Preda di guerra 10: Una nuova amica

Scritto da , il 2018-07-26, genere dominazione

UNA NUOVA “AMICA”
Mentre il Presidente leggeva il rapporto della CIA, iniziò a scuotere la testa come faceva quando era arrabbiato. Il capo del suo staff osservava a disagio, sospettando che il Presidente fosse arrivato alla parte in cui l'informatore descriveva le percosse e gli stupri del capitano Barker da parte del generale Rashid. Sardonicamente pensò : aspetta che tu legga la parte sullo stupro di gruppo. Era chiaro che dovevano fare qualcosa per salvare la donna se non lo avessero fatto i gruppi femministi li avrebbero crocifissi. Semplicemente non sarebbe importato se avessero perso 50 uomini per salvare questo pilota donna. Dovevano fare qualcosa e farlo prima che i media ne venissero a conoscenza. Il popolo americano non li avrebbe mai perdonati se ci fosse stata una fuga di notizie e loro non avessero fatto nulla. Stava valutando tutte le opzioni quando il presidente alzò lo sguardo e disse: "Fallo".


La notte seguente il generale Rashid era di ottimo umore. I preparativi per l'attacco a Khafji stavano andando bene. Il morale era alto nel V Meccanizzato proprio come aveva pensato che sarebbe stato ed aveva anche saputo che i suoi uomini avevano catturato un'altra donna pilota americana e la stavano portando al suo quartier generale. Sembrava logico che approfittasse della sua presenza prima di mandarla a Baghdad. Dopotutto, se avesse dato a Saddam la sua vittoria, allora non ci sarebbe stato alcun problema se si fosse concesso qualche "svago" anche con lei mentre se avesse fallito era un uomo morto a prescindere da quello che le avrebbe fatto. Era la vittoria o la morte pensò, quindi vivi per il momento!

