Inquisizione 1

Scritto da , il 2019-07-21, genere pulp

Mi chiamo Giulio e sono un frate novizio e seguo il mio maestro per essere un domani frate inquisitore.
Se all’inizio ero fervente e credevo nella missione dell’inquisizione oggi ho molti dubbi specialmente per quanto riguarda le donne.
Ho notato che quelli indagati per stregoneria o altri peccati simili vengo immediatamente portati nelle segrete dei castelli dei conti o baroni e lì vengono torturati per far confessare le loro malefatte.
I condannati sono segregati in celle separate ma quando dobbiamo interrogare l’uomo il mio maestro inizia subito con la fustigazione,se parla via subito al rogo,se rimane zitto arrivano i ferri roventi sulle parti intime e di sicuro dopo un paio di trattamenti confessano tutto,anche quello che non sanno.
Devo dire che tutti i condannati sono nudi per controllare gli eventuali segni del demonio.
Per le donne invece ha un diverso trattamento,prima le palpa per vedere i segni del demonio,poi infila tre dita davanti e dietro e le odora,se gli odori sono buoni,secondo le sue conoscenze,le donne vengono portate in altri posti,stranamente le donne che hanno odori buoni sono belle e giovani.
Quelle che hanno odori cattivi vengono torturate con estremo sadismo e spesso vedo sia i boia che il mio maestro eccitati e si accarezzano il membro.
Dopo un anno che stò insieme al maestro mi porta nelle celle dove sono rinchiuse quelle giovani ma prima inizia a spiegarmi tutto.
“Dunque Giulio hai visto cosa bisogna fare per estirpare il diavolo dall’umanità ma questo non basta,noi dobbiamo purificare quelli che ci paiono pronti e allora dobbiamo riempire specialmente le donne con il nostro seme,per parlare chiaro dobbiamo riempire di sborra le donne con i nostri cazzi e qualche volta anche con i cazzi dei boia,per paura del rogo la donne accettano tutto e così possiamo salvarle hai capito potrai fare tu anche questo?? La cosa è molto semplice quando vedi una legata tiri fuori il cazzo le fai aprire la bocca e lo cacci dentro,le dici che deve bere tutto e così tu godi e lei si è salvata,dopo di te se la donna è bella e formosa dobbiamo anche far sfogare i boia e allora dovrà prendere i loro cazzi da tutte le parti e diremo che il diavolo si è insinuato nei loro buchi e loro hanno la possibilità di cacciarlo via,è tutto chiaro??”
“Ma maestro da quello che mi dici io devo possedere le donne??e la nostra castità dove è??? Non capisco”
“Giulio la nostra castità è al servizio del popolo e se le donne sono possedute noi dobbiamo guarirle e per guarire dobbiamo possedere,anzi Giulio dobbiamo chiavarle,incularle e farle bere la nostra sborra che le salverà,se non ci riusciamo sarà la tortura e i boia a avere l’ultima parola ma questo sarà una fase molto delicata che a oggi non ho ancora riscontrato forza andiamo”
Per la prima volta entro nelle celle dove ci sono solo donne giovani e nude,sono tutte legate sui tavolacci o appese alle pareti.
“bene adesso guarda bene cosa faccio e dovrai farlo anche te capito Giulio?”
Accenno di sì e il maestro si leva la tonaca e impugna il cazzo e si avvicina a una legata sul tavolaccio e di colpo infila il cazzo in bocca fino ai coglioni,le tiene ferma la testa e và avanti e indietro chiavandola in bocca
“bevi peccatrice bevi tutto siiiii eccoooo tieniiii”
Le spara in bocca tutto e questa è obbligata a ingoiare tutto,tira fuori il cazzo e le ordina di leccarlo e pulirlo
“Brava adesso dimmi sei stata con il diavolo???? Nooooo allora non basta procedete”
I due boia arrivano le bloccano la testa e le infilano un imbuto in bocca e iniziano a versare acqua,la poveretta si agita sputa ma questi versano sempre acqua in bocca,vedo chiaramente lo stomaco dilatarsi e crescere,sembra incinta tanto si è gonfiata la pancia,dopo un bel po’ di acqua trangugiata smettono,la ragazza è quasi svenuta
“Adesso sei pulita anche dentro allora dimmi!!!sei stata con il diavolo,ti sei accoppiata con lui!!!!! Ancora neghi l’evidenza forza fatela parlare”
I due iniziano a pestare la pancia gonfia,la donna urla dal dolore e vedo che a ogni colpo le esce liquido dalla bocca e inizia anche a pisciare per terra
”Bastaaaa pietà dirò tutto”
“Brava così ti voglio allora cosa hai fatto con il diavolo e come era? Ahhhh aveva il cazzo doppio!!!e cosa è successo!ti ha preso davanti e dietro e ti piaceva? Siiii e ti ha riempita!!davvero bene adesso sei pulita liberatela e portatela dove sapete”
La poveretta viene sollevata e la trascinano fuori dalla cella
“Dove la portano maestro è libera?”
“certo Giulio è libera e sarà rinchiusa in una segreta senza cibo e acqua fino alla sua morte aveva confessato cose terribili e non sono riuscito a pulirla tutta capisci”
