Non era previsto Cap. 17 La presentazione di Daniele

Scritto da , il 2018-12-24, genere tradimenti

Appena solo scrissi a Daniele cosa era accaduto, si complimentò con me, dandomi del vero cornuto, affermando che presto sarei riuscito a portarla da lui. Era veramente preso da lei, voleva sapere tutto, per la prima volta si sentiva pronto a sopportare anche il ruolo di schiavo, a condividerlo con me, a patto che mentre Anna veniva scopata da estranei, succhiassi il suo cazzo, poi l’avremmo ripulita insieme. Già… con me sarebbe rimasto padrone, ed io schiavo suo e di Anna, la principessa puttana. Per mantenere il mio ruolo, decisi di inviare a lui il video di quando in albergo si era fatta venire in bocca dal Duca. Ero un po’ preoccupato di queste mie decisioni, temevo osassi troppo, ma non sapevo resistere alla tentazione, anche il rischio ampliava l’eccitazione. Volevo leggere le sue reazioni, volevo sapere quanto ne fosse rimasto eccitato e cosa avrebbe scritto di me. Vendevo Anna per la mia voglia di trasgressione. La bocca piena di sperma ebbe un successo sconvolgente, Daniele si era masturbato ripetutamente su quel video. Mi ordinò di fare presto, voleva essere lui il prossimo a soffocarla con il suo cazzo, non ne poteva fare più a meno. A me avrebbe lasciato il compito di pulirla, dopo aver assistito lì a due passi, con la bocca aperta e tanta voglia di unirla alla sua. Non so perché ma confermai che quello era il mio desiderio, e quello fu il mio obiettivo con Anna nei giorni seguenti.
D’altronde perché tanti scrupoli, lei ne aveva avuti con il dottorino? Con il Duca? Con il single alla festa? Bè ora avrebbe assaggiato il cazzo del Toro da Monta, perché così doveva essere.
Ero praticamente impazzito, o forse finalmente consapevole della mia natura. Oltretutto lui mi aveva confidato della sua particolare qualità di produrre una quantità di sperma enorme, e non mancai di rispondere che Anna andava pazza di berne. Si stupiva quando una sua amica le confessava il suo rifiuto ad inghiottirlo. Sarebbe stata golosa del suo nettare. Ero impaziente di vedere quello sperma riempirle la bocca, e non aspettavo altro che sentirlo nella mia.
Ma fui preceduto da due sue richieste, la prima che dovevo depilarmi completamente, e mostrarmi a lui, a me scegliere la posizione. E poi voleva vedere il culo di Anna pieno di sperma. Feci di più: la sera dopo averla sodomizzata in maniera feroce, senza un filo di tenerezza, dopo averla fatta urlare dal dolore e dal piacere, venuto nel suo culo le chiesi di rimanere così, e mentre cominciavo a riprendere tutto, le dissi di toccarsi il culo… di far uscire lo sperma… e gridare “Oddio… sei un toro! Sei un toro da monta!!”
Poi la mattina da solo a casa mi depilai completamente, cosa che facevo fino all’ora solo parzialmente. Era molto piacevole farlo sapendo che lui me lo aveva imposto, sentivo il cazzo rispondere, indurirsi, privo di ogni peluria sembrava ancora più grande e più bello, mi sdraiai sul letto e presi a masturbarmi, scattai diverse foto, e quella dove oltre al cazzo si scorgeva anche il buco del culo la spedii a Daniele insieme al video.
Attesi la sua risposta, che arrivò con due video allegati, nel primo svettava il suo cazzo, grosso… largo soprattutto, pieno di vene, la definizione giusta era minaccioso. Il suo ventre era peloso, lo intravidi quando puntò la cappella verso la telecamera, per farmi osservare le prime gocce di liquido preseminale bagnare il glande, il suo scopo era sicuramente quello di eccitarmi o forse eccitare Anna non lo so. Nel secondo mi stupì, aveva stampato un’immagine del filmato ultimo, quello con il culo di Anna bagnato… e iniziò a venire lì… proprio sul culo… Io non avevo mai visto niente di simile, riempì il foglio, era un’immagine scandalosa, continuò a venire con getti potenti, densi, che avrebbero potuto riempire completamente il viso di una persona. La commentò dicendo che il merito era tutto mio, che ero stato bravo, un bravo cornuto a farle dire quelle cose. Ora dovevo trovare il modo di far vedere ad Anna il filmato, di dirle chi era il toro da monta, di farglielo vedere e rivedere, la sua reazione sarebbe stata indicativa di ciò che avremmo fatto a breve noi tre. Commentò in tono ironico dicendomi di non preoccuparmi, di sborra ne aveva a sufficienza.. anche per inondare il mio di culo…
Il video era molto eccitante, lo era per me, lo sarebbe stato anche per Anna, ma c’era un elemento spartiacque: la sua foto.
Come potevo arrivare a farle vedere quel filmato? Avrei dovuto confessare tutto, avrei dovuto dirle che avevo tradito la sua fiducia..
Nei giorni seguenti perlustrai ogni ipotesi plausibile. Certo dovevo scegliere un momento particolare, un momento in cui lei in preda all’eccitazione confermasse quanto desiderasse un altro al posto mio. Lì avrei potuto farle vedere il primo filmato, avrei potuto farle fare la conoscenza con Daniele, con il suo cazzo… e poi dopo averla fatta ammettere che quel cazzo lei lo voleva, farla assistere a ciò che sarebbe stato capace di fare su di lei.
Riconosco a distanza di tempo che i miei ragionamenti mancavano di quello fosse un elemento essenziale: la sua disponibilità, il suo coinvolgimento mentale e affettivo. A mia scusante, c’era il continuo bombardamento di richieste di Daniele, c’era tutto ciò che nei mesi prima Anna mi aveva fatto vivere. Ora sembrava che lei fosse disinteressata, che solo sotto le mie sollecitazioni rispondesse alle mie richieste.
Le chiesi una sera perché era così ritrosa ultimamente, e lei mi confessò di essere spaventata, spaventata da me e da ciò che stavo diventando, ma soprattutto dalle sue reazioni, dai suoi torbidi pensieri quando era sollecitata dai miei racconti, dalle mie richieste, dalle mie fantasie.
Era il mio momento, la baciai prima dolcemente, poi sempre più in modo travolgente, la stimolai con gesti e movimenti graduali, lentamente.. simulai più volte di raggiungere il suo sesso senza mai arrivarci, aveva un completino sexy delizioso, piccolissimo.. abbassavo lentamente le mutandine al limite della fica, ma non procedevo oltre, la sentii agitarsi, tentò di toccarsi da sola, ma la bloccai. Poi quando mi accorsi che era al limite, quando le sue mutandine divennero umide, presi coraggio. Le sussurrai che avevo un video da farle vedere, ma che avevo bisogno prima di legarla, lo feci teneramente, sfiorandola ovunque per mantenere alta la sua agitazione. Poi con mani tremanti, feci partire il primo video.

Questo racconto di è stato letto 2 5 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.