Erotici Racconti

Di tette e di culi

Scritto da , il 2018-11-16, genere etero

A seguito di alcune lamentele in merito all'intitolazione dei capitoli che non seguono una numerazione e, per tanto, rendono difficoltoso seguire la storia, D'ora in avanti ogni capitolo prenderà il titolo di "Di Claudio e Ilenia".
Questo è il capitolo 3.

Non appena Claudio ebbe avviato l’auto, Ilenia prese parola.
“Sei sicuro di quello che stiamo facendo?”
Erano da soli in auto. I loro amici li seguivano con la loro auto.
“In che senso?”
“Stiamo andando a casa con la promessa di far vedere le mie tette a Luca e Andrea.”
“Sì, lo so.”
“E sei convinto di quello che stiamo facendo?”
Claudio si girò un attimo verso la sua ragazza.
“Tu?”
“Io cosa?”
“Sei convinta?”
“Io?”
“Sì… beh… le tette sono le tue!”
Ci fu silenzio. Ilenia guardò dritto davanti a sé. Claudio si girò un'altra volta verso di lei.
“Non lo so", gli rispose infine.
“Vuoi annullare?”
“Non ho detto questo.”
Se Claudio aveva imparato qualcosa sulla sua ragazza era che, con lei, di certe cose, non si doveva parlare. Si doveva agire. Ecco perché al bar, nonostante fossero in pubblico, aveva usato un tono secco e deciso. Se si fosse dimostrato indeciso lui per primo Ilenia non avrebbe avuto il coraggio di fare quello che aveva fatto. E se lui l'aveva spronata a baciare Andrea, era stato non solo per piacere personale (quale uomo non gode dal vedere due donne baciarsi con passione?), ma anche perché Ilenia aveva confessato le sue fantasie lesbiche. E aveva anche confessato che, una volta (e ormai Claudio era certo che fosse stata più di una), si era masturbata pensando di fare sesso con una donna. Chi era lui per fermare tutto questo? Sì, beh, c’era un Luca di troppo in tutta l’equazione, ma Claudio si scoprì intrigato dall’idea di possedere in due la sua ragazza. Dunque, a maggior ragione, chi era lui per fermare questa serata?
Allungò una mano e gliela posò sulla coscia avvolta dalla calza. Si sentiva su di giri, terribilmente su di giri e, se non fosse stato per gli amici dietro di loro, si sarebbe fermato lì dov’era per farla sua.
“Dimmi una cosa.”
“Cosa?”
“Sei bagnata?”
Ilenia sgranò gli occhi per la sorpresa.
“Che… stai dicendo?”
Claudio sorrise.
“Ti ho solo chiesto se l’idea di quello che stiamo andando a fare ti eccita oppure no.”
Ilenia fece per rispondere, ma all’improvviso Claudio alzò un dito per fermarla.
“Anzi no. Facciamo una cosa più divertente. Toccati.”
Ilenia sgranò gli occhi.
“Cosa?”
“Mettiti un dito dentro. Vediamo se sei bagnata.”
“Non mi sembra il caso…”
“Dai, siamo quasi arrivati, non c'è molto tempo.”
“Ma…”
“Preferisci lo faccia io amore?”
“Quello lo preferisco sempre.”
Senza dir altro Claudio allungò la mano tra le gambe della sua ragazza che le allargò e alzò la gonna. La facilità con cui un dito scivolò tra le labbra umide del suo sesso fu una chiara prova per entrambi che quel gioco non le stava dispiacendo. Ilenia si lasciò scappare un sospiro.
“Bene", disse Claudio, “direi che a questo punto non ci sono più dubbi.”
“Sei il solito infame…”, concluse lei.
“Un infame che ti fa godere, però. E ti piaccio proprio per questo.”
Ilenia si ricompose, si allungò in direzione di Claudio e gli baciò una guancia.
“Ti amo amore mio. Farei tutto con te al mio fianco.”