Due ore dopo, il generale Rashid stava studiando il suo nuovo giocattolo, il primo tenente dei marines Kathleen O'Connor. Aveva la giovane donna inginocchiata davanti a lui, spogliata della sua tuta da volo e con le braccia legate dietro la schiena. Una rossa minuta e lentigginosa con un fisico atletico - tutti la chiamavano col suo soprannome "Tomboy", la donna presentava un affascinante contrasto con il muscoloso Capitano Barker. La trovò attraente con i suoi seni piccoli, la corporatura snella e capelli corti e rossi. Sebbene Tomboy cercasse di mantenere un aspetto coraggioso, il generale poteva avvertire la sua paura; poteva letteralmente sentirne l'odore che emanava dal suo corpo coperto di sudore. Sarà interessante, pensò, fare accoppiare le due donne americane.
Dopo poco una Diana nuda giaceva bocconi su un cavalletto con le braccia e le gambe legate alle quattro gambe dell'attrezzo ginnico e quindi ben divaricate. Un soldato nudo stava dietro di lei con il suo cazzo eretto che solcava il suo buco del culo, di fronte a Diana, un'altra delle guardie del generale stava usando la sua bocca, tenendole i capelli le teneva la testa ferma mentre lui pompava il suo cazzo dentro e fuori dalla sua bocca aperta. Grugniti e gemiti soffocati venivano da Diana per accompagnare l'ansimante più forte delle guardie mentre usavano la donna sottomessa. Il generale trattenne i capelli di Tomboy, costringendola a guardare mentre i suoi uomini violentavano l'ufficiale dell'aeronautica. Le lacrime scorrevano sul viso di Tomboy mentre guardava con orrore. Il suo corpo era scosso dalla sua stessa paura mentre era costretta a guardare il corpo di Diana che veniva sbattuto tra i due uomini arrapati. Impotente, osservò mentre i due uomini violentavano la bocca e il culo di Diana. Voleva dire qualcosa, fermare questo orrore; ma era troppo spaventata. Una volta che i due stupratori eiacularono nella bocca e nel culo di Diana vennero altri due uomini con i cazzi enormi ed in tiro che con una certa gentilezza slegarono Diana dal cavalletto e la portarono con il culo gocciolante sperma verso un materasso che giaceva per terra, Diana restò in piedi a gambe divaricate mentre sentiva gli intestini svuotarsi ed umiliata guardò l'altra prigioniera mentre lo sperma le scendeva lungo le cosce, nel frattempo uno dei due si distendeva sul giaciglio con il cazzo ben verticale….Diana sapeva quel che doveva fare e stando di fronte all'altra pilota si mise sopra l'uomo e cominciò ad impalarsi con la fica sull'enorme cazzo venendo guidata a fare un lento ma completo su e giù, dalla punta del cazzo sino ai coglioni dell'uomo, dopo qualche minuto che Diana pompava con la figa il cazzo ad un cenno dell'altra guardia si chinò in avanti aprendosi le natiche con le mani per offrirgli il culo, come oramai aveva imparato a fare, e mentre l'uomo che le stava sotto cominciava ad impadronirsi dei suoi seni e a succhiarne i capezzoli alternativamente, l'altro, pure lui dotatissimo, iniziò ad incularla con lentezza ed in modo completo affondando il cazzo sino ai coglioni e quasi estraendolo ad ogni assalto. Diana sotto l'assalto dei due cazzi cominciò a muovere ritmicamente il bacino per favorire il loro godimento come se fosse un rapporto sessuale totalmente consensuale (e come in realtà era), ma, prima che sborrassero dentro di lei, sentì liquefarsi figa e culo e montarle l'orgasmo che in pochi minuti, nonostante cercasse in modo di respingerlo per non venire di fronte all'altra prigioniera, la sopraffece e la costrinse a gemere di piacere e ad urlare "VENGOOOO!!! GODO!!!! RIEMPITEMIII!!!” mentre i due riempivano il suo ventre di seme caldo.
Mentre guardava il Generale saggiando con dito il culo ancora vergine dell'altra prigioniera le sussurrò all'orecchio:
"Questo è quello che succederà anche a te, mio ​​piccolo marine americano, dopo che ti avrò usato per primo, certo, nessuno ti salverà! Quello che vedi non è nulla in confronto a quello che ha sopportato quella prostituta e che affronterai anche tu, non siete più guerrieri americani, ora siete puttane irachene! "


Ormai Tomboy aveva visto otto uomini usare Diana che dopo il brutale inizio sul cavalletto aveva ricevuto tre doppie penetrazioni godendo, purtroppo, ogni volta senza ritegno. La loro brutalità la terrorizzava. Peggio ancora, per la sua mente terrorizzata, era il modo sottomesso con cui Diana sembrava accettare i multipli rapporti sessuali godendo senza freni quando un minimo di delicatezza degli stupratori glielo consentiva. Tomboy conosceva e ammirava Diana Barker per la sua reputazione all'interno della ristretta comunità degli aviatori e non riusciva a capire come questi uomini l'avessero trasformata in una troia sottomessa e quasi vogliosa di cazzi. La vista di Diana che veniva usata e degradata dai suoi nemici e che non reagiva era un dolore per Tomboy. Come, si chiese, poteva resistere lei se Diana Barker non poteva?
"Basta così!", Il generale ordinò alle guardie: "Andate e vedete che nessuno mi disturbi sinché non chiamo".
Le guardie uscirono, lasciando Tomboy da sola con il Generale e Diana. Diana riprese la posizione in ginocchio con le gambe aperte ed il seno spinto in avanti in segno di sottomissione a Rashid mentre lo sperma ruscellava copioso sia dalla figa che dal suo culo dilatati e formava una pozza su pavimento. Le dimensioni dei cazzi degli iracheni e la prolungata durata delle doppie penetrazioni era tale che le labbra della figa erano ancora oscenamente divaricate a scoprire il clitoride eretto di Diana e parimenti il culo era completamente dilatato come un cerchio rosso dove si poteva intravedere la mucosa dell'intestino pieno di sperma.

