Di Claudio e Ilenia 5

Scritto da , il 2019-02-20, genere dominazione

A seguito di lamentele, se così vogliamo chiamarle, in merito all'intitolazione dei capitoli che rendono difficile seguire la storia, da questo capitolo tutti saranno nominati "Di Claudio e Ilenia" e il numero in ordine crescente.
Per questione di chiarezza riporto l'ordine cronologico dei precedenti capitoli:
Di Claudio e Ilenia - capitolo 1
Di Ilenia e Andrea - capitolo 2
Di tette e culi - capitolo 3
Di carezze e di mani - capitolo 4

Grazie a tutti e scusate il disguido.

Lord

----


“Forza, fallo.”
Claudio sorrise ad Andrea, che ancora esitava in quella situazione tanto particolare.
E non certo perché sarebbe stata la prima volta in cui avrebbe fatto qualcosa con una donna, no, non era quello a fermarla. Era tutto il contesto a farla esitare. Anche se tra le mura di casa, stavano dando spettacolo. Il fidanzato presente… gli amici presenti… era tutto così surreale! E lei, chiusa e riservata com’era, non era certo abituata a condividere momenti così intimi. Proprio no.
Ilenia era sempre stata una ragazza che catturava l’attenzione, con una carica sensuale da far girar la testa. Vederla così, abbandonata contro il suo uomo... così disponibile… complicava tutto. Le sue guance, poi, così piacevolmente arrossate, segno del piacere che stava provando, erano un invito ancora più goloso a cedere alla tentazione. Senza contare la camicia slacciata, i seni in bella vita e i capezzoli tanto dritti…
E se a tutto questo, già di per sé sconvolgente, si aggiungeva quella mano, mezza nascosta sotto la gonna, ma il cui movimento era tanto esplicito… anche Andrea si sentì pervasa da un perverso piacere e si morse un labbro.
“Che aspetti?”
Claudio la stava guardando, incoraggiandola a torturare le tette della propria ragazza. Due tette piene e sode, tonde, belle, davvero belle! Non certo come le sue quasi inesistenti.
Ilenia teneva gli occhi chiusi, la testa appoggiata sulla spalla di lui. Gemeva e ansimava. Andrea avrebbe voluto affondare la faccia sotto quella gonna, altro che giocare con le tette! Chiuse le gambe e strinse le cosce, trovando un attimo di piacere e conforto in quel gesto. Si morse un labbro e girò il capo verso Luca, ancora seduto, in silenzio, a godersi quello spettacolo. Le vennero in mente tutte le volte in cui avevano sempre parlato delle sue voglie e desideri saffici, ma non avevano avuto l’occasione di affrontare realmente l’argomento, trasformando qualche vaga fantasia in qualcosa di reale. E ora, con le mani appoggiate sulla pelle morbida di Ilenia, quelle fantasie stavano diventando realtà.
Tuttavia, proprio ora che era così vicina, Andrea si fece scrupoli.
Le sembrava, in una certa misura, di tradire il suo ragazzo.
Luca le sorrise. Non gli era mai capitato di vedere uno spettacolo del genere, nemmeno in quei momenti in cui, solitario, si perdeva su youporn. Desiderava Ilenia? Qualunque uomo sano di mente non avrebbe rifiutato davanti alla possibilità di infilarsi tra le cosce di quella ragazza. Ma era la fidanzata di Claudio, quindi intoccabile. Vederla in quella situazione, in quella posizione (senza dubbio le tette più belle che ci fossero in circolazione) era terribilmente eccitante. Dovette riconoscere a se stesso che il fatto che Claudio stesso la tenesse bloccata, esponendola alla mercé dei loro sguardi e delle mani di Andrea rendeva tutto… oltremodo eccitante. Non poteva fare a meno di accarezzarsi da sopra i pantaloni.
Anche se non aveva una parte attiva nella vicenda (chissà, magari sarebbe successo in futuro) chi era lui per fermare quella meraviglia?
Sorrise ad Andrea, incoraggiandola a continuare.
Lei lo guardò e gli rivolse uno dei sorrisi più belli che lui le avesse mai visto fare. Forse non amava davvero quella ragazza, entrata nella sua vita per caso, ma l’adorava senza ombra di dubbio e avrebbe fatto ogni cosa per lei. Era stata capace di trasformarlo in uno stupido geloso, forse anche un po’ ottuso, incapace di opporsi ai suoi desideri. Andrea era una donna forte e decisa, ma anche capace di grande affetto e premura. E lui… ne era soggiogato.
"Ti amo", gli disse in risposta.
"Ti amo anche io."
Andrea guardò ancora una volta Ilenia.
Completamente abbandonata contro Claudio teneva gli occhi chiusi e le labbra leggermente dischiuse. Andrea si umettò le proprie. Come avrebbe voluto alzarsi e accarezzarle con la lingua, baciarla piano in principio, per poi scivolare in quella bocca morbida e invitante. Lo sguardo scese sulla curva del collo, sui seni scoperti che si muovevano al ritmo del respiro e si spostarono sui capezzoli, così nudi ed esposti, alla mercé di tutti i presenti. Erano irti come chiodi, affascinanti e seducenti.
Il contrarsi degli addominali per muovere lentamente il bacino contro la mano, per quanto nascosta dalla gonna, del suo ragazzo, che le strofinava il sesso, rendeva quella visione ancor più incredibile, erotica e provocante.
Andrea si rese conto che avrebbe voluto scoparla, non solo stringerle i seni!
