Erotici Racconti

Le riflessioni erotiche di Sandra. Il terzo uomo.

Scritto da , il 2018-06-24, genere etero

Sono fedele ai due, o almeno cerco di esserlo...

...ricordo che in quel periodo mi capita solo una volta di prendere una sbandata, sono in treno, vado a *****, c’è un tipo che mi guarda, bello, tenebroso un certo che di …mascalzone, di delinquente, di quelli che piacciono tanto a noi donne, mi scopa con gli occhi, sento un calore al basso ventre… e non gli resisto, mi alzo e vado alla ritirata, mi segue e entra con me, mi bacia, mi strapazza le tette, mi tocca fra le gambe, mi toglie le mutandine… mi gira verso il lavabo, mi fa mettere un ginocchio sull'orlo del lavabo e mi penetra, come è grosso! Grosso e lungo, mi fa venire, mi sborra dentro e quando lo toglie tutta la sua sborra mi bagna le cosce. Si lava velocemente, si asciuga con una salvietta di carta e esce. Mi sistemo, torno allo scompartimento… non c’è più!
Squallida… la cosa, ma proprio non ho resistito!

Del terzo mi sono innamorata non per il suo aspetto, anche se è un bell'uomo, un cinquantacinquenne elegante e distinto, ma per il suo carisma, per la sua superbia intellettuale, per la sua provocazione verbale.
Professore universitario… succede che un faccio un esame con lui, va bene, poi nel corridoio mi chiede come va il corso universitario.
Bene, rispondo.
Sono interessata ad un lavoretto, a fare delle ricerche per lui? E’ per un libro che sta scrivendo. Può darmi un tot come compenso.
Accetto, anche perché penso che potrà aiutarmi nel mio corso di studi e non sbaglio.
Mi raccomanderà ai suoi colleghi e passerò molti esami alla grande.
E’ colto, interessante, prepotente, superbo, presuntuoso… e dedito a tutti gli intrallazzi!
Mi presento a casa sua, mi apre e mi accompagna nello studio. Mi dà le prime disposizioni, mettere ordine nei suoi appunti, comincio subito, lui mi si affianca e mi insegna.
La sua vicinanza… il suo profumo!
E’ un uomo che mi attrae, mi sale la temperatura e lui sembra accorgersene subito!
I giorni seguenti seguita a mostrarmi il lavoro da fare, succede a volte che le sue mani tocchino le mie e mi danno la scossa.
Prendo per lui una gran cotta, una infatuazione che si trasformerà presto in innamoramento.
Mi accoglie tutti giorni e mi accompagna nello studio, mi trattengo di solito fino alle diciannove e poi vado dal mio secondo. Qualche volta lui non c’è e lavoro da sola, ora ho la chiave.

Finalmente un giorno...!
Mi fa dei complimenti, sono molto bella mi dice… e brava! Mentre sono rivolta verso la scrivania, in piedi, mi si accosta e mi fa sentire sua verga dura, volto il viso verso di lui per farmi baciare, la sua lingua mi esplora la bocca, prepotente e avida, le sue mani sono sulle tette che strapazza violentemente, mi alza la gonna e mi palpa le natiche, infila la mano fa le cosce e strofina le sue dita sulla vagina già bagnata, sposta le mutandine e fruga nella mia intimità, trova il grilletto e lo stimola, poi penetra fondo con il medio, le mie mani, dietro la mia schiena lo stanno accarezzandolo, lui apre la cintura dei pantaloni e li fa cadere a terra, abbassa le mutande e mi da il suo pene da maneggiare, lo prendo in mano e apprezzo la sua durezza… il suo calore, la sua consistenza, che bell'articolo!
Grosso e lungo!
Mi fa chinare con il busto sul piano della scrivania, toglie le mutandine e mi passa la grossa cappella sulla vagina per bagnarla bene e poi mi penetra senza tanti complimenti. I suoi colpi mi alzano da terra quanto sono potenti, vengo, mi riempie del suo seme caldo.
Un orgasmo breve ma potente.
Non so come spiegare… perché godo così tanto con gli uomini prepotenti, del perché mi piace essere presa! Mi piacciono questi uomini che ti scopano senza tanti complimenti!
Dal quel giorno scopiamo quotidianamente, ha una sessualità abbastanza perversa… e ha trovato, guarda caso, il giocattolo giusto!
Provo piacere quando mi lega e mi prende così… senza difesa.
Godo nel lasciargli fare qualsiasi cosa desideri.
L’elenco?
E’ piuttosto lungo… a volte mi chiede di introdurmi le classiche palline e di tenerle tutto il giorno… nella vagina, e a volte nell'ano, gli piace far entrare quasi tutta la sua mano nella mia vagina dilatata… e di scoparmi infilando in vagina oltre al suo pene anche un vibratore, so che mi chiederà ben altro… e io sono a sua disposizione.

Ammetto che a volte un ménage del genere è piuttosto stressante, ma che volete, mi piacciono tutti e tre e sono complementari fra loro.
Li amo talmente tanto che non posso rinunciare a nessuno di loro!
E poi sinceramente mi piace tanto scopare e così il cazzo non mi manca mai!
Certo devo stare attenta, se mi dovesse capitare di chiamare uno con il nome di un altro!
A volte è anche una fatica accontentare tutti e tre, capita che passo la notte a casa del secondo, il mio ragazzo e scopo ancora con lui la mattina prima di uscire, il pomeriggio scopo con il terzo, poi torno a casa dal primo che è solo e scopo ancora, in queste occasioni ho la fica tutta infiammata, con le labbra tanto tumide che sembrano creste di gallo!
Il primo e il terzo sanno del secondo e pensano che sia stato scopando con lui, quest’ultimo non sa e non vede nulla, è una anima candida e non ha sospetti, è una fortuna che si fidi così ciecamente!

Effettivamente a volte è dura e bisogna essere piuttosto mignotte per far andare tutto bene.
E io penso di esserlo in tutto e per tutto, un pò mignotta... intendo!

Sandra.

Questo racconto di è stato letto 1 3 9 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.