Erotici Racconti

Il Sellaio - Racconto completo.

Scritto da , il 2018-11-06, genere pulp

Ho accolto la critica di un lettore, Verificatore, sulla validità della fine proposta per questo racconto. Perchè no? Tutto è opinabile, tutto è modificabile. E ho pensato di riproporlo nella versione completa nei suoi tratti modificati.



Il Sellaio.

1) Veramente non fa più selle da una eternità, le faceva quando era vivo suo padre che gli ha insegnato il mestiere, da qui il nome del negozio, poi le ordinazioni si sono diradate fino a scomparire, ma allora c'erano i ricchi sportivi appassionati di equitazione che le volevano su misura, gente scomparsa nello scorrere del tempo.
Si! Certo che si!
Si facevano su misura le selle, per uomini e donne!
Altri tempi! Bei tempi!
Ora il suo lavoro è per lo più di riparazione di borse da donna e dato che è un artigiano costoso si tratta esclusivamente di borse costose.
Oh! Chi ha denaro sa come usarlo per soddisfare i propri desideri! Le borse hanno un posto di estrema rilevanza nell'immaginario femminile e lui potrebbe raccontare mille storie per dimostrarlo. Anche gli uomini ne sono altrettanto presi, disposti a pagare anche decine di migliaia di euro per delle borse porta documenti!

La borsa che sta esaminando, è una Saint Laurent – Sac de Jour ed è una tote bag in pelle di alligatore, la silhouette è un evergren classico ed elegante.

La porta una bella donna, età a suo giudizio sui trenta.
Il Sellaio smania per le belle donne. Ne subisce spasmodicamente la bellezza.
Bella e fine, sofisticata nel vestire e nel parlare, ha indosso qualche piccolo gioiello di valore in sintonia con quello che veste.
-Vorrei farla riparare- dice.
Lui l'esamina, presenta una parte rovinata, ma da cosa? Sembra bruciata. Anche la fodera interna è rovinata.
-Quanto mi costerebbe- chiede ancora.
Il Sellaio parte da lontano.
-E' una borsa che nuova vale sui ventottomila euro, vanno prenotate e si va in lista d'attesa, è rara. Se la vende così com'è le posso dare tremila euro, il costo della riparazione dipende, bisogna trovare la pelle della stessa natura, disegno e colore, di difficile reperimento e che solo la Maison S.L. può fornire, per la riparazione quindi non meno di sei o settemila, ma potrò essere più preciso solo in seguito...-
-Va bene- dice.
-E' un regalo ed ha un valore affettivo- aggiunge.
E' un regalo di un uomo, pensa il Sellaio. Del tuo amante? O di tuo marito? Sei sposata, bella donna?
La guarda e la desidera.
Gli lascia un numero di cellulare, lui l'avvisa che dopo riparata ha tempo dieci giorni per il pagamento e ritiro poi la venderà a copertura delle spese.
-Non accadrà, quanto dovrò aspettare?-
-Dipende dai tempi di fornitura del pezzo necessario.-
La guarda uscire.
Bella dietro quanto davanti. Bella tutta. E come muove quel sedere? Guarda le natiche dimenarsi in un movimento seducente.
Magnifico culo, dice il Sellaio.
Pensa a quanto vorrebbe spogliarla lentamente per godere di ogni attimo di quel corpo che si intuisce magnifico, il culo pieno, sodo, liscio come raso, scoprirlo e poi colpirla con forza a mano aperta. Poi portarla nel suo appartamento, farla godere.
Mentre lei sta oltrepassando la soglia la richiama.
-Mi lascia un nome?-
Lei si gira appena.
-Vidar... -
Riprende la borsa in mano l'indomani, deve togliere con cura la parte danneggiata ma lo farà quando avrà il pezzo con il quale sostituirla e dovrà seguire il più possibile la trama della pelle, inizia ad eliminare la fodera per sostituirla in un secondo tempo e qui la sorpresa!
In una piega fra pelle e fodera c'è una chiavetta USB.
Piccola, piatta.
Evidentemente lì caduta casualmente, forse cercata altrove e non più trovata.
Forse.
Il Sellaio vive solo, dietro il suo laboratorio ha un appartamento, lì c'è il suo mondo. Quello segreto.
E' un bell'uomo il Sellaio, ha fascino e lo sa usare per sedurre. Alto e prestante, occhi grigi e baffi e pizzetto grigioferro.
La donna della borsa non gli esce dalla testa.
Lo ha colpito.
La vuole. Forse questa chiavetta è un modo surrettizio per averla? Di certo non avrà nessun tipo di scrupolo ad usarla se sarà necessario.

