il secondo giorno che eravamo qui. Le ero saltato letteralmente addosso, rischiando di farci cadere dal letto, mi ero spostato lasciando più spazio sul letto per lei, mentre mi ero steso con il busto sul suo, la bocca sulla sua, una mano infilata sotto la canottiera che le palpava una tetta. Quando avevo tentato di prendere più carne della tetta in mano, avevo smesso di baciarmi, costringendomi ad alzarmi, si era tolta la canottiera, e con una mano dietro alla schiena si era slacciato il reggiseno, glielo avevo preso subito in mano, e lanciato sul divano. Mi ci ero tuffato in mezzo a quelle due sfere di carne, leccando con la lingua più fuori possibile, poi avevo preso i capezzoli in mano, tra le dita, e glieli massaggiavo delicatamente, mamma aveva cominciato ad gemere, “si, fai così, come facevi da piccolo, usa la bocca” sotto suo invito, avevo preso un capezzolo in bocca, succhiandolo come facevo da neonato, con l’unica differenza che dalle tette non uscivano nessuna goccia di latte. Mentre giocavo con i suoi seni, mamma mi passava la mano tra i capelli.
Dopo quasi dieci minuti, mi ero alzato da sopra di lei, mi ero tolta la maglietta, poi i pantaloncini insieme ai boxer che portavo, il cazzo era saltato fuori come una molla sotto pressione, erano due giorni che non sborravo poiché mamma rimaneva in camera con me dopo che rifiutavo di uscire, quindi non avevo tempo necessario per masturbarmi.
Quindi avevo allungato la mano sui suoi pantaloncini, trascinandoli versi i piedi, lei mi aiutava alzando il sedere prima, le gambe dopo. Ora eravamo entrambi nudi come dei vermi, la mia attenzione era caduta subito su ciò che aveva in mezzo alle gambe, un fiore, liscia come la pelle di un neonato, con le labbra grandi socchiuse spinte da un clito in erezione, in tutto coperta da un sottile strato di liquido prodotto dalla vagina. Mi ero steso a pancia in giù tra le sue gambe, con la testa a dieci centimetri dalla sua vulva, avevo fatto fatto passare le braccia sotto le sue gambe, ma ero scomodo, lei se ne era accorta, divaricando di più le sue gambe leggermente abbronzate e piegandole, mi esponeva totalmente la vagina che io ho tanto bramata.
Quindi ero passato all’azione, avevo baciato le sue grandi labbra, al primo contatto le sue gambe avevano tremato,con la lingua cercavo di lappare la zone intorno alle grandi labbra come per pulirla dal liquido viscido che continuava a produrre, quindi con due dita le scostavo le grandi labbra, rivelando quelle piccole e permettendomi di avere una miglior visuale del suo clito. Facevo passare la lingua sulla superficie rosea, mamma nel mentre sembrava in paradiso: “ehm…. si…. dai… usa la tua lingua… mi piace… ” era proprio partita. Avevo il cazzo che era schiacciato contro la mia pancia, con l’erezione, mi dava non poco fastidio.
Avevo continuato a leccarle la figa, ciucciare il piccolo clito per 5 minuti, quando mi aveva detto concentrarmi sul clito con la lingua, picchiandolo con la punta, poi mi aveva messo una mano sulla testa, tenendola ferma, dopo un altro minuto era venuta, gli spasmi le aveva fatto serrare le gambe attorno alla mia testa, mentre un liquido cremoso biancastro aveva cominciato ad uscire dal piccolo buco della vagina. Era venuta, avevo appena dato un orgasmo a mia mamma, mi sentivo realizzato, ero felice nonostante avessi la lingua stanca.
Quando si era ripresa dall’orgasmo, ci siamo scambiati la posizione, e mi aveva afferrato il cazzo nella sua mano delicato, cominciando un movimento di sù e giù scappellando il cazzo, esponendo la cappella alla sua visione.
“Sai mamma, al mio cazzo è mancata l’attenzione della tua mano” avevo scherzato
“Sì, anche alla mia mano è mancata sta bella mazza di carne” appena finita la frase, si era chinata sul mio cazzo, con la mano alla base, mi aveva baciato sulla punta, causando in me la pelle d’oca su tutto il corpo, le gambe tremarono leggermente, dopo il primo bacio, ne erano seguiti molti altri facendomi sentire le migliori sensazioni che abbia mai provate durante la mia vita.
Dal bacio era poi passato alle leccate lungo tutta l’asta, lasciando una scia di saliva che l’aiutava nell’operazione di sega, mentre con l’altra mano aveva cominciato a tastarmi i coglioni, schiacciandoli leggermente, tutto ciò era troppo per me, il cazzo aveva avuto qualche fremito, la mamma aveva intuito, e lo aveva fatto uscire dalla bocca, e cominciato d segarmi molto velocemente, il suono del sua mano e sbatteva lievemente sul mio pube a causa del movimento, aveva ridotto ulteriormente la mia autonomia, stavo sborrando, le gambe si era irrigidite, sollevando leggermente il bacino, il primo schizzo era uscito con una potenza non credevo possa avere, le erano arrivate sulla guancia sinistra, poi il secondo schizzo sul suo braccio, il terzo sulla mia pancia, la potenza della quarta era notevolmente ridotta che rimasero nelle sue mani.
Avevamo entrambi il fiatone, mentre cercavo di recuperare il ritmo naturale, lei si era stesa di lato vicino a me, appoggiando la testa sul mio petto, sporcandomi con la sborra, e con la voce bambinesca mi aveva chiesto: “sono perdonata adesso?”
“No, non ancora, ma sei sulla buona strada” avevo detto io.
Io sono un uomo, e il mio nickname è dovuto al mio sogno erotico delle superiori.
Se avete commenti, opinioni o fantasie simili ai racconti che scrivo, e volete raccontarmelo potete scrivermi al seguente indirizzo email:
profemily95@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 1 2 8 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.