Sesso anale, fisting estermo e degrado (6)

Scritto da , il 2019-08-02, genere fisting

I giorni seguenti ho dilatato lo sfintere, mi sono fottuta il colon in profondità con lunghi dildo e mi sono fottuta la gola. Inoltre, mi sono allenata, principalmente in palestra con Andy.

Giovedì, Andy mi ha dato una borsa con i panni e mi ha detto: Vieni a casa mia alle 7 in punto e indossali. A casa, ho guardato dentro la borsa. Era un'uniforme scolastica. È strano. Non sapevo cosa stesse facendo.

Venerdì sera ero puntuale quando ho suonato il campanello. È stato divertente prendere l'autobus indossando questa uniforme scolastica il venerdì sera. Quando la porta si aprì, fui sorpresa. Andy indossava un abito elegante. Non l'ho mai visto indossare un abito e non sapevo nemmeno che ne possedesse uno.

Sei in ritardo, ha detto. Ho guardato il mio orologio. No, sono le 7. Guardò l'orologio. Sono le 7.01 e ti ho detto di essere qui alle 7. Non ascolti mai. Questo è il tuo problema. Ero insicura. Che cosa intende? Cosa sta succedendo? Non fare la stupida con me, Sarah. Vieni dentro. Entrai in casa. Seguimi. Gli sono andata alle spalle, ancora insicura su cosa stesse succedendo.

Siediti. Indicò la sedia in cucina. Sai perché sei qui, vero? No, in realtà non ne ho idea. Smetti di fare la stupida. Dovresti essere felice che non ho chiamato i tuoi genitori e che sono aperto a discuterne con te in privato. Che cosa ho fatto di sbagliato? Si sedette sul tavolo da un lato, sporgendosi in avanti verso di me.

Tu, bambina mia, non hai fatto i compiti e non hai nemmeno avuto il coraggio di dirmi che i compiti per te sono una merda. Capisci che non posso tollerarlo?

Questo è un gioco di ruolo. Ero la ragazza cattiva della scuola ed era l'insegnante severo. Ho sorriso. Cosa c'è di così divertente in questo? Chiese con rabbia. Niente, signore. SIGNORE? Che ne dici di avere un po’ di rispetto? Eccomi, sono il tuo padrone! Scusa, padrone, dissi imbarazzata. Ora torniamo al nostro incontro. Che cosa hai da dire in difesa per non aver fatto i compiti? Ero occupata e, la sera, non volevo farlo e pensavo che potesse andare bene perché è piuttosto irrilevante. Andy si voltò rosso. Non credo alle mie orecchie. Sei stata troppo occupato per non fare i compiti? E pensi che i compiti a casa siano una sorta di opzione? Cosa ti ha tenuto così impegnata? Ero in palestra con il mio ragazzo. Lo consideri più importante che fare i compiti? A proposito, chi è il tuo ragazzo? Viene alla nostra scuola? No, ha già finito la scuola ed è un uomo d'affari di successo. Ed è più uomo di quanto tu sia mai stato.

Penso che tu debba imparare le buone maniere ragazza. Devi rispettare le autorità. Si alzò e si fermò dietro di me. Le sue mani si posarono sulle mie spalle. Sei una ragazza cattiva, cattiva. Sai cosa facciamo con le ragazze cattive? No. Dai loro un distintivo? Si chinò e mi sussurrò all'orecchio: No, le puniamo. E poiché sei stata una ragazza molto cattiva, la tua punizione sarà ancora più dura. Intendi umiliazione? È esattamente quello che voglio dire.

Si raddrizzò, le sue mani si spostarono lentamente verso il mio petto. La sua mano destra scivolò dentro la mia camicetta, appoggiata sul mio petto. La sua mano sinistra mi circondava la gola. Fino ad ora non era successo nulla, ma ero già eccitata. Questa era una novità e mi è piaciuta. Ho sentito un tintinnio di metallo e qualcosa che mi veniva messo attorno al collo. Era un colletto con una catena. Mettiti in ginocchio! Ho fatto come ha detto. Ora chinati in avanti, sulle tue mani e cammina come un cane. L'ho fatto e il duro pavimento mi ha fatto male alle ginocchia. Andy era davanti a me, e tirava la catena. Più veloce, schiavo! Strisciai lungo il corridoio verso le scale. Le mie ginocchia mi facevano già molto male. Ora giù per le scale. Avanti! Sono quasi caduta due volte, ma in qualche modo sono riuscita a scendere. Gli ultimi metri dalla stanza dei giochi erano facili.