2) Vidar lo sta pensando.
Si sta adorando. Lei adora se stessa.
E' nuda a parte un leggerissimo inconsistente negligé che la copre appena. E' bella davvero. E' sdraiata su una chaise longue e si tocca pigramente, le mani passano sul seno, inturgidisce i capezzoli con lunghe carezze, poi le mani scendono, adora la parte che tocca ora, il finecoscia interno e l'inizio dell'inguine. E' depilata, passa le mani sul pube gonfio.

Pensa al Sellaio.
Si chiede
Starà ingoiando l'esca? Con tutto l'amo?

Pensa al piacere che troverà con lui, si tocca con più determinazione ora, vuole godere di se, ma rimanda e rimanda l'orgasmo frenando e cessando il tocco per poi riprendere.
Si lascia andare e infine gode, un lungo bruciante orgasmo.

3) Il Sellaio ha sul tavolo la chiavetta. La inserisce nel portatile.
Non è protetta.
Scorre l'elenco del contenuto:

-Diario.
-Foto.
-Video.

Apre la sezione Diario, appare un breve elenco di date, ne conta sei. Apre la prima data.
Legge con sempre maggior frenesia...

4) Vidar aspetta.
E' snervante il tempo dell'attesa, quello della posta alla preda.

Ora è stremata, accasciata su di una poltrona, nuda con l'intimo ai piedi, si è masturbata freneticamente fino a godere più volte.
Masturbarsi la rilassa. Ed è il suo modo di adorarsi.
Non le importa davvero far sesso con un uomo o una donna.
Non lo cerca quel tipo di sesso se non deve.
Quando si masturba riesce sempre a venire e anche tante volte. Se fa sesso no, nemmeno una volta. Deve fingere.
Non viene neanche se qualcuno la scopa violentemente.

Attende una telefonata per iniziare il gioco.


5) Il Sellaio è intento a leggere.
Quanto legge gli apre un orizzonte insperato di piacere, il diario è della donna della borsa, di Vidar, la prima data è di due anni prima, scrive degli incontri avuti con due uomini.
Sta pensando alla prima frase.
Vidar scrive.
“Finalmente sono riuscita ad interessarli, questa sera li incontro, so che questo mi darà molto piacere...”
Poi la descrizione accurata di lunghe sessioni di sesso, sesso feroce, lei usata dagli uomini in maniera crudele, legata, frustata, incatenata, trattata da cagna.
Non le risparmiano nulla, in un gioco tremendamente depravato al quale lei partecipa accettando tutto. Scrive che la chiudono per un giorno intero in una cantina con la sola luce di una bocca di lupo, per vitto del mangiare per cani in una ciotola e la fanno urinare a terra come fosse davvero una cagna, scrive altresì che questo particolare la fa eccitare in una maniera straordinaria.
Poi? Il tempo di forse due settimane?
Scrive lapidariamente che la cosa si è conclusa con molta soddisfazione e non ne parla più. Chiude l'episodio.
A calce fa riferimento ad una cartella di foto ed a un video, ambedue contraddistinti dalla stessa data ed indica un luogo:

-Languedoc.-

Cerca quella delle foto, l'apre.
Una serie di fotografie.
E' lei. Bella più di quanto sia possibile esserlo.
Prima alcune foto da sola, seducente. Poi via via sempre più esplicite, lei nuda, lei aperta, lei che si tocca e infine lei con i due uomini, foto che mostrano che quanto descritto dal diario corrisponde a verità. Poi un breve video, lei posseduta selvaggiamente dai due uomini. Due uomini dall'aspetto medio-orientale. Brutali. Grossi, grassi, imponenti.
Il Sellaio appura: ad ogni data corrisponde un diario, delle foto e un video relativi ad incontri con protagonisti di volta in volta diversi.
Ma chi ha scattato quelle foto?
Si deve muovere con cautela se non vuole farsi scappare la preda, si dice. Quanto è determinante la chiavetta? Può servirsene come arma di ricatto? Deve tessere con cautela e attenzione la tela per imprigionare nelle sue trame la bella Vidar.
Prende il cellulare e compone il suo numero.
-Vidar? La chiamo per la borsetta, c'è un problema che vorrei esaminare con lei, può passare una di queste sere? Sarebbe meglio all'ora di chiusura...-


6) Vidar sorride.
Ora può rilassarsi, il più è fatto. L'amo è stato ingoiato.
Ora festeggerà.
Delle tartine e qualche flûte di champagne e poi?
Si adorerà.
Si immergerà nella schiuma profumata della sua jacuzzi e si darà piacere, si masturberà a lungo.
Il Sellaio? Lo farà stare sulla graticola per qualche giorno, il giusto tempo di maturazione, è come far frollare la carne prima di mangiarla.

