Erotici Racconti

Anche questo è amore

Scritto da , il 2018-10-19, genere etero

Per contribuire con i miei modesti mezzi alla discussione sul Cuckolding. Forse lo è anche questa cosa?

Anche questo è amore.



-Sei pronta?-.
Per essere pronta, lo è!
Il colorito acceso del viso, la lingua che inumidisce le labbra dischiuse, le lunghe ciglia che nascondono lo sguardo torbido e ancora i capezzoli inturgiditi, il lieve ansimare.
-Dai... fallo entrare...-.
Mentre va alla porta vede le sue mani sui seni, si strizzano i capezzoli e poi scendono all'inguine, separano le labbra gonfie.
Apre la porta.
-Omar, entra...-.
Il ragazzo entra e alla vista di lei nuda e stesa sul letto il suo corpo inizia a vibrare come percorso da una scarica elettrica.
Lo incoraggia.
-Su avvicinati...-.
Mentre il ragazzo si avvicina, lui esce.
Può solo guardarli non visto dalle imposte socchiuse, controllare per la sua incolumità.
Si, lei sa che c’è e questo oltre a tranquillizzarla fa anche parte del suo piacere malato.
Titubante come timoroso di far sparire ciò che vede, Omar si avvicina al letto fino a toccare il bordo con le ginocchia.
Sempre più eccitata, lei si tocca con maggior insistenza, il suo fiore è lucido di umori.
Ora è al centro della scena.
-Toccami... Omar-.
Il ragazzo si inginocchia sul letto, allunga una mano, una mano lunga dal dorso quasi nero, la palma chiara, tocca con timidezza, con trepidazione ed è lei a spingere il bacino in alto per farsi toccare con maggior forza, gli prende la mano con la sua e lo guida, gli fa conoscere i punti che le danno piacere, usa le sue dita come appendici, le passa sul clitoride inturgidito e su tutta la vagina aperta, sul tratto perineo che va fino all'ano. Gli prende un dito, lo porta alla bocca e lo bagna e si fa penetrare, si inarca, poi le dita diventano due... unite, gli da il ritmo, tira a se la testa del ragazzo e gli morde le labbra.
La sua voce si è fatta roca, irriconoscibile.
-Spogliati...-.
Un attimo ed è nudo, bello come un Adone giovinetto, un dio vergine.
Si! Perché Omar è vergine, non ha conosciuto ancora la donna, ed è questa la cosa che lei gli ha chiesto di trovarle.
Un ragazzo, nero e vergine.
E' alto, il busto lungo e magro, stretto di bacino e le natiche raccolte, nero!
Il suo pene è strano, è circonciso come tutti i neri musulmani, poi è molto curvo verso l’alto, non molto grosso, però lungo, il glande completamente scoperto è di color rosa chiaro, un po' più scuro l'anello che lo separa dall'asta che è nera e venata come una radice.
Lo fa sdraiare e gli si pone a fianco, è curiosa, non ha mai visto niente del genere, così curvo, così lungo, lo tocca, il primo tocco è delicato, come d'assaggio, passa il palmo della mano, si meraviglia per quanto è serico, liscio e asciutto, usa ambedue le mani per accarezzarlo, le mani unite che lasciano scorrere fra loro tutta la lunghezza del pene, poi provano curiose la consistenza dello scroto, lo soppesano.
La sua carezza si fa più decisa, non c'è più nulla di delicato, ha afferrato con decisione l'asta, lo sta masturbando piano, ha ricoperto la sua mano di saliva, tanta saliva, ora la fa scivolare lenta e decisa e la mano contrasta, così bianca e diafana, le unghie smaltate di un rosso acceso, con il nero tronco di carne con le vene in rilievo.
Lo lascia e si stende, allarga le gambe e lo chiama.
-Vieni Omar... prendimi...-.
Lui è ora fra le sue gambe, il suo istinto lo spinge a montarla come un animale, lei lo frena.
-Piano... piano...-.