Arrivata nella stanza, Andy fissò la catena sul muro. Mi ha messo un bavaglio in bocca e ha legato le mie mani a una barra. La barra stessa era legata al muro di fronte a me. L'ho sentito fare pipì e un minuto dopo mi ha messo una ciotola piena di pipì sotto la faccia. Sii una brava schiava e bevi quello.

L'ho fatto e mi è piaciuto. È così che si fa. Vedo, sei disposta a imparare e ad obbedire. Mi sollevò i capelli, finché la mia testa non fu all'altezza del fianco. Le mie mani erano ancora legate alla barra, così aprì i suoi pantaloni e tirò fuori il suo pene.

Ho leccato il lungo tronco, su e giù. Dai un bacio alla punta ogni volta che sei in cima. Ora mettilo in bocca. L'ho succhiato duramente, mettendolo il più profondamente possibile. Dopo alcuni minuti di suzione, estrasse il pene e mi spinse di nuovo in basso. Legò le gambe a una secondo barra e io ero sul pavimento, a pecorina e incapace di muovermi. La sua mano vagò sulla mia schiena, fino alla mia gonna. Lo sollevò, rivelando le mie mutandine. Il mio buco del culo era già a bocca aperta. Mi ha tirato giù le mutandine, rivelando il mio ano.

Poi il primo battito della paletta mi colpì. Oh si! Lo volevo così tanto. Quindi il secondo colpo. Ho perso il conto intorno ai 65 colpi. Il mio culo bruciava e volevo che continuasse. Quando ebbe finito, stava respirando affannosamente. Mi faceva male il culo e mi sentivo benissimo. L'ho sentito aprire i suoi pantaloni e in ginocchio dietro di me.

Mi afferrò per l'anca, mi tirò indietro e il suo pene entrò nel mio buco del culo. Senza lubrificante, proprio così. Ora vediamo quanto è profondo quel tuo buco. Il pene secco si fece strada attraverso il mio retto secco. Ma l'ho dilatato abbastanza negli ultimi due giorni e non è stato un problema. Andy tolse il guinzaglio dal muro e lo tirò verso di sé. La sua anca si muoveva sempre più velocemente, l'attrito che mi riscaldava il retto. Anche se volevo scappare in avanti, non potevo. La catena mi tirava indietro ma non volevo scappare comunque.

Lo sperma si diffuse in tutto il mio retto, raffreddandolo e causando una sorta di lubrificante. Ma non si è fermato. Continuava a scoparmi. La caratteristica scivolante dello sperma svanì e dopo un po’ fu di nuovo il suo pene secco contro il mio retto secco. Venne di nuovo e il carico di sperma era grande come il primo. Questa volta, ha tirato fuori il suo pene. Ero un po’ triste perché avevo sperato in un terzo round. Andy mi ha messo un plug nel culo e l'ha sigillato. Poi ha strappato i miei vestiti finché non ero nuda.

Rimosse il bavaglio e mi accarezzò delicatamente i capelli. Non hai urlato affatto. Sei una ragazza coraggiosa. Ti ho detto che non griderò, padrone. Chi dice che ho finito? Perché mi hai distrutto i panni, padrone? Non ho altri panni con me e non voglio andare a casa nuda. Non è un mio problema.

Ho visto qualcosa di scintillante poi un dolore acuto mi attraversò il corpo. Ouuuuuuuuh! Vedi, eccolo. La mia arma a elettroshock fa urlare tutti. Il dolore acuto successivo mi attraversò il corpo. Ho provato a soffocare l'urlo. Ma non potevo. Non ho mai provato così tanto dolore.