E mentre pronunciava quelle parole gli passò una mano sul cavallo, sentendo l'erezione che i pantaloni celavano, con soddisfazione di entrambi.
Il gruppo di amici entrò in casa chiacchierando come se nulla fosse. Claudio fu l’ultimo, chiudendosi la porta alle spalle.
“Non ho molto da offrire, non aspettavo ospiti questa sera”, esordì Ilenia togliendosi le scarpe.
“Non credo che ne avremo a male.”
Luca si guardò attorno curioso per poi mettersi comodo su una sedia.
“Mi piace casa tua.”
Andrea si era lasciata dare un bacio dal suo ragazzo per poi mettersi comoda sull’angolo del letto. Qui aveva accavallato le gambe e aveva appoggiato i palmi delle mani sul materasso.
“Non mi dispiace. Non sarà una villa, ma l’ho trasformato in un ambiente caldo e ospitale. Sono contenta del risultato.”
“Ti è riuscita molto bene.”
Le due ragazze si guardarono e si sorrisero.
“A questo punto”, intervenne Luca, “se siamo tutti d’accordo, direi che potremmo procedere.”
Le guance di Ilenia diventarono più rosse dei pomodori mentre Andrea fece spallucce. Claudio, invece, abbracciò la sua ragazza da dietro, posandole le mani sulle anche. Le morse un orecchio.
“Qualcuna non aspetta altro.”
“Non sei carino così…”
Luca ridacchiò.
“I patti sono chiari. Il culo per le tette.”
“Sì…”
La voce di Ilenia fu poco più di un sussurro imbarazzato.
Luca fece un gesto con la mano, invitando Andrea ad alzarsi.
“Forza allora, tocca a te per prima.”
Andrea si alzò.
“Facile giocarsi il culo degli altri, vero tesoro?”
Claudio non riuscì a capire se fosse divertita o irritata. O meglio… non vi era dubbio che fosse in qualche modo divertita. Con ogni probabilità aveva accettato di partecipare al solo per esaudire una propria voglia. Ma quello che sembrava non andarle a genio fu che era stato il suo ragazzo a “metterla in palio.”
“Do ut des.”
Le rispose Luca di rimando, sorridendo. Al che lei, con fare sensuale, gli mostrò il dito medio. Poi si avvicinò a Ilenia e le accarezzò il viso.
“Lo faccio solo per te.”
Si spostò in mezzo alla sala guardando prima i due maschi, uno dopo l’altro, e poi Ilenia. E fu tenendo lo sguardo fisso nei suoi occhi che slacciò uno dopo l’altro i bottoni dei jeans. Si girò, dandole la schiena e infilò i pollici nei pantaloni.
“E culo sia.”
Dopo aver detto quelle parole inarcò la schiena e abbassò, lentamente, i jeans. Gli sguardi di tutti i presenti erano come ipnotizzati da quel gesto tanto semplice. Centimetro dopo centimetro, Andrea si scoprì il famoso fondoschiena, rivelando un paio di mutande di microfibra nere molto semplici.
“Ecco. Siete contenti?”
Lo chiese senza nemmeno girare il capo.
Claudio guardò la sua ragazza, rapita da quello spettacolo. E capì che avrebbe voluto di più. Decise di osare, ma prima che potesse farlo, Luca prese parola.
“Io penso che dovresti proprio toglierli.”
Andrea girò la testa e guardò sorpresa il suo ragazzo.
“E perché?”
“Semplice. Se vuoi vedere le tette di Ilenia, lei dovrà togliersi la camicia. E se tu ti togli i pantaloni, sarete pari. Non trovi?”
Andrea restò in silenzio un attimo. Infine sfilò le scarpe e tolse completamente i pantaloni.
“Fantastico.”
Luca e Claudio si girarono entrambi verso Ilenia. Era lei ad aver parlato.
“Volete forse dire che non ha un gran bel culo? Ce l’avessi io un culo così!”