Lo prende in mano, lo avvicina e lo fa bagnare con gli umori che tracimano dalla sua fessura, poi lo guida e lo lascia entrare, favorisce la penetrazione con una spinta verso l'alto, le sfugge un gemito di piacere e di sofferenza, lui è lungo, abbastanza largo, lei è stretta, forse non ancora del tutto pronta.
Lei da subito trova stimolante la forma del pene del ragazzo,
poi insieme trovano il ritmo giusto, lei si inarca e lui spinge ad incontrarla, il pene entra completamente, i loro pube si uniscono, il pelo rado e crespo strofina il clitoride turgido.
La conosce… l’uomo che aspetta fuori, sa che ora è in preda ad una frenesia di libido, che non è più in questo mondo.
Inarca la schiena e sollevandosi gli dà tutta se stessa, offrendosi, mentre il sacco dello scroto le urta le natiche.
Come risalta il nero del corpo del ragazzo sopra il bianco della sua pelle!
I muscoli della schiena sono in rilievo, è lucido di sudore, l'odore acre riempie la stanza, ora mescolato con l'afrore speziato di lei, della sua femminilità.
Il ragazzo ha resistenza, si è masturbato poco prima di essere chiamato.
Lei ha goduto una prima volta e lo fa alzare, si mette carponi e mostra tutta se stessa al ragazzo, la vulva rossa e bagnata fra le gambe e il buco scuro raggrinzito dell'ano, il ragazzo è rapito dalla opulenza delle natiche, dalla forma che ha questo splendido sedere.
Lei appoggia la testa al letto e con le mani dietro di sé lo cerca, si fa penetrare, il ritmo è diverso, è lui che dispone di lei, la monta con forza con gemiti gutturali, lei è diventata la preda e lui il predatore, lui lo fa quasi uscire completamente per poi infilarlo nuovamente con forza, la tiene con tanta forza che le natiche sono segnate da ditate rosse, lei con la testa appoggiata al lenzuolo si tocca freneticamente, strofina fortemente il clitoride e sente sotto le dita lo scorrere dell'asta di carne.
Il ragazzo aumenta ancora la frequenza delle penetrazioni e poi con un urlo lo spinge a fondo, una e poi molte altre volte, mentre lei gode e urla, geme, scuote la testa con la mano fra le cosce.
Ora è lui che urla e si inarca, gode di lei, la riempie di tutta la sua linfa vitale.
Si abbandona su di lei, poi le si corica a fianco.
Per qualche attimo lei rimane nella posizione del coito, poi si abbatte sul letto sfinita.
I rantoli dei due riempiono la stanza, a poco a poco i loro respiri si normalizzano.
Omar si rialza, si riveste e va alla porta, si ferma e volge lo sguardo un attimo verso il letto e abbandona la stanza.
L’uomo fuori ha già pronto il denaro pattuito, glielo allunga.
Quando rientra, è ancora nella stessa posizione, sfinita.

L'accarezza.
-Fallo tornare...-.
-Avevamo detto una volta, una sola volta...-.
-Ti prego... ti prego! Ne ho ancora voglia! Ne ho bisogno... capisci? Ne ho bisogno. Ti prego... ti prego, lo sai come mi sento, sono... in fiamme...!-
-FALLO TORNARE...-.

La guarda, l'ama pazzamente, vive per lei, che può fare?
ORA non è LEI, quella donna dolce che ama che parla, è... è L'ALTRA, quella che convive con lei, dentro di lei, nascosta nella sua mente e che a volte prende il sopravvento, che la fa delirare, che le fa vivere questi eccessi, quella che è malata.
Ama una e odia l'altra.
Odia quella che gli ha reso la vita un inferno, l'inferno in terra, quella che si scoperebbe ogni cazzo di questa mondo, che è senza limiti. Ama quella gentile e buona che quando lo guarda lo intenerisce.

Va alla porta, Omar è fuori che aspetta.

-Rientra, vai dalla signora... fallo ancora…-.

Non è un estremo gesto d’amore?


^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Certi uomini sono pazzi: sono innamorati della moglie.
(C. Bukowsky)

Tibet

Questo racconto di è stato letto 9 7 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.