*Diceva Sigmund Freud che la vita è come una partita a scacchi, solo che la vita non ti concede la rivincita.*

7) Il Sellaio è accorto.
Oh si... che lo e!
Ed è prudente, è come un ghepardo in libertà che non può permettersi di restare ferito in uno scontro, non potrebbe più correre e cacciare e sarebbe destinato alla morte per inedia, così lui non può rischiare nessun passo falso.
La donna gli va alla testa. E' bellissima, più di ogni altra che ha avuto. E' disposto a rischiare per lei, a giocarsi anche la vita ma vuole avere tutti i vantaggi possibili a favore.
E' consapevole che sta giocando una partita pericolosa, si, una partita fra giocatori di eguale bravura, dove il primo che si espone perde.
Deve decifrare quanto contiene il diario. Contiene una chiave di lettura messa da Virad. Questo lo intuisce ma perché? Per sfidarlo?

Prima cosa.
La frase d'inizio del primo diario, quello dei due uomini.
“Finalmente sono riuscita ad interessarli, questa sera li incontro...”
Come adesso con lui? Lo interessa per incontrarlo?
Si, certo che si, usa l'esca della chiavetta.
Poi la scadenza degli incontri che è quella delle date dei vari diari.
Da due anni a questa parte un incontro ogni quattro mesi, studiando le date scadrebbe adesso la prossima scadenza.
Poi altra parte da decifrare.
I luoghi, le persone. Perché non indica con precisione la località?
Quanto le date sono precise?
Prova ad individuarle con l'intuito.

Lenguedoc. Due uomini medio-orientali.
Arabi? Palestinesi? Li chiama “Gli Infedeli”. In quale città del sud della Francia? Carcassonne?
Annotazione: la mossa dell'Infedele.
Zugwang, l'obbligo di mossa.
Gli Albigesi.

Île-de-France. Uomo, cinquantenne, molto curato, leggermente effeminato. Virad lo chiama “Il Sarto”. L'ambiente dell'alta moda?
Parigi?
Annotazione: Il “matto” affogato.
Il “Sarto” cuce un vestito di luce.

Baviera. Uomo. Molto grasso. Viscido. Per Virad è “Il Lumacone”.
Monaco? No! Pensa ad Ulm. Ambiente universitario. Città divisa a metà dal Danubio, la vecchia Ulm appartenente al Baden e la nuova alla Baviera.
La metà, simbolo dell'equidistanza. Il punto mediano della scacchiera.

Andalusia. Uomo. Quarantenne. Magro scattante, con il corpo segnato da cicatrici. Lo denomina “Il Torero”. Ambiente delle corride? Degli allevamenti dei tori da combattimento? Forse Ronda la città? E l'annotazione?
-Ich werde denn Matadorschritt machen.
Aux échecs comme à la guerre, la clé de la victoire est d'anticiper ce que va faire votre adversaire. -

Noord Holland. Uomo. Sotto i quaranta, musicista. Virad lo chiama “Il Farmacista”. Il Sellaio lo immagina ad Amsterdam nei vicoli della Leidseplein, la piazza del guazzabuglio, suona lì?
Annotazione:
Il disordine mentale. L'incesto.

Montefeltro. Uomo. Cinquantenne. Bello. Il più bello degli uomini visibili nelle foto e video. Lei lo chiama “Il Religioso”.
Un prete quindi? No,troppo banale.
La città? Il luogo? San Marino? O più probabile la Rocca di San Leo, simbolo architettonico della regione. Dove fu imprigionato Cagliostro, palermitano, eretico e dedito alla massoneria egizia, guaritore, impegnato nella ricerca della Pietra Filosofale, simbolo del “triplo” potere, immortalità, onniscienza, poter sanare la corruzione della materia.
Lo stallo.

Ora è il tempo del settimo.
“Il Sellaio”? E' sicuro di si.
Tutti gli uomini dei diari hanno in comune una cosa. Sono crudeli, sadici, torturatori. Godono nel dispensare tremende sofferenze alle donne, le odiano.

