Week end con Anna

Scritto da , il 2018-11-15, genere etero

Ero stanchissimo, erano due mesi che lavoravo fino a tardi, e a volte anche di notte, cosi il martedi finimmo il lavoro che ci aveva assorbito energie mentali e fisiche, e decisi di prendermi qualche giorno di ferie,non volevo andare nella mia casa al mare, perché c’è sempre un lavoro da fare. Chiamai un mio amico , che ha una villa con tutti i comfort e gli chiesi se mi lasciasse casa per qualche giorno. Ovviamente non ci furono problemi,mi disse ti lascio le chiavi al gabbiotto della sorveglianza. Il giovedì andai al lavoro , facemmo il collaudo dell’impianto e alle 13,00 misi sul mio profilo, whatsapp chiuso per ferie , avevo voglia solo di riposarmi. Ricevetti una serie di messaggi, tipo dove vai a fare danni, vengo pure io, ecc ecc. Mi mandò un messaggio Laura e mi disse riposati ne hai bisogno, ti sentivo rientrare alle 9 di sera, o uscire alle 2 di notte. Mi chiamò Anna nel pomeriggio, parlammo un po’ mi chiese ma vuoi rimanere solo? Io non necessariamente, ho bisogno di riposarmi, di dormire un po’ , poi mi chiese se io fossi ancora a Roma, ma io ero già giunto a destinazione, mi chiese dove fossi, mi disse che per lei era un po’ lontano , ma poi disse e se venissi con il treno, io risposi ti vengo a prendere alla stazione, la cosa non mi entusiasmava riprendere la macchina ma, Anna era cosi entusiasta. Cosi l’andai a prendere alla stazione alle 19,40 ,non avevo voglia di cucinare quindi andammo in un ristorantino del posto, la portai nella villa del mio amico,rimase esterrefatta dal giardino dalla piscina la portai in casa, anche li fece i complimenti è decisamente arredata con gusto . Mi scusai con Anna ma io volevo dormire , quindi lei se voleva avrebbe potuto dormire con me , o mettersi in una delle camere da letto, decise di dormire con me, dopo un rapido giro di casa ,mi spogliai e mi misi a dormire crollai subito . La mattina seguente, mi alzai alle 10 ,Anna stava ammirando le piante del giardino, mi diede il buongiorno con un bacio sulle labbra, mi preparò il caffè poi mi disse dai pelandrone, doccia e supermercato , qui non c’è nulla da mangiare. Gli risposi con calma, questo week end lungo, non voglio avere orari massimo relax , tutto deve essere fatto con la massima calma. Mi preparai, Anna mi disse mi prenderò cura io di te CUCCIOLOTTO, andammo al supermercato, fu lei che decise cosa comprare . Rientrammo a casa, preparò un risotto alla pescatora, orata al forno con patate, mangiai di gusto e dopo finito di mangiare , mi buttai su un lettino, in giardino .Dormii un oretta e già avevo ripreso energie, Anna si mise a leggere una rivista, vicino a me c’era un sole caldo ,nonostante fosse fine maggio si stava divinamente,appena sveglio mi disse hai russato dal primo secondo che ti sei sdraiato, volevo un caffè gli proposi di andare al bar e cosi facemmo, rientrammo , mi buttai sul lettino la chiamai vicino a me, iniziai ad accarezzarla a baciarla, a denudarla, lei si ritrasse mi disse andiamo dentro, io risposi perché? La siepe e altissima sopra non c è nessuno le ville , qui intorno sono deserte chi ci vede. La tirai verso di me , la baciai sulla bocca, e infilai le mani dentro i pantaloni della tuta , calandoli insieme alle mutande, aveva il culo nudo, si voltò intorno , vide che nessuno ci poteva vedere , cosi si spoglio nuda mi spogliai pure io, mi sdraiai sull’ erba lei me lo prese subito in bocca, gli tenevo la testa mentre mi ciucciava il cazzo, avevo fatto i conti con le case vicine, ma non con i tetti delle case, su un tetto c’erano due antennisti che si accorsero di noi e si misero a guardare, la cosa mi disturbava,cosi glie lo dissi ad Anna la quale come un fulmine raccolse,le sue cose e scappò in casa, io la seguii riprendemmo la pratica sul letto , mi fece sdraiare, inizio a segarmi il cazzo,lo baciava, lo leccava sulla cappella,poi