Andy mi ha dato scariche più di due dozzine di volte e ogni volta ho urlato forte. Andy si alternò tra scariche e colpi. Nessuna parte del mio corpo è stata risparmiata tranne la mia faccia. Alla fine, tutto il mio corpo era dolorante.

La mia gola era dolorante per tutte le urla. Andy mi slegò e mi portò di sopra. Stavo ancora camminando su mani e ginocchia. Attraversammo il soggiorno e uscimmo sulla terrazza. Era già buio e freddo. Aprì la porta della gabbia del cane e attaccò il guinzaglio al muro. Resterai la notte qui fuori con il mio cane. Non puoi sciogliere il guinzaglio o il collare. Sono entrambi fissati con una serratura.

Buona notte. E non urlare. Nessuno ti sentirà. Se ne andò, spense la luce ed entrò. Il suo cane venne da me e mi confortò. Mi sono rannicchiata contro di lui. Era caldo e soffice. Quando mi sono svegliata la mattina dopo, mi stava ancora abbracciando e scaldando.

Il sole era all'orizzonte. Ho giocato con il cane fino a quando Andy non è tornato. Indossava i suoi vestiti normali. Dopo aver rimosso il colletto, ho saltato su di lui e l'ho baciato. Rotolammo sul pavimento e facemmo sesso di fronte al cane curioso.

Andy mi ha portato dentro, le braccia e le gambe attorno al suo corpo. Gli accarezzai delicatamente i capelli. Ti è piaciuto il gioco di ruolo? Chiese. E 'stato stupefacente. Grazie. Gli baciai la guancia.

Sentì l'odore del cane con il quale avevo trascorso la notte. Rise e scivolammo sotto la doccia. le braccia e le gambe attorno al suo corpo. Rise e scivolammo sotto la doccia. le braccia e le gambe attorno al suo corpo.

In realtà non avevo vestiti di ricambio con me. Per fortuna, avevo conservato dei pantaloni e delle camicie a casa di Andy. Trascorremmo la maggior parte della giornata a casa. Io guardai la TV, Andy stava facendo delle cose di lavoro. Nel pomeriggio, siamo andati in palestra e ci siamo allenati fino a quando i nostri muscoli erano doloranti.

Avevo finito dopo un'ora, ma Andy si è esercitato per più di quattro ore. I suoi muscoli erano enormi e voluminosi, volevo scoparlo sul posto. Sulla strada di casa, non potevo aspettare. Ho slacciato la cintura di sicurezza, mi sono chinata e ho messo la testa in grembo ad Andy. La sua macchina aveva i vetri oscurati, così quasi nessuno poteva vedere dentro. Gli ho fatto un pompino e ha dovuto concentrarsi molto durante la guida.

Quando siamo tornati a casa, Andy ha chiesto: Ti piace il sesso in pubblico? Correre nuda nella notte? Non ho mai fatto sesso in un luogo pubblico e l'ultima notte è stata la mia prima notte dove sono stata nuda all’esterno, risposi.

Facemmo fatto un piano. La notte seguente avrei attraversato la città nuda. E volevamo fare sesso in un luogo pubblico.

Il nostro viaggio è iniziato a mezzanotte. Ero completamente nuda. Andy era vestito e aveva una borsa con panni e una coperta nel caso avessimo problemi. Ero più avanti, Andy dietro di me qualche passo. Ogni volta che qualcuno veniva, in macchina, in bicicletta, a piedi, mi nascondevo. Ho saltato sopra una recinzione o dietro un angolo o un cespuglio. L'obiettivo era raggiungere la fontana nella piazza del mercato e fare una nuotata al suo interno.

L'ultima parte è stata complicata perché il mercato è occupato il sabato sera. Dopo circa un'ora, abbiamo raggiunto il limitare della città. Da qui in poi non c'erano recinti o cespugli dietro cui nascondersi. Solo angoli bui o scale del seminterrato. Era più affollato di quanto pensassimo e ci sono voluti quasi 30 minuti per coprire un quartiere. Ancora sei isolati, era impossibile.

Abbiamo considerato il piano B. Attraversare il parco cittadino fino al lago dall'altra parte. Il parco era buio e pieno di cespugli. Qui potrai andare senza fermarti molto.

