Autobiografia di un Porno Star. Mister ventiquattro centimetri. 3.

Scritto da , il 2019-03-17, genere etero

3.Parte.-

La signora Whither.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Chissà perché si è ritirato dalle scene?
Non sarà malato? Dovrò prendere precauzioni, non toccarlo? Non usare cose che lui tocca?
Accidenti... che bell'uomo! Il suo passo scattante, la figura prestante, alto! E che belle mani! La sua voce! Ho letto che ha quarantaquattro anni. Chissà perché ha smesso!

-Ecco. Lavoreremo qui da me, ha visto l'alloggio, le lascio subito le chiavi. Se le va bene inizieremo oggi stesso nel pomeriggio, che ne dice? Qui alle quattro?-
-Qui da lei alle quattro, può consigliarmi un buon ristorante qui vicino?-
-Certamente. Il Posillipo, proprio di fronte, dica loro che è nostro ospite, lei non paghi. Se va da qualche altra parte, mi porti le fatture. Arrivederci Sig. Mature, anzi... dato che lavoreremo fianco a fianco forse è meglio se ci chiamiamo per nome, io sono Heather, lei Victor... giusto?-
-Heather... l'erica nordica! Bellissimo nome e significativo, si dice che una delle particolarità che caratterizza le Heather in generale sia: “Heather ha bisogno di amore...””-
-Victor? La prego...-
-Mi scusi...-

Però! Sarà poi vero che ha... ma si, avuto migliaia di donne? Fascino sensuale ne ha! Eccome! Questa sera andrò avanti nella lettura di quanto ha scritto.

Mentre lo leggo a letto mi dico che è si uno scrivere elementare senza nessuna particolare finezza ma ha il suo fascino, arriveremo a pubblicarlo?
Mah, mi eccita però, devo combattere questa cosa di pensare al suo... cazzo!
Beh, continuiamo a leggerlo...