con l ‘altra mano mi massaggiava le palle,fino a che apri la bocca lo ingoiò fino a che poteva. Poi si alzò si mise a smorza candela e mi cavalcò, mentre gli strizzavo le tette, la feci alzare , la misi a pecorina , la scopai in fregna per un po’ poi estrassi il cazzo, lei sapeva cosa volevo, con le mani allargò le sue chiappe , puntai il cazzo sul culo e piano piano lo infilai dentro iniziai a pompare, schiaffeggiandola,godeva alla grande, poi disse ora fermati,mi fece sdraiare sul letto, mi dice sei stanco , aspetta un pochino,andò via dalla camera, e ritornò con il vasetto di nutella, questa non e solo per le crepes,inizio prima con una sega,poi mise un po’ di nutella sul cazzo, lo baciava, lo succhiava finche non gli sborrai in bocca.Ingoio tutto si alzò prese dei fazzoletti mi pulì , mi disse rilassati ci penso io a te. Si alzò di nuovo andò in bagno sentivo l’acqua scrosciare , la sentivo trafficare, dopo un bel po’ tornò e mi disse vieni, che aveva riempito la vasca idromassaggio, all’interno del bagno c’era un ottimo profumo, aveva trovato dei sali profumati, ci immergemmo nella vasca , e mi rilassai, iniziammo a parlare di noi , poi mi baciò sulla bocca ,mi mise la mano sul cazzo ,massaggiandolo dolcemente,con le bolle che ci facevano compagnia gli misi 2 dita in fregna, la misi a pecorina, iniziai a leccargli culo e fregna, gli diedi dei morsi sulle chiappe,poi puntai il cazzo sulla fregna e spinsi dentro con foga, gemeva di piacere, la sentii ansimare forte, e godere ad alta voce, non era mai successo prima ,la feci mettere nella vasca , mi misi sopra di lei e la scopai con molta foga, fino a che non gli sborrai in fregna. Ci baciammo a lungo mentre la scopavo , esausti ,ci rilassammo in vasca,e mi disse che l’idea di scopare in giardino,l’aveva eccitata molto,pero purtroppo abbiamo dovuto rinunciarci. Mi preparò la cena, dopo aver cenato , ci siamo fatti una passeggiata sul lungo mare, la mattina quando mi alzai mi fece trovare la colazione pronta, con una crostata fatta da lei, andammo in spiaggia, si stava divinamente, pochissime persone, parlammo molto, anche di cose personali, quando rientrammo in casa gli dissi se prepari il pranzo, io devo fare un lavoretto, mi diressi nel capanno attrezzi trovai un lungo cavo elettrico, che legai in prossimità del grande gazebo, di legno, presi una serie di asciugamani, li misi sul cavo , fermati con delle mollette per i panni, avevo creato una sorta di chiusura del gazebo, e di quell’angolo di casa, ora neanche dai tetti ci avrebbero, potuto vedere.
Anna mi sentiva trafficare si affacciò per vedere cosa stessi facendo,poi ritornò in casa. Entrai in casa spensi tutti i fornelli , la presi per mano la portai al gazebo, iniziò a ridere sonoramente,entrammo in questa sorta di capanna, iniziai a spogliarla, dopo poco eravamo nudi, si inginocchio e iniziò a ciucciarmi il cazzo, io poi mi sdraiai la feci quasi sedere sul mio viso e iniziai a leccargli la fregna, mi disse che voleva il contatto con l ‘erba, cosi la sdraiai e continuai a leccargli la fregna mentre mi teneva la testa mi sono alzato e ho iniziato a scoparla , nella posizione del missionario,bloccandogli le mani, aveva messo le sue gambe sulla mia vita, poi la voltai si allargò le chiappe, e la inculai , tutto sul prato,ad un certo punto mi fermai mi sdraiai capì subito cio che volevo, si inginocchiò , iniziò a segarmi, poi lo prese in bocca,succhia succhia,gli ripetevo,finche non gli sborrai tutto in bocca,ingoiò tutto,poi continuava a ciucciare, ero finito,ci abbracciammo, e mi disse e ora il pranzo? Io risposi , non guardiamo l’orologio chissene frega mangiamo più tardi. Nel pomeriggio mi telefonò il capo per dirmi che la domenica avrei dovuto lavorare, cosi dopo un po’, entrambi tristi, e incazzati, rientrammo a casa.

Questo racconto di è stato letto 5 3 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.