“Non ti preoccupare”, intervenne Luca, “ha anche dei difetti.”
Tutti e quattro assieme risero divertiti, forse anche per stemperare l’imbarazzo di tutta quella assurda situazione.
“Ora tocca a te.”
Andrea era lì che la guardava, seria, stranamente seria.
“Ehi, un momento!”
Claudio si era fatto avanti, ma Luca gli rispose subito.
“Che c’è? Ora che tocca a Ilenia ci hai ripensato?”
“No, no affatto!”
“E allora?”
Claudio fece scorrere lo sguardo su tutti quanti.
“Andrea vuole vedere le tette di Ilenia. E va bene. Abbiamo posto come condizione che ci mostrasse il culo.”
“Infatti”, asserì la ragazza.
“Certo, ma io penso che, per essere alla pari, dovresti toglierti le mutande.”
Tutti sgranarono gli occhi, Luca rimase senza parole. Tranne Andrea che sembrò persino prendersela.
“Che cosa stai dicendo? Non erano questi gli accordi.”
“Una cosa molto semplice. Tu ti sei tolta solo i pantaloni. Ilenia, per mostrarti le tette, dovrà togliere camicia e reggiseno.”
Seguì un attimo di silenzio.
“Tu così vuoi fare in modo che Andrea ti mostri anche la figa.”
Che Luca difendesse la sua donna era più che legittimo, per quanto Claudio pensasse che Andrea non ne avesse bisogno.
“Perché?”
“Mi pare ovvio. Vuoi che si tolga le mutande.”
“Non le ho chiesto di spalancare le cosce.”
“La differenza non è poi…”
“No, ha ragione.”
Andrea aveva interrotto il suo ragazzo, lasciandolo di sasso.
“Cosa?”
“Ha ragione Claudio. Mi tolgo anche le mutande.”
“A me pare un po’ eccessivo…”
“No, non è vero. Posso mostrarvi il fondoschiena senza mutande anche senza farvi vedere nulla di più.”
“Io non trovo che…”
“Troppo tardi per i ripensamenti.”
Per la seconda volta Andrea si portò in mezzo alla sala e diede loro le spalle.
“Se è questo che volete, questo avrete.”
Senza dire altro si infilò i pollici negli elastici delle mutande e li abbassò a metà coscia. Fu il silenzio, nessuno aveva il coraggio di distogliere lo sguardo. A quel punto, senza inclinare la schiena, piegò le ginocchia e si abbassò. Quando stese le gambe, quel piccolo pezzo di tessuto che, fino a un momento prima aveva coperto le sue intimità, era a terra. Non c’era più assolutamente nulla a coprire non solo il suo fondoschiena, ma anche la sua figa. Se solo si fosse girata e avesse aperto le gambe, si sarebbe mostrata.
Si avvicinò al bordo del letto e, facendo attenzione ad ogni movimento, si sedette, accavallando le gambe e posò le mani sulle ginocchia. Sorrise in maniera ambigua. Sembrava che le fosse divertita e le stesse divertendo anche se, dall’altra parte, pareva infastidita.
“Contenti?”
“Impeccabile”, commentò preciso Claudio.
“Tocca a me.”
Ilenia si fece avanti e si portò nel mezzo della stanza. Rimanendo voltata verso Andrea slacciò i polsini con un gesto semplice e veloce. Portò lo sguardo negli occhi della ragazza che aveva di fronte e, senza distoglierli, iniziò a slacciare, uno dopo l’altro, i bottoni della camicia. Fino all’ultimo. La sfilò con grazia ed eleganza e girò il capo verso i ragazzi. Fece l’occhiolino a Claudio e gli lanciò l’indumento.
Andrea abbassò lo sguardo sulle sue tette, incantata.
“Non sapevo… ti piacessero le ragazze…”
Le parole di Ilenia furono poco più di un mormorio.
Andrea sorrise.
“A me piacciono tutte le cose belle.”