Quando entrammo nel parco, Andy si fermò e si spogliò. Nudi e una borsa di panni sulla schiena di Andy, ci siamo intrufolati nel parco. Devo fare pipì, dissi. Anch'io. Non sarebbe bello essere coperti di pipì e di sperma quando si cammina attraverso il parco? Andy non rispose. Ci siamo guardati intorno. C'era un chiosco in fondo alla strada. Il terreno dietro era muschioso e morbido. Perfetto. Mi sono inginocchiata e Andy mi ha fatto la doccia con il suo succo d'oro. Poi Andy si è sdraiato e io lo coprii con i miei liquidi salati.

Mi sono seduta su di lui, il suo enorme pene dentro di me. Un momento prima che venissi, mi alzai e il suo sperma esplose sul suo corpo. Era difficile da vedere a causa dell'oscurità. Tuttavia, siamo riusciti a strofinare l'un l'altro i corpi con il suo sperma. Abbiamo continuato la nostra passeggiata, puzzavamo di urina e sperma.

Un paio di motociclisti ci raggiunsero o attraversarono la nostra strada, ma nessuno dei due sembrava notare nulla di particolare. Al lago, abbiamo trovato un posto remoto dietro alcune rocce. Andy legò la nostra borsa a un albero, in modo che non potesse essere rubata. Ci liberammo delle scarpe e ci sdraiammo sugli scogli.

C’erano diversi fuochi intorno al lago. Il più vicino dove due persone facevano fatto sesso. Sono scivolata nell'acqua in silenzio e ho spruzzato acqua su Andy.

Si è alzato ed è saltato nel lago. Non riuscivo a vederlo e non sapevo se fosse già emerso, quando sentii una mano che mi afferrava la gamba sinistra, tirandomi giù. Andy mi ha tirato sott'acqua.

Gli presi la testa e mi sollevai. Sbuffando dalle risate. Dopo un po’ ci siamo calmati, nuotando in cerchio attorno a un punto invisibile, guardandoci negli occhi. Ho potuto vedere la sua faccia solo quando la sua testa era verso il fuoco più vicino. Il nostro cerchio si fece più stretto, finché le nostre mani non si toccarono mentre equilibravano i nostri corpi. Andy si mosse attorno a me, si avvicinò e posò le sue enormi mani sulla mia pancia e sul mio petto. Mi baciò sul lato del collo, premendo il mio corpo contro il suo. Non mi sono mossa affatto.

Il suo pene è entrato nel mio buco del culo e ho chiuso gli occhi. Ho immaginato di essere al mare su un'isola tropicale. Sentire le onde che si rilasciano a riva. Ecco dove volevo essere. Con l'uomo dei miei sogni dalla mia parte, fino alla fine della nostra vita.

Andy mi ha scopato il culo e mi ha solleticato il clitoride. È venuto prima di me, ma non si è fermato fino a quando l'orgasmo mi ha fatto tremare il corpo. Si sedette su una roccia nel lago, solo le nostre teste e spalle fuori dall'acqua, il suo pene ancora dentro di me. Ci siamo seduti lì fino a quando i primi raggi di sole non sono stati visibili all'orizzonte. Dopo esserci asciugati, ci siamo vestiti e siamo andati alla stazione più vicina.

Erano quasi le 5 della mattina e non c'era quasi nessuno a bordo del trano. Andy mi annusò i capelli. Senti, ancora odore di urina, disse con un sorriso. Mi ha dato un bacio sulla testa e mi sono rannicchiata contro di lui.

A casa, abbiamo fatto una lunga doccia calda per sbarazzarci di tutti i fluidi corporei. Abbiamo dormito fino al pomeriggio e abbiamo fatto sesso due volte prima di partire. Sulla strada di casa guardai fuori dalla finestra.

Ho rivissuto nei miei pensieri della notte appena passata. Un'isola tropicale, solo per me e Andy. Mi chiedevo se questo sogno sarebbe diventato realtà un giorno. Mi ha dato un bacio sulla testa e mi sono rannicchiata contro di lui.

Questo racconto di è stato letto 3 9 9 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.