Quella ragazza bruttina

Scritto da , il 2019-04-15, genere etero

Ero al primo anno di università e avevo fatto amicizia con una ragazza... bruttina.
Cioè era molto simpatica, ci trovavamo sempre a lezione, ci scambiavamo gli appunti ma non aveva un bel viso, anonimo, un seno piccolo, magra con pochi fianchi. Quasi niente trucco, si vestiva sempre molto casual, jeans e maglietta, il che non aiutava ulteriormente a stimolare le mie voglie. Un giorno andai da lei per preparare un elaborato per un esame, viveva con altre studentesse quindi ci chiudemmo nella sua stanza singola, dove aveva anche una scrivania.
Dopo un paio di ore di studio, decidemmo di fare una pausa.
Senza troppi preamboli se ne uscì dicendo "che ne dici se allentiamo un po' lo stress dell'esame con una bella scopata?"
Restai stupefatto. A me non piaceva proprio, non mi eccitava e insomma non ci pensavo proprio. Accampai qualche scusa ma lei mi fermó: "sì lo cosa stai vuoi dire, che non sono il tuo tipo, non provi attrazione, ecc. Lo so benissimo che non sono una bella ragazza sexy, non ti ho mica chiesto di sposarmi ma solo di scopare. Non saró figa ma proprio per questo sono dovuta diventare molto brava sennò non mi scopava nessuno... Credimi, sono capace di farti impazzire... "
Ero imbarazzato e sconvolto da quella trasformazione.
"dai su, non fare il prezioso, ti faccio un pompino poi se vuoi continuiamo."
Così dicendo si mise in ginocchio, mi aprì i pantaloni e tiró il cazzo fuori dalle mutande.
"oh ma che bel cazzo, avessi saputo prima... Non sei circonciso, meglio mi piace di più."
Prese il prepuzio tra le labbra e ci infiló dentro la punta della lingua, roteandola.
Mi diventò immediatamente durissimo.
Continuò così a giocare con la lingua fino a scoprire la cappella. Mi tirò giù tutta la pelle e mi fissò mentre con la lingua mi lavorava il filetto. Mi chiese "allora posso continuare? Sono brava?"
Aprì la bocca e fece sparire tutto il mio cazzo fino alle palle. Si divertì a toglierlo tutto poi a rimetterselo dentro fino in gola.
"allora, te lo hanno mai fatto un pompino così? Hai mai pensato glielo infilo in gola?"
Non mi diede tempo di rispondere perché continuò di nuovo a infilarselo fino in fondo.
Quando sentì che stavo per venire cambió posizione e si mise la cappella tra le labbra per farmi vedere la sborrata che le riempiva la bocca, deglutì facendo commenti sulla bontà di quello che aveva ingoiato.
Poi mi disse di stendermi a letto.
"adesso non voglio più sentire proteste, mi sembra di averti dimostrato di avere una tecnica superiore."
Si spoglió completamente, come avevo detto era magrolina con un seno piccolo.
Però aveva una figa completamente depilata dalle labbra grosse e che penzolavano leggermente fuori.
La fissai.
"sì lo so che sono fatta strana. Pensa che se ho il costume da bagno si vede come ce l'ho fatta..."
Salì a cavalcioni sopra di me.
"... E allora io mi metto costumini striminziti, che si vede ancora di più, mi guardano e pensano che sono brutta, poi mi guardano in mezzo alle gambe e mi fissano. E immaginano. E li faccio guardare... "
Sempre a cavalcioni su di me si mise a strusciarsi con la figa sul cazzo mollo.
Si posizionó in modo da circondarmi il cazzo con quelle labbra facendomi una specie di sega. Mi tornó immediatamente duro.
Continuó ancora poi scivoló leggermente indietro e lo mise dritto.
Si sollevó appena, se lo puntò sulla figa e lo fece scivolare dentro.
Poi distese entrambe le gambe come a fare una spaccata, forse faceva la ballerina. Quel gesto fece entrare dentro di lei ogni centimetro del mio cazzo.
Da quella posizione non si mosse, cioè non andò su e giù come pensavo ma ruotava il bacino avanti e indietro.
Così lei aveva il cazzo che restava sempre tutto dentro, il clitoride che strusciava sul mio bacino e la mia cappella che batteva sulla sua cervice. Qualsiasi stimolazione era esaltata da ogni movimento. Incredibilmente stavo per venire dopo un paio di minuti. Se ne accorse.
"non osare venire che a me manca ancora..."
Mi piantó due dita sotto le palle premendo dolorosamente e questo mi bloccó l'orgasmo quel tanto che bastava perché venisse. Poi sborrai anche io dentro di lei. Mi resi conto che ero tutto bagnato e lei mi disse "sì ok sono capace di squirtare ma questo te lo spiego un'altra volta."
Si alzó e si sgranchì le gambe. Io mi alzai e feci per rivestirmi.
"dove vai? Non ho ancora finito con te."
La guardai incredulo. Dubitavo di avere le forze per un'altra erezione.
"rilassati, respira... Siediti là."
Mi fece sedere di nuovo. Poi si mise in ginocchio sotto di me e si mise a leccarmi e a succhiarmi le palle, e una lenta sega con le mani. Quando cominciò a diventarmi più duro dalle palle si spostó con la bocca sul cazzo. Ci volle qualche minuto ma mi tornó duro.
Si alzò in piedi, mi disse "tienilo dritto".
Mi afferrai il cazzo con la mano, lei si giró e si allargó il culetto magro e piatto con le mani puntando il buco sul mio cazzo.
Cercai di fermarla, nonostante la mia inesperienza sapevo che non potevamo così.
"stai zitto, mi basta la saliva, so come prenderlo..."
Vidi il buco spalancarsi mentre calava sul cazzo, lei emise una sorta di lungo gemito mentre si impalava da sola.
Arrivata in fondo mi disse con una certa soddisfazione "ho il culo piccolo ma il buco bello aperto."
Fece piano su e giù un paio di volte, poi aumentó il ritmo masturbandosi la figa con la mano. Diede ancora una serie di colpi finché non venne un'altra volta, senza schizzi ma colando ancora lungo le gambe.
"se non mi sono sbagliata tu non sei venuto vero?"
"no beh mai sai la terza volta in così poco tempo..." cercai quasi di giustificarmi.
"non esiste se voglio ti prosciugo i coglioni fino a farteli seccare."
Si alzò sfilandosi fuori. Si girò verso di me e si sedette sulle mie gambe.
"aiutami"
Le passai le braccia sotto le ginocchia, si sollevó e di nuovo il mio cazzo fu dentro il suo culo.
Stavolta bastarono pochi colpi per farmi venire urlando.

Ci rivestimmo entrambi. Poi mi prese e mi fece vedere il suo armadio pieno di completini intimi, scarpe con tacco alto, e vari oggetti strani.
"il tuo cazzo mi piace, credo che anche a te sia piaciuto. Se vuoi possiamo ripetere l'esperienza e come oggi non te ne pentirai."
Mi prese e mi infiló la lingua in bocca senza aspettare la mia risposta.

Questo racconto di è stato letto 5 9 4 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.