“Oh…”
In evidente imbarazzo Ilenia portò una mano dietro la schiena e sganciò il ferretto del reggiseno, tenendolo su con l’altro braccio.
“Sei pronta?”
“Non aspetto altro.”
“Ok.”
Non era la prima volta che si spogliava davanti alle amiche. Quante volte lo aveva fatto? Questa volta, però, era diverso. Non c'era nulla di innocente e, soprattutto, non si stava spogliando per cambiarsi, ma per farsi guardare. E la cosa la stava eccitando. Proprio così, spogliarsi per essere guardata con occhi pieni di desiderio le stava piacendo e riservando piacevoli sorprese. Guardando Andrea negli occhi si morse un labbro e lasciò cadere il reggiseno a terra.
I suoi seni, una terza misura, si mostrarono in tutta la loro bellezza. I capezzoli turgidi come poche volte erano stati, puntavano in avanti lasciando ben pochi dubbi su ciò che Ilenia stesse provando.
Fu dopo un istante di silenzioso ed eccitante imbarazzo che Claudio, alzatosi nel frattempo, posò le mani sulla sua ragazza, che rabbrividì e guardò Andrea.
“Sono belle vero?”
“Sì. Sono perfette.”
Claudio allungò una mano e prese un seno da sotto, soppesandolo. Ilenia abbandonò il capo sulla spalla del suo ragazzo.
“Amore che fai? Non così…”
“Decanto le qualità delle tue tette.”
“No… non davanti ai tuoi amici…”
Le baciò una guancia. Con due dita scivolò su un capezzolo e lo accarezzò dolcemente. Ilenia, toccata in quel modo davanti a tutti, non riuscì a nascondere un gemito.
“I tuoi capezzoli non sono dello stesso avviso.”
“Ti prego… mi vergogno…”
“Non hai nulla di cui preoccuparti.”
“Ti prego…”
Claudio sapeva che quando Ilenia parlava con quel tono non diceva tutta la verità. Ormai aveva imparato a conoscerla e sapeva che, quel tono basso e seducente, una parte di lei voleva che continuasse.
“Ti amo Ilenia.”
La ragazza rabbrividì abbandonando le braccia lungo i fianchi.
Claudio, con mano ferma, le afferrò il seno e ne saggiò la consistenza.
“Guarda Andrea. Sono sode e tonde tanto da sembrare disegnate.”
Mentre parlava accarezzò il seno in tutta la sua superficie. Poi scese in basso e con un dito scivolò dal punto più basso al capezzolo.
“E poi guarda questa curva. Nonostante tutto, non si appoggiano in basso ma restano su.”
Ma quello che gli altri non sapevano e non potevano sapere è che Ilenia andava matta per essere accarezzata proprio in quel punto. Lo trovava così sensuale e provocante che la mandava ai matti. Sospirò davanti a tutti.
“Le avessi io…”, mormorò Andrea che non distoglieva minimamente lo sguardo.
Claudio mise entrambe le mani sulla pancia e, sfiorando la pelle della ragazza, tornò a salire, arrivando alla base dei seni.
Era mezza nuda. In casa sua, ma pur sempre davanti agli amici. Eccitata. Bagnata. Con il proprio ragazzo che la stava provocando.
“Amore ti prego no…”
Fu tutto quello che riuscì a dire.
Claudio percorse lentamente la curva dei seni, arrivò ai capezzoli e, con due dita per ciascuno, li strinse.
Per Ilenia fu una tragedia. Fu troppo. Allargò le gambe, gonfiò il petto per averne ancora e, peggio ancora, gemette di piacere in modo inequivocabile.
Andrea sgranò gli occhi.
“Le piace?”
“Da morire.”
Claudio le afferrò ancora i capezzoli e tirò.
Il piacere di Ilenia era palese per tutti.
“Vuoi provare tu?”
A Ilenia si gelò il sangue a sentire Claudio parlare così di lei.

Questo racconto di è stato letto 3 4 9 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.