Escort 6

Scritto da , il 2019-03-27, genere orge

Lascio Anna alle prese con lenzuola,coperte e materassi e mi metto una gonnellina e maglietta,sotto niente e così vado e gironzolo per la casa,esco e vedo Alì che sta caricando in macchina tutte le cose intrise di piscia
“Ahhhh Lucia sono contento che sei diventata la signora di casa vuol dire che rimarrai sempre qui? Bene ma devo dire che siete stati dei bei maiali riempire tutto di piscia vorrei essere stato a vedere chissà che sborrate”
“Caro basta chiedere sai che non sono ancora andata al gabinetto e mi scappa! Vuoi farmi un clistere così vado meglio in bagno???”
In un attimo cala i pantaloni e subito si presenta con il cazzo in mano
“Pronto basta chiedere”
Apre la portiera della macchina e si siede io lo abbraccio e punto la cappella sul culo e lentamente mi infilo tutto il palo,mi tolgo la maglietta e gli do le tette da succhiare mentre inizio a incularmi
“Ahhhh che bello sei bollente mi immergo nella cacca ahhh dai cacciati i coglioni dentro mi fai morire siiiii così”
Mentre cavalco quel cazzo che mi apre le budella sento lo stimolo e così mentre vengo inculata inizio a pisciare sulla pancia di Alì e lubrifico anche il cazzo che mi stà sfondando
“Siiiii maiala lavami tutto dovrò pulire i sedili ma non mi interessa ahhhhh adesso arrivo ti riempio fino allo stomaco tieniiiiii”
Sento riempirmi le budella tanta sborra mi scarica
“Fermo aspetta che ricevo tutto e poi corriamo al cesso altrimenti mi svuoto qui uhhhh devo tenermi il culo ben stretto dai vieniiiii”
Corro verso casa e volo in bagno dove mi scarico,Alì arriva con il cazzo floscio e sporco,lo piglio in mano e seduta gli chiedo di pisciare così gli lavo il cazzo,Alì non se lo fa ripetere e mentre mi piscia sulle tette io raccolgo e gli lavo tutto quello che era rimasto del mio culo
“Sei splendido adesso vai e devi ricaricarti i coglioni perché questa sera ci sarà la festa per il mio arrivo e ci saremo tutti incluso te e Anna immagina cosa succederà??”
Mi rivesto e vado a trovare Anna che ha finito di sistemare il letto
“Anna questa sera saremo al centro della festa e allora dobbiamo prepararci per bene vieni con me in bagno,dobbiamo pulirci il culo per bene e allora tu mi farai un clistere e io lo farò a te fino a quando dal culo uscirà acqua pulita dai vieni”
Sculettando la porto in bagno si mette a carponi e io le infilo la cannula del clistere e lo riempio di due litri di acqua tiepida,apro la valvolina e l’acqua inizia a riempirle la pancia che si gonfia e io le accarezzo pancia e figa,lentamente riceve tutto il liquido e così la faccio sedere sul cesso,stacco la canna e si scarica.
Tocca a me e ricevo la mi dose di acqua nelle budella,mi scarico e si ricomincia fino a vedere acqua pulita uscire dal culo.
“Basta siamo pulitissime e pronte a riempirci di sborra adesso vai a lavorare ciao bella e non iniziare a sditalarti ci sarà tempo questa sera”
Mi rivesto e vado in sala appena in tempo e arriva Francesco con una ragazza,mi vede vestita e si meraviglia ma non chiede niente
“Luciaaaaa sei sempre splendida ti presento Giorgia una mia compagna,i suoi genitori sono dovuti partire per una emergenza e rimarrà qui fino a domani ti dispiace??? E poi scusaci ma deve andare al bagno di corsa”
“Certo caro accompagnala e poi vieni qui”
Ritorna e subito mi chiede cosa è successo
“Caro tuo padre mi ha chiesto di essere la sua donna e io ho accettato e questa sera avevamo organizzato una bellissima orgia con tutti ma adesso con la tua compagna cosa facciamo???”
“Cazzo Lucia Giorgia credo sia la più maiala della scuola,dalle medie le piaceva farci seghe e alle superiori oltre alle seghe si è specializzata in pompini con ingoio,non so se figa e culo siano sfondati ma di sicuro con i cazzi è meravigliosa”
“Ho capito adesso sparisci che vedo se riesco a scaldarla”
La ragazza ritorna e la faccio sedere sul divano e iniziamo a parlare,mentre parliamo arriva Anna con un piatto di dolcetti,la ragazza è nuda e Giorgia spalanca gli occhi dalla sorpresa,Anna posa il piatto e esce
