Cera una volta

Scritto da , il 2019-03-14, genere saffico

Era china, intenta a rimuovere una ostica macchia di cera dal pavimento. Strofinava violentemente come se dovesse levarsi qualcosa dall'anima. Solo qualche ora prima, quelle chiazze avevano scottato la sua pelle olivastra provocandole un piacere ignoto fino ad allora. E mentre strofinava, passava in rassegna gli attimi in cui le stille diafane si erano fuse col suo corpo statuario e strinse le cosce rallentando lo sfrenato movimento della mano. Era molto bella, quasi irreale. Sembrava uscita dalla matita di un disegnatore che metteva su carta la figura della sua donna ideale. Capigliatura leonina; occhi grandi, neri come il carbone ed un fisico scolpito nell'ebano. Il tipo di donna che, se la incontri per strada, non esiti a guardare. La distingueva la semplicità: vestiva abiti comprati al mercato e non esagerava con il make-up. Passava spesso molto tempo da sola. Giusto qualche sortita sporadica per le faccende di prim'ordine. Una mattina suonarono alla porta. Un uomo sulla quarantina, accompagnato da una giovane collaboratrice, si presentò. Erano di una compagnia telefonica e svolgevano un'indagine di mercato. Li fece accomodare, li offrì un caffè e parlarono giusto il tempo che serviva per concludere l'affare. Parlò l'uomo mentre la sua collega si limitava a prendere nota ed annuire per riflesso o per noia. Andarono via ringraziandola. Poco tempo dopo le squillò il telefono. Una sua amica la invitò ad una festa. Sulle prime rifiutò ma dovette cedere alla sua insistenza e le diede una speranza. Si convinse; infondo non faceva granchè e per una sera poteva anche passarci sopra. La casa era grande, su due livelli e già sull'uscio, si potevano percepire gli schiamazzi degli invitati. Entrò in sordina e lei le venne incontro stringendola in un abbraccio amichevole. Si sentiva a disagio difronte a tutta quella gente. Di gran lunga preferiva starsene tranquilla a sorseggiare un calice di buon vino bianco, a leggere un libro o vedere un film. Tant'è che ,dieci minuti dopo, era forte il desiderio di tornarsene a casa. Afferrò un calice ed uscì sul terrazzo a fumare una sigaretta.
"Hey, ciao. Ti ricordi di me? Ma tu guarda che coincidenza; che ci fai qui?" "Francamente,non lo so." Le rispose abbozzando una risata. "Il tempo di finire ed andrò."
"E io ti seguirò; ste feste sono una noia mortale. Comunque sono Giulia, stamattina ero stordita e non mi sono neanche presentata."
Scolarono il vino e si dileguarono.
"Che programmi hai per la serata." Le chiese Giulia.
"Niente di particolare."
"Va bene, passa un buon niente di particolare, allora."
Si salutarono. La chiave aveva sbloccato la serratura. Chiuse gli occhi ed aspirò forte dal naso il profumo della calma. Si tolse i pantaloni, cambio la maglia e si versò da bere. Sentì bussare alla porta. Pose l'occhio nello spioncino e sbloccò la serratura.
"Scusa il disturbo, mi sono ricordata di aver lasciato la mia penna oggi."
La fece entrare e le riempì il bicchiere. Tolse la giacca sprofondando nel divano. Parlarono del più o del meno. Giulia si lamentava del suo lavoro; del modo in cui gli uomini la trattavano. Sempre al centro di apprezzamenti ambigui, di risate mirate a metterla in imbarazzo. Le raccontò di quella volta che rifiutò un lavoro in cambio di sesso. Era un avvocato e credeva fermamente nel suo lavoro. Quell'episodio, però, l'aveva destabilizzata e costretta a ripiegare su altro. Lei la seguiva interessata con gesti di disappunto per rimarcarne le disavventure. E le confessò che le era capitata la stessa cosa ed aveva preso la decisione di concedersi un periodo di pausa. La fece mettere a suo agio invitandola a togliersi le scarpe e rilassarsi prima di un'altra giornata stressante. Le propose, persino, di indossare qualcosa di più comodo. S'avviò verso la stanza da letto, aprì l'armadio e scelse una camicia ed un pantalone da danza. Poi ci ripensò. Non aveva l'abitudine di scegliere per gli altri; era una condizione che la infastidiva. Così la chiamò. Giulia arrivò, imbarazzata dalla sua gentilezza. Per pura combinazione, scelse gli stessi abiti a cui aveva appena pensato lei. Tirò su il vestito che le si impigliò nei capelli. L'aiutò. Giulia si coprì il petto, malgrado avesse il reggiseno, e un lieve rossore le colorò le gote. Era un pò in carne e provava la classica vergogna di colui che deve nascondere qualcosa che non ama. Lei la guardò. La sua professione di modella le aveva tolto l'imbarazzo, abituata a spogliarsi difronte alla gente. In quel caso fu diverso. Una strana sensazione le strinselo stomaco e, d'istinto le passò le mani tra i capelli. Giulia sobbalzò. Lei si avvicinò e la girò di spalle facendola sbandare tanto da dover appoggiare le mani all'armadio per non cadere. Così rimase. Poteva percepire il suo alito sul collo. Strinse forte i pugni ed indietreggiò con le natiche fino ad appoggiarsi sulle cosce di lei. Inarcò la schiena emettendo un gemito impercettibile ma deciso. Il reggiseno cadde sul parquet. Giulia, dallo specchio dell'anta, scorse la sua folta chioma scendere verso il basso. Divaricò leggermente le gambe e spinse il bacino verso l'alto sollevandosi sulla punta dei piedi. Era la prima volta per lei, ma si muoveva con esperienza e femminile intuizione. Accompagnava con rallentati movimenti circolari le sue intenzioni spostandosi ,con precisione, a cercare la punta della sua lingua. Lei si alzò. Lo specchio rifletteva l'immagine di una Dea. La maglia lasciava intravvedere un seno imponente, sodo e ne ebbe conferma non appena la levò. Giulia si girò per ammirare da vicino quella straordinaria opera d'arte. Una pelle liscia, giovane e serica. "Che meraviglia"pensò mentre le sue mani tremanti le cinsero i fianchi snelli. S'avvicinò alla sua bocca accogliente, deglutì e scosse la testa incredula sfiorandole le spalle. Lei pose le mani contro l'armadio e la vide scomparire tra le sue gambe. Le fiutò la stretta fessura rasata e vi introdusse il naso percependo il calore del liquido che,come rugiada, filtrava dai suoi petali rosacei. Lei arretrò lasciandosi cadere sul letto. Giulia la raggiunse posandosi come lenzuolo morbido a coprire il suo corpo. Allungò la mano ed afferrò un paio di collant che penzolavano dal cassetto semi aperto del comodino. Ne strinse il primo sui polsi legandola alla spalliera in ferro battuto. Il secondo glielo avvolse intorno agli occhi. "Non avere paura" le sussurrò mordicchiandole il lobo. Lei sentì un rumore provenire dal salotto. Non capì, almeno non in quell'istante.

Questo racconto di è stato letto 3 5 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.