Altra cosa importante: Virad conosce perfettamente varie lingue.
Lo sta sfidando. Quale sarà la posta?

8) Virad è nuda davanti al grande specchio.
Pensa di se stessa che è la creatura perfetta, la “più perfetta”.
Ha ogni qualità, è bella, è intelligente, è determinata, è sul “giusto cammino”.
Si dice convinta: dovrei avere il potere di replicarmi, si... per autogenesi, portare alla vita delle altre creature perfette come me.
Si avvicina allo specchio, con le dita segue la linea della bocca, delle labbra. Si bacia le dita.
Si gira mostrandosi di fianco, ammira la linea flessuosa del suo corpo, accarezza il seno, stimola i capezzoli ad inturgidirsi, bagna le dita con la propria saliva e li stringe forte.
Percorre il suo corpo a due mani, la vita, i fianchi, lo splendido sedere, le cosce, il ventre, la sua vagina.
Avvicina il viso al piano dello specchio e ci incolla la bocca, fa uscire la lingua e lecca la sua immagine mentre con le dita si penetra, mentre accarezza il clitoride.

-Ti amo... ora ti farò l'amore...- si dice.

Più tardi pensa al Sellaio.
“... non penso niente di buono degli uomini, sono irrazionali, illogici, intempestivi, imperfetti e poco intelligenti.”
Gli ho dato un indizio... lo scoprirà?
E' ora di incontrarci, andrò da lui domani

(9) Virad.
E' ormai sera tardi quando entra dal Sellaio. Buio fuori e buio dentro.
Lui la sta attendendo.
Interessante un uomo che attende così.
Senza fretta, al buio completo e che sembra godere dell'attesa stessa.
Titubante? Smaniosa?
Non è nella sua natura. E' solo curiosa, vuole vedere come lui vorrà condurre il gioco.
Per un po' intende lasciarlo fare, magari lui riuscirà a sorprenderla. Un uomo che abbia qualcosa di diverso? Ne dubita.
Il Sellaio si alza per accoglierla, le da brevemente la mano poi la conduce attraverso una porta in un locale interamente rivestito di quercia norica.
La porta ad un tavolo, la fa accomodare su di una poltrona rivestita di cuoio. Lei gode della sensazione di contatto con la superficie liscia.
Lui siede dall'altra parte.
C'è una lampada posta su un mobile poco lontano che illumina scarsamente l'ambiente.

-Una cosa mi ha disturbato. Che tu abbia rovinato la borsa...-
-E' solo un oggetto. -
-E' vero. Ma ha dietro di sé l'opera di qualche valido artigiano, come sei riuscita a rovinarla?-
-Mi è dispiaciuto farlo, vuoi che giochiamo a carte scoperte? Niente scaramucce?-
-A questo punto...-
-Mi dai la chiavetta?-
Lui la pone sul piano del tavolo.
-Me la dai senza contropartita?-
-Vedremo. Puoi prenderla. A quest'ora prendo un bicchiere di assenzio, mi fai compagnia, Virad? Naturalmente non è il tuo vero nome, giusto?-
-Assenzio! L'Absinthe... la feè vert, un nostalgico del periodo oscuro di Rimbaud, Sellaio?-
-No. Più banalmente una abitudine presa a Praga. Sei mai stata a Praga, Virad? Certo che si, immagino che tu sappia anche il ceco; jak se jmenuješ ... krásná žena?-
-Někdy... Virad. Sei un uomo interessante Sellaio, berrò con te.-
-Il bicchiere della pace, Virad? Io lo bevo backdraft, conosci?-
-Il bicchiere della tregua, Sellaio. No... mai sentito.-
-Guardami.-
Il Sellaio prende due bicchieri da shot da una scansia e una bottiglia pesante, elaborata, mostra una testa di drago in rilievo.
-Non riempio del tutto i bicchieri, verso l'assenzio per i suoi quattro quinti, questo è particolare, lo faccio distillare per me, supera abbondantemente i settanta gradi-
Ora il Sellaio prende un lungo fiammifero, lo accende e con quello da fuoco al liquido.
-Non si deve aspettare troppo, ma il giusto. Brucia l'alcol ma cambia il sapore se lo si fa bruciare troppo, ancora un attimo. Sai naturalmente che l'assenzio abbrutiva la mente ma questo era la conseguenza del laudano che aggiungevano, non dell'assenzio che è un vero rimedio universale, ora spengo. Mettendo i palmi delle due mani sopra i bicchieri, posandoli sopra si toglie l'aria e il fuoco di spegne.-
Lui lascia a lungo le mani sopra la fiamma viva.
La guarda. Vuole che lei veda.
I suoi occhi grigio-azzurri riflettono i bagliori delle due fiamme. Non mostra nessun segno di sofferenza, poi appoggia completamente le mani e le spegne.
Ne prende uno e glielo porge.
-Brucia... scotta tremendamente, attenta Virad.-
Poi alza il bicchiere e si rivolge verso di lei.
-Skål... Virad!-
-Skål... Sellaio.-
Virad allunga le mani sul piano lucido del tavolo, ne prende una di lui, una mano grande, bellissima, la gira per vedere il palmo. C'è il segno rosso di una ustione, ma lui non mostra nessun tipo di sofferenza.
Ora Virad sa.
Capisce di essere arrivata.
Sa chi è davvero il Sellaio.
Cerca di riprendere lucidità, di riuscire a giocare bene la partita, chiede...
-Berserker?-
Il Sellaio non risponde, chiede invece:
-I diari non sono completi, vero? Mancano delle foto, le ultime, giusto? Sono davvero morti? Tutti?-
-Si, sono morti, meritavano la morte.-
-E' tutto relativo. Meritavano di morire anche le donne.-
Poi...
-Vuoi giocare, Virad? Iniziamo. Dimmi, lo scopo era arrivare a me?-
-Si... al capo del filo, certo.-

