La sua incredulità aumentò la nostra libidine

Scritto da , il 2018-09-23, genere saffico

Storia che risale a diversi anni fa,quando all'incirca all'età di sedici anni
io ed una mia amica decidemmo di fare Sesso tra di noi,nonostante
nella stanza fosse presente anche un nostro Compagno di Scuola,
che nel guardarci incredulo,iniziò a farsi una sega ,letteralmente ignorato
da noi,che anziché interessarci al suo Pisello all'aria ed a mitigare la
sua incredulità su quanto ci apprestavamo a fare insieme io e la mia
amica,coi suoi sguardi increduli di disapprovazione,fini' con aumentare
la nostra libidine! Avevamo iniziato per gioco,io e lei,come una sfida
al mondo maschile,decidemmo di spogliarci a vicenda noi due e di
osservare le sue reazioni,per vedere e capire se fosse riuscito a
trattenere i suoi istinti da predatore e se fosse rimasto impunemente
vestito,mentre noi due ci alleggerivamo metodicamente dei nostri capi
vestiari,fino a rimanere completamente nude davanti a lui ed al suo
sguardo inebetito! Cominciammo a metterci le mani dappertutto io e lei,
prima innocentemente tra i capelli,accarezzandoli teneramente e poi
sulle nostre reciproche zinne al vento,palpandole come se fossero
palloncini pieni d'acqua,per poi iniziare a leccarci e succhiarci reciprocamente
i capezzoli duri come chiodi! Lui intanto,tanto incredulo quanto indispettito,
sia dalla nostra sfacciataggine che dal fatto che non ce lo filavamo di pezzo,
iniziò ad accarezzarsi la patta dei pantaloni,da dove si intuiva benissimo un
chiaro risveglio dei sensi! Ma noi eravamo troppo intente a proseguire il nostro
"gioco" peraltro performato per la primissima volta,nonostante ne avessimo avuto
più di un'occasione,anche in tenerissima età,ma mai ci eravamo spinte tanto in là,
e stavolta eravamo proprio inarrestabili e sovreccitate dal fatto di "farlo" davanti
ad un Maschietto che aveva il solo compito di guardare e non toccare,al massimo
di darsi da fare da se stesso col self-service! E quindi,come detto nel titolo,la sua
incredulità aumento' la nostra libidine,oramai eravamo "partite" e scendemmo con
le nostre mani e con le nostre bocche in cerca dei nostri "frutti proibiti " giusto la'
in mezzo alle nostre cosce,prontissime a divaricarsi ed ad aprire la via ai nostri
"giochini",tanto di dita che di labbra e lingue assetate di succo vaginale! La prima
a solleticarmi e sollazzarmi il clitoride fu lei,mentre io mi contorcevo da quella
nuovissima sensazione,stimolata tanto dalle sue dita ,che dalla sua linguetta
impertinente assai,poi la fermai perché era più che giusto che ricambiassi il
"servizietto" libidinoso appena ricevuto ed andai quindi alla ricerca del suo
clitoride,che-al contrario del mio- se ne stava bello "inguattato "! Una volta
fuoriuscito allo scoperto non gli diedi più scampo,me lo ciucciai come fosse
un "piselletto" e girai leggermente di fianco lei,di modo che il nostro amichetto
vedesse benissimo come me lo stavo succhiando avidamente ed immaginasse
che stessi facendo quel "lavoretto" a lui,roteando tra l'altro la mia linguetta e
mostrandola attorcigliata a lui in modo da provocarlo sempre di più! E difatti,
anche se restò al suo posto,a debita distanza,lui non resistette più e tirò fuori
il suo davvero bel Pisello ed iniziò a masturbarsi,dapprima lentamente,ma poi
sempre più compulsivamente,tanto da chiudere gli occhi per evitare di guardare
troppo a lungo il nostro indecente spettacolo! Quindi io e lei ci stendemmo in
terra,una sopra l'altra e mimammo il movimento da "scopata", strusciandoci
ripetutamente fica contro fica,seni contro i seni dell'altra e ficcandoci tra l'altro
un dito in Culo reciprocamente,poi mentre lui era ancora ad occhi chiusi e
continuava a farsi le pippe velocemente,tanto da far presagire che "venisse"
da un momento all'altro,io e lei ci rotolammo coi nostri corpi interamente nudi
sotto di lui,giusto giusto a portata di "sparo" e difatti,con perfetto tempismo
lui sborro' sulle nostre zinne e riuscimmo a raccogliere anche un bel po' di
sperma direttamente nelle nostre bocche assetate di Sesso,senza tuttavia
mai tastargli il Pisello ,ancora perfettamente in tiro! Lui apri'finalmente gli
occhi e vedendoci così "imbrattate" e mentre ci scambiavamo il suo sperma
con le nostre impudiche lingue,ci chiese molto stupidamente ed ingenuamente
"scusa", al punto che noi due lo prendemmo in giro per la sua ancora acerba
conoscenza del mondo femminile,e gli dicemmo:" No,guarda, le Stronze siamo
state noi che ti abbiamo imposto questo supplizio del vedere senza toccare od
agire assolutamente,ma lasciandoti accarezzare da solo,in attesa entrambe di
raccogliere il"succo del nostro operato "! Ah,a proposito era gustosissimo,non
è che ne hai ancora un po' per due verginelle pudiche ed assetate?"

Questo racconto di è stato letto 4 2 7 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.