“Ma scusi perché và in giro nuda????”
“Cara se ti offende la vista la faccio vestire ma devi ammettere che un cioccolatino nudo e disponibile non è da tutti vero e dimmi se la chiamo e puoi palparla ti dispiace??”
“Non so la vista mi ha eccitato ma scusi e se poi non vuole?cosa faccio le chiedo scusa e basta!!!”
“Ma cosa dici!!anzi se le fai vedere le tue tettine di sicuro si farà fare tutto allora la chiamo? Dai dimmi di sì vedrai che non ti pentirai,OK??? Anna!!!!! Vieni la ragazza ti vuole vedere”
Sculettando ritorna e si mette vicino a Giorgia
“Eccomi signorina dai fammi vedere le tue tette le mie le vedi già e se vuoi le puoi leccare e palpare”
Giorgia mi guarda e con i gesti le dico di partire e così inizia a accarezzarle le tette e Anna le slaccia la camicia e saltano fuori due bocce belle grosse e sode
Mentre le due iniziano a slinguarsi e a solleticare i capezzoli io metto una mano nei jeans e le accarezzo la figa,questa apre le gambe e allora inizio a slacciarle i pantaloni e subito infilo la mano nelle mutandine che trovo già bagnate,quella troietta alza il culo e così riesco a levarle tutto e inizio a sditalarla
“Siiii che bello due donne per me dai leccami le tette ahhhh ti metto una mano nella figa uhhh sei tutta bagnata ahhhh come vorrei un cazzo da ingoiare sarebbe il massimo siiiii dai godoooooo sei splendida ti riempio la mano dei miei umori,dai dammi le tette le voglio mordere e succhiare ti tiro fuori il latte siiiiii non resisto godo ancoraaaaa”
Come immaginavo la cara Giorgia si è dimostrata una vera porcella
“Basta Anna smettila di leccare e baciare adesso sparisci e tu cara adesso mi racconti come mai appena ti toccano hai orgasmi a ripetizione e con solo donne e con gli uomini come ti comporti? Oltre alla bocca dai culo e figa? Non fare la preziosetta Francesco mi ha raccontato che fai pompini a tutta la scuola”
“Ma scusa Lucia mi hai preso per una troia? Certo mi piace fare pompini ma da questi a passare per una rotta in culo ce ne passa”
“Brava e allora dimmi sei vergine? Hai solo voglia di bere sborra o vuoi essere riempita da cazzi duri,non rivestirti mi piace vedere le tue tette e accarezzare la figa allora dimmi tutto altrimenti questa sera non so cosa ti succederà”
“non capisco cosa cazzo ti interessi della mia vita visto che ti piace vedermi quasi nuda deduco che sei una bella maiala e allora posso dirti che chi mi ha insegnato a fare pompini è stato mio padre alla prima superiore,mi ricordo ancora,dovevo Andare in bagno e allora in mutandine e reggi tette apro la porta,vedo mio padre con un cazzone in mano che si stà sparando una sega,gli chiedo subito se non si vergogna ma lui affamato mi piglia,chiude il bagno e mi fa prendere in mano il cazzo e mi ordina di menarlo e nel mentre quasi mi strappa le mutandine e inizia a sditalarmi,io apro le gambe e allora mi piglia la testa e mi abbassa a livello del cazzo e mi dice di ingoiarlo.
Io sono terrorizzata ma subito l’odore mi travolge e così quasi inconsciamente spalanco la bocca e lo ingoio,è stata una stillettata ho iniziato a succhiare e leccare e gli umori mi colavano nelle gambe tanta era la libidine di avere quel tarello in gola.
Per farla breve mi sparò in bocca tutto e io ingoiai felice
Da quel giorno non ho tenuto il conto di quanti pompini ho fatto a mio padre e ai miei compagni,quasi tutti oltre al pompino volevano la figa o il culo ma ho sempre detto di no chissà se un giorno mi farò sfondare tu cosa dici?”
“Certo cara questa sera ci sarà una festa con tutti della casa e è molto probabile i tuoi piccoli buchetti diventeranno due voragini pronti a ricevere cazzi doppi ti piace l’idea?uhhh porcella hai la figa che cola umori vieni con me che ti preparo,non vorrai andare a una festa con tutti quei peli!!!!!meglio la figa depilata e profumata dai vieni”



Questo racconto di è stato letto 3 1 0 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.