Virad pensa intanto intensamente, il gioco è variato, ora è lei in difficoltà, pensa al Gambetto di Donna, cosa può sacrificare?

-Bene, mi sento sopravvalutato. Parliamo del primo caso, Virad.
Gli infedeli. Era Carcassonne? Zugwang? Gli albigesi?-
-Era Montsegur... Sellaio. Loro erano infedeli quanto i Catari, gli Albigesi, perseguitati dagli stessi cristiani.
Li ho evirati, i loro grossi peni circoncisi spruzzavano sangue come delle manichette antincendio. Ho goduto molto nell'ucciderli. Zugwang: è l'essere obbligati a continuare, fino alla fine, essere costretti a finire.-
-Capito. I corpi?-
-Sono ancora lì. In una cripta di una casa disabitata-
-E il dolore Vidar? Il tuo? La resistenza alle sofferenze delle torture? Godevi?-
-Berserkir, la resistenza mistica al dolore, Sellaio.-
-Chi erano le donne?-
-Una sola in quel caso.-
-Amica, amante? Anche le altre vittime?-
-Si...-
-Dovevi avere un harem.-
-Meglio definirla una Unità, c'era subordinazione, posso farti io una domanda, Sellaio?-
-Aspetta, mi sfugge una cosa, perché frequentavano quegli uomini?-
-Erano uomini noti per il loro odio verso di noi, noi donne.-
-E tu le hai mandate al macello, ma non sono morte tutte, vero? Su chiedi.-
-Fai sesso... Sellaio?-
-Perchè Virad?-
-Sono eccitata. Tregua, Sellaio?-

10) Il Sellaio.

-Spogliati.-
Il Sellaio dicendolo ha presente la sua straordinaria bellezza, quella che lo ha colpito nelle foto.
Una donna che potrebbe impersonare Freya o forse lo o è? O lo è stata?
Il Sellaio declama sottovoce...

“Benedetta sia la dea dell’Aurora scintillante
Freya, la Bellissima,
La piu Appassionata delle Regine.
Insegnami i misteri dell’autentica passione del cuore.
Mostrami i segreti del wyrd.
Cammina con me nella luce delle stelle.
Io accendo questa candela
in una ardente offerta a Te,
Freya, dea del fuoco etereo...”