Ilenia sentì chiaramente le mani di Andrea scivolare sulla sua pelle, salire lentamente fino alla base dei propri seni. O Tette, come voleva che dicesse Claudio. Avvertì chiaramente quelle mani sollevarle le tette e prenderne possesso. In quel preciso momento un brivido attraversò ogni centimetro del suo corpo, facendole impazzire il cuore. Sentì i capezzoli irrigidirsi ancor di più, se possibile, fino al punto di farle male. Voleva, desiderava, sollievo da quella sottile tortura. Voleva che Andrea li prendesse in bocca, li leccasse e li mordesse. Quel solo pensiero era capace di mandarla ai matti.
Il suo sesso… no… la figa… Claudio voleva che si esprimesse così… era già persa. Sentiva gli umori colare, era certa di aver le mutande ormai più che bagnate. Sicuramente Claudio doveva essersene accorto. Perché non si fermava? Perché non le dava tregua? Dove voleva portarla?
Persa tra i suoi pensieri e il piacere che la faceva tremare, Ilenia fu riportata alla realtà da Andrea che le sollevò verso l’alto le tette.
“Guarda questi capezzoli...”, la sentì mormorare.
“Sono tuoi.”
Questa era la voce di Claudio.
“In che senso?”
“Puoi farci quello che vuoi.”
Andrea allentò la presa sulle tette e, con un dito, accarezzò la punta dei capezzoli.
Ilenia non fu capace di trattenere un gemito di piacere. Tutti lo udirono.
"No, non ora... magari dopo..."
Un moto di delusione avvolse il cuore di Ilenia.
"Ti prego...", riuscì a sussurrare. Perché l'aveva detto? Se fino a un attimo prima una parte di lei aveva desiderato che tutto quello si fermasse, perché ora era pronta a pregare Andrea finché giocasse con i suoi capezzoli?
Claudio piegò il capo e le morse il collo. Il piacere di Ilenia era sotto gli occhi di tutti.
"Dimmi amore mio."
Un dito premuto contro il suo sesso. Le mani di Andrea che tornarono a muoversi, massaggiandole le tette senza complimenti. Non riusciva a stare ferma. Gonfiava il petto per incoraggiare il massaggio della ragazza. Muoveva il bacino per andare incontro a quel dito. Claudio lo mosse con più forza e decisione, facendo forza contro le sue mutande, proprio al centro del suo sesso, come a volerla penetrare. La ragazza si sentì travolta. Una nuova ondata di piacere si diffuse nel suo corpo. Sentì le ginocchia tremarle. Era in balia dei suoi aguzzini e le stava piacendo. Troppo.
Quasi senza rendersene conto aprì le gambe. Un gesto che non sfuggì a nessuno.
Andrea lasciò andare un attimo la presa, solo per tornare all'attacco subito dopo, stringendo quella carne morbida e tenera tra le mani con più forza, proprio come le era stato detto di fare. Il gemito di Ilenia fu invito troppo allettante per non rifarlo. Strinse.
“Aaahhh...”
Ilenia non riuscì a trattenere un piccolo grido. Le aveva fatto male. O bene? Colava. Sapeva che la sua figa stava colando.
Andrea strinse di nuovo.
“Aaah….”
Ilenia gridò di nuovo.
“Posso fare una cosa?”, questa era la voce di Andrea. Ilenia ebbe un attimo di paura a pensare cosa le avrebbe fatto. Sperò, almeno una parte di lei lo fece, che Claudio la fermasse.
“Certo, quello che vuoi.”
Andrea aprì le mani e spinse i palmi contro quei seni così disponibili.
“Tutto?”
“Finché resti sui seni.”
“Non intendo andare altrove...”
“Allora fai pure.”
"Vi prego...", sussurrò allora Ilenia.
"Cosa amore?"
Claudio le baciò una guancia. Era impossibile che la sua ragazza non sentisse l'erezione che le spingeva contro il culo.
"Io... non… aaaah!!!"
Claudio le aveva spinto quel dito con ancora più forza. Quel dito che, ormai, si stava insinuando dentro di lei, avvolto dal tessuto delle mutande.
"Volevi essere tu a dire ad Andrea di farti quello che vuole?"
“No… io… aaaaaah...”
Claudio spinse il dito dentro di lei. Per poco, certo, ma quella penetrazione tanto strana fu sufficiente ad annullare quel poco di lucidità che le era rimasta. Ansimava. Tremava.
“Andrea… ti prego… fai quello che vuoi alle mie tette...”
“Tutto?”
“Ti prego...”
“Adoro le tue tette, Ilenia.”
Fu così che la ragazza piegò le dita e iniziò ad affondare le unghie in quella carne morbida. All’inizio il dolore fu sopportabile. Quando si fece più intenso Ilenia si strinse un labbro tra i denti, cercando di sopportarlo. Eppure… per quanto le facesse male… era tutto così assurdamente bello…
Ecco. Ora era diventato dolore. Forte. Intenso. Quasi come il piacere che stava provando.
“Male...”, fu tutto quello che riuscì a dire.
Andrea si fermò, senza allentare, dandole il tempo di fare alcuni respiri profondi.
“Vuoi che mi fermi?”
Ilenia fece cenno di no con la testa.
“Sicura?”
“Sì...”
La tortura riprese. Sentiva le unghie contro la carne. Sembrava che la stessero perforando, che arrivassero dritte alla sua anima. A quello doveva aggiungere la sensazione che le sue tette sembravano sul punto di esplodere. E la figa… quel dito non le dava tregua...
Urlò.
Urlò senza freni quando l’orgasmo esplose così forte da farle quasi male.
Per un attimo tutto fu luce.

“Scusate.”
Luca si era alzato in piedi ed venuto accanto a loro. Aveva tirato fuori il membro, si stava accarezzando senza scrupoli. Appoggiò una mano sulla spalla di Andrea e si lasciò andare, venendo sulle tette martoriate di Ilenia.
“Scusate, non resistevo più.”

Questo racconto di è stato letto 1 5 4 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.