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Intanto l'ha fatta disporre a pecora, a gambe aperte e le mani appoggiate al letto, tiene la verga con la mano e la cerca. Entra nella sua fica rorida di umori come un coltello caldo nel burro. La chiava così, forte e a lungo, causandole innumerevoli orgasmi sempre più forti e ravvicinati. I suoi lombi sbattono forte contro i glutei morbidi di lei. E' sudato Victor, bagnato fradicio e il fatto di essere appena venuto nella sua bocca lo fa durare in maniera eccezionale. Si stacca e la butta sul tetto, vuole leccarla, morderla. Succhia prima i grossi capezzoli mentre con la mano la penetra, due dita, tre e poi tenta di entrarle con tutta la mano, lei rantola dal piacere. Ora incolla la bocca al suo spacco e la succhia. Gli piace il suo sapore e il suo afrore, la lecca a lungo mentre le dita seguitano a penetrarla, a grattarla dentro, nel suo interno proprio in corrispondenza del clitoride. Non evita di penetrarla anche fra le natiche. Qui, il suo buco, dopo una breve effimera resistenza, si lascia penetrare. Le infila un dito a fondo e lo rigira. Ora ha nuovamente voglia di godere e la ridispone a pecora, stavolta in ginocchio sulla sponda del letto, la prende mettendo e la sbatte con forza. Il suo piacere stavolta è più lungo. Più forte, le viene dentro. Il suo seme sprizza con ripetuti getti. Sfinito si sdraia sul letto accanto a lei. Ansimano ambedue e faticano a riprendere la normale respirazione.
Tom non ha smesso un attimo di abbaiare e grattare con le unghie alla porta.
-Ma che ha Tom?-
-Non ci badare... è solo geloso...-
Lei lo abbraccia, lo accarezza, si china sul suo corpo e lecca il cazzo ancora bagnato di sborra e dei suoi umori. Lo pulisce con lunghe linguate cariche di libidine.
-Che bel cazzo hai, Victor! E sei resistente. E sei bravo!! Chissà chi ti ha insegnato. Sarà una lunga notte. E' da molto che mi manca scopare così e stanotte voglio tutto tutto, capisci?-
-Tutto cosa? Cosa vuoi?-
-Tutto! Voglio il tuo cazzo nuovamente in bocca, poi ti farò mettere fra le mie tette e ti farò provare una vera spagnola, uhm... stringerò il tuo cazzo fra le tette e lo menerò così, poi mi scoperai ancora e ancora e ti darò il mio culo, vuoi il mio culo, vero? Sei un porco! L'ho capito alla prima occhiata! Sei porco, sei libidinoso!-
La gioventù fa miracoli e Victor in breve è nuovamente eccitato, la verga gli è ritornata dura come il ferro con grande gioia di Margherita che ha ripreso a leccarlo e inghiottirlo in gola. E' chinata su lui di fianco e la mano di Victor ha preso a violentarle il culo, le dita sforzano spingono e prima una e poi due, entrano. La penetra così, spingendole forte a fondo per poi ritirarle. Ora gli si siede sulla faccia e gli mette a disposizione la sua fica larga e bagnata. Victor la lecca e la morde. Tortura violento il clitoride che sporge dal suo cappuccetto. Passa la lingua, lo stringe fra le labbra, le lecca il buco scuro fra le natiche. Si intrattengono a lungo nella pratica del 69, lei è troppo piena di voglia e Victor ha una resistenza pressoché illimitata. Gli orgasmi di lei sono davvero tanti mentre la scopa in molteplici modi. Finiscono con lei sul fianco, con le ginocchia raccolte quasi sul petto e lui che la incula aprendole le chiappe. Fa fatica ad entrare causandole anche del dolore che si trasforma subitaneamente in piacere. Le viene dentro riempiendole l'intestino del suo seme.
La stanchezza li fa assopire, dormono un po' quasi abbracciati, il forte odore del loro coito riempie la stanza.
Più tardi, Victor si alza per andare in bagno. Lei si sveglia e gli dice di non fare entrare il cane, di lasciarlo fuori. Lui fa come dice, esce e rinchiude, il cane prima ringhia e poi uggiola di delusione, Victor vede che è stranamente e fortemente eccitato.
Al suo rientra la riabbraccia, ha il suo grosso e liscio culo contro il ventre, le accarezza il seno, strizza forte i capezzoli.
-Rita? Dormi?-
-Uhm... si, cosa vuoi?-
-Scoparti ancora, fotterti, chiavarti, sbatterti! Dimmi che ha Tom? Quando sono uscito era molto eccitato.-
-Parliamo di noi invece... Victor. Vuoi restare qui con me? Ti darò certo molto di più di quello che guadagni in pizzeria, non ti chiedo tantissimo in cambio, dormire con me, insomma saresti il mio uomo, il mio amante segreto.-
Victor accetta. Sono soldi che gli servono, come farà a pagarsi un domani gli studi universitari altrimenti?
Essere compresso contro quei lisci e morbidi glutei lo fanno nuovamente risorgere, Rita se ne accorge, sente la pressione della verga contro il culo.
-Uhm... che toro sei! Cosa vuoi farmi, stallone? Fottermi come?-
-In bocca, stenditi di schiena sul letto, di traverso e metti la tua testa fuori dal bordo, così, ora ti prendo per i capelli e ti fotto la bocca, ti spingo il mio cazzo duro fino nello stomaco. Voglio sborrarti dentro così...-
Le tiene la testa mentre le scopa la bocca, lei tiene la bocca aperta e lo riceve tutto. Dura molto la cosa, lui le ordina di masturbarsi mentre le violenta la bocca, lei esegue e viene, viene. Victor nuovamente le sborra in gola. Sentendo la padrona mugolare di piacere anche Tom riprende il suo abbaiare.
Victor ora ha bisogno di riposo, le chiede.
-Quanto puoi darmi, Rita? -
-Mangiare, alloggio, ti vesto, spese della scuola e dell'università un domani, decideremo poi l'argent de poche, la paga settimanale, a seconda del tuo impegno perché sono molto esigente e perché dovrò comprare la tua riservatezza-
-Non parlerei mai in nessun caso, di quello che facciamo-
-Non è solo questo, dovrai fare di più-
-Di più? Cosa?-
-Lo vedrai, ora dormiamo-”
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Questo racconto di è stato letto 1 2 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.