Virad leva lentamente un indumento dopo l'altro, fino a rimanere nuda.
-Monta sul tavolo e distenditi.-
-Sei troppo bella, Virad. Troppo bella per essere vera.-
Mentre lei sta immobile, le dita della mano passano veloci sul viso, ne seguono i lineamenti, il naso, le labbra, il mento, la gola.-
-Sono vera Sellaio... sentimi...-
-Zitta Virad... -
La mano stringe la gola, ma è più una potenziale minaccia che una vera violenza.
-Zitta...-
-Ci siamo sempre combattuti noi due, lo sai? In diversi tempi, in diverse vesti ma sempre su posizioni diverse. Da antagonisti. -
La mano scorre fino al seno, ne segue il contorno, prende un capezzolo e lo stringe, lo stringe forte più per il proprio piacere che per farle male, sa che lei è in grado di sopportare tutto questo, tutto questo e di più.
-Conoscevo due uomini che hai ucciso, oh... non li consideravo certo come eccelsi e non tanto comunque da aver voglia di vendicarne la fine, ma li conoscevo.-
La mano è sotto il seno, saldo e pieno con quella particolare morbidezza che solo il seno femminile può avere.
-Il Sarto... dimmi di lui.-
-L'ho interessato subito, Sellaio, l'ho davvero ammaliato, quando sei bella tutto ti è facile, l'ho incontrato per parlargli di un "vestito di luce", si è incuriosito, poi... hai visto. -
-Come è morto?-
-Gli ho tolto quello che gli permetteva di vedere la bellezza, gli occhi, gli ho levato gli occhi poi l'ho lasciato libero e lui correva intorno per la stanza come una mosca impazzita, sbatteva contro le pareti, ogni tanto gli piantavo il bisturi nella carne... e urlava, l'ho torturato a lungo.-
-Chi vendicavi?-
-Una giovane donna, giovanissima, una modella che voleva entrare nel mondo illusorio della moda, dove gli sciacalli come il Sarto prosperano e si pasciano di facili prede.-
La mano continua la sua lunga carezza, il Sellaio passa le sue lunghe dita come avesse la curiosità di conoscere il suo corpo attraverso quel contatto.
-L'amavi? La giovane donna... dico.-
-Amare Sellaio? Perché tu ami? Quando mai noi amiamo? Noi usiamo.-
La mano e sul ventre, sul pube, sul monte di Venere.
-Apri le cosce, Virad...-
La mano corre leggera contornando la vagina, poi ancora sulle labbra gonfie, preme ora per aprirle, fa scorrere la punta delle dita.
-Sei bagnata Virad...-
-Sono eccitata... si.-
Ora stimola con tratti leggeri il clitoride.
-Sei sensibile qui? Vero?-
-Sono assolutamente clitoridea, si... Sellaio, non godo della penetrazione...-
Ora la carezza è più determinata, indirizzata a farla godere.
Virad non ha mai goduto con un uomo, mai, in nessun modo! Ci arriva difficilmente, raramente, con una donna, ma ora? Sente insinuarsi nella sua mente un lungo tentacolo che cerca un particolare sensore nervoso, lo trova e le nasce dentro un languore sconosciuto, ora le dita la portano velocemente al piacere, è costretta ad inarcarsi, a gemere, a godere di lui! E sprofonda in una serie di orgasmi senza fine che si legano uno all'altro come anelli di una catena! Ora il piacere diventa spasmo! Ora il piacere diventa dolore.
Non si ribella, non si rifiuta.
Fra i gemiti e gli sussulti lo vede alzarsi e lasciar cadere ai piedi i pantaloni, non ha altro e il suo pene svetta.
Vidar pensa.
“Questo è il pene di Frey! Il pene del dio!”.
Il Sellaio le ordina.
-Continua tu a toccarti, vedrai che ti sentirai precipitare in un vortice di orgasmi senza nessuna possibilità di risalirlo, sprofonderai... sprofonderai, ma non ti lascerò morire come le tue allieve, ti salverò un attimo prima della fine.-
La tira fino a farle avere la testa fuori dall'orlo del tavolo, la prende fortemente con le due mani, le fa piegare il capo e con il pene le cerca la bocca.
-Apri la bocca... Víðarr!-
Vidar capisce che non deve difendersi, si sta toccando a due mani. Una mano sul seno a strizzarsi il capezzolo l'altra sul clitoride. Si sta masturbando ferocemente, ora sono due le mani sulla sua vulva.
E si sente precipitare in un vortice colorato che gira con la velocità della luce e gode. Il corpo si avvita, cade in movimenti sempre più scomposti, cade e gode. Orgasmi dolorosi che le torturano la mente.
Cade e gode! Un godimento assurdo!
Poi... in quello che le sembra l'attimo prima della fine vede una mano, la mano del Sellaio prenderla e tirarla fuori dal vortice.
Si ritrova tremante, ansante, sfinita sul tavolo.
Ha in bocca lo sperma del Sellaio, porta la mano al viso, ne è coperto anche quello.
-Bentornata alla vita Víðarr!-

E sottovoce declama ancora...