Tirando Tomboy verso Diana per i capelli, il Generale spinse il suo viso vicino al culo dell'altra donna e la schernì: "Guarda attentamente il suo buco del culo, ti sembrerà simile a quello di una troia! Dai uno sguardo più da vicino! vedi lo sperma che esce ora leccala e puliscila bene puttana americana! "
Il Generale spinse la faccia di Tomboy nel sedere ricoperto di sperma di Diana mentre parlava. Tirò dolorosamente i suoi capelli corti e le gridò: "Puttana, pulisci la tua compagna dallo sperma dei miei uomini prima che io li richiami permetta a loro di averti!"
Terrorizzata Tomboy obbedì. Tirò fuori la sua piccola lingua rosa e cominciò esitante a raccoglierne il viscido seme bianco in bocca. Facendo una smorfia per il gusto amaro e salato della sborra maschile, la leccò via con cura dalla natiche di Diana deglutendola tutta. Tomboy teneva gli occhi ben chiusi mentre lei leccava, come per nascondere l'orribile realtà della situazione.
"Bene, ora metti la lingua nel suo culo e puliscila! SVELTA!"
Tomboy premette le sue labbra sul buco del culo aperto di Diana e poi allungò la lingua nell'apertura calda e disgustosa. Mentre Tomboy muoveva la lingua all'interno del buco del culo di Diana un gemito sommesso proveniva da Diana. Diana aveva cercato di non ricevere piacere dalla lingua che leccava prima il suo orifizio anale e poi le pareti dell'intestino per non trarre piacere dall'umiliazione del Marine. Ma la sensazione della lingua che si muoveva dentro il suo colon ancora sensibile stava prendendo il sopravvento tanto che TomBoy sentì presto oltre al sapore dello sperma il gusto diverso della lubrificazione anale di Diana.
La faccia di Diana arrossì quando la lingua di Tomboy si spostò verso la sua fica ancora aperta e piena di sperma, sapeva quanto fosse imbarazzante per la Marine, ma non poté fare a meno di trarre piacere e lussuria dalla stimolazione da parte della lingua di TomBoy. Per ordine del generale Tomboy continuava a leccarle la fica succhiandone via lo sperma e titillandole il clitoride fino a quando, con intenso imbarazzo di Diana anche la fica iniziò a lubrificarsi. Diana rabbrividì imbarazzata dell'eccitazione e dal tradimento del suo corpo.
Tomboy non aveva mai fatto sesso con un'altra donna; non aveva mai assaggiato le secrezioni di un'altra donna, ma immediatamente capì cosa stava avvenendo non appena le secrezioni di Diana le toccarono la lingua. Tomboy provava repulsione per il gusto di Diana com'era stato con quello dello acre sperma iracheno. Si sentiva come se l'altra donna l'avesse tradita, che Diana si stesse godendo la sua degradazione! ma costretta da Rashid continuò a succhiare e deglutire lo sperma dalla figa di Diana finché fu completamente pulita ed allora sollecitata da Rashid continuò a suggerle delicatamente il clitoride finché Diana sopraffatta dal piacere si impadronì della sua testa con le mani schiacciandola ancora di più verso la sua figa e strinse con energia le cosce, in pochi minuti venne squirtandole in faccia ed in bocca. Diana aveva ricevuto dalla delicata lingua di Tomboy e dalle sue labbra un orgasmo intensissimo ed urlava "VENGOOO!!! MIODDIOOO!!! GODOOOOO!!!! SBORROOOO!!!" mentre una fontana di secrezioni usciva dalla sua figa spruzzando come un getto di sperma sulla faccia e nella bocca di Tomboy che non poté fare altro che deglutirla.

Questo racconto di è stato letto 5 1 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.