La cosa mi pare molto strana ma non commento,nei mesi successivi noto che le donne finiscono tutte nello stesso modo dopo essere state chiavate in bocca o chiavate veramente o peggio ancora inculate non dal maestro che mentre infila il suo cazzo in bocca incita il boia a sfondare il culo alla poveretta sempre per pulire le interiora,ovviamente alla fine viene sempre portata in celle singole e lasciata fino alla fine.
Il maestro un giorno viene chiamato dal suo superiore e allora mi ordina di interrogare le donne
“Ormai Giulio hai visto tutto e ho visto anche che mentre interrogavo le poverette ti eccitavi e ti toccavi il cazzo,immagino che la sera nella tua cella ti sei fatto seghe a raffica e non dirmi che non è vero sono stato giovane anch’io,bene allora datti da fare e spero che ti farai onore”
La mattina vado nelle prigioni e mi reco nelle celle,i boia mi aspettano e così solo vado nella cella dove ci sono tre donne,due appese e una sul tavolo,le hanno preparate con le gambe divaricate bloccate con delle sbarre di ferro,quella sul tavolo oltre alle gambe ha anche le braccia divaricate,insomma è tutta pronta per me.
La guardo,è giovane e ha due tette che mi fanno subito tirare il cazzo,in un attimo dimentico i miei buoni propositi e inizio a strizzarle i capezzoli,questa urla e le chiedo dove ha visto il diavolo,quella non sa nemmeno di cosa parlo e allora mi levo la tunica e le appoggio il cazzo nella bocca
“Apri peccatrice e bevi ti salverà”
“Ma frate non so cosa devo fare sono vergine e non so perché sono qui aiutooooo”
“Ahhhh sei vergine il diavolo preferisce le donne vergini e allora dovremo sistemare la cosa”
Invece della bocca punto alla figa e in un colpo la sfondo,mi faccio male al cazzo ma la ragazza urla e chiede aiuto mentre io la chiavo come un forsennato
“Deve uscire tutto il sangue siiii ti apro la figa in due ohhhhh e dopo ti faccio spaccare anche il culo così sarai pulita e lavata,vieni qui cacciale il cazzo in bocca e falle bere tutto”
Sono quasi invasato e non mi rendo conto che quasi ammazzo la povera ragazza che non ha più le forze di urlare dal male,le riempio la figa di sborra bollente sfilo il cazzo e obbligo l’altra donna a prenderlo in bocca e pulirlo dal sangue e dalla sborra,sono sfinito e il boia ha già scaricato il cazzo in bocca alla ragazza
“Basta portatela via non la voglio più vedere per oggi basta ma domani invece di sfondarle voglio torturarle e basta,prepara tutto,pinze,fruste,chiodi e carboni domani ne mandiamo via almeno due”
La sera nella mia cella mentre mi accarezzo il cazzo penso a quello che ho fatto e mi chiedo se ho fatto bene a purificare quella donna o sono stato preso dalla carne e ho fatto peccato,non so rispondermi e sempre accarezzandomi il cazzo mi addormento.
La mattina i miei pensieri sono solo per le donne e per le loro confessioni,in cella il boia le ha preparate,gambe divaricate e bloccate braccia legate e appese alle travi,in queste posizioni le tette quasi si espandono e è bello vederle timorose che mi guardano.
“Cara è meglio che inizi a dirmi cosa hai fatto con il demonio altrimenti queste povere tette saranno stritolate allora cosa mi dici?”
“Io non ho fatto niente e non so perché sono qui aiuto noooooo”
Mentre tenta di giustificarsi ho preso uno spillone e con un colpo lo infilo tutto nella tetta,le urla mi eccitano e così le infilo spilloni su le due tette,la ragazza urla come una forsennata e io le caccio due dita nella figa
“Vedi che sei stata con il diavolo ti faccio male e godi parla!!!!cosa hai fatto!!!!!!!voglio sapere tutto altrimenti ti faccio tagliare le tette parla peccatrice!!!!!”
E tale il dolore e la paura che la donna inizia a raccontare che ha preso in bocca il cazzo del diavolo e si è fatta inculare e riempire dalla sua sborra bollente e mentre veniva posseduta una strega le dava la figa da leccare e lei si attaccava e mentre la leccava si bevve anche la piscia di questa.
“terribile basta!!!!!!portatela via e come pentimento sarai impalata lentamente così ti pentirai delle tue malefatte”
La donna mi ha eccitato e così con il cazzo in mano inculo la seconda mentre il boia le marchia a fuoco le tette,le urla sono altissime e nel momento più bello,mentre mi scarico nel culo,entra il mio maestro
“Stupendo Giulio hai imparato e quasi fai meglio del tuo maestro ma adesso vieni via dobbiamo andare per una missione molto delicata e importante.
Non mi dice niente e così lasciata la donna semi svenuta alle cure finali del boia seguo il mio maestro.



Questo racconto di è stato letto 4 2 6 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.