„Fra cespugli cresce, ed erba alta,
la terra di Viðarr, e fra boscaglie;
là si farà il fanciullo, a dorso di cavallo, abile,
per vendicare il Padre.“

Poi le si rivolge...
-L'ho capito subito. Quell'attimo che ti ho chiesto il nome, ricordi? Tu... Viðarr, volevi che capissi, perché certamente sapevi che conoscevo la denominazione Widar, Vidar, la traduzione tedesca di Viðarr ma mi sfugge il perché... c'è qualcosa di nascosto ancora-

11) Virad.

-Prendi i vestiti e vieni con me, Virad... voglio che tu veda dove vivrai il tuo futuro prossimo...-

La conduce ad una stanza senza finestre, arredata lussuosamente.
-Hanno vissuto qui le tue allieve per il tempo che le ho godute... penso che nel tuo caso, la tua permanenza sarà più lunga, molto più lunga, voglio godere pienamente della tua bellezza, della tua compagnia.-
-Come sono morte?-
-Hanno sofferto minimamente, l'hai provato il vortice. Diciamo che alla fine, quando ero stanco di loro, nel momento che potevo salvarle... non l'ho fatto. Hanno comunque goduto molto, ormai erano come drogate di piacere e si erano innamorate di me, ti urta questo? Prima amavano te.-
-No. Comprensibile... sei un uomo affascinante, poi l'amore per il carnefice.-
-Lì... c'è un bagno, usalo. Non rivestirti, troverai nel guardaroba una vestaglia di seta nera, mettila. E' nuova, fatta per te, non è stata messa da altre. Ti attendo dove eravamo prima.-

Dopo...

-Desideri qualcosa, Virad? Ogni cosa...-
-Solo dell'acqua, ti va di parlare, Sellaio?-
-Certo che si... chiedi.-
-Conoscevi il Religioso, giusto? Colui che mi ha detto di te...-
-Oh si! Hai ucciso un uomo dalla mente eccezionale. E' lui che ha inventato il Gioco.-

-Il Gioco? Meraviglioso! E' durato oltre due anni ed ora siamo alla vicenda finale, era un uomo strano, bellissimo, l'uomo più bello che ho avuto e ucciso. Bellissimo...-

-Il Religioso? Oh si! Siamo stati amanti per un breve tempo, anch'io come te preso dalla sua bellezza, direi che era bello quanto te... no! Forse un attimo meno.
Ha inventato il Gioco e io ho composto il Gruppo, poi ha cercato l'Antagonista, ha trovato te.-

-Il Gioco! Il nostro Grande Gioco di Ruolo, Sellaio!
“Uomini che odiano le Donne versus Donne che odiano gli Uomini!“
E' stato splendido giocarlo, davvero una bella avvincente partita.-

-Vero. Una bella partita, senza nessuna concessione al nemico!
E il sotto-titolo?
“Berserker - guerrieri e guerriere vichinghi insensibili al dolore!“
E lo siamo guerrieri!
Tu ad impersonare Viðarr la dea della vendetta, io Tyr il dio della guerra, con i nostri seguaci e usare come sfondo la mitologia norrena!-

-Peccato che sia finita, hai perso bene, Vidar.-

-Io? Sellaio? Oh no! Sbagli, hai perso tu. Girati verso la porta...-

Il Sellaio gira la testa, sulla soglia c'è una figura.
Una donna.
Silenziosa, incombente, in attesa.

-Sellaio, ti presento la mia skjaldmær, la mia “Vergine scudo”, conosci la loro funzione, vero? Si chiama Visna.-
Poi rivolta verso la figura.
-Entra Visna, saluta il nostro ospite.-

Il Sellaio lascia passare un lungo attimo prima di chiedere.
-Dove ho sbagliato, Virad?-
-Nei particolari Sellaio, nei particolari, dovevi immaginare che esistesse una terza persona, chi poteva fotografarmi, riprendermi mentre subivo i tuoi uomini e poi li eliminavo? Era Visna. Ho ottenuto da loro che potesse riprendermi. Hanno accettato le mie condizioni, ubriachi di lussuria, quella incontrollabile. Era l'unico modo per potermi avere. Li facevo impazzire con il mio essere disponile, con la mia sensualità. Dicevo loro: o con lei che mi riprende o niente e tutti hanno ceduto.
Ah... gli uomini! Banali.
Hanno accettato confidando nel loro ritenersi superiori, più intelligenti di me! Di essere in grado di gestire ogni cosa!
Illusi!-

-Come è entrata?-
-Mentre sottostavo al tuo trattamento, mentre ti sollazzavi con la mia bocca, lordandomi con il tuo seme, lei è entrata. Sempre i particolari Sellaio, sempre quelli che trascuri, entrando stasera ho inserito un piccolo blocco di gomma autoadesiva nella cavità dello scrocco della porta, non si è chiusa completamente al mio entrare, dopo bastava spingere. Mi sono sacrificata sottoponendomi alla tua schifosa voglia!

Il Gambetto di Donna... Sellaio!-

-Potevi resistermi? Al vortice?-
-Potevo provarci, la mia mente vale la tua. Ora non provarci, Visna ha un taser, lo conosci? Non farglielo usare...-


12)Il Sellaio.
Il Morso del Serpente.

-Ora Sellaio, si sono rovesciate le parti, godrò tantissimo di te. Ti terrò in vita per giorni e giorni, settimane e ti godrò, oh... so che hai la capacita di resistere al dolore, ma anche questo ha un limite e noi... tu e io lo cercheremo il limite e lo supereremo, passeremo del bel tempo insieme, Sellaio. In particolare ti farò conoscere il dolore dei terminali nervosi dei denti, ho uno splendido vecchio trapano da dentista recuperato in un lager nazista, lo usavano per testare il dolore, sai? Splendida iniziativa. Mi aveva incuriosito la vicenda del Marathon Man, lo conosci quel romanzo di William Goldman? L'ex nazista che tortura il giovane uomo con il vecchio trapano a pedale. Ora Visna ti stordirà, ti renderemo inerme e ti portiamo a casa mia, ho una magnifica stanza dei giochi, ti piacerà bell'uomo.-

-Ancora un momento Vidar, concedimi ancora un momento. Conosci l'ouroboros? E' un mitico serpente che si morde la coda, che si avvelena da solo, è un simbolo mistico presente in moltissime culture come quella indiana, egiziana, greca, nordica, sud americana. Secondo Carl Jung è un archetipo della struttura mentale e della psiche dell'Homo sapiens e simboleggia la ciclicità o l’eternità o anche l’integrità del tutto e l’unità primordiale. È anche un noto simbolo alchemico, uno dei più antichi, legato alla pietra filosofale. In altre parole, l’ouroboros rappresenta la continuità.

-Centra qualcosa con il Gioco, Sellaio?-

-Oh si... Virad, lasciami finire. Il Gioco non è finito, Virad. Lo hai saputo condurre con maestria fino ad ora, ma un errore l'hai fatto anche tu, ti sei scoperta, ora conosciamo chi conduce il gioco della tua squadra... tu. Non sono io il capofila, ci sono altri oltre a me. Io sono sacrificabile e alla fine il Gioco me lo chiede, si... sono stato solo uno strumento utile.-

-Ti farò dire chi devo cercare! Ti torturerò fino a fartelo dire!-

-Saremo noi ora a cercare te, tu non puoi fare niente, mi morderò la coda come l'ouroboros, ho una capsula di veleno inserita nei denti, ora la schiaccerò e ti lascerò senza nulla in mano. Il Grande Gioco continua, Virad.-
-Nessuno ha vinto ancora!-

Poi... negli ultimi istanti prima che il veleno faccia effetto, pensa: funzionerà l'inganno? Il giocarsi l'ultima possibilità sapendo che la battaglia per l'ultima verità non sarà mai vinta. Il gioco degli scacchi simula la lotta della vita, mors tua... vita mea, ma tutto può essere tramutato in inganno.
Nello stesso veleno mortale ho messo l'antidoto, il suo effetto è attenuato, quasi nullo. La mia morte apparente durerà molte ore, ma poi risorgerò come l'Araba Fenice.
Il Grande Gioco ricomincerà, Vidar.
Sono io... il Sellaio il tuo antagonista, ora ti conosco e ti perseguiterò. Avrò la tua vita. Avrò il tuo corpo. Avrò la tua mente.
Avrò il tuo dolore.
C'è arte anche nel morire di veleno.
Nel mio veleno c'è il mistero, c'è la vita e c'è la morte, c'è la rinascita. E' l'ouroboros.
A presto Vidar.

Questo racconto di è stato